Lavoro? C'è un'app per questo

Dal 2007, l'economia delle applicazioni mobile avrebbe permesso la creazione di quasi 500mila posti di lavoro. Gongolano sviluppatori e designer. Al primo posto degli stati virtuosi c'è la California
Dal 2007, l'economia delle applicazioni mobile avrebbe permesso la creazione di quasi 500mila posti di lavoro. Gongolano sviluppatori e designer. Al primo posto degli stati virtuosi c'è la California

Si intitola Dove sono i posti di lavoro: l’economia delle app ed è uno studio condotto da TechNet, gruppo bipartisan formato da CEO e senior executive dell’universo high-tech a stelle e strisce. Alla fine del 2011, lo sviluppo – e relativa distribuzione – delle applicazioni mobile avrebbe permesso all’economia statunitense di guadagnare 466mila nuovi posti di lavoro .

Un colossale boom rispetto a cinque anni fa, quando dispositivi come iPhone dovevano ancora aggredire alla giugulare il mercato della telefonia cellulare. Da zero a quasi 500mila nuove occupazioni dal non tanto lontano 2007 . I meandri operativi di iOS e Android avrebbero dunque permesso a programmatori, designer ed esperti di marketing di trovare ulteriori sbocchi lavorativi.

Dal colosso del social gaming Zynga al produttore di videogame Electronic Arts, per non dimenticare le stesse Apple e Google, passando per Facebook. I grandi protagonisti della app economy avrebbero garantito agli sviluppatori preziose opportunità di lavoro. Ovviamente a partire dai dati offerti da Nielsen: il 62 per cento dei possessori statunitensi di smartphone scarica applicazioni ogni mese .

E la palma di stato più virtuoso è ovviamente andata alla California, responsabile del 23,8 per cento del totale dei mestieri legati alle applicazioni mobile . In continua crescita il contributo offerto dalle aree metropolitane di Manhattan, New Jersey e Long Island con una percentuale di quasi 10 punti.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 02 2012
Link copiato negli appunti