Legge Urbani, approvate le modifiche

Nessuna depenalizzazione per chi condivide ma passa il principio dell'oblazione. Ecco il quadro della normativa così come esce modificata dal disegno di legge appena approvato. FIMI: bene così


Roma – Dopo lunga, lunghissima attesa sono finalmente state approvate dalla Camera in via definitiva le sospirate modifiche alla Legge Urbani , modifiche contenute nel DDL 3276-B che trasforma la normativa contro il file sharing. Novità assai limitate rispetto a quanto a suo tempo promesso dallo stesso ministro Urbani e successivamente dai suoi colleghi di Governo.

La normativa così modificata prevede le sole sanzioni amministrative per chi si limita a scaricare dalla rete contenuti protetti. Le sanzioni diventano penali se l’utente invece condivide con altri utenti via Internet materiali tutelati dal diritto d’autore.

Va sottolineato che il penale viene attribuito anche alla condivisione che non abbia scopo di lucro oltreché, più ovviamente, a chi condivide a scopo di profitto.

Nei fatti questo significa che l’uso dei principali sistemi di file sharing può inguaiare penalmente l’utente che li utilizzi con contenuti protetti: che si tratti dei software eDonkey o BitTorrent, vale a dire due delle piattaforme più utilizzate, infatti, chi li usa condivide anche quando scarica , un fatto che non ha però condizionato in alcun modo i promotori del provvedimento.

Le modifiche comprendono anche l’ oblazione di cui a lungo si è parlato, ovvero la possibilità di pagare un’ammenda e le spese procedurali per estinguere il reato commesso, quello appunto di condivisione. Una misura che non cancella però il reato in quanto tale, destinato a rimanere nel certificato penale del soggetto.

L’oblazione potrà essere effettuata o prima del procedimento o prima del decreto penale di condanna. In questo secondo caso le possibilità di avvalersene sono assai ridotte : non è infatti infrequente che solo quando si riceve la notifica del decreto penale si viene a conoscenza che questo è stato emesso. E’ dunque arduo capire come o quando una persona accusata di tale reato dovrebbe essere in grado di ricorrere all’oblazione.

Un quadro completo della nuova normativa è stato realizzato dall’avv. Daniele Minotti: Legge Urbani, ecco cosa cambia .

Dell’approvazione della nuova legge Punto Informatico ha potuto parlare con Enzo Mazza della FIMI , la Federazione dell’industria musicale italiana, secondo cui “le modifiche alla legge Urbani come approvate con il recente Decreto legge mettono definitivamente ordine nel sistema sanzionatorio garantendo un meccanismo di deterrenza graduato e che mantiene l’efficacia penale contro le violazioni legate al file sharing”.

Secondo Mazza “le iniziative antipirateria online, che stanno continuando anche nel nostro paese, potranno così ricevere nuovo impulso in un contesto di maggiore certezza legislativa”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Magari hanno anche ragione
    Si, magari hanno anche ragione di combattere i divx che girano sul p2p, pero' ora tutti a dire regole ferree ecc. ecc. ma poi gli fanno comodo tutti i contributi e le agevolazione che prende tutto il cinema.la cosa scandalosa non e' questa legge (anche se e' iniqua), ma il fatto che il parlamento gestisca i soldi pubblici, dichiari che le cose cambieranno e poi come al solito fanno solo i loro comodi.Un solo esempio: bisogna dare contributi per aiutare il cinema in crisi (e cosi regalano soldi). pero' poi non se ne parla di tutelare il made in italy, anzi meglio chiudere (delocalizzare) e aprire in Cina, cosi poi noi Italiani come campiano se non c'e' piu' lavoro ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Magari hanno anche ragione
      Temo che occorrerà reinventarsi, anche se l'idea non piace molto neanche a me.Il vero problema nascerà (e ce ne renderemo conto, sì che ce ne renderemo conto) quando le cosiddette nazioni in via di sviluppo acquisiranno il know how e faranno concorrenza o, peggio ancora, inonderanno i nostri patent office con brevetti che ci bloccheranno fuori.In sintesi, ci stiamo impiccando da soli. Ma questo è un po' off-topic.
  • Anonimo scrive:
    walter vaccino
    un uomo,un perchè! :)volevo sapere proprio la tua opinione,senza non sarei riuscito a dormire! :)
  • Anonimo scrive:
    ANNATELO
    A PIJA NER CULO!
  • Anonimo scrive:
    Cinema
    Io ho smesso di andarci, vista la BASSISSIMA qualità dei film proposti.Se si vogliano lamentarsi, se la prendano con :1) Costo del biglietto2) Relative tasse3) DVD in uscita dopo max 3 mesi4) Costi del Popcorn ( questi sono pazzi !!! ci vuole un mutuo per popcorn e coca ....)5) Home TeatherIl P2P proprio è l' ultimo .......
  • Anonimo scrive:
    Disinformazione! p2p!=pirateria
    Attenti, questi stanno giocando su questa carta adesso , come quella del furto.Gli serve per confondere coloro che non sanno come funziona.
    • Anonimo scrive:
      Re: Disinformazione! p2p!=pirateria
      - Scritto da: Anonimo

      Attenti, questi stanno giocando su questa carta
      adesso , come quella del furto.
      Gli serve per confondere coloro che non sanno
      come funziona.Stai dimenticando p2p = "covo di pedofili"Pure questa carta funge assai bene
  • Anonimo scrive:
    Bisognerà spiegare ai giovani...
    ... che i loro idoli sono disposti a mandarli in galera per potersi pagare l'idromassaggio nella piscina. E allora vedrete come caleranno a picco gli introiti della pubblicità.
  • robbino scrive:
    O ci fai O ci sei
    Forse bisogna spiegare (piu' che ai giovani) ai vecchietti dell'ANEC, SIAE, MAJOR, che noi giovani e i meno giovani per vivere hanno/abbiamo bisogno di mangiare, vestirci e pagare le tasse ... mentre del cinema e dei film possiamo farne a meno. Mentre LORO! per vivere hanno bisognio dei NOSTRI soldi e finche' i LORO prezzi resteranno in competizione con il costo della carne, del pane, dei vestiti e delle quotidianita' , i NOSTRI soldi verranno spesi PRIMA per le NOSTRE necessita' e poi per LORO FUTILITA'.Forse e' meglio che inizino a far crollare i prezzi dei loro prodotti cosi otterrano la scomparsa dei pirati contestualmente all'aumento delle loro vendite mantenendo invariati i guadagni. Vendere 100 pezzi a 25 euro e guadagnare 2.500 o venderne 2500 a 1 euro per guadagnare sempre 2.500 euro non gli cambia la vita ... certo se li avessere pototui vendere a 25 .... nessuno li avrebbe comprati visto che devo magna' oppure visto che si trovano a 1 euro sulle bancarelle dei vucumpra' Le cifre sono solo a titolo indicativo perche' se dovessi comprare ad un eruo qualsiasi film o album ... probabilmente spenderei molto piu' di quanto non faccia ora.
    • Anonimo scrive:
      Re: O ci fai O ci sei
      Dimostriamogli che possiamo fare a meno di loro.
      • Anonimo scrive:
        Re: O ci fai O ci sei
        Appunto. Secondo me chi c'è davvero sono i consumatori.1) Niente acquisti, niente fama;2) Niente download, niente fama;3) Niente fama = niente soldi.Ergo: non comprare, non scaricare. Magari comprate dalle etichette indipendenti, che di bella musica ne hanno e costano molto meno.
  • Anonimo scrive:
    Al Rogo! Al Rogo!
    Siano bruciati gli eretici p2pisti sull'altare delle Santissime Major !E' finalmente giunto il momento della Purificazione !!!Onore e Gloria al Deus ex Machina
    • Anonimo scrive:
      Re: Al Rogo! Al Rogo!
      - Scritto da: Anonimo
      Siano bruciati gli eretici p2pisti sull'altare
      delle Santissime Major !
      E' finalmente giunto il momento della
      Purificazione !!!

      Onore e Gloria al Deus ex MachinaLode !!! Lode !!! Lode !!!Lode alla Santissima Trinità Berlusconi / Urbani / Mazza !!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Al Rogo! Al Rogo!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Siano bruciati gli eretici p2pisti sull'altare

        delle Santissime Major !

        E' finalmente giunto il momento della

        Purificazione !!!



        Onore e Gloria al Deus ex Machina

        Lode !!! Lode !!! Lode !!!

        Lode alla Santissima Trinità Berlusconi / Urbani
        / Mazza !!!!!Sia lodato Democristo.Sempre sia lodato.
        • Anonimo scrive:
          Re: Al Rogo! Al Rogo!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Siano bruciati gli eretici p2pisti sull'altare


          delle Santissime Major !


          E' finalmente giunto il momento della


          Purificazione !!!





          Onore e Gloria al Deus ex Machina



          Lode !!! Lode !!! Lode !!!



          Lode alla Santissima Trinità Berlusconi / Urbani

          / Mazza !!!!!

          Sia lodato Democristo.
          Sempre sia lodato.Sia lodato anche quelsanto di Previti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Al Rogo! Al Rogo!
            Inutile che continuate a fare gli imbecilli. Se faceste gli sviluppatori e vi rubassero il software, vi incazzereste esattamente come i discografici; se fotocopiate i libri all'università, commettete lo stesso reato.Non capisco quindi tutto affanno a difendere una posizione che di per sè è indifendibile, indipendentemente dalle opinioni politiche.Continuate a fare i cazzoni, ma ciò su cui si può discutere è il fatto che la pena è sproporzionata, nient'altro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Al Rogo! Al Rogo!
            Si puo discutere sia sul fatto che la pena e sproporzionata, sia sul fatto che la roba costa veramente e troppo e costringe a macchiarsi di un reato
          • Anonimo scrive:
            Re: Al Rogo! Al Rogo!
            - Scritto da: Anonimo
            Inutile che continuate a fare gli imbecilli. Sarai intelligente tu.
            Se
            faceste gli sviluppatori e vi rubassero il
            software, vi incazzereste esattamente come i
            discografici; Io scrivo software, open source, e nessuno me lo ruba.C'e' gente che lo scarica, che lo usa, che lo apprezza e che mi commissiona varianti e personalizzazioni che vendo a tempo.
            se fotocopiate i libri
            all'università, commettete lo stesso reato.Libri = cultura. La cultura deve essere libera.Gli autori dovrebbero mettere a disposizione i loro testi in pdf e chi e' interessato li scarica e paga direttamente l'autore, se e' interessato al solo contenuto (uno che fa le fotocopie non gli frega niente della qualita' della carta e della rilegatura).Chi invece vuole un bel testo rilegato e bella carta lo acquista in libreria come al solito.
            Non capisco quindi tutto affanno a difendere una
            posizione che di per sè è indifendibile,
            indipendentemente dalle opinioni politiche.Bravo. Per quale major/casa editrice/banda di parassiti lavori tu?
            Continuate a fare i cazzoni, ma ciò su cui si può
            discutere è il fatto che la pena è
            sproporzionata, nient'altro.Certo, considerando che recentemente hanno inasprito il massimo della pena per omicidio colposo in caso di incidente stradale a ben 3 anni!Pensa: uno che guida ubriaco, mentre manda sms col telefonino, fa un incidente e ammazza un padre di famiglia, si becca fino a 3 anni, che con un buon avvocato si prende il minimo della pena che neanche sconta per via della condizionale.Se invece ti trovano un mp3 nell'I-Tune, flagranza di reato, 4 anni di gabbio.E la cosa piu' disgustosa e' che chi fa veramente pirateria di diritto d'autore, vale a dire la malavita organizzata che produce i CD e li distribuisce coi marocchini alle stazioni, quella restera' sempre impunita.
Chiudi i commenti