La SIAE vuole una nuova identità?

Questo uno degli argomenti di un convegno che ha ragionato sul futuro della SIAE e sulla pirateria. Presenti solo Autorità TLC e industriali


Milano – Al convegno tenuto due giorni fa, “Il Diritto d’autore nella Società dell’informazione”, c’erano tutti: BSA, l’alleanza dei produttori di software proprietario; FPM, cioè la federazione anti-pirateria sulla musica; FAPAV, antipirateria musicale; SIAE, la società italiana degli autori e degli editori. Tutti soggetti rappresentativi dell’industria dei “contenuti”, che oggi fronteggia nuove attività di pirateria e i nuovi fenomeni internet. Ma c’era anche l’Autorità garante delle TLC.

“La SIAE – ha detto proprio Giuseppe Corasaniti, che dirige l’unità antipirateria dell’Authority – deve diventare un ente certificatore di qualità per il nostro sistema economico; e la qualità è quella fondamentale dell’originalità dell’opera. Allo stesso tempo è importante rafforzare il ruolo di garanzia e tutela dei diritti dell’Autorità – specie con riferimento a Internet e alla sicurezza on line – e la funzione di coordinamento del Comitato per la Tutela del diritto d’autore che dovrebbe svolgere con efficienza il ruolo centrale previsto dalla legge”. Secondo Corasaniti, le questioni riguardanti il diritto d’autore devono essere affrontate da Autorità e SIAE in sintonia con le rappresentanze degli operatori di comunicazione, in tutte le forme e su tutti i media in cui l’opera dell’ingegno viene tutelata dalla legge sul diritto d’autore.

“Nel settore informatico, in particolare – ha affermato Claudia Pavoletti, responsabile antipirateria della BSA – il problema del diritto d’autore non può limitarsi all’apposizione di un contrassegno sul supporto fisico, ma occorre sviluppare un controllo sui più gravi fenomeni dell’underlicensing e della contraffazione”.

“Nel corso dell’evento – si legge in una nota emessa dall’ufficio stampa della BSA – è stato affrontato il tema dell’evoluzione della normativa in tema di diritto d’autore e tutela dell’opera dell’ingegno, in un mondo in cui i moderni strumenti tecnologici (masterizzatori) e di comunicazione (Internet) rendono sempre più difficile proteggere la titolarità dell’opera da fenomeni di illecita duplicazione e sfruttamento, cui non faccia fronte la giusta remunerazione per l’autore. Tema, questo, che accomuna tanto i produttori di programmi informatici quanto gli editori musicali, quelli della carta stampata, i produttori cinematografici, di video game etc.”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Cambieremo il metodo di scaricare l'email
    Usando il una lista dei "buoni" e rifiutando a priori qualsiasi altra cosa di chiunque sia.Comunque, se il Parlamento Europeo crede di poter imporre il libero invio di quintali di LETAME a tutto il mondo, credo che ci troveremo i blocchi di IP di tutta Europa allegramente blacklistati dai server SERI del resto del mondo.Signori, godiamoci l'email cosi' come l'abbiamo, perche' non durera' a lungo.Resteranno, forse, i contatti sui newsgroup... con indirizzi usa-e-getta giornalieri.
  • Anonimo scrive:
    FINALMENTE
    Questa e' liberta' di espressione!Se uno vuole si cancella e basta!
    • Anonimo scrive:
      Re: FINALMENTE
      - Scritto da: Max
      Questa e' liberta' di espressione!Se uno
      vuole si cancella e basta!Questa e' licenza di rubare.In linea col vento politico che tira.
  • Anonimo scrive:
    Se passa, battaglia! Anzi, spam!
    Beh, non mi sembra così tragico..... Se passa questa legge basta accordarsi e iniziare un mailbombing dalle epiche dimensioni. Tra l'invio delle mail di spam e l'inviodella richiesta di rimozione dalla lista delle email da parte degliutenti passerà del tempo e sarà sufficiente per riempire i serverdi posta dei maggiori provider europei. E soprattutto le caselledi posta degli "onorevoli".Solo così capiranno la stupidata che hanno fatto votando quellalegge.
  • Anonimo scrive:
    E se si incazzano gli hackers!?!?!?
    Non ci si potra`appellare alla netiquette...No, dico, stanno veramente travalicandola misura; tra gli indirizzi spammatipotrebbe anche capitarci qualcunodiciamo, non proprio ingenuotto, qualcunoche sa come fare carne da macellodi un webserver......e va be, per i loro serverinie le loro caselline di posta prevedoRAZZI AMARISSIMIPino Silvestre
    • Anonimo scrive:
      Re: E se si incazzano gli hackers!?!?!?
      - Scritto da: Pino Silvestre
      Non ci si potra`appellare alla netiquette...
      No, dico, stanno veramente travalicando
      la misura; tra gli indirizzi spammati
      potrebbe anche capitarci qualcuno
      diciamo, non proprio ingenuotto, qualcuno
      che sa come fare carne da macello
      di un webserver....
      ..e va be, per i loro serverini
      e le loro caselline di posta prevedo
      RAZZI AMARISSIMIIo non son neanche un hackerm, ma come dicevo sotto un programma per il mailbombing lo so usare :)L'ultimo spammatore gli ho inviato 100.000 mail in cui gentilmente chiedevo di non inviare mail a chicchessia.Credi di avergli tirato giu' il server di posta per un po'...
      Pino Silvestre

      • Anonimo scrive:
        Re: E se si incazzano gli hackers!?!?!?
        - Scritto da: Caine

        Io non son neanche un hackerm, ma come
        dicevo sotto un programma per il mailbombing
        lo so usare :)

        L'ultimo spammatore gli ho inviato 100.000
        mail in cui gentilmente chiedevo di non
        inviare mail a chicchessia.
        Credi di avergli tirato giu' il server di
        posta per un po'...Credi di avere arrecato quindi un danno a quello spammer?? hai rischiato invece ke il gestore si accorgesse di tutte quelle mail e rompesse a te l'anima, moltissimi mailbomber inviano il tuo vero ip negli headers, se hai usato altri smtp ammesso ke hai bekkatto quello ke ti fa un relay senza dare il tuo ip, raro, se mi dici ho usato un proxy/socks o kissà quale shell...hai scazzato ancora xké non sei dalla parte della ragione. Io di solito procedo in modo civile, mail al gestore, al suo admin in particolare. Se non mi rispondono indietro posso provare a mandare altra mail sempre al gestore ma non direttamente all'admin, casomai ad altro responsabile non tecnico. Caso strano potrebbe tornarti indietro una mail di ringraziamento e ke stanno già provvedendo ai dovuti controlli contro tale utente. Lo spammer dopo mesi continua a mandarti mail?? altra mail tua al gestore dello spammer, con tono un po' + da severo...ti assicuro ke quasi sempre si procede alla sospensione dell'account (ke se è free, eh lo spammer potrebbe a sua volta riregistrarsi sempre lì, ma sicuramente lo farà altrove e ricomincia, ammetto ke senza leggi vere sullo spam questo diventa un circolo vizioso). Se tutto ciò non viene fatto allora per primo è il gestore a sbagliare...e si prende anke lui la sua dose di colpa.Per rispondere invece a Pino Silvestre "e se si incazzano gli hackers?!?!?" ...ti assicuro ke farebbero la stessa cosa ke ti ho detto sopra. Se attaccassero un server solo per dare addosso ad uno spammer qualsiasi non sarebbero degni di essere definiti hackers. In quanto il problema non è il gestore ma l'utente, diventa complice il gestore quando dopo nostre segnalazioni non fa niente. Ti ricordo ke ogni hackers ha e segue una propria etica, ke x lui può essere corretta x te sbagliata, ma quasi sempre tale etica ha dei presupposti di libertà, pace, rispetto dei diritti altrui, odio contro qualsiasi azione nascosta e in ombra soprattutto se è hai danni di altri. Ti assicuro ke nessun hackers, ke si può fregiare di tale appellativo, x puro divertimento attacca altri sistemi, per attacca intendo crea danno. Detto questo mi fermo qui perché tale forum non prevedeva la discussione di etica hackers.Byez
        • Anonimo scrive:
          Re: E se si incazzano gli hackers!?!?!?
          - Scritto da: Stefano
          - Scritto da: Caine

          Credi di avere arrecato quindi un danno a
          quello spammer?? Si, ho saputo che il provider si e' incazzato molto con li spammatori, e li ha chiusi, finche la gente gli mandava le mail di protesta se ne e' assolutamente fregato, quando ha cominciato ad avere casini con le macchine che gestivano la mail ha cacciato i tipi.
          hai rischiato invece ke il
          gestore si accorgesse di tutte quelle mail e
          rompesse a te l'anima, moltissimi mailbomber
          inviano il tuo vero ip negli headers, Ho detto che non sono un aker, ma non sono neanche un gaggio :)se hai
          usato altri smtp ammesso ke hai bekkatto
          quello ke ti fa un relay senza dare il tuo
          ip, raro, Basta conoscerli ;)
          se mi dici ho usato un proxy/socks
          o kissà quale shell...hai scazzato ancora
          xké non sei dalla parte della ragione. Io di
          solito procedo in modo civile, mail al
          gestore, al suo admin in particolare. Se non
          mi rispondono indietro posso provare a
          mandare altra mail sempre al gestore ma non
          direttamente all'admin, casomai ad altro
          responsabile non tecnico. Caso strano
          potrebbe tornarti indietro una mail di
          ringraziamento e ke stanno già provvedendo
          ai dovuti controlli contro tale utente. Lo
          spammer dopo mesi continua a mandarti mail??
          altra mail tua al gestore dello spammer, con
          tono un po' + da severo...ti assicuro ke
          quasi sempre si procede alla sospensione
          dell'account (ke se è free, eh lo spammer
          potrebbe a sua volta riregistrarsi sempre
          lì, ma sicuramente lo farà altrove e
          ricomincia, ammetto ke senza leggi vere
          sullo spam questo diventa un circolo
          vizioso). Se tutto ciò non viene fatto
          allora per primo è il gestore a
          sbagliare...e si prende anke lui la sua dose
          di colpa.

          Per rispondere invece a Pino Silvestre "e se
          si incazzano gli hackers?!?!?" ...ti
          assicuro ke farebbero la stessa cosa ke ti
          ho detto sopra. Se attaccassero un server
          solo per dare addosso ad uno spammer
          qualsiasi non sarebbero degni di essere
          definiti hackers. In quanto il problema non
          è il gestore ma l'utente, diventa complice
          il gestore quando dopo nostre segnalazioni
          non fa niente. Ti ricordo ke ogni hackers ha
          e segue una propria etica, ke x lui può
          essere corretta x te sbagliata, ma quasi
          sempre tale etica ha dei presupposti di
          libertà, pace, rispetto dei diritti altrui,
          odio contro qualsiasi azione nascosta e in
          ombra soprattutto se è hai danni di altri.
          Ti assicuro ke nessun hackers, ke si può
          fregiare di tale appellativo, x puro
          divertimento attacca altri sistemi, per
          attacca intendo crea danno. Detto questo mi
          fermo qui perché tale forum non prevedeva la
          discussione di etica hackers.

          Byez
        • Anonimo scrive:
          Re: E se si incazzano gli hackers!?!?!?

          Per rispondere invece a Pino Silvestre "e se
          si incazzano gli hackers?!?!?" ...ti
          assicuro ke farebbero la stessa cosa ke ti
          ho detto sopra. Se attaccassero un server
          solo per dare addosso ad uno spammer
          qualsiasi non sarebbero degni di essere
          definiti hackers. In quanto il problema non[...]gli hackers non sono un insieme compattocapeggiati da qualcuno, ne da me ne da te;credo plausibile pero' azioni di hackingmeno "scrupolose" nel caso in cui una leggepalesemente antidemocratica e pro-marketingviola la mia liberta`di avere la banda libera;il costo dello spam e`a carico dell'utente,per qualche hacker questo potrebbe esseremotivo sufficiente per sfruttare a fin di bene le conoscenze e rendereinutilizzabile un webserver...nessun software e`a prova di bug o exploit...e non e`intelligente dare motivo diinca77atura alla comunita`underground...-=[ Pin0 Si1vestre ]=-
      • Anonimo scrive:
        Re: E se si incazzano gli hackers!?!?!?
        - Scritto da: Caine
        Io non son neanche un hackerm, ma come
        dicevo sotto un programma per il mailbombing
        lo so usare :)

        L'ultimo spammatore gli ho inviato 100.000
        mail in cui gentilmente chiedevo di non
        inviare mail a chicchessia.
        Credi di avergli tirato giu' il server di
        posta per un po'...Ci tenete tanto a finire in galera?Usate il cervello: non passate dalla partedel torto.
        • Anonimo scrive:
          Re: E se si incazzano gli hackers!?!?!?
          - Scritto da: whiplash

          L'ultimo spammatore gli ho inviato 100.000

          mail in cui gentilmente chiedevo di non

          inviare mail a chicchessia.

          Credi di avergli tirato giu' il server di

          posta per un po'...
          Ci tenete tanto a finire in galera?
          Usate il cervello: non passate dalla parte
          del torto.WHIPLASH!!!!!bello trovarti anche qui!che si dice su inna?salutoniPino Silvestre (eXtreme lurker...)
  • Anonimo scrive:
    E' la fine
    Ricevo ogni giorno tonnellate di SPAM, alcune sono opt-out, altre non hanno neanche la possibilità di essere rimossi, ma tanto a cosa serve? avete mia provato a cancellarvi da una mailing opt-out? dite la verità, è mai servito a qualcosa? io ci provo sempre, ma regolarmente continuano ad assillarmi.. ma penso di essere in buona compagnia..Se la legge sul opt-out dovesse essere approvata la situazione potrebbe andare solo peggiorando.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' la fine
      Esagerato.Se uno e' corretto tu gli mandi una mail con cui gli dici basta e lui smette di mandartele.Cosi' si favorisce la comunicazione elettronica.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' la fine

        Esagerato.
        Se uno e' corretto tu gli mandi una mail con cui
        gli dici basta e lui smette di mandartele.Ah sì? Mai provato a cancellare una sottoscrizionea Buongiorno?
        Cosi' si favorisce la comunicazione elettronica.Così si favorisce la più assoluta fine del mezzo.Anche perchè chiunque smetterà di leggerequalsiasi messaggio pubblicitario (dovendooccupare il proprio tempo a cancellarsi)
        • Anonimo scrive:
          Re: E' la fine
          - Scritto da: Jojo

          Esagerato.

          Se uno e' corretto tu gli mandi una mail
          con cui

          gli dici basta e lui smette di mandartele.Nel caso poi non ti dia retti prendi un programma di mai bomb e gli mandi 100.000 mail con cui chiedi gentilmente di evitare di mandare pubblicita' non richiesta.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' la fine
            di Caine (non registrato) del 24/10/01 (11:50)- Scritto da: Jojo... per la precisione: tu commenti un messaggio non scritto da me.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' la fine
            - Scritto da: Jojo
            di Caine (non registrato) del 24/10/01
            (11:50)
            - Scritto da: Jojo
            ... per la precisione: tu commenti un
            messaggio non scritto da me.Che dire.... Mi e' scappato il cuttempaste :)
          • Anonimo scrive:
            Re: E' la fine

            Nel caso poi non ti dia retti prendi un
            programma di mai bomb e gli mandi 100.000
            mail con cui chiedi gentilmente di evitare
            di mandare pubblicita' non richiesta.se fosse cosi' facile non saremmo qui a lamentarci... non basta sapere fare del mail bombing per porre rimedio al problema.la maggior parte dello spam (quello che temiamo e contro cui nessun optout puo' funzionare) è assolutamente anonimo, nell'header del messaggio i campi From, Return-path e Reply-to non coincidono mai, in piu' si usano remailer anonimi e server in Relay.rischi solo di mandare una valanga di messaggi a vuoto.il problema e' serio, perche' la banda per scaricare posta la pago io e perche' non puo' di fatto esistere una normativa opt-out in grado di fermare gli spammer: se poi dico a un'azienda di advertising che non desidero posta non sollecitata, l'altro milione di aziende (tra cui quella che aveva acquistato il db dei contatti dalla prima e tutte quelle che fanno capo agli stessi proprietari) chi lo avverte?ma questa e' solo una delle tante obiezioni che si possono porre.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' la fine
        - Scritto da: fracanappa
        Esagerato.
        Se uno e' corretto tu gli mandi una mail con
        cui gli dici basta e lui smette di
        mandartele."corretto" e "spammer" si escludono a vicenda
        • Anonimo scrive:
          Re: E' la fine
          lo spamming non è altro che pubblicità ficcata in mezzo alle vs mail esattamente come quelle che vi vengono ficcate nella casella di posta reale, come i volantini che vi appiccicano sul parabrezza, come gli spot che vi interrompono il film, o come quelli che vi interrompono la canzone preferita alla radio.non si può evitare, finchè vorrete usare internet gratis è ovvio che in qualche modo qualcuno dovrà sopportarne i costi al posto vostro! proprio come la tv o la radio il vs divertimento o lavoro verrà interrotto, senza chiedervi nessun permesso, per sottoporvi delle proposte, non per rubarvi i soldi, e se troverete qualcosa di interessante acquisterete servizi o beni e sosterrete finalmente internet! state tranquilli che se i sistemi utilizzati dagli spammers non daranno i frutti che loro si aspettano automaticamente questi soggetti, non avendo ritorno economico, spariranno da sè.se invece lo spamming funziona significa che hanno una loro utilità, anche per i consumatori.e poi qualsiasi legge sarebbe inapplicabile! come impedire o punire gli spammers dall'estero? come provare chi è il mittente di una mail? basta il fatto che io reclamizzo telecom in una mail per accusare telecom di spamming????? per scovare il reale mittente di uno spamming è necessaria una ricerca dopo formale denuncia alle autorità, che hanno già il loro bel da fare con reati ben più gravi di avervi costretto a premere il tasto [canc].
          • Anonimo scrive:
            Re: E' la fine


            non si può evitare, finchè vorrete usare internet gratis Infatti, io non uso internet gratis, eppure gli spammer mi rompono le palle lo stesso. Che c sia qualcosa che non quadra nel tuo discorso??
          • Anonimo scrive:
            Re: E' la fine
            Saresti la prima persona che conosco che paga per avere un servizio email... in quanto credo che sia una casella di posta che ti ritrovi piena di spamming... tu paghi per averla, per usarla, per mandare messaggi? forse intendevi dire che paghi la linea telefonica, ma ti assicuro che la telecom non rigira i soldi ai gestori dei siti internet.Io non sono certo uno spammer, ma bisogna affrontare i problemi in maniera realistica: non credo che esisteranno mai programmi in grado di capire al posto nostro se una mail è o no uno spam, perciò ci toccherà leggerne almeno il soggetto o il mittente prima di cestinarlo, non vedo soluzioni percorribili legalmente, purtroppo.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' la fine
            - Scritto da: Diego
            lo spamming non è altro che pubblicità
            ficcata in mezzo alle vs mail esattamente
            come quelle che vi vengono ficcate nella
            casella di posta reale, come i volantini che
            vi appiccicano sul parabrezza, come gli spot
            che vi interrompono il film, o come quelli
            che vi interrompono la canzone preferita
            alla radio.Paragone a capocchia ... Gli spot sono inseriti da chi gestisce la programmazione e quindi ti offre un servizio altrimenti gratis (o a pagamento: vedasi la RAI...). Lo spamming NON e' fatto da chi gestisce i servizi internet.E' vero che la posta indesiderata la si puo' trovare anche nella buca delle lettere, ma c'e' una sostanziale differenza: il volantino viene pagato da chi lo manda, mentre lo spamming viene sostanzialmente pagato da tutti quelli che devono gestirne il transito. Compreso l'utente finale.
            non si può evitare, finchè vorrete usare
            internet gratis è ovvio che in qualche modo
            qualcuno dovrà sopportarne i costi al posto
            vostro! ......Vediamo cosa e' gratis:La connessione fisica ? La paghi.L'accesso alla rete ? Lo paghi. Magari sotto forma di percentuale sul costo telefonico ma lo paghi.I servizi commerciali ? Per definizione li paghi (direttamente).I siti aziendali ? Sono la vetrina di chi li pubblica .... e' una sorta di pubblicita'.I siti istituzionali ? Li paghi sotto forma di tasse.I siti amatoriali ? Sono gratis. Ma sopravvivono benissimo senza spamming.I siti di servizi gratuiti ? Vivono di pubblicita', ma generalmente non fanno spamming.Allora ribadisco: a cosa serve lo spamming ?
            .....proprio come la tv o la radio il vs
            divertimento o lavoro verrà interrotto,
            senza chiedervi nessun permesso, per
            sottoporvi delle proposte, non per rubarvi i
            soldi, e se troverete qualcosa di
            interessante acquisterete servizi o beni e
            sosterrete finalmente internet! state
            tranquilli che se i sistemi utilizzati dagli
            spammers non daranno i frutti che loro si
            aspettano automaticamente questi soggetti,
            non avendo ritorno economico, spariranno da
            sè.Se io voglio qualcosa da internet me lo vado a cercare. Non aspetto lo spamming. Non capire questo vuol dire non avere capito una cippa di internet.In ogni caso io posso capire la pubblicita', anche rompiscatole (tipo banner, popup, ecc) di chi mi offre un servizio mentre me lo sta offrendo (e non dopo: tu mica vieni fermato in mezzo alla strada da un tizio che ti fa vedere uno spot pubblicitario perche' la sera prima hai visto un film su Canale 5 !!!!), ma non lo spamming da chi non mi offre un bel niente !!!
            se invece lo spamming funziona significa che
            hanno una loro utilità, anche per i
            consumatori.Lo spamming per definizione funziona per 1 e rompe per 99999. Solo che a chi lo fa costa praticamente nulla.
            e poi qualsiasi legge sarebbe inapplicabile!
            come impedire o punire gli spammers
            dall'estero? come provare chi è il mittente
            di una mail? basta il fatto che io
            reclamizzo telecom in una mail per accusare
            telecom di spamming????? per scovare il
            reale mittente di uno spamming è necessaria
            una ricerca dopo formale denuncia alle
            autorità, che hanno già il loro bel da fare
            con reati ben più gravi di avervi costretto
            a premere il tasto [canc].Guarda che anche chi offre seriamente servizi ne ha piene le palle dello spamming e potrebbe tranquillamente bloccarlo. Solo che gli spammatori si rivolgono poi ad un avvocato per riappropriarsi del loro diritto a rompere i coglioni (e' gia' capitato...). Ricordati poi che su internet chiunque e' rintracciabile.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' la fine

            lo spamming non è altro che pubblicità
            ficcata in mezzo alle vs mail esattamente
            come quelle che vi vengono ficcate nella
            casella di posta reale, come i volantini che
            vi appiccicano sul parabrezza, come gli spot
            che vi interrompono il film, o come quelli
            che vi interrompono la canzone preferita
            alla radio.Paragone a capocchia ... Gli spot sono inseriti da chi gestisce la programmazione e quindi ti offre un servizio altrimenti gratis (o a pagamento: vedasi la RAI...). Lo spamming NON e' fatto da chi gestisce i servizi internet.NO E' FATTO DAL SALUMIERE SOTTO CASA.E' vero che la posta indesiderata la si puo' trovare anche nella buca delle lettere, ma c'e' una sostanziale differenza: il volantino viene pagato da chi lo manda, mentre lo spamming viene sostanzialmente pagato da tutti quelli che devono gestirne il transito. Compreso l'utente finale.PENSI CHE SIA GRATIS FARE SPAMMING? PENSI CHE LO POSSA FARE TU DAL TUO PC DI CASA METTENDO 100.000 INDIRIZZI NEL CAMPO CC? PROVA.NON CREDERE CHE SIA GRATIS, CERTO COSTA POCO, ED E' QUESTO IL PROBLEMA.CHI NE GESTISCE IL TRAFFICO E' LA TELECOM, CHE HA SEMPRE INTERESSE A LASCIARTI ATTACCATO ALLA LINEA QUALCHE SECONDO IN PIU', CHE INFATTI PURTROPPO PAGHI TU, COME PAGHI PER LA PULIZIA DELLE STRADE E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI (TRA I QUALI I VOLANTINI) COME PAGHI LA CORRENTE ELETTRICA IN PIU' PER TUTTI I MINUTI DI PUBBLICITA' CHE FANNO DURARE UN FILM 2 ORE ANZICHE' 90 MIN.
            non si può evitare, finchè vorrete usare
            internet gratis è ovvio che in qualche modo
            qualcuno dovrà sopportarne i costi al posto
            vostro! ......Vediamo cosa e' gratis:La connessione fisica ? La paghi.PROVA A CHIAMARE DIRETTAMENTE I SERVIZI NEGLI STATI UNITI, ANZICHE' FARE UNA TELEFONA URBANA E POI DIMMI QUANTO DOVRESTI PAGARE PER LA CONNESSIONE FISICA.L'accesso alla rete ? Lo paghi. Magari sotto forma di percentuale sul costo telefonico ma lo paghi.GLI ABBONAMENTI NON SI PAGANO PIU' DA UN PEZZO, E PER QUANTO RIGUARDA IL COSTO TELEFONICO VALE IL DISCORSO DI PRIMA, SE TU VOLESSI CONSULTARE UN SERVER SITUATO A NEW YORK. NON E' MICA UN DIRITTO ACQUISITO POTERLO FARE, E' UNA NOVITA' VENUTA CON INTERNET, LIBERO DI NON USARLA.I servizi commerciali ? Per definizione li paghi (direttamente).SONO GLI UNICI CHE FANNO SPAMMING.SONO GLI UNICI CHE METTONO BANNER.SONO GLI UNICI CHE QUINDI DANNO SOLDI AL PORTALE O AL SITO CHE USI PER IL TUO DIVERTIMENTO, IN SOSTANZA.DA QUALCHE PARTE I SOLDI DEVONO ARRIVARE NO? E DATO CHE NON E' LA TELECOM A DISTRIBUIRLI, ALLA FINE DELLA CATENA C'E' SEMPRE UN SITO COMMERCIALE.I siti aziendali ? Sono la vetrina di chi li pubblica .... e' una sorta di pubblicita'.QUINDI SONO GRATIS ALMENO QUELLI...I siti istituzionali ? Li paghi sotto forma di tasse.DATO CHE PAGAVI LE STESSE TASSE PRIMA, IN REALTA' SONO UN SERVIZIO IN PIU' GRATIS.I siti amatoriali ? Sono gratis. Ma sopravvivono benissimo senza spamming.NON CREDERAI CHE SIANO I SITI AMATORIALI (GRATIS) A PAGARE I COSTI DI INTERNET VERO?I siti di servizi gratuiti ? Vivono di pubblicita', ma generalmente non fanno spamming.NON FANNO SPAMMING, MA HANNO I BANNER.PENSI CHE NON SIANO INVASIVI, CHE NON OCCUPINO BANDA, CHE NON OCCUPINO SPAZIO SUI SERVER? MAH...Allora ribadisco: a cosa serve lo spamming?COMUNQUE NON SONO STATO CHIARO IO: COME SEI TU LIBERO DI ESSERE CLIENTE DI UN'AZIENDA CHE STA DALL'ALTRA PARTE DEL MONDO, DEVI PENSARE DI POTER CONSIDERATO UN POTENZIALE CLIENTE DA CHIUNQUE, PURTROPPO.
            .....proprio come la tv o la radio il vs
            divertimento o lavoro verrà interrotto,
            senza chiedervi nessun permesso, per
            sottoporvi delle proposte, non per rubarvi i
            soldi, e se troverete qualcosa di
            interessante acquisterete servizi o beni e
            sosterrete finalmente internet! state
            tranquilli che se i sistemi utilizzati dagli
            spammers non daranno i frutti che loro si
            aspettano automaticamente questi soggetti,
            non avendo ritorno economico, spariranno da
            sè.Se io voglio qualcosa da internet me lo vado a cercare. Non aspetto lo spamming. Non capire questo vuol dire non avere capito una cippa di internet.ALLORA GLI SPAMMERS SPARIREBBERO, NO?VUOL DIRE CHE FORSE UN RITORNO ECONOMICO CE L'HANNO...In ogni caso io posso capire la pubblicita', anche rompiscatole (tipo banner, popup, ecc) di chi mi offre un servizio mentre me lo sta offrendo (e non dopo: tu mica vieni fermato in mezzo alla strada da un tizio che ti fa vedere uno spot pubblicitario perche' la sera prima hai visto un film su Canale 5 !!!!)NON TI E' MAI ARRIVATO NIENTE NELLA CASELLA DI POSTA REALE?, ma non lo spamming da chi non mi offre un bel niente !!!SONO D'ACCORDO CON TE, MA ANCHE SE NON LO CAPISCI NON CI PUOI FARE NULLA, E' QUESTA LA MIA OPINIONE.
            se invece lo spamming funziona significa che
            hanno una loro utilità, anche per i
            consumatori.Lo spamming per definizione funziona per 1 e rompe per 99999. Solo che a chi lo fa costa praticamente nulla.QUINDI FUNZIONA O NON CAPISCONO UNA CIPPA DI INTERNET?LA TECNOLOGIA SERVE PURTROPPO SIA A NOI CONSUMATORI CHE ALLE AZIENDE, NON SI PUO' PRETENDERE CHE LA SFRUTTIAMO SOLO NOI...
            e poi qualsiasi legge sarebbe inapplicabile!
            come impedire o punire gli spammers
            dall'estero? come provare chi è il mittente
            di una mail? basta il fatto che io
            reclamizzo telecom in una mail per accusare
            telecom di spamming????? per scovare il
            reale mittente di uno spamming è necessaria
            una ricerca dopo formale denuncia alle
            autorità, che hanno già il loro bel da fare
            con reati ben più gravi di avervi costretto
            a premere il tasto [canc].Guarda che anche chi offre seriamente servizi ne ha piene le palle dello spamming e potrebbe tranquillamente bloccarlo. Solo che gli spammatori si rivolgono poi ad un avvocato per riappropriarsi del loro diritto a rompere i coglioni (e' gia' capitato...). Ricordati poi che su internet chiunque e' rintracciabile.CERTO, MA NON PER REATI (AMMESSO CHE LO SIANO) COSI' LIEVI... DATO CHE NON E' SEMPLICE SUPERARE I CONFINI DI DIVERSE NAZIONI CON LE LORO LEGISLAZIONI PER RICORRERE UNA MAIL NON OFFENSIVA, MA SEMPLICEMENTE NON RICHIESTA.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' la fine
            - Scritto da: Diego
            lo spamming non è altro che pubblicità
            ficcata in mezzo alle vs mail esattamente
            come quelle che vi vengono ficcate nella
            casella di posta reale,No, cari ladri di banda: lo spam non e' affattoparagonabile ad un volantinaggio.Quando mando una mail di spam con 10000 personein cc, io sto connesso tre secondi, ma carico dilavoro i server smtp.Siete talmente ignoranti da ignorarlo?
            non si può evitare,Stai ben certo che si puo' evitare.
            finchè vorrete usare
            internet gratisGratis un cazzo: io pago.E certamente chi fornisce connettivita' non paga te, spammer, per avere un ritorno.
            è ovvio che in qualche modo
            qualcuno dovrà sopportarne i costi al posto
            vostro!Chi spamma non sostiene alcun costo, ma caricagli altri di costi.[cut su deliri degni di un mlm-minded]Qunado ho bisogno di qualcosa, me la cerco.
            se invece lo spamming funziona significa che
            hanno una loro utilità, anche per i
            consumatori.Nessuna, assolutamente nessuna.
            e poi qualsiasi legge sarebbe inapplicabile!
            come impedire o punire gli spammers
            dall'estero?Si puo'.
            come provare chi è il mittente
            di una mail?Si puo'.
            basta il fatto che io
            reclamizzo telecom in una mail per accusare
            telecom di spamming?????Ci sono i mezzi per dedurlo.
            per scovare il
            reale mittente di uno spamming è necessaria
            una ricerca dopo formale denuncia alle
            autorità, che hanno già il loro bel da fare
            con reati ben più gravi di avervi costretto
            a premere il tasto [canc].Ed avermi costretto a scaricare ed aver costretto vari server a veicolare l'immondizia non ce lo metti, eh?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' la fine
            Nulla di più sbagliato se vuoi equiparare lo spam alla realtà dei volantini, ecc....PENSI CHE SE UNO STUDENTELLO AVESSE IL POTERE DI FOTOCOPIARE 100.000 VOLANTINI CHE DA SOLI VANNO A INFILARSI IN 100.000 CASELLE REALI DI POSTA NEL GIRO DI UN SECONDO ESITEREBBE A FARLO PERCHE' "IL VOLANTINAGGIO NON E' SPAMMING!"??? E' LA STESSA COSA, CAMBIANO SOLO LE DIMENSIONI, DOVUTE ALLE TECNOLOGIE, MA NON SOLO: LA GLOBALIZZAZIONE DEI SERVIZI CHE TI PERMETTE DI COMPRARE LIBRI DAGLI STATI UNITI TI RENDE ANCHE UN POTENZIALE CLIENTE PER TUTTE LE SOCIETA' DI SERVIZI DEL MONDO; IN PRATICA E' COME SE TUTTI QUELLI CHE USANO IL VOLANTINAGGIO POTESSERO FARLO INDIPENDENTEMENTE DALLA ZONA GEOGRAFICA: TI TROVERESTI IL PARABREZZO COLMO DEI VOLANTINI DI TUTTE LE MINI-FINANZIARIE D'ITALIA.QUINDI NON DICO CHE SIA LA STESSA COSA, MA GLI SCOPI E I METODI SONO IDENTICI, CAMBIA SOLO IL MEZZO, MA SE VOLESSIMO PUNIRE GLI SPAMMERS DOVREMMO PUNIRE ANCHE IL RAGAZZINO CHE OSA INFILARE LA MANO NELLA NS CASELLA O SUL NS PARABREZZA, NON FA NULLA DI MENO.allora ti ritroveresti la tua buketta di casa con 100 lettere e volantini pub inutili e il resto delle lettere (bollette, banca, cartoline di amici, ecc) x terra perché non c'è + posto nella tua buketta. PURTROPPO IL FATTO CHE LA POSTA ELETTRONICA VENGA RESPINTA DAI PROVIDER QUANDO LA MAIL E' ECCESSIVAMENTE PIENA E' IN REALTA' UN REATO COMMESSO DAI PROVIDER STESSI, IN QUANTO, SECONDO LA COSTITUIZIONE, NESSUNO PUO' PERMETTERSI DI INTERROMPERE LA POSTA PRIVATA DI UN CITTADINO: QUINDI NON E' REATO APRIRLA, MA ANCHE SOLO RESPINGERLA SENZA AVVERTIRTI. MA QUESTO NESSUNO LO DICE, STRANAMENTE...Personalmente in real ricevo vari volantini ma mai + di due, e cmq non sono mai invasivi. Lo spam è invasivo, e crea anke caos, ti crea caos in quanto se non hai filtri settati a dovere nel tuo mailer non riesci a capire quali siano le mail di amici o clienti da quelle spam, e crea anke un aumento del tempo di download di tali mail, che si ripercuote a livello economico a tuo carico come 5min in + di tempo ke potresti risparmiarti in bolletta telefonica.GRAZIE TANTE, QUANTO PENSI CHE COSTI ALLA SOCIETA' LO SMALTIMENTO DEI VOLANTINI (CESTINATURA O LAVAGGIO DELLE STRADE
            RACCOLTA
            DIFFERENZIAZIONE/DISTRUZIONE
            RICICLAGGIO)CERTAMENTE MENO CHE I NS 5 MIN SONO D'ACCORDO, MA PROPRIO PERCHE' QUEI SOLDI FINISCONO ALLA TELECOM NESSUNO HA VERAMENTE INTERESSE A PUNIRE GLI SPAMMERS. PURTROPPO. Ora potrai anche dire che sono un esagerato e ke 5 o 10 min per spam non si spreca, secondo me si, tieni conto ke in giro vi sono parekkie spam mail che sono addirittura in formato html, quindi ankora + pesanti di banale testo in ascii.Lo spam crea anke un danno a livello di rete internet, generando traffico inutile quando già ve ne anke troppo in alcune dorsali x altro con capacità ridotte, quindi se ora mi dici ke dobbiamo potenziare tali dorsali per favorire lo spam, uhmmm deve essere un grande guadagno dietro una manovra del genere.IO NON HO MAI DETTO UNA CAZZATA SIMILE.I POTENZIAMENTI DELLE RETI VENGONO DECISI DA TE, QUANDO SCEGLI UN PROVIDER PIU' VELOCE PIUTTOSTO CHE UN ALTRO, QUINDI SE GLI SPAMMERS AUMENTANO, PURTROPPO CONTRIBUISCONO A GENERARE ENORME TRAFFICO CHE QUALCUNO DOVRA' GESTIRE. PROPRIO A QUESTO MI RIFERISCO QUANDO DICO CHE USIAMO GRATIS SERVIZI DI COMUNICAZIONE CHE COPRONO IL GLOBO: SE LO PUOI USARE TU LO PUO' USARE ANCHE CHI VUOLE FARE AFFARI, BISOGNA ACCETTARLO.Secondo crea problemi anke hai provider i quali farebbero volentieri a meno di ricevere dati non richiesti dai loro utenti, i quali dati inutili vanno poi ad occupare spazio su hdd di questi provider. Ora non penso ke ci sia nessun provider al mondo che voglia comprare nuovi hdd da mettere poi in raid solo x sta spazzatura digitale.PUOI ANCHE NON PENSARLO MA E' COSI' GIA' ORA.Gli spot in tv dilagano anche troppo, soprattutto se la carissima rai me li appioppa anche dopo ke io ho pagato un canone..posso capire quelli di mediaset, anke se anke loro ne fanno davvero tanti durante un solo film. Infine nessuna Radio interrompe canzoni per spot pub, di solito li fanno tra una canzone è l'altra, al max si intromette lo speaker durante la canzone ma raro, di solito solo all'inizio o alla fine di questa.ALMENO CON LA MAIL DECIDI TU QUANDO APRIRE O ADDIRITTURA CANCELLARE LA PUBBLICITA' NO?SUL FATTO CHE LO SPAMMING TI SATURI LA MAIL VALE IL DISCORSO DI PRIMA, CHI NON RISPETTA LE LEGGI SONO IN PRIMIS I PROVIDER.
            non si può evitare, finchè vorrete usare
            internet gratis è ovvio che in qualche modo
            qualcuno dovrà sopportarne i costi al posto
            vostro! proprio come la tv o la radio il vs
            divertimento o lavoro verrà interrotto,
            senza chiedervi nessun permesso, per
            sottoporvi delle proposte, non per rubarvi i
            soldi, e se troverete qualcosa di
            interessante acquisterete servizi o beni e
            sosterrete finalmente internet! ehm scusa stai facendo confusione tra pubblicità e spam, se la prima serve x sopperire costi attraverso sponsor ecc...ok...ma la seconda torno a ripeterti ke è invasiva....PER ME E' PIU' INVASIVO LO SPOT CHE TI APPARE DI COLPO MENTRE VEDI LA PARTITA PIUTTOSTO CHE UNA RIGA IN PIU' NELLA TUA CASELLA CHE PUOI FAR SPARIRE QUANDO VUOI CON UN CANC.se facessero della pub subliminale per un servizio gratuito in tv, tu ke diresti?? ah si me la guardo xké loro sono stati così gentili da offrirmi un servizio gratis.SE IL SERVIZIO NE VALE LA PENA GUARDO LO SPOT, ALTRIMENTI NO.
            state
            tranquilli che se i sistemi utilizzati dagli
            spammers non daranno i frutti che loro si
            aspettano automaticamente questi soggetti,
            non avendo ritorno economico, spariranno da
            sè.Forse hai ragione, forse no, secondo alcune aziende us ke fanno pratiche spam i loro introiti sono alle stelle, forse dipenderà anche dal tipo di campione scelto, ritengo ke il mercato us, europeo ed anche asiatico abbiano modi di comportarsi molto differenti, proprio dettati dal tipo di bacino di utenza. In Europa le pratiche spam danno parekkio fastidio e non hanno portato mai a nulla. Le aziende qua ke cercano di imitare tale modello a mio avviso capiscono poco di kome funzioni il mercato economico. Non siamo tutti cloni, abbiamo nostre tradizioni, modi di pensarla diversamente, ed un azienda non può certo sperare di saltare da un mercato all'altro usando poi gli stessi metodi induttivi....perde già in partenza, in quanto le analisi di settore si fanno proprio x questo motivo. Ma vallo te a spiegare a chi fa spam!! QUANDO CHI FA SPAM NON GUADAGNA, STAI CERTO CHE LA PIANTA, NON CREDERE CHE SIA GRATIS MANDARE MIGLIAIA DI MAIL.SE INVECE GUADAGNA VUOL DIRE CHE HA FATTO BENE A FARSI PUBBLICITA', PERCHE' IN FONDO A QUALCUNO, INTELLIGENTE O MENO, QUEL BENE/SERVIZIO E' PIACIUTO E LO HA ACQUISTATO.
            se invece lo spamming funziona significa che
            hanno una loro utilità, anche per i
            consumatori.Nessuna utilità, in us hanno fortuna xké la gente è abituata là a farsi parekkio
      • Anonimo scrive:
        Re: E' la fine
        - Scritto da: fracanappa
        Esagerato.
        Se uno e' corretto tu gli mandi una mail con
        cui gli dici basta e lui smette di
        mandartele.
        Cosi' si favorisce la comunicazione
        elettronica.ti assicuro ke se tu fai quello ke hai detto non solo ti arriva la stessa mail di spam, ma anzi te ne arrivano altre 2 nuove ogni volta, perché hai dato conferma allo spammer ke la tua mail è attiva. Personalmente ho ricevuto spam xsino da aziende italiane, x vendita di pezzi hardware di solito. Le quali erano hosting a pagamento con noti provider che offrono free internet, e questi sono stati ben felici di essere avvisati di pratica di spamming, nessun provider piccolo o grande sarebbe felice che il proprio nome venga associato ad una qualsiasi società che adotti di queste pratiche. Infatti queste aziende italiano sono state "cortesemente" allontanate verso altri lidi, ma non certo xké io gli abbia mandato a loro una mail dicendogli di smettere lo spam (ricevevo due mail a giorno da queste aziende per altro mai conosciute, ignote al massimo che poi ho scoperto che si appoggiavano in franchising con un grossa società in Germania ke non sapeva nulla di queste pratiche adottate dalle filiali italiane), in quanto un amico che riceveva le stesse mail lo ha fatto, per altro in modo molto aspro, conclusione gli arrivata via mail un listino completo di tutti i pezzi ke vendevano, per altro molto pesante da scaricare.Quindi ti ripeto non ha senso rispondergli indietro in modo cortese o scortese, in quanto gli scortesi sono loro, tu puoi essere una persona educata civilmente verso buoni propositi quanto vuoi, ma se l'interlocutore dall'altra parte è maleducato e non ti vuole stare a sentire non lo farà mai.Visto ke siamo in tema spam, vorrei anke segnalare le tonnellate di spam ke arrivano SOLO su mailbox di hotmail, ho fatto un esperimento molto interessante, attivare un account su hotmail e non darlo a nessuno, ne tanto meno pub in siti o ng vari, disattivando persino ogni forma di news offerta dalla stessa ms hotmail. Conclusioni quella mail è sommersa da 10 spam mail a giorno da me non richiesto e che non so neanke da dove salti fuori!! quindi o ms la sa lunga su sto fatto oppure c'è qualkosa ke non mi torna. Ho altre mail free in giro, x altro ke uso e publico, ricevo anke lì dello spam, ma mai hai livelli di hotmail.Reputo la scelta dell'opt-out inutile, e mi chiedo se chi l'ha scelta non sia dalla parte di chi attua questa forma di "pubblicità mirata" (kome loro la chiamano) ma ke non è tale, in quanto se è mirata la devo autorizzare io, ed invece io non ho autorizzato nulla.Qualkuno ora potrebbe kome so già dirmi, ma tu usufruisci di servizi gratis, quindi devi accettare un compromesso nessuno fa niente gratis, io rispondo è vero, ma sono disposto ad accettare il compromesso purché mi venga messo scritto in chiaro bello visibile prima ke io mi registri a tale servizio.Byez
Chiudi i commenti