Lavoro IT: gli europei i più pagati

La Svizzera il paese in cui i lavoratori IT sognano di emigrare; la maglia nera al Vietnam, che retribuisce un manager del settore con 12mila euro l'anno
La Svizzera il paese in cui i lavoratori IT sognano di emigrare; la maglia nera al Vietnam, che retribuisce un manager del settore con 12mila euro l'anno

Sono europei i primi cinque paesi che retribuiscono più
profumatamente i professionisti IT. Ad annunciarlo, un’ indagine Mercer che ha analizzato gli stipendi lordi annuali dei dipendenti di oltre 6500 aziende in 35 paesi del mondo.

Prima fra tutti la Svizzera , le cui aziende retribuiscono con gli stipendi più cospicui tutti i dipendenti della sfera IT. Un manager IT percepisce in media 111mila euro l’anno : dieci volte le retribuzioni dell’ultimo paese in classifica, il Vietnam , che per gli stessi lavori di responsabilità assegna uno stipendio di 12mila euro l’anno . Certo, Vietnam e Svizzera sono due nazioni con storie e caratteristiche completamente differenti, basti confrontare il PIL pro capite dei due stati: stando ai dati offerti dal fondo Monetario Internazionale, la Svizzera figura al settimo posto, mentre il Vietnam si colloca al 122esimo.

La Svizzera è seguita da Danimarca, Belgio , Regno Unito e Irlanda , con stipendi annuali che oscillano fra i 97mila e gli 85mila euro. Si collocano al sesto posto gli Stati Uniti, con retribuzioni medie annuali di 84.650 euro, seguiti dalla Germania , sesta della rosa dei paesi dell’Europa occidentale a comparire nella classifica delle retribuzioni più appetibili per i manager IT.

A seguire sfilano Canada, con retribuzioni che si aggirano intorno ai 74mila euro; Hong Kong, il primo paese asiatico della classifica; Australia, che assegna ai dirigenti IT una media di 70mila euro all’anno.

Sono invece principalmente orientali i dieci paesi in cui i professionisti dell’Information Technology percepiscono le retribuzioni meno generose , spiega Neo Siew Khim, rappresentante di Mercer per i mercati asiatici: oltre al Vietnam, nella poco meritoria classifica figurano Filippine, India, Indonesia, Cina e Malaysia, con stipendi che non sfiorano i 30mila euro l’anno. Appartiene però all’Unione Europea il paese che, dopo il Vietnam, retribuisce meno i suoi manager IT: è la Bulgaria, con stipendi annuali che si aggirano intorno ai 17mila euro.

La storia si ripete se dalle retribuzioni dei manager si passano ad osservare quelle degli impiegati di livello inferiore: fanno di nuovo gola gli stipendi offerti dalle aziende svizzere, 71mila euro l’anno, mentre sono ancora gli impiegati vietnamiti a percepire i salari meno cospicui, che non sfiorano i 4mila euro. Una tendenza che Mercer imputa al progressivo outsourcing degli impieghi di basso livello presso regioni in cui il costo del lavoro è più contenuto: nei paesi con la forza lavoro più esigente si concentrano professionisti pure di basso livello, ma con competenze specialistiche, che come tali necessitano di essere retribuite.

È nei paesi in cui gli stipendi medi sono più bassi che si osserva, in proporzione, una differenza più marcata tra le retribuzioni accordate ai manager e ai dipendenti su cui gravano meno responsabilità. Un trend che un analista di Mercer spiega con le differenti strategie che le aziende sviluppano per ricompensare i dipendenti: se sul mercato del lavoro occidentale si punta su avanzamenti di carriera e benefit che non hanno un corrispettivo in denaro, in oriente si pone l’accento soprattutto sulla retribuzione.

L’Italia? Persa nel calderone degli stati le cui aziende retribuiscono senza infamia e senza lode. Compensi che i dipendenti del settore non ritengono adeguate : la classifica di Mercer non fa alcun accenno al costo della vita nei paesi presi in considerazione.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 10 2007
Link copiato negli appunti