L'ascesa del libro elettronico

L'ultimo studio Pew segnala la crescita del numero di lettori che si rivolgono al mercato digitale rispetto agli amanti delle pagine stampate. Le donne leggono più degli uomini. Il tablet vince sull'e-reader

Roma – Un’indagine volta a esplorare le abitudini di lettura della popolazione statunitense: è l’oggetto dell’ultimo studio condotto dal Pew Research Center , in base al quale emerge il progressivo declino dei supporti cartacei e l’ascesa della lettura su device digitali, tablet in testa.

La popolazione di lettori di ebook segna dunque un trend positivo, segnalato dal 75 per cento di individui dai 16 anni in su . Secondo i dati raccolti , dallo scorso anno il numero di utenti che si rivolgono alla lettura digitale è cresciuto del 16 per cento tra i sedicenni e del 23 per cento tra le fasce anagrafiche più elevate. Nello stesso periodo, invece, la percentuale di coloro avvezzi alle pagine cartacee è calata del 72 per cento tra gli adolescenti e del 67 per cento tra giovani e adulti.

Un cambiamento di abitudini che è coinciso con l’aumento delle vendite degli apparecchi digitali di lettura, passati dal 18 per cento di crescita nel 2011 al 33 per cento nel 2012. Nel dettaglio, a partire da novembre 2012 circa il 25 per cento degli statunitensi dai 16 anni in su possedeva un tablet o un e-reader, con una crescita del 10 per cento nel 2011 per i possessori di tavoletta. Ancora, negli ultimi mesi del 2012 il 19 per cento dei lettori d’Oltreoceano a partire dai 16 anni dichiarava di possedere un device di lettura come Kindle o Nook, rispetto al 10 per cento del 2011.

Il sondaggio ha coinvolto 2.252 individui residenti negli Stati Uniti . L’89 per cento dei lettori di libri ha dichiarato di aver letto su supporti cartacei, il 30 per cento di aver letto un ebook. Secondo il profilo tracciato dai ricercatori del Pew, il lettore che ha deciso di compiere il passo dalla carta al digitale si distingue nell’universo della lettura . Si tratta, innanzitutto, di lettori assidui, indipendentemente dai formati in circolazione: l’88 per cento di coloro che hanno letto ebook negli scorsi 12 mesi ha anche letto libri stampati. Rispetto al lettore medio, i soggetti che leggono di più dichiarano di farlo per diversi motivi: per piacere, per ricerca, per consultare gli eventi in corso, per lavoro o per scuola. Sono anche coloro che, con molta probabilità, acquistano i testi invece che prenderli in prestito, spesso rivolgendosi all’e-commerce.

Quanto alle variabili prese in considerazione dalla ricerca, le donne (81 per cento) mostrano di leggere più degli uomini (70 per cento) , mentre il numero di lettori decresce in proporzione alla crescita anagrafica. Rispetto ai dispositivi utilizzati, invece, si registra il sorpasso dei tablet sugli e-reader , dato confermato anche dal trend negativo registrato dal mercato dei lettori digitali.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il padrone delle ferriere scrive:
    ma che concessioni e aumenti!
    Manganellate, polizia a cavallo e lacrimogeni! se no come facciamo noi grassi e decadenti occidentali a sfruttare la manodopera a basso costo? tocca spostarsi in africa!
    • prova123 scrive:
      Re: ma che concessioni e aumenti!
      Forse l'avrai detto come battuta, ma lo stanno già facendo già nel settore del tessile: l'europa dell'est è arrivata a pretendere stipendi da 400 euro al mese e quindi hanno levato tende e burattini puntando all'africa (30$/mese). L'opportunità di sviluppo consiste in questo: tu ed i tuoi figli lavori per me ed io ti do una ciotola di riso/tazza di latte a seconda degli usi locali, quando rompi i XXXXXXXX e inizi a chiedere una razione e mezza di cibo non servi più e XXXXXXXXXX.
      • krane scrive:
        Re: ma che concessioni e aumenti!
        - Scritto da: prova123
        Forse l'avrai detto come battuta, Secondo me e come confermi tu non era per niente una battuta...
        ma lo stanno
        già facendo già nel settore del tessile: l'europa
        dell'est è arrivata a pretendere stipendi da 400
        euro al mese e quindi hanno levato tende e
        burattini puntando all'africa (30$/mese).
        L'opportunità di sviluppo consiste in questo: tu
        ed i tuoi figli lavori per me ed io ti do una
        ciotola di riso/tazza di latte a seconda degli
        usi locali, quando rompi i XXXXXXXX e inizi a
        chiedere una razione e mezza di cibo non servi
        più e XXXXXXXXXX.
        • prova123 scrive:
          Re: ma che concessioni e aumenti!
          Purtroppo non è una battuta, l'Africa è il nuovo terreno di conquista dove le multinazionali hanno già posto le basi ... preparatevi ad uno stillicidio di richieste di SMS ed iniziative benefiche a favore del bambino africano coperto da mosche ... spero che in africa gli abbattano giù tutto così imparano a sfruttare le persone.Cercate con Google: <b
          Africa <multinazionale
          sviluppo sostenibile </b
          al posto di multinazionale mettete una a vostra scelta nei campi più disparati abbigliamento, etc.
          • prova123 scrive:
            Re: ma che concessioni e aumenti!
            Ovviamente queste informazioni erano già vere un paio di anni fa, ho la fortuna di avere a che fare con persone serie che conoscono tutti i movimenti a livello industriale. Google è solo un modo spicciolo di verificare gli effetti di queste politiche.
      • CiccioQuant aCiccia scrive:
        Re: ma che concessioni e aumenti!
        Ci sono già un sacco di cinesi che investono e lavorano in Africa da anni, sono arrivati prima loro ;)
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: ma che concessioni e aumenti!
      - Scritto da: il padrone delle ferriere
      Manganellate, polizia a cavallo e lacrimogeni! se
      no come facciamo noi grassi e decadenti
      occidentali a sfruttare la manodopera a basso
      costo? tocca spostarsi in
      africa!E' una vergogna...insegnare la disciplina ai neri sarà molto più dura che insegnarla ai cinesi ed agli asiatici in generale...
      • krane scrive:
        Re: ma che concessioni e aumenti!
        - Scritto da: Mela avvelenata
        - Scritto da: il padrone delle ferriere

        Manganellate, polizia a cavallo e

        lacrimogeni!
        se no come facciamo noi grassi e decadenti

        occidentali a sfruttare la manodopera

        a basso costo? tocca spostarsi in

        africa!
        E' una vergogna...insegnare la disciplina ai neri
        sarà molto più dura che insegnarla ai cinesi ed
        agli asiatici in generale...Ma va, hai mai provato a mettere in catene un cinese ? Con i neri l'abbiamo gia' fatto... (anonimo)
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: ma che concessioni e aumenti!
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: Mela avvelenata

          - Scritto da: il padrone delle ferriere


          Manganellate, polizia a cavallo e


          lacrimogeni!

          se no come facciamo noi grassi e decadenti


          occidentali a sfruttare la manodopera


          a basso costo? tocca spostarsi in


          africa!


          E' una vergogna...insegnare la disciplina ai
          neri

          sarà molto più dura che insegnarla ai cinesi
          ed

          agli asiatici in generale...

          Ma va, hai mai provato a mettere in catene un
          cinese ? Con i neri l'abbiamo gia' fatto...
          (anonimo)I neri si ribellano, c'hanno i machete...gli asiatici se ne stan tutti buoni buoni, è questione di indottrinamento (specie in Cina, ma anche in Giappone...)
          • krane scrive:
            Re: ma che concessioni e aumenti!
            - Scritto da: Mela avvelenata
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Mela avvelenata


            - Scritto da: il padrone delle ferriere



            Manganellate, polizia a cavallo e



            lacrimogeni!


            se no come facciamo noi grassi e
            decadenti



            occidentali a sfruttare la
            manodopera



            a basso costo? tocca spostarsi in



            africa!




            E' una vergogna...insegnare la
            disciplina
            ai

            neri


            sarà molto più dura che insegnarla ai
            cinesi

            ed


            agli asiatici in generale...



            Ma va, hai mai provato a mettere in catene un

            cinese ? Con i neri l'abbiamo gia' fatto...

            (anonimo)
            I neri si ribellano, c'hanno i machete...gli
            asiatici se ne stan tutti buoni buoni, è
            questione di indottrinamento (specie in Cina, ma
            anche in
            Giappone...)Vedo che non ricordi la storia...http://it.wikipedia.org/wiki/Schiavit%C3%B9_negli_Stati_Uniti_d%27America
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: ma che concessioni e aumenti!
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Mela avvelenata

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: Mela avvelenata



            - Scritto da: il padrone delle
            ferriere




            Manganellate, polizia a
            cavallo
            e




            lacrimogeni!



            se no come facciamo noi grassi e

            decadenti




            occidentali a sfruttare la

            manodopera




            a basso costo? tocca
            spostarsi
            in




            africa!






            E' una vergogna...insegnare la

            disciplina

            ai


            neri



            sarà molto più dura che insegnarla
            ai

            cinesi


            ed



            agli asiatici in generale...





            Ma va, hai mai provato a mettere in
            catene
            un


            cinese ? Con i neri l'abbiamo gia'
            fatto...


            (anonimo)


            I neri si ribellano, c'hanno i machete...gli

            asiatici se ne stan tutti buoni buoni, è

            questione di indottrinamento (specie in
            Cina,
            ma

            anche in

            Giappone...)

            Vedo che non ricordi la storia...

            http://it.wikipedia.org/wiki/Schiavit%C3%B9_negli_Oh, ricordo bene...Ricordo anche che gli schiavi neri erano molto apprezzati per la loro resistenza fisica superiore, e dunque molto adatti al lavoro nei campi in America, al contrario degli Indios, poco resistenti alle malattie importate dai "conquistadores" e alla fatica estrema a cui erano sottoposti dagli stessi...Inoltre ritengo che gli asiatici siano migliori lavoratori, almeno per quanto riguarda le fabbriche di componenti elettronici...
          • ChickenBaluba scrive:
            Re: ma che concessioni e aumenti!

            Inoltre ritengo che gli asiatici siano migliori
            lavoratori, almeno per quanto riguarda le
            fabbriche di componenti
            elettronici...Hanno le mani piccole
      • il padrone delle ferriere scrive:
        Re: ma che concessioni e aumenti!
        - Scritto da: Mela avvelenata
        - Scritto da: il padrone delle ferriere

        Manganellate, polizia a cavallo e
        lacrimogeni!
        se

        no come facciamo noi grassi e decadenti

        occidentali a sfruttare la manodopera a basso

        costo? tocca spostarsi in

        africa!

        E' una vergogna...insegnare la disciplina ai neri
        sarà molto più dura che insegnarla ai cinesi ed
        agli asiatici in
        generale...vero, i negri capiscono le bastonate e roba facile tipo raccogliere il cotone, ma a saldare componenti elettonici non ce li vedo. Ad ogni modo, un esperimento si puo' fare con un impianto-pilota. Se imparano si spostano macchinari e fabbriche in pochi mesi, diciamo 2 anni e si fa tutto e XXXXXXXXXX ai musi gialli che alzano la testa.
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: ma che concessioni e aumenti!
          - Scritto da: il padrone delle ferriere
          - Scritto da: Mela avvelenata

          - Scritto da: il padrone delle ferriere


          Manganellate, polizia a cavallo e

          lacrimogeni!

          se


          no come facciamo noi grassi e decadenti


          occidentali a sfruttare la manodopera a
          basso


          costo? tocca spostarsi in


          africa!



          E' una vergogna...insegnare la disciplina ai
          neri

          sarà molto più dura che insegnarla ai cinesi ed

          agli asiatici in

          generale...

          vero, i negri capiscono le bastonate e roba
          facile tipo raccogliere il cotone, ma a saldare
          componenti elettonici non ce li vedo.Nemmeno io...magari col tempo, chissà!
          Ad ogni
          modo, un esperimento si puo' fare con un
          impianto-pilota. Se imparano si spostano
          macchinari e fabbriche in pochi mesi, diciamo 2
          anni e si fa tutto e XXXXXXXXXX ai musi gialli
          che alzano la
          testa.Mi sembra un piano ragionevole...
  • prova123 scrive:
    A questo punto ...
    non ha più senso investire in Cina. Tanto dopo le leggi Fornero le condizioni lavorative di XXXXX le abbiamo anche qua.
    • BeetleJuice scrive:
      Re: A questo punto ...
      - Scritto da: prova123
      non ha più senso investire in Cina. Tanto dopo le
      leggi Fornero le condizioni lavorative di XXXXX
      le abbiamo anche
      qua.Ma non sai che il salvatore della patria Monti l'ha fatto per noi?
      ;
      ;)
Chiudi i commenti