La vita attaccata ad un filo

di Tommaso Lombardi - Tecnologie assistive: miracoli laici del nuovo millennio. Storie di protocibernetica pratica ed uguaglianza, nel mondo della società delle reti


Roma – Elliot ha dodici anni. Molti bambini, durante questo felice frammento di vita, conducono un’esistenza spensierata e libera da costrizioni d’ogni genere, slegata dalle forme più adulte di responsabilizzazione. La vita di Elliot, nonostante la tenera età, orbita tutta attorno ad una macchina . No, non è ancora costretto alla snervante routine di chi, quotidianamente, raggiunge il posto di lavoro grazie ad un’automobile (ovvero un qualsiasi altro mezzo di trasporto): Elliot vive ed interagisce soltanto grazie ad un computer . Parla con gli insegnanti, coi genitori, con gli amici, solo attraverso una tastiera. Cresce, si istruisce e costruisce al di là di un monitor.

Il giovane inglese, che trascorre la sua giovinezza nella città portuale di Plymouth, soffre di autismo . Un male radicato nelle profondità della psiche, una silenziosa cortina invisibile che fa precipitare nell’inabilità: impossibilità comunicativa, al giorno d’oggi, significa sparire dal panorama sociale. Se la fisica e la biologia ci suggeriscono che l’assenza di movimento equivale alla morte, al nulla, la sociologia può insegnarci che l’incapacità di comunicare è la fine di ogni possibile relazione sociale. Niente di più vero nella società delle reti che caratterizza il nostro millennio digitale. Chi non dispone degli stessi mezzi che permettono l’accesso ad una società altamente competitiva, con le proprie dinamiche economiche e culturali, è sfortunatamente (ed automaticamente) tagliato fuori.

Negli anni sessanta, il sociologo Marshal McLuhan (inventore della nota espressione “villaggio globale”) sostenne che ” i circuiti elettrici sono l’estensione del sistema nervoso centrale “. Questa ipotesi è adesso realtà, poichè le attuali conoscenze tecnologiche, con finanziamenti adeguati ed un forte supporto pubblico, sono tecnicamente in grado di sconfiggere l’inabilità . I tempi stanno cambiando ed i progressi della cibernetica fanno presagire uno scenario distopico, in cui l’individuo “tecnologicamente potenziato” è teoricamente in grado di sfidare la natura ed il fato. Il cosiddetto cyborg , moderno Icaro, è immerso in una condizione umana priva di differenziazioni biologiche. Questo significa che, effettivamente, ogni qual volta ci interfacciamo ad un computer, la nostra identità biologica decade per mutarsi in una spersonalizzata identità digitale. Un’identità che, nonostante ovvie limitazioni, è in grado di assolvere numerose funzioni solitamente negate a chiunque sia confinato all’interno di un corpo menomato. Dalla lettura vocale, tramite sintesi, di un gustoso libro di narrativa, fino all’autosufficienza domestica.

Attraverso le più moderne tecnologie informatiche assistive , i miracoli sono oltremodo a portata di mouse : quella branca della scienza informatica che si occupa del cosiddetto ” social software ” sta infatti progredendo in maniera incredibile. Talvolta riesce davvero a sanare la terribile frattura voluta dal caso, che vuole due gruppi ben distinti di individui: “abili” ed “inabili”, relativi semplicemente a pratiche sociali diffuse e non al valore umano del singolo. Sciolti dai vincoli del corpo, tutti gli uomini diventano finalmente uguali. Teorie formulate, già da tempo, dalle psicologhe Sandy Stone e Sherry Turkle. L’informatica appare così come la via più breve per raggiungere l’equità sociale.

Vivere attraverso un computer non è fantascientifico: Elliot, il ragazzo inglese che vive appeso al filo del computer, è stato recentemente derubato del suo prezioso pc (un oggetto dal valore di 1800 sterline). Adesso non è più in grado di vivere normalmente. Questo a dimostrazione che, nella tutela sociale, un computer può davvero fare la differenza: autonomia , maggiore libertà e diritto alla costruzione personale .

Nonostante in Italia vi sia una diffusa mancanza di adeguati supporti per coloro che vivono gravi situazioni di handicap mentale o fisico, molto è stato fatto grazie alla promozione dell’assistenza sociale volontaria. Adesso, dopo l’approvazione di una Legge Stanca ancora in attesa di attuazione, serve un passo ulteriore, costoso ma importante: tra i diritti dell’inabile deve rientrare anche l’agevole disponibilità di sistemi informatici ad hoc . Stephen Hawking, genio della fisica e della matematica, non sarebbe ciò che è senza l’aiuto della cibernetica.

Resta da chiedersi quanti altri talenti, sventuratamente debilitati, sono costretti all’anonimato per via di limiti biologici. Probabilmente, con il giusto aiuto tecnologico, potrebbero finalmente condurre una vita normale e, vieppiù, contribuire definitivamente al progresso universale.

Tommaso Lombardi

dello stesso autore:
DMCA 1 – Fair Use 0
Il WTO non teme le teocrazie
Razzismo sul web, tolleranza zero

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    mi sembra un'iniziativa ganzissima
    al prossimo concerto ,cioè il 6 agosto a perignano (PI)(qualcuno viene?)me lo compro di sicuro!
  • Akiro scrive:
    Re: ma buongiorno
    dei grandi!(linux)
  • Anonimo scrive:
    ZWAN prima di Elio
    Anche gli ZWAN di Billy Corgan permettevano di attaccarsi liberamente al mixer e registrare, e tutto cio' che si registrava al concerto era liberamente distribuibile, copiabile e condivisibile su internet!Sul loro sito internet c'era un disclosure che autorizzava questa liberta' sul materiale registrato ai concerti.michele.
  • matteo.moro scrive:
    Re: Bollino siae


    [...] rinunci a qualsiasi tipo di diritto su di essa
    (in pratica, la stessa cosa che vale per i programmi
    rilasciati su CD con licenza BSD, GPL etc...).
    GPL e BSD sono ben diverse, e rilasciando sotto GPL non si rinuncia a nessun diritto.ciao.TeO: -)==================================Modificato dall'autore il 06/07/2004 18.56.38
  • Anonimo scrive:
    Re: Le "storie tese" lo possono fare
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Solo un gruppo come Elio e le storie
    tese

    che praticamente non sbaglia mai dal
    vivo

    può permettersi di saltare la

    postproduzione di un live!

    E allora?
    Per chi non e' capace di suonare dal vivo,
    ci sono tanti bei campi di patate in
    campagna che chiedono di essere zappati.TOTALMENTE daccordo.
  • Joker0 scrive:
    Re: BRAVO ELIO MA... (By DoubleGJ)

    secondo me sbaglia nello stamapre solo 400
    copie questo sistema è il futuro.E' uno sbaglio intenzionale, se facesse così con tutti i dischi guadagnerebbe molto meno. Inoltre si fa dell'ottima pubblicità gratis:"Meeenghia, hai visto Elio ? Loro sì che sono avanti!" E via discorrendo ....==================================Modificato dall'autore il 06/07/2004 16.19.06==================================Modificato dall'autore il 06/07/2004 16.19.17
    • Anonimo scrive:
      Re: BRAVO ELIO MA... (By DoubleGJ)
      sta idea è bellizzimasolo che è un cd masterizzato, subentrano tutte le problematiche qualitative (vere o presunte tali) legate ai cd masterizzati e non stampati
  • Anonimo scrive:
    Re: Bollino siae
    Risponde il servizio automatico "risposte per tutti" della SIAE:http://www.siae.it/utilizzaopere.aspCordiali saluti(Giggi; non ho copiato il contenuto della pagina perche' ho paura che mi facciano causa per uso illegale di informazione coperta da copyright ;) )
  • Anonimo scrive:
    Re: Le "storie tese" lo possono fare
    - Scritto da: Anonimo
    Se non sei capace di suonare dal vivo, vai a
    zappare.Frank Zappa avrebbe qualcosa da ridire....Giggi
  • Africano scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: avvelenato

    come si può fare dell'arte un

    prodotto esclusivo, a tiratura limitata,

    Beh, a prescindere dal fatto che posso
    essere d'accordo sul fatto che la tiratura
    doverbbe essere maggiore (ma la cosa
    riguarda solo il gruppo ed il loro
    management, perchè avere 2000 copie
    invendute di un proprio cd in cantina non
    piace a nessuno!!!) volevo ribattere sulla
    tua affermazione:

    La Gioconda è indubbiamente un pezzo
    d'arte fra i più importanti della
    nostra cultura ed è in titratura
    limitata, anzi limitatissima: 1 copia.
    Quindi...quindi tu devi essere lo stesso che infila originali unici in mezzo a discorsi di copie facilmente riproducibili.
    • Anonimo scrive:
      Re: le esclusive mi stanno indigeste


      La Gioconda è indubbiamente un
      pezzo

      d'arte fra i più importanti della

      nostra cultura ed è in titratura

      limitata, anzi limitatissima: 1 copia.

      Quindi...

      quindi tu devi essere lo stesso che infila
      originali unici in mezzo a discorsi di copie
      facilmente riproducibili.Sbagliato! :)
      • Africano scrive:
        Re: le esclusive mi stanno indigeste
        - Scritto da: Anonimo


        La Gioconda è indubbiamente
        un

        pezzo


        d'arte fra i più importanti
        della


        nostra cultura ed è in
        titratura


        limitata, anzi limitatissima: 1
        copia.


        Quindi...



        quindi tu devi essere lo stesso che
        infila

        originali unici in mezzo a discorsi di
        copie

        facilmente riproducibili.
        Sbagliato! :):squindi non è un pezzo unico a tiratura limitatissima, 1 copia?sarete al massimo una coppia. :p
  • Anonimo scrive:
    Re: è andato a finire a put. ehm a melenzane

    non è che ti stai facendo troppo
    condizionare dal titolo? :)In effetti sto aspettando che mi risponda avvelenato quindi basta mel_e_nzane :)Ciao
  • Africano scrive:
    è andato a finire a put. ehm a melenzane
    - Scritto da: Anonimo

    non ti allargare, i maccheroni senza
    info

    nisba, hai una pallida idea di come si

    facciano a mano? al massimo posso
    arrivare

    ad aggiungere tocchetti di melenzane
    fritte,

    e ci rimetto. :)

    Ma sulle melEnzane hai il copyright ? Dal
    mio fruttivendolo non le trovo :)non è che ti stai facendo troppo condizionare dal titolo? :)il tuo fruttivendolo? allora non deve essere dello stesso livello del pusher. :Dfacciamo uno scambio pusher - fruttivendolo?guarda li ho addirittura mangiati ad involtini ripieni al forno nemmeno mezz'ora fa.
  • Anonimo scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste

    non ti allargare, i maccheroni senza info
    nisba, hai una pallida idea di come si
    facciano a mano? al massimo posso arrivare
    ad aggiungere tocchetti di melenzane fritte,
    e ci rimetto. :)Ma sulle melEnzane hai il copyright ? Dal mio fruttivendolo non le trovo :)
  • Africano scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    - Scritto da: Anonimo

    ho capito niente info :)



    cosa non ti è chiaro? si parla di

    materiale digitale o no? a quello mi

    riferivo, per gli spaghetti ti tocca
    venirmi

    a trovare, ci aggiungo pure il cacio.

    Ma non era sui maccheroni ? :)non ti allargare, i maccheroni senza info nisba, hai una pallida idea di come si facciano a mano? al massimo posso arrivare ad aggiungere tocchetti di melenzane fritte, e ci rimetto. :)
  • Anonimo scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste

    ho capito niente info :)

    cosa non ti è chiaro? si parla di
    materiale digitale o no? a quello mi
    riferivo, per gli spaghetti ti tocca venirmi
    a trovare, ci aggiungo pure il cacio.Ma non era sui maccheroni ? :)
  • Anonimo scrive:
    La qualità è ottima
    Ho preso il cd a un concerto a marzo,e la qualità della registrazione è ottima.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bravo Elio
    Il numero limitato credo che sia messo per ragioni tecniche (per masterizzare più di 400 cd dovrebbero stare lì dopo il concerto per delle ore, e spesso gli organizzatori ci tengono a cacciare fuori dalle balle la gente prima possibile...)
  • Anonimo scrive:
    Re: Le "storie tese" lo possono fare
    Beh per ora hanno messo tutti gli mp3 dei loro precedenti cd sul sito e chi si iscrive al loro fans club (fave club) può scaricarli tutti (compresi singoli, dischi rari e soprattutto i cd di tutti i concerti fatti in questo ultimo tour).Il tutto alla modica cifra di 30 euro all'anno (o 10 euro al trimestre).Per i cd nuovi sapevo che avevano intenzione di pubblicarli prima sul sito e di fare un dvd ogni tanto con video-audio del materiale nuovo da vendere nei negozi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bollino siae
    - Scritto da: Terra2

    Non so se negli ultimi 10 anni le cose siano
    cambiate, ma c'è un numero di persone
    veramente ridicolo (8, 12... non ricordo)
    oltre il quale non viene più
    considerata una festa privata e solo per
    esibirti davanti a loro sei tenuto a pagare
    la SIAE... anche se sono genitori e zii!
    Teoricamente saresti persino tenuto a
    staccare dei biglietti e la tassa non
    è inveriore a quella pagata per un
    megaconcerto del festivalbar.Infatti e' un bel pizzo di Stato, ma c'e' anche chi si ribella... ATTIVAMENTE! Esempio, concerto hardcore al C.S.A. 3Blinka di Udine (non ricordo il gruppo e la data). Si presentano due solerti funzionari della SIAE contestando il mancato pagamento della tassa per il concerto in corso. Beh, c'e' mancato poco che una decina di punk non li prendessero a calcioni nel sedere... Nei concerti successivi non si sono piu' fatti vedere...Salutoni da GiGiO
    • Anonimo scrive:
      Re: Bollino siae

      Esempio, concerto hardcore al C.S.A. 3Blinka
      di Udine (non ricordo il gruppo e la data).
      Si presentano due solerti funzionari della
      SIAE contestando il mancato pagamento della
      tassa per il concerto in corso. Beh, c'e'
      mancato poco che una decina di punk non li
      prendessero a calcioni nel sedere... Nei
      concerti successivi non si sono piu' fatti
      vedere...

      Salutoni da GiGiOMeno male che ci sono i punk che mettono a posto le cose sempre!....... ma andate a lavorare
  • pikappa scrive:
    I giusti soldi
    Secondo me il modo migliore per supportare un'artista (o un gruppo in questo caso) è di andare a vederlo suonare dal vivo, io sono molto + contento di pagare spesso anche di + del CD per andare a vedere un'esibizione live che spesso è qualcosa di unico (come l'ultimo concerto di Britti che ho visto), se poi con poca spesa in + ti puoi portare a casa un "pezzo" di quel concerto beh direi che sono soldi spesi bene, sicuramente meglio che in uno stupido supporto di plastica protetto e ricopiato centinaia di migliaia di volte (con tutto il rispetto per il lavoro che ci sta dentro)
    • Africano scrive:
      Re: I giusti soldi
      - Scritto da: pikappa
      Secondo me il modo migliore per supportare
      un'artista (o un gruppo in questo caso)
      è di andare a vederlo suonare dal
      vivo, io sono molto + contento di pagare
      spesso anche di + del CD per andare a vedere
      un'esibizione live che spesso è
      qualcosa di unico (come l'ultimo concerto di
      Britti che ho visto), se poi con poca spesa
      in + ti puoi portare a casa un "pezzo" di
      quel concerto beh direi che sono soldi spesi
      bene, sicuramente meglio che in uno stupido
      supporto di plastica protetto e ricopiato
      centinaia di migliaia di volte (con tutto il
      rispetto per il lavoro che ci sta dentro)i concerti dovrebbero essere la primaria fonte di guadagno dei musicisti, non c'è supporto che tenga.
  • Africano scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    - Scritto da: Anonimo

    che c'entra van gogh? mi sembrava si

    parlasse di opere che si possono
    riprodurre

    senza limiti, l'eventuale riproduzione
    di

    van gogh rientrerebbe nel caso di cui
    sopra,

    l'originale poi essendo in copia unica
    non

    rientra in questa categoria, come non

    rientrano ad esempio i concerti, come
    non

    rientra ad esempio una colonna sonora
    quando

    viene fatto pagare un biglietto al
    cinema.


    Quindi vuoi dire che hai una copia di Elio
    in casa che suona il concerto per te? FIGO
    ne voglio una anch'io

    Ciao:|in cambio di? qualche info sul tuo pusher?
  • Anonimo scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste

    che c'entra van gogh? mi sembrava si
    parlasse di opere che si possono riprodurre
    senza limiti, l'eventuale riproduzione di
    van gogh rientrerebbe nel caso di cui sopra,
    l'originale poi essendo in copia unica non
    rientra in questa categoria, come non
    rientrano ad esempio i concerti, come non
    rientra ad esempio una colonna sonora quando
    viene fatto pagare un biglietto al cinema.
    Quindi vuoi dire che hai una copia di Elio in casa che suona il concerto per te? FIGO ne voglio una anch'ioCiao
  • Africano scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    - Scritto da: Anonimo


    Se hai un'idea migliore su come
    dar da


    mangiare all'artista esponila,
    siamo

    qui ad


    aspettare il tuo illuminato parere
    :)



    qualunque soluzione non può

    prescindere dal non limitare la
    diffusione,

    passerei a un sistema di donazioni,

    l'artista dona un'opera e chi lo
    apprezza lo

    ricompensa.

    Sfruttamento commerciale a parte.

    E quindi van Gogh quanti quadri dovrebbe
    fare per mangiare ?che c'entra van gogh? mi sembrava si parlasse di opere che si possono riprodurre senza limiti, l'eventuale riproduzione di van gogh rientrerebbe nel caso di cui sopra, l'originale poi essendo in copia unica non rientra in questa categoria, come non rientrano ad esempio i concerti, come non rientra ad esempio una colonna sonora quando viene fatto pagare un biglietto al cinema.
    E quanti piatti di spaghetti lo valutiamo
    l'originale rispetto ad una fotocopia a
    colori ?va be', lascia stare, vatti a fare una bella spaghettata.
    Mah.. sto sempre aspettando un'idea migliorepomodoro fresco e basilico, nemmeno questa ti piace?ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste


    Se hai un'idea migliore su come dar da

    mangiare all'artista esponila, siamo
    qui ad

    aspettare il tuo illuminato parere :)

    qualunque soluzione non può
    prescindere dal non limitare la diffusione,
    passerei a un sistema di donazioni,
    l'artista dona un'opera e chi lo apprezza lo
    ricompensa.
    Sfruttamento commerciale a parte.E quindi van Gogh quanti quadri dovrebbe fare per mangiare ?E quanti piatti di spaghetti lo valutiamo l'originale rispetto ad una fotocopia a colori ?Mah.. sto sempre aspettando un'idea migliore
  • Anonimo scrive:
    Grande Elio, ma con un difetto
    Grande Elio, Grande Concerto, Grandi tutti.. io ho comprato il cd al concerto del 1° maggio a genova.Ottimo prezzo e bella cosa avere subito il cd. Peccato che la qualità della registrazione non sia pari ad un cd masterizzato in studio, e nemmeno ad un normale cd "Live".Quindi, 12 euro potrebbero essere discutibili o cmq non paragonabili ad un cd "classico".Per il resto, cmq idea da supportare alla grande!Cià
    • KerNivore scrive:
      Re: Grande Elio, ma con un difetto
      - Scritto da: Anonimo
      Grande Elio, Grande Concerto, Grandi tutti..
      io ho comprato il cd al concerto del 1°
      maggio a genova.

      Ottimo prezzo e bella cosa avere subito il
      cd. Peccato che la qualità della
      registrazione non sia pari ad un cd
      masterizzato in studio, e nemmeno ad un
      normale cd "Live".Eh ma quelli sono ... in differita... :-)PS: Questa la capisce solo chi ha il cd !
    • Anonimo scrive:
      Re: Grande Elio, ma con un difetto
      Io ho il brulè di genova e anche altri 3 e la qualità di tutti è ottima, meglio forse di made in japan, l'unico live ufficiale.
  • Anonimo scrive:
    Speriamo sia l'inizio di un cambiamento!
    Magari anche gli altri cantanti aprono gli occhi e si svegliano!
  • Africano scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    - Scritto da: Anonimo

    perché a me il copyright mi
    sembra

    spesso un furto legalizzato, un

    appropriazione indebita di un patrimonio

    culturale che dovrebbe essere di

    proprietà collettiva, e che

    malsopporto solo perché mi
    è

    stato detto che è l'unico modo
    per

    tutelare l'esistenza degli artisti di

    professione?

    Se hai un'idea migliore su come dar da
    mangiare all'artista esponila, siamo qui ad
    aspettare il tuo illuminato parere :)qualunque soluzione non può prescindere dal non limitare la diffusione, passerei a un sistema di donazioni, l'artista dona un'opera e chi lo apprezza lo ricompensa.Sfruttamento commerciale a parte.
  • KerNivore scrive:
    Unica nota negativa
    E' che dovendo preparare la confezione del CD e il bollino SIAE prima del concerto, la scaletta e' fissata e non si puo' sgarrare da quella.Inoltre, come e' successo qualche tempo fa, il gruppo deve fare un certo numero di date con la stessa scaletta.
  • Anonimo scrive:
    Re: se 400 vi sembran pochi...
    guarda che Elio sta cosa del cd alla fine del concerto la fa da anni...
    • Terra2 scrive:
      Re: se 400 vi sembran pochi...
      - Scritto da: Anonimo
      guarda che Elio sta cosa del cd alla fine
      del concerto la fa da anni...Da quanti anni?Come mai il CD Brulè più vecchio sul sito risale a Marzo 2004?Com'è che sono anni che vado ai concerti di elio (anche se l'ultimo risale al 2003) e non ne ho mai visti?Perchè apri bocca e gli dai fiato?
      • Anonimo scrive:
        Re: se 400 vi sembran pochi...
        Innanizitutto non vedo perchè tu debba essere così scortese. Troppa bile fa male, sai?Se ho detto una cosa che ti sembra una stupidaggine basta farlo notare.Per rispondere alla tua domanda mi ricordo che un mio amico che di concerti di Elio ne ha visti a bizzeffe già tre anni fa circa (sicuramente prima del 2003) mi parlava del fatto che Elio rivendesse il bootleg "ufficiale" del concerto, registrato al momento, subito dopo lo show. Se ti interessa era uno show in veneto (provincia di venezia o treviso). Semplicemente forse allora non si chiamavano Cd Brulè, e la cosa non era fatta in maniera pianificata come adesso (il mio amico mi disse che la copia te la masterizzavano al momento su richiesta, quindi ciò è coerente col fatto che il sito non ne porti traccia, così come la rete) ma la facevano. Così mi ha detto il mio amico e io ho riportato, e sono sicuro che fosse prima del 2003. Forse mi ricordo male io e la cosa era più recente (anche se non penso di essere arteriosclerotico) perchè su internet di ciò effettivamente non si trova traccia, ma ciò non giustifica la tua riposta così scortese.Se vuoi sapere la verità basta che chiedi sul NG dedicato agli Elli su Usenet, lì sapranno rispondere. Io di certo non lo faròSaluti
        • Terra2 scrive:
          Re: se 400 vi sembran pochi...
          - Scritto da: Anonimo
          Innanizitutto non vedo perchè tu
          debba essere così scortese. Troppa
          bile fa male, sai?
          Se ho detto una cosa che ti sembra una
          stupidaggine basta farlo notare.
          Per rispondere alla tua domanda mi ricordo
          che un mio amico che di concerti di Elio ne
          ha visti a bizzeffe...boh... allora la prossima volta prima telefona al tuo amico.
  • Terra2 scrive:
    Re: Bollino siae

    Se io ora faccio un mini concerto (con
    musiche e tutto il resto composte da me
    solo) qua sulla piazzala davanti a casa mia
    (se è un problema il fatto che sia
    suolo pubblico facciamo pure che sia dentro
    la mia cantina :D) e alla fine masterizzo e
    vendo CD c'è bisogno del bollino?Non so se negli ultimi 10 anni le cose siano cambiate, ma c'è un numero di persone veramente ridicolo (8, 12... non ricordo) oltre il quale non viene più considerata una festa privata e solo per esibirti davanti a loro sei tenuto a pagare la SIAE... anche se sono genitori e zii!Teoricamente saresti persino tenuto a staccare dei biglietti e la tassa non è inferiore a quella pagata per un megaconcerto del festivalbar.Per quanto riguarda il CD, invece, (ma anche qui parlo per ricordi e non confermo nulla) potresti evitare il bollino Siae se la musica incisa all'interno è libera da diritti (ovvero non appartiene a nessuno che l'abbia registrata presso Riaa, Siae, etc.) ed anche tu che la esegui rinunci a qualsiasi tipo di diritto su di essa (in pratica, la stessa cosa che vale per i programmi rilasciati su CD con licenza BSD, GPL etc...).==================================Modificato dall'autore il 06/07/2004 15.15.57
  • Anonimo scrive:
    Re: Le "storie tese" lo possono fare
    - Scritto da: Anonimo
    Solo un gruppo come Elio e le storie tese
    che praticamente non sbaglia mai dal vivo
    può permettersi di saltare la
    postproduzione di un live!Non è vero se lo possono permettere in molti!Ad esempio, un qualunque concerto di queste famigerate "BOY BAND" non è altro che uno spettacolo in cui tu vedi gli "artisti" che ballano e muovono le labbra e in sottofondo c'è il loro CD. :DIn questo caso il bootleg sarebbe una copia fedele del CD...
  • Anonimo scrive:
    Re: se 400 vi sembran pochi...
    - Scritto da: Terra2
    Sono copie il cui nome (brulè) mi
    suggerisce che vengano "bruciate" in fretta
    e furia alla fine di ogni concerto!

    A qualcuno potranno sembrare poche... ma non
    dimentichiamoci che sono solo un
    complesso... non un industria discografica!

    Probabilmente possono portare con loro un
    piccolo staff di persone che in un camper
    riescono a "produrre" entro la fine del
    concerto le copie necessarie... ma come si
    ha il coraggio di pretendere tirature
    maggiori quando ancora non si sa quanto
    "renderà" questa iniziativa?Penso che sia un TEST, se funziona vedrai che la prossima volta porteranno due camper :D ;)
    • Terra2 scrive:
      Re: se 400 vi sembran pochi...

      Penso che sia un TEST, se funziona vedrai
      che la prossima volta porteranno due camper
      :D ;)Ovviamente... più copie... più soldi... (va sempre nei limiti del vendibile).Comunque ci sono alcuni concerti che per forza di cose riescono meglio degli altri... gag improvvisate, ospiti a sorpresa... dissastri climatici!Qualche anno fa a Collegno (TO) un acquazzone ha fatto saltare l'impianto ma il concerto si è svolto semi regolarmente nonostante la metà delle apparecchiature fosse inutilizzabile...Altri gruppi avrebbero calato la serranda. Invece gli Elii si sono invece esibiti in versione semi-umplugged dando origine ad uno dei concerti più originali nella storia del complessino.Il bootleg di quel concerto, magari con copertina autografata, ora varrebbe mlto più di 12 euri...
      • sathia scrive:
        Re: se 400 vi sembran pochi...

        Qualche anno fa a Collegno (TO) un
        acquazzone ha fatto saltare l'impianto ma il
        concerto si è svolto semi
        regolarmente nonostante la metà delle
        apparecchiature fosse inutilizzabile...
        Altri gruppi avrebbero calato la serranda.
        Invece gli Elii si sono invece esibiti in
        versione semi-umplugged dando origine ad uno
        dei concerti più originali nella
        storia del complessino.
        confermo, io c'ero :)
      • Anonimo scrive:
        Re: se 400 vi sembran pochi...
        - Scritto da: Terra2


        Penso che sia un TEST, se funziona
        vedrai

        che la prossima volta porteranno due
        camper

        :D ;)

        Ovviamente... più copie... più
        soldi... (va sempre nei limiti del
        vendibile).

        Comunque ci sono alcuni concerti che per
        forza di cose riescono meglio degli altri...
        gag improvvisate, ospiti a sorpresa...
        dissastri climatici!Dissastri ortografici :s
  • Terra2 scrive:
    Re: Le "storie tese" lo possono fare

    Sono curioso di vedere cosa faranno invece
    con i dischi in studio.L'ultimo CD (cicciput) è un pregevole mix di tracce registrate nei luoghi più disparati, ma il risultato è come al solito "all'altezza delle aspettative"... nonostante le "mosche" di sottofondo. :)
  • Terra2 scrive:
    se 400 vi sembran pochi...
    Sono copie il cui nome (brulè) mi suggerisce che vengano "bruciate" in fretta e furia alla fine di ogni concerto!A qualcuno potranno sembrare poche... ma non dimentichiamoci che sono solo un complesso... non un industria discografica!Probabilmente possono portare con loro un piccolo staff di persone che in un camper riescono a "produrre" entro la fine del concerto le copie necessarie... ma come si ha il coraggio di pretendere tirature maggiori quando ancora non si sa quanto "renderà" questa iniziativa?
  • Anonimo scrive:
    Re: e la novità dove stà ??
    nell'accento sulla "à"(non potevo farmi sfuggire questa rima 8))
  • Anonimo scrive:
    Re: Le "storie tese" lo possono fare
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Solo un gruppo come Elio e le storie tese

    che praticamente non sbaglia mai dal vivo

    può permettersi di saltare la

    postproduzione di un live!

    E allora?
    Per chi non e' capace di suonare dal vivo,
    ci sono tanti bei campi di patate in
    campagna che chiedono di essere zappati.

    E' ora di finirla con questi aiuti
    tecnologici che permettono a qualunque
    imbecille di fare il concertista.

    La musica si suona dal vivo, sia nei
    concerti pop che nei teatri di musica
    lirica.

    Se non sei capace di suonare dal vivo, vai a
    zappare.Quoto.
  • Anonimo scrive:
    Bravo Elio
    Ha capito molto, se toglie anche il numero limitato ha capito tutto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Le "storie tese" lo possono fare
    - Scritto da: Anonimo
    Solo un gruppo come Elio e le storie tese
    che praticamente non sbaglia mai dal vivo
    può permettersi di saltare la
    postproduzione di un live!E allora?Per chi non e' capace di suonare dal vivo, ci sono tanti bei campi di patate in campagna che chiedono di essere zappati.E' ora di finirla con questi aiuti tecnologici che permettono a qualunque imbecille di fare il concertista.La musica si suona dal vivo, sia nei concerti pop che nei teatri di musica lirica.Se non sei capace di suonare dal vivo, vai a zappare.
  • Anonimo scrive:
    e la novità dove stà ??
    2 mesi fa al concerto di elio ho già comprato il cd del concerto a 12 euro. si chiama "ho fatto due etti e mezzo ... lascio ?"
  • kermit scrive:
    Re: Bollino siae
    ah, dimenticavo!!!Il bollino lo devi mettere anche se regali, anche se i pezzi sono tuoi e anche se non sono registrati in SIAE!!!E' un pizzo legalizzato! La registrazione in SIAE ti permette solo di registrare un brano e far valere per la durata della registrazione una dichiarazione notarile di possesso in caso di contenziosi in tribunale. Questo è di fatto lo scopo della registrazione!Per la questione dei bollini... sono solo soldi che regaliamo alla siae!Ah, a proposito: se fai un concerto nella tua cantina, non importa se è suolo pubblico. Se ci sei solo tu che suoni, è gratis, ma se inviti due amici a sentirti, anche GRATIS... beh, dovresti pagare!!!E' sempre un'esibizione no?!Ciao e ancora buone risate!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Bollino siae
      è prezzo più alto che si paga non è quello del bollino o di tutto quel che è dovuto forzatamente alla SIAE, ma quello dell'ignoranza del popolo che non reagisce a tali soprusi. Il nostro popolo "democratico e libero" se la prende nel chiulo ogni santo giorno con falsa informazione controllata dai 3 potenti. Assuefatti dal benessere fisico e dai confort quotidiani l'italiano medio se ne fotte di quel che gli viene fatto perchè si accontenda dalla caramellina al miele che gli danno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bollino siae
        Siente una massa di ragazzini ignorantizzati, se solo tra voi ci fosse UNO che sa di cosa sta parlando e perchè esiste un bollino SIAE, se tra voi ci fosse UN artista che spieghi agli altri perchè grazie alla SIAE vive e grazie ai cd che voi NON comprate muore, allora la smettereste di scrivere certe banalità e comincereste a ragionare.... forse.Certo che se l'interesse da tutelare è quello del ragazzino X che fa il concertino rock in cantina... ma chi se ne frega, nessuno verrà ad arrestarti per questo, mentre Elio senza quel bollino, credetemi, avrebbe molto meno da guadagnare.Non esistete solo voi...
        • Anonimo scrive:
          Re: Bollino siae
          ahahah....Bhpè.. io acquisto solo CD che non sono bollati siae... e mi spiace dirtelo, ma ultimamente ci sono sempre più gruppi che non si associano alla siae ed usano per diffondere le proprie opere licenze alternative.Dimenticavo... se la musica muore... il consumatore ci rimetterà, ma cari i miei artisti sarete voi a dover andare a zappare la terra...Quindi evolvetevi con il mercato, non contro...Pace e bene...
        • Anonimo scrive:
          Re: Bollino siae
          Ok GENIO, (troll) dicci come funziona il guadagno supplementare per Elio grazie al bollino.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bollino siae
      - Scritto da: kermit
      ah, dimenticavo!!!
      Il bollino lo devi mettere anche se regali,
      anche se i pezzi sono tuoi e anche se non
      sono registrati in SIAE!!!

      E' un pizzo legalizzato! La registrazione in
      SIAE ti permette solo di registrare un brano
      e far valere per la durata della
      registrazione una dichiarazione notarile di
      possesso in caso di contenziosi in
      tribunale. Questo è di fatto lo scopo
      della registrazione!

      Per la questione dei bollini... sono solo
      soldi che regaliamo alla siae!

      Ah, a proposito: se fai un concerto nella
      tua cantina, non importa se è suolo
      pubblico. Se ci sei solo tu che suoni,
      è gratis, ma se inviti due amici a
      sentirti, anche GRATIS... beh, dovresti
      pagare!!!
      E' sempre un'esibizione no?!

      Ciao e ancora buone risate!!!ma allora, quando me ne vado in giro per strada fischiettando "Questo paese di ladri" di Venditti, per essere in regola ovrei appiccicarmi il bollino della SIAE sugli occhiali (porto gli occhiali). Non lo sapevo, ma certo per il futuro mi adeguerò.Ma è legale poi fischiettare? Ho visto che c'è in giro l'esperto di diritto... se potesse dirmelo lui, visto che io non conosco la legge.
      • Terra2 scrive:
        Re: Bollino siae

        Ma è legale poi fischiettare? Ho
        visto che c'è in giro l'esperto di
        diritto... se potesse dirmelo lui, visto che
        io non conosco la legge.Secondo la Siae bisognerebbe versare i diritti pure per le canzoni cantate a messa (e non sto scherzando).E dal momento che c'è chi, fischiettando, riproduce molto meglio di qualsiasi cellulare non polifonico musichette commerciali di ogni genere, e che sulle suonerie la tassa Siae viene già applicata, non mi meraviglierei se prima o poi non saltasse fuori una qualche legge che ci autorizza a fischiettare solo motivetti random... :)
  • kermit scrive:
    Re: Bollino siae
    Non ci crederai, ma SI!Anche se non lo vendi: infatti esiste il bollino "OMAGGIO" da apporre forzatamente al costo (TUO) di 80 cents su ogni CD che intendi REGALARE, anche se su di esso c'è la tua musica!Funziona esattamente come un francobollo ma mentre con il francobollo paghi il servizio di recapito, con il bollino paghi la regia concessione a distribuire la TUA OPERA D'ARTE.Ciao e buone risate!
  • Anonimo scrive:
    Re: Lo compro subito, anche piu' d'uno!
    devi andare al concerto...anche più d'uno!
    • Terra2 scrive:
      Re: Lo compro subito, anche piu' d'uno!
      - Scritto da: Anonimo
      devi andare al concerto...
      anche più d'uno!E te lo fai autografare...Questa è la musica che poi sei orgoglioso di alcoltare a casa...
  • Anonimo scrive:
    Le "storie tese" lo possono fare
    Il CD viene masterizzato con il contenuto del concerto che hai appena seguito... non so se qualcuno si rende conto! Vuol dire che il mix fatto durante il live viene buttato su CD: praticamente un buon bootleg. Solo un gruppo come Elio e le storie tese che praticamente non sbaglia mai dal vivo può permettersi di saltare la postproduzione di un live!Sono curioso di vedere cosa faranno invece con i dischi in studio.
  • Anonimo scrive:
    Lo compro subito, anche piu' d'uno!
    Come da soggetto
  • avvelenato scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: avvelenato

    come si può fare dell'arte un

    prodotto esclusivo, a tiratura limitata,

    Beh, a prescindere dal fatto che posso
    essere d'accordo sul fatto che la tiratura
    doverbbe essere maggiore (ma la cosa
    riguarda solo il gruppo ed il loro
    management, perchè avere 2000 copie
    invendute di un proprio cd in cantina non
    piace a nessuno!!!) volevo ribattere sulla
    tua affermazione:

    La Gioconda è indubbiamente un pezzo
    d'arte fra i più importanti della
    nostra cultura ed è in titratura
    limitata, anzi limitatissima: 1 copia.
    Quindi...sei sicuro?http://images.google.it/images?q=gioconda&hl=it&lr=&ie=UTF-8&sa=N&tab=wiqua ce ne sono almeno 2800.... :D
  • Anonimo scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    - Scritto da: avvelenato
    come si può fare dell'arte un
    prodotto esclusivo, a tiratura limitata,Beh, a prescindere dal fatto che posso essere d'accordo sul fatto che la tiratura doverbbe essere maggiore (ma la cosa riguarda solo il gruppo ed il loro management, perchè avere 2000 copie invendute di un proprio cd in cantina non piace a nessuno!!!) volevo ribattere sulla tua affermazione:La Gioconda è indubbiamente un pezzo d'arte fra i più importanti della nostra cultura ed è in titratura limitata, anzi limitatissima: 1 copia. Quindi...
  • HostFat scrive:
    Bollino siae
    Sull'articolo c'è scritto che ci sarà sempre il bollino Siae.Xkè? come funziona la storia?E' costretto a metterlo xkè è iscritto alla Siae o semplicemente xlè quel genere di materiale è automaticamente sotto la gestione della Siae?Se io ora faccio un mini concerto (con musiche e tutto il resto composte da me solo) qua sulla piazzala davanti a casa mia (se è un problema il fatto che sia suolo pubblico facciamo pure che sia dentro la mia cantina :D) e alla fine masterizzo e vendo CD c'è bisogno del bollino?
  • DoubleGJ scrive:
    BRAVO ELIO MA... (By DoubleGJ)
    secondo me sbaglia nello stamapre solo 400 copiequesto sistema è il futuro.Dovrebbero puntare alla auto-distribuzione per sempre e come standard. In vendita solo ai concerti o sul sito.niente negozi e niente distribuzione.12 Euro è un prezzo veramente ottimo complimenti ad Elio & Co. per questa sicuramente difficile scelta ma senza dubbio OTTIMA.DoubleGJ che vede Speranza nel mondo Musicale Italiano
  • Anonimo scrive:
    grande elio...
    evitare di foraggiare i parassiti nullafacenti tuttoprendenti è da grandi :)
  • Anonimo scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
  • avvelenato scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: avvelenato

    come si può fare dell'arte un

    prodotto esclusivo, a tiratura limitata,

    ecc?



    il concetto è bello, ma va
    ampliato,

    certo sarà difficile far
    più

    di tante copie con un sistema del
    genere...

    ma limitarle a 400 giusto per lo sfizio
    di

    rompere le scatole al 401esimo, mi
    sembra

    una cavolata.

    il 401esimo si abbona al fave club e se lo
    scarica.ok.allora mi sta bene.
  • Anonimo scrive:
    Re: ohe, dico...
    aaazzz :D
  • Anonimo scrive:
    Un genio.
    E per fortuna che fa notiza.
  • Anonimo scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    - Scritto da: avvelenato
    come si può fare dell'arte un
    prodotto esclusivo, a tiratura limitata,
    ecc?

    il concetto è bello, ma va ampliato,
    certo sarà difficile far più
    di tante copie con un sistema del genere...
    ma limitarle a 400 giusto per lo sfizio di
    rompere le scatole al 401esimo, mi sembra
    una cavolata.il 401esimo si abbona al fave club e se lo scarica.
  • sathia scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
  • sigmund scrive:
    Re: ma buongiorno


    complimenti al simpatico complessino, che
    peraltro ha appena cambiato server passando
    MS a Linux
    Non vedo che cosa abbia di inerente all'articolo questo tuo commento... tra l'altro magari loro nemmeno lo conoscono questo particolare....;)vabbè... sempre a cercar rogna.
    • sathia scrive:
      Re: ma buongiorno
      no, sbagli fa parte di una scelta ben precisa che hanno preso gli elii, dato che hanno avuto un riassestamento radicale.cerca in giro la canzone silvia bolbo, e poi capirai ;)
      • gerry scrive:
        Re: ma buongiorno
        - Scritto da: sathia
        no, sbagli fa parte di una scelta ben
        precisa che hanno preso gli elii, dato che
        hanno avuto un riassestamento radicale.Ma non erano dei MacUser convinti?Dalle mie parti gira una leggenda metropolitana sfiziosa... pare che furono invitati a suonare alla presentazione di Win2000 per l'Italia a Milano, si presentarono tutti contenti con le magliette ed i cappellini della mela (apple)
  • Anonimo scrive:
    ohe, dico...
    va bene il bollino SIAE, ma non dimentichiamoci il deposito in Biblioteca Nazionale.:-)
  • sathia scrive:
    Re: le esclusive mi stanno indigeste
    avvelenato, che ti sta succedendo?fino a un po' di tempo fa i tuoi commenti erano spesso interessanti, ora sono spesso scialbi.secondo te come mai a teatro si entra in 500 / 1000 allo stadio ieri c'erano 68.882 persone, credi che lo abbiano fatto apposta per dare fastidio al 68.883esimo?buh
    • avvelenato scrive:
      Re: le esclusive mi stanno indigeste
      - Scritto da: sathia
      avvelenato, che ti sta succedendo?

      fino a un po' di tempo fa i tuoi commenti
      erano spesso interessanti, ora sono spesso
      scialbi.ti riferisci anche ad altri commenti? :operché non hai posto lì varie obiezioni?non ignoro le critiche se ben argomentate.

      secondo te come mai a teatro si entra in 500
      / 1000
      allo stadio ieri c'erano 68.882 persone,
      credi che lo abbiano fatto apposta per dare
      fastidio al 68.883esimo?

      buh
      questo ad esempio non è il caso ;)perché il limite dei cd dev'essere 400?i cd saranno protetti dai soliti copiratti?o specificheranno chiaramente che chi non riesce ad ottenere la copia vip può sempre farsela duplicare? (chiaro che il 401° farà così, come tutti quelli dopo di lui)più in generale, il tema sul quale volevo riflettere è: quale diritto ha l'artista di vincolare la sua arte?la sua arte è sua?vangogh avrebbe avuto il diritto di pretendere che i suoi quadri gli venissero restituiti per bruciarli?posso io inserire un eula in un cd che ne consenta l'uso lecito solo alle persone la cui somma di ogni valore ascii associato alle lettere del nome di battesimo ottenga un numero primo?perché a me il copyright mi sembra spesso un furto legalizzato, un appropriazione indebita di un patrimonio culturale che dovrebbe essere di proprietà collettiva, e che malsopporto solo perché mi è stato detto che è l'unico modo per tutelare l'esistenza degli artisti di professione?==================================Modificato dall'autore il 06/07/2004 0.43.09
      • sathia scrive:
        Re: le esclusive mi stanno indigeste

        ti riferisci anche ad altri commenti? :o
        perché non hai posto lì varie
        obiezioni?
        non ignoro le critiche se ben argomentate.
        mi riferisco alla tua generale posizione un po' supponente, che forse prima trovavo simpatica e colorata, mentre ora, essendo pieno PI di dottorini/estremisti etc etc comincio a scambiarla come sufficienza.non rispondo a ogni post del forum, quindi se adesso mi permetto di dire che sei un po' suppponente è solo perché questa mi sembrava peggio delle altre.Tuttavia non voglio certo dire che tu stia sbagliando e yabba dabba blabla, a me stai simpatico, e forse ti rivoglio solo un po' più come prima :)

        allo stadio ieri c'erano 68.882 persone,

        credi che lo abbiano fatto apposta per
        dare

        fastidio al 68.883esimo?



        buh



        questo ad esempio non è il caso ;)

        perché il limite dei cd dev'essere
        400?mercato direi, io c'ero, devo dire che la coda per comprare il cd era lunghissima, ma poi verso la fine potevi comrare il disco anche senza prenotazione.Ho visto il rack di masterizzatori, niente di ché...può solo darsi che questa sia la prima prova.Tu compreresti un sistema SW HW che consente di dare 1500 dischi su 1500 posti teatro?mai sentito parlare di redemption?

        i cd saranno protetti dai soliti copiratti?
        il bollone siae c'è, ed è normale che ci sia.ti suonerà strano, ma se fai un concerto e suoni le tue canzoni, paghi lo stesso la siae
        o specificheranno chiaramente che chi non
        riesce ad ottenere la copia vip può
        sempre farsela duplicare? (chiaro che il
        401° farà così, come tutti
        quelli dopo di lui)



        più in generale, il tema sul quale
        volevo riflettere è: quale diritto ha
        l'artista di vincolare la sua arte?

        la sua arte è sua?


        vangogh avrebbe avuto il diritto di
        pretendere che i suoi quadri gli venissero
        restituiti per bruciarli?


        posso io inserire un eula in un cd che ne
        consenta l'uso lecito solo alle persone la
        cui somma di ogni valore ascii associato
        alle lettere del nome di battesimo ottenga
        un numero primo?



        perché a me il copyright mi sembra
        spesso un furto legalizzato, un
        appropriazione indebita di un patrimonio
        culturale che dovrebbe essere di
        proprietà collettiva, e che
        malsopporto solo perché mi è
        stato detto che è l'unico modo per
        tutelare l'esistenza degli artisti di
        professione?
        vabbhé hai fatto due etti e mezzo, lascia pure ;)
      • gerry scrive:
        Re: le esclusive mi stanno indigeste
        - Scritto da: avvelenato
        perché il limite dei cd dev'essere
        400?Io ancora nn ne ho approfittato. Credo però che siano in primis limiti tecnici.Mi hanno detto che la stazione di masterizzazione non è un granchè, e poi capita spesso che qualche burner vada out :)
        i cd saranno protetti dai soliti copiratti?No, testimonianza diretta (me ne sono fatto doppiare uno, attendo la prima occasione buona per averne uno regular)
        più in generale, il tema sul quale
        volevo riflettere è: quale diritto ha
        l'artista di vincolare la sua arte?

        la sua arte è sua?Questa è una bella domanda filosofica al quale non è facile rispondere.
      • Anonimo scrive:
        Re: le esclusive mi stanno indigeste

        perché a me il copyright mi sembra
        spesso un furto legalizzato, un
        appropriazione indebita di un patrimonio
        culturale che dovrebbe essere di
        proprietà collettiva, e che
        malsopporto solo perché mi è
        stato detto che è l'unico modo per
        tutelare l'esistenza degli artisti di
        professione?Se hai un'idea migliore su come dar da mangiare all'artista esponila, siamo qui ad aspettare il tuo illuminato parere :)
    • Anonimo scrive:
      Re: le esclusive mi stanno indigeste
  • avvelenato scrive:
    le esclusive mi stanno indigeste
    come si può fare dell'arte un prodotto esclusivo, a tiratura limitata, ecc?il concetto è bello, ma va ampliato, certo sarà difficile far più di tante copie con un sistema del genere... ma limitarle a 400 giusto per lo sfizio di rompere le scatole al 401esimo, mi sembra una cavolata.
  • Terra2 scrive:
    mitico Elio!
    Idee ci vogliono... non cantanti frignoni che si lamentano per il loro singolo "scerato sul P2P"!(apple)
  • sathia scrive:
    ma buongiorno
    è un gran disco, e finalmente dopo aver mollato la vecchia dirigenza/etichetta possono fare quello che vogliono.complimenti al simpatico complessino, che peraltro ha appena cambiato server passando MS a Linuxbravi, avanti così
Chiudi i commenti