Lecce, moltissimi denunciano bollette gonfiate

Lo Sportello dei Diritti torna a dare i numeri, questa volta relativi alle bollette che clienti di diverse società TLC lamentano di aver ricevuto, senza aver mai usato i numeri a sovrapprezzo che le hanno determinate

Lecce – Lo Sportello dei Diritti della Provincia di Lecce torna a far parlare di sé grazie alle moltissime segnalazioni raccolte da utenti telefonici della zona, segnalazioni che testimoniano come il fenomeno delle “bollette pazze” sia lontano dall’esaurirsi.

I responsabili dello Sportello , da tempo impegnati per i diritti dei cittadini consumatori, spiegano che decine gli utenti della zona lamentano di non aver utilizzato quei servizi telefonici a sovrapprezzo che hanno determinato l’arrivo al loro domicilio di bollette esose da parte di diversi operatori. In alcuni casi gli utenti non sapevano di utilizzare quei numeri, un fenomeno ben noto e dovuto in particolare ai dialer malevoli , i programmini pensati per riconfigurare la connessione ad Internet dei malcapitati, dirottata su servizi di accesso generalmente molto costosi.

Non è la prima volta che il servizio provinciale di raccolta delle segnalazioni denuncia le bollette gonfiate, era già accaduto sul mai risolto problema dialer . La buona notizia è che di questi importi si può ottenere il rimborso.

Lo spiega Carlo Madaro, responsabile dello Sportello dei Diritti, che in una nota lamenta come le società telefoniche “non hanno fatto grandi passi verso una più compiuta tutela degli utenti disabilitando in via generalizzata la possibilità di effettuare chiamate verso numeri a tariffazione speciale del tipo 144, 166, 899 ecc. o verso numeri satellitari, consentendola al contrario solo a chi ne faccia esplicita richiesta”. Per questo la Provincia di Lecce nei propri uffici offre i moduli che servono per richiedere lo storno degli addebiti, moduli che dovranno essere inviati per raccomandata alle compagnie telefoniche.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti