Le prossime tappe di Windows Phone 7

Gemellaggio con Kinect, multitasking esteso e una versione tascabile di IE9. Ecco le nuove funzioni in arrivo sulla piattaforma mobile Microsoft

Roma – Dopo aver trovato nuovi adepti , il sistema operativo mobile messo a punto dai tecnici di Redmond si prepara ad affrontare nuove sfide caricando l’arco con ulteriori frecce. Gli attesi aggiornamenti dei prossimi mesi colmeranno una serie di lacune , tra copia-incolla, supporto alle reti CDMA e multitasking esteso alle app di terze parti, ma nel corso dell’anno arriveranno delle vere funzioni esclusive pensate per fidelizzare i clienti Microsoft.

Durante la conferenza del Mobile World Congress spagnolo si è parlato infatti di un Windows Phone 7 pronto a interagire con le “movimentate” applicazioni Kinect dell’Xbox 360. Attualmente, gli smartphone Microsoft possono già gestire il profilo dell’account Xbox Live ma nella tech demo mostrata ieri il dispositivo touch veniva usato proprio come una sorta di joypad per entrare davvero in partita, contro il giocatore in piedi di fronte alla TV.

Ora toccherà ovviamente alle software house tirar fuori tutte le potenzialità di questo particolare gemellaggio, ma dato che Microsoft sembra intenzionata ad utilizzare il suo controller di movimento anche in altri ambiti , l’intrigante comunicazione tra telefono e Kinect potrebbe perfino andare oltre i videogiochi.

I futuri update di WP7 continueranno ovviamente ad insistere sui modi per inviare e ricevere informazioni in modo dinamico, e su quei servizi che aiutano gli utenti a restare in contatto. Dopo l’integrazione con la “nuvola” di SkyDrive , BigM posizionerà l’applicazione Twitter direttamente nell’Hub “People” e porterà sui dispositivi mobile la nuova tecnologia alla base di Internet Explorer 9 . La prossima edizione tascabile del browser supporterà l’accelerazione grafica hardware e i più recenti standard web.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gnacca scrive:
    mi fate sbellicare
    Povero ruppolo da solo in mezzo ai Applenemici.! XDGuarda non vale nemmeno la pena rispondere loro. Come non vale nemmeno affiancarsi a te per difendere Apple.Dimostrate tutti di non aver capito una mazza dell'argomento.Da MacDeluso, windowsiano flamer che si ammanta di un patetico e scontato nickname per vomitare il più scontato commento a Marco e soci che tergiversano con parabole dal vago nesso.Forse Apple sta facendo qualcosa ruppolo, o forse no. Se lo fa lo fa per l'immagine. Perchè?Perché Apple non è un ONG umanitaria come non lo sono IBM o Acer.Le fabbriche che costruiscono i loro prodotto non sono loro, sono appaltate, se fanno qualcosa di moralmente sbagliato non è colpa di Apple, IBM, Acer o Microsoft. Oppure pensate che le manine di bimbo siano necessarie al ludibrio di tali aziende ed obbligano gli appaltatori a procurargliele? XDPer finire: bimbo? Si parla di età minina del lavoro a 16 anni! In italia fino al 2007 era a 14 anni!Leggete meglio prima di infuocarvi.Grazie a punto informatico per le info dettagliate (che nessuno pare leggere).
    • Deus Ex scrive:
      Re: mi fate sbellicare
      Direi che sbagli. Quando si parla di responsabilità sociale, come in questo caso, è dovere dell'azienda controllare i propri fornitori e in caso di escluderli qualora non rispettino certi standard.
      • ruppolo scrive:
        Re: mi fate sbellicare
        - Scritto da: Deus Ex
        Direi che sbagli. Quando si parla di
        responsabilità sociale, come in questo caso, è
        dovere dell'azienda controllare i propri
        fornitori e in caso di escluderli qualora non
        rispettino certi
        standard.E secondo te quante aziende italiane hanno tale responsabilità?
        • Deus Ex scrive:
          Re: mi fate sbellicare
          Beh ce ne sono diverse, te lo assicuro, visto che lavoro nel settore.Evidentemente il programma di corporate social responsibility di Apple, se esiste, non è implementato bene o è incompleto.
      • Gnacca scrive:
        Re: mi fate sbellicare
        lo standard che un cliente controlla è come realizzato ciò che chiede al fornitore.Non può essere il cliente il poliziotto della morale del proprio fornitore. Ci dovranno pensare pure le autorità cinesi, no? Siete davvero così miopi?E poi è un po' da ipocriti chiamare bambini quelli che fino a poco fa anche noi italiani chiamavamo lavoratori.
  • MacDeluso scrive:
    Certo come no..
    Tutti bianchi e perfettini e politicamente corretti in occidente, think different di qua e di là poi bellamente come tutti gli altri ammazzano di lavoro dei poveracci attraverso le loro commesse in cina...Che schifo.. mai più mac, preferisco una IBM o una Acer che si limitano a fare quello che fanno senza ipocrisie..
    • Marco scrive:
      Re: Certo come no..
      Tu conosci quella storiella del maiale che vedendo un cavallo che faticava a tirare il carro si mise a prenderlo in giro dicendo che lui non faceva nulla e prendeva vitto a alloggio?(come dici tu)Sai che fece il cavallo? Lo guardò bene poi disse: "Tu non sei lo stesso dell'anno scorso, vero?"
      • ruppolo scrive:
        Re: Certo come no..
        - Scritto da: Marco
        Tu conosci quella storiella del maiale che
        vedendo un cavallo che faticava a tirare il carro
        si mise a prenderlo in giro dicendo che lui non
        faceva nulla e prendeva vitto a alloggio?(come
        dici
        tu)
        Sai che fece il cavallo? Lo guardò bene poi
        disse: "Tu non sei lo stesso dell'anno scorso,
        vero?"Conosco la storiella, ma ti si rivolta contro:È il cavallo che viene sfruttato per lavorare ogni giorno, ricevendo in cambio vitto e alloggio.E il maiale, nel nostro caso non viene ucciso, perché rappresenta il cliente che deve continuare ad acquistare.Quindi la differenza rimane lo sfruttamento: maiale non sfruttato, cavallo sfruttato.
        • Marco scrive:
          Re: Certo come no..
          A te la logica non fa una grinza vero?Secondo te perché vengono allevati i maiali? Forse per bellezza? O forse per farci il prosciutto?
          • ruppolo scrive:
            Re: Certo come no..
            - Scritto da: Marco
            A te la logica non fa una grinza vero?
            Secondo te perché vengono allevati i maiali?
            Forse per bellezza? O forse per farci il
            prosciutto? E il maiale, nel nostro caso non viene ucciso, perché rappresenta il cliente che deve continuare ad acquistare.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Certo come no..

            E il maiale, nel nostro caso non viene
            ucciso, perché rappresenta il cliente che deve
            continuare ad
            acquistare. Un signore vede in una fattoria un maiale con una gamba di legno. Il contadino spiega: "Gli siamo cosi' affezionati che non abbiamo il coraggio di ucciderlo... così lo mangiamo un po' alla volta!".
        • platone-faust scrive:
          Re: Certo come no..
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Marco

          Tu conosci quella storiella del maiale che

          vedendo un cavallo che faticava a tirare il
          carro

          si mise a prenderlo in giro dicendo che lui non

          faceva nulla e prendeva vitto a alloggio?(come

          dici

          tu)

          Sai che fece il cavallo? Lo guardò bene poi

          disse: "Tu non sei lo stesso dell'anno scorso,

          vero?"

          Conosco la storiella, ma ti si rivolta contro:

          È il cavallo che viene sfruttato per lavorare
          ogni giorno, ricevendo in cambio vitto e
          alloggio.
          E il maiale, nel nostro caso non viene ucciso,
          perché rappresenta il cliente che deve continuare
          ad
          acquistare.

          Quindi la differenza rimane lo sfruttamento:
          maiale non sfruttato, cavallo
          sfruttato.la conoscerai anche, ma la morale non l'hai capita...
Chiudi i commenti