Laptop sequestrati, gli USA alla sbarra

Un attivista accusa il governo statunitense di aver violato la Costituzione sequestrando la sua attrezzatura digitale all'aeroporto. Per questo genere di cose ci vuole il mandato, dicono i suoi legali

Roma – In seguito al sequestro del suo laptop di ritorno da una vacanza in Messico, il ventiquattrenne David House ha denunciato il governo degli Stati Uniti per la violazione dei suoi diritti costituzionali. Gli ufficiali dell’aeroporto di Chicago mi hanno preso di mira senza alcun motivo concreto, accusa House.

Il giovane attivista, supporter e amico di Bradley Manning – il nemico giurato di Washington dopo le “spifferate” a Wikileaks sulle guerre in Afghanistan e Iraq – è caduto vittima della tecnofobia delle frontiere USA cedendo con la forza il portatile, un’unità di storage USB, una videocamera e un telefono cellulare.

Dopo aver infine subito un interrogatorio durato più di un’ora sui suoi rapporti con Manning e Wikileaks, il giovane programmatore laureato a Cambridge è stato rilasciato ma ha dovuto attendere più di un mese prima di vedersi restituito il maltolto – fatto avvenuto solo grazie all’intervento della American Civil Liberties Union (ACLU).

Ed è proprio grazie al supporto legale di ACLU che ora House ha denunciato il governo federale per violazione dei suoi diritti costituzionali: gli agenti della TSA appollaiati negli aeroporti non avevano il diritto di sequestrare i suoi effetti digitali – recita l’accusa – senza aver prima ottenuto un mandato dal giudice.

Ancora una volta viene chiamata in causa la costituzionalità dei tecnocontrolli e dei sequestri alle frontiere degli USA, e la decisione del giudice è tutto fuorché scontata: un caso simile si è recentemente concluso con l’affermazione del diritto, per le autorità, di perquisire e sequestrate a proprio totale piacimento se il motivo è la caccia a contenuti digitali di natura illecita.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Findi scrive:
    Lasciateli fare a chi li sà fare...
    come da oggetto!:-)
    • Non Me scrive:
      Re: Lasciateli fare a chi li sà fare...
      Soprattutto i commenti...Se non ci fosse "concorrenza" che mondo sarebbe.E poi il BB e' veramente l'unico strumento serio per leggere le email aziendali su un telefono!
      • sadness with you scrive:
        Re: Lasciateli fare a chi li sà fare...
        - Scritto da: Non Me
        Soprattutto i commenti...

        Se non ci fosse "concorrenza" che mondo sarebbe.

        E poi il BB e' veramente l'unico strumento serio
        per leggere le email aziendali su un
        telefono!diciamo che è l'unico che ha stretto accordi con i gestori telefonici per mandarti le mail in ogni angolo del mondo... a patto di farle transitare sui propri server.se non ti fai problemi ad andare in roaming puoi usare qualunque telefonopersonalmente l'idea di ricevere mail aziendali in ogni momento della giornata, ogni giorno, anche nel fine-settimana, anche durante le ferie mi terrorizza...in ogni caso l'articolo parla di tablet, non del servizio mail di RIM
  • Kevin scrive:
    PlayBook comunque ottima idea
    Se si dimenticano i problemi di giovinezza, PlayBook è un'ottima idea. Anziché fare i contorsionisti sullo schermo e sulla tastiera di uno smartphone, o pagare due connessioni dati per un tablet, quando devi lavorare seriamente tiri fuori il PlayBook che è agganciato al tuo BlackBerry che è agganciato alla tua azienda.
    • sadness with you scrive:
      Re: PlayBook comunque ottima idea
      - Scritto da: Kevin
      Se si dimenticano i problemi di giovinezza,
      PlayBook è un'ottima idea. Anziché fare i
      contorsionisti sullo schermo e sulla tastiera di
      uno smartphone, o pagare due connessioni dati per
      un tablet, quando devi lavorare seriamente tiri
      fuori il PlayBook che è agganciato al tuo
      BlackBerry che è agganciato alla tua
      azienda.cosa che puoi fare con qualunque tablet... col difetto che utilizzando il PalyBook sei obbligato ad avere un BlackBerry, e viceversa. Considerando che molti si lamentano della chiusura di Apple, vorrei proprio capire come fanno a giustificare RIM
      • Mr. X scrive:
        Re: PlayBook comunque ottima idea
        - Scritto da: sadness with you
        - Scritto da: Kevin

        Se si dimenticano i problemi di giovinezza,

        PlayBook è un'ottima idea. Anziché fare i

        contorsionisti sullo schermo e sulla tastiera di

        uno smartphone, o pagare due connessioni dati
        per

        un tablet, quando devi lavorare seriamente tiri

        fuori il PlayBook che è agganciato al tuo

        BlackBerry che è agganciato alla tua

        azienda.

        cosa che puoi fare con qualunque tablet... col
        difetto che utilizzando il PalyBook sei obbligato
        ad avere un BlackBerry, e viceversa.

        Considerando che molti si lamentano della
        chiusura di Apple, vorrei proprio capire come
        fanno a giustificare
        RIMAnche perchè vorrei ricordare che al momento senza BB non si acXXXXX a nessun applicativo mail, calendario e contatti!!
Chiudi i commenti