LG Optimus 2X, lo smartphone che vale per due

Svelato il potente device Android con processore dual-core, in arrivo sul mercato coreano. Avrà uno schermo da 4 pollici e la possibilità di registrare video Full-HD

Roma – LG Electronics tira fuori dal cilindro il primo smartphone al mondo dotato di processore dual-core. Sotto il cuore dell’Optimus 2X batte infatti un system-on-chip Nvidia Tegra 2 , che gira ad 1 GHz. Tutta questa potenza verrà utilizzata per rendere più fluida la navigazione sul web e sostenere le applicazioni multitasking, anche in alta definizione.

L’ Optimus 2X , precedentemente noto come “Star”, includerà infatti l’uscita HDMI e potrà gestire/registrare video in Full-HD, nei formati MPEG-4 e H.264. La dotazione hardware prevede una fotocamera principale (8 megapixel) e un obbiettivo frontale (1.3MP) dedicato principalmente alle videochiamate. Lo schermo LCD (WVGA) da 4 pollici di diagonale, assicurerà una visione da “tablet” allo smartphone LG.

Considerando il “peso” dei filmati 1080P, quegli 8 GB di memoria integrata appaiono leggermente sottotono. Lo slot microSD consentirà comunque di espandere lo storage. All’uscita sul mercato asiatico, prevista per gennaio, lo smartphone si presenterà con Android 2.2 (Froyo), ma LG è già pronta ad aggiornare il sistema operativo alla versione 2.3 (Gingerbread). Il prezzo del nuovo dispositivo LG non è ancora noto, così come non è nota l’autonomia della batteria da 1500 mAh.

Un filmato comparativo (ufficioso) postato su YouTube confronta l’Optimus X2 con un iPhone 4 e un Samsung Galaxy S. Prestazioni a parte, sembra proprio che il terminale LG sarà uno dei più “ingombranti” sulla piazza. Ovviamente, la volontà di costruire “telefoni” sempre più potenti, in grado di gestire applicazioni da computer, non si discute. Ma la corsa al display super-wide inizia ad impensierire. I tempi in cui il cellulare più cool era grande quanto un “dattero”, sembrano lontani anni luce.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Dan scrive:
    Assange è il vero uomo dell'anno.
    Non c'è dubbio è Assange il vero uomo del 2010. Zuckone non è una novità , facebook esisteva già da qualche anno e quindi la nomina di Zuckone è obsoleta. Il Time è un giornale al servizio di finanziatori conservatori e reazionari. La sua nomina non vale un fico secco.Meditate.
  • cognome scrive:
    L'UNNO dell'anno
    Piu che uomo dell'anno, la definizione giusta è Unno dell'anno.Quello che ha devastato i rapporti interpersonali, ha sminuito il significato del termine "amicizia" e molto altro ancora.Ma è anche vero che le masse hanno sempre bisogno di un capo.Lui lo sa molto bene.Join facebook now, unno! :s(mi sa che la capiscono in pochi, sopratutto i faceboccaloni che girano anche qui)Salumi.
  • Franco Franchi scrive:
    500 milioni? basta crederci...
    Ma qualcuno si è mai chiesto se quel numero di 500 milioni di presunti iscritti a FecciaBuk sia reale o inventato al tavolino per far crescere il valore delle azioni e accontentare gli azionisti? E per far sentire degli associali e falliti quelli che non si sono ancora iscritti e che ora più volentieri danno i propri dati personali al FB?E che dire di quei profili fittizzi aperti e mai più usati? Io li avrò aperto almeno 5-6 usa-e-getta (ed esaurito il loro scopo sono rimasti li a marcire e fare il numero) per ansare a vedere determinate cose o persone (ottimo per vedere chi è quello che ti manda il suo CV per candidarsi per la posizione aperta nella tua azienda e scartare subito i XXXXXni (anche se, devo dire, già il fatto che è iscritto a FB, ehm...))?Gente, non bisogna credere che tutte le cose che dicono sono vere, eh...Soprattutto in questo caso sento puzza di marcio.
    • dancan scrive:
      Re: 500 milioni? basta crederci...
      il fatto che qualcuno sia iscritto a facebook, non implica che sia un perdigiorno, non credi? e poi, vorresti dirmi che uno che io non autorizzo, puo vedere i dati che io pubblico su facebook? non tutti sono cosi sprovveduti da non settare le impostazioni. io su facebook ci sono da anni. pochi amici, tutta gente che conosco dai tempi delle bbs. tutta gente che so chi sia. e di certo non faccio a gara a chi ha piu 'contatti'. quindi, chi cerca info su di me su facebook, nn trova una beata fava. e poi, i profili lavorativi, che sappia io, li cerchi su linkedin, non su fb. fb è un sito fatto da un americano, per gli americani. con tutte le implicazioni del caso. con una nota: se vuoi trovare i tuoi amici, li cerchi con il loro nome. quello reale. punto. non è la struttura in se, ma come viene usata. tutto li. quando c'erano le bbs, le cose erano diverse. pi su irc. poi adesso su fb. o per socializzare e dire XXXXXXXte, o per scambiarsi idee. non ci vedo tutto questo male. ovvio che se non sei capace di regolarti nelle cose che posti e che pubblichi.... fb fa i soldi con al pubblicità e con la vendita dei dati personali. basta saperlo. o sbaglio? basta solo un kinimo di testa nel fare le cose. il boom di fb quest'anno è evidente. era logico che ci finisse lui, e non assange. come sempre, la pubblicità determina risultati. anche se assange ha fatto cose pregevoli, se ne è parlato poco. ovivo che quell'onorificenza ( che non conta niente) vada a chi ha fatto parlare piu di se.
      • fuck book scrive:
        Re: 500 milioni? basta crederci...
        - Scritto da: dancan
        il fatto che qualcuno sia iscritto a facebook,
        non implica che sia un perdigiorno, non credi? no infatti... oltre che perdigiorno può anche essere un minus habens o qualcuno che, in qualche modo, vuol fare danni agli altri...qualsiasi altra possibilità è da escludersi categoricamente
        poi, vorresti dirmi che uno che io non autorizzo,
        puo vedere i dati che io pubblico su facebook?hai voglia! tanto per incominciare lo fanno i dipendenti di fb e tutti quelli a cui fb vende i tuoi dati... anzi i suoi dati (visto che usando fb hai accettato di regalargli i dati e il diritto di sfruttarli in eterno)
        non tutti sono cosi sprovveduti da non settare le
        impostazioni. io su facebook ci sono da anni.si si... beata ingenuità...ma ci sei o ci fai?
        pochi amici, tutta gente che conosco dai tempi
        delle bbs. tutta gente che so chi sia. e di certo
        non faccio a gara a chi ha piu 'contatti'.
        quindi, chi cerca info su di me su facebook, nn
        trova una beata fava. ah no? incrociando i dati presi dai profili dei tuoi amici si trova facilmente chi sei, dove vivi, che abitudini hai ecc. ecc. ... e adesso, analizzando le foto presenti nel tuo profilo ed in quelli dei tuou amici, mr. zuckkone può anche associare il tuo nome alla tua faccia...
        e poi, i profili
        lavorativi, che sappia io, li cerchi su linkedin,ah... altra bella idea! complimenti!ti frusti anche sul didietro prima di andare a nanna ogni notte?
        non su fb. fb è un sito fatto da un americano,
        per gli americani. con tutte le implicazioni del
        caso. ahaahahahh... peccato che gli "utenti" sono in tutto il mondo e la maggior parte non sono statunitensi
        con una nota: se vuoi trovare i tuoi amici,
        li cerchi con il loro nome. quello reale. punto.
        non è la struttura in se, ma come viene usata.è *anche* la struttura in se... che ha delle policy assurde sulla titolarità e l'uso dei tuoi (anzi, ora suoi) dati, che è finanziata da entità diciamo "discutibili", che a sua volta finanzia "cosucce" abbastanza immonde...
        tutto li. quando c'erano le bbs, le cose erano
        diverse. pi su irc. poi adesso su fb. o per
        socializzare e dire XXXXXXXte, o per scambiarsi
        idee. non ci vedo tutto questo male. ovvio che se
        non sei capace di regolarti nelle cose che posti
        e che pubblichi.... già... ma il fatto è che il 99.9% di chi usa questi "strumenti" la fa in modo totalmente inconsapevole
        fb fa i soldi con al
        pubblicità e con la vendita dei dati personali.
        basta saperlo. o sbaglio?
        basta solo un kinimo di
        testa nel fare le cose.e invece no, non basta saperlo e stare attenti a cosa si posta: fb (come google, come yahoo ecc. ecc.) ti traccia e profila comunque...
        il boom di fb quest'anno
        è evidente. era logico che ci finisse lui, e non
        assange. come sempre, la pubblicità determina
        risultati. non si chiamano risultati, si chiamano ingiustizie, condizionamento e controllo sociale, disuguaglianze, oppressione ecc. ecc.
        anche se assange ha fatto cose
        pregevoli, se ne è parlato poco. eeeeehhh????????????????se ne è parlato pocooooooooooooo?????????????vivi ancora sulla terra o ti sei del tutto trasferito sul pianeta fb?
        ovivo che
        quell'onorificenza ( che non conta niente) vada a
        chi ha fatto parlare piu di
        se.ovvio che Time serve, consapevolmente, il potere...meno ovvio (per troppe persone) che chi usa fb fa esattamente lo stesso, anche se quasi sempre inconsapevolmente...
  • Saltapecchi o scrive:
    Assange e Zuckerberg
    Wikileaks e Facebook, che per il Time sono due facce della stessa medaglia. In Wikileaks c'è un po' di quella Internet che sperava di cambiare il mondo, mentre Facebook è la massa che sta cambiando Internet. Facebook è la controrivoluzione.
  • Marco Pintus scrive:
    Nobel per la Pace
    Non si capisce cosa si aspetti ad assegnare a Mark Zuckerberg anche il premio Nobel per la Pace.Se dal 2005 al 2010 si è passati da 0 a 500.000.000 milioni di amici è di tutta evidenza che la Pace Universale è a portata di mano.
    • OldDog scrive:
      Re: Nobel per la Pace
      - Scritto da: Marco Pintus
      Non si capisce cosa si aspetti ad assegnare a
      Mark Zuckerberg anche il premio Nobel per la
      Pace.
      Se dal 2005 al 2010 si è passati da 0 a
      500.000.000 milioni di amici è di tutta evidenza
      che la Pace Universale è a portata di
      mano.LOL Mi hai ricordato quel vecchio film con Sandra Bullock, MISS DETECTIVE, dove un'agente FBI sotto copertura (Sandra) partecipa al concorso di Miss America e alla domanda di rito su cosa desidererebbe per la società, risponde:"Pene più severe per chi viola la libertà sulla parola" (silenzio di gelo in sala) "E, la pace nel mondo" (giubilo degli spettatori). :-)
    • Davide Massa scrive:
      Re: Nobel per la Pace
      Grandissimo...con così tanti amici nel mondo, la pace è davvero imminente: manchiamo solo noi, che ancora non abbiamo un account FB...dovremmo vergognarci!... :D :D :D
    • Cavallo Pazzo scrive:
      Re: Nobel per la Pace
      Hai ragione, hai perfettamente ragione! Un tempo se sentivi alla televisione che hanno bombardato una città nel Vietnam o nell'afganistan quasi si rimaneva indifferenti, oggi invece, se su internet abbiamo degli amici che vivono in quella città ci preoccupiamo, ci indigniamo e siccome siamo in tanri, siccome siamo un polo, la voce si sente.
    • iRoby scrive:
      Re: Nobel per la Pace
      Il Nobel per la pace... Bella XXXXXta!Gli hanno dato il nobel per la pace a questo signore qua:http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=5818Ha aumentato gli investimenti in armamenti da 512 miliardi di dollari del 2009 a 768 miliardi del 2010. Ma che deve dichiarare guerra al mondo? http://www.altrainformazione.it/wp/2010/12/16/crisi-sistemica-lora-della-verita-si-avvicina/
  • normal boy scrive:
    Perchè vi scandalizzate?
    è del tutto normale che Time ha reso uomo dell'anno zuck invece di assange.Perchè il primo ha tenuto banco per tutto l'anno e anche nei precedenti; il secondo ha prodotto qualcosa di "importante" solo nelle ultime settimane.
    • OldDog scrive:
      Re: Perchè vi scandalizzate?
      - Scritto da: normal boy
      è del tutto normale che Time ha reso uomo
      dell'anno zuck invece di
      assange.
      Perchè il primo ha tenuto banco per tutto l'anno
      e anche nei precedenti; il secondo ha prodotto
      qualcosa di "importante" solo nelle ultime
      settimane.Manco per nulla. Wikileaks è sul web a divulgare documenti dal 2006, solo che non era molto sotto i riflettori. Assange ha trascorsi da hacker da quando aveva 16 anni, ma già allora non per derubare i sistemi violati, quanto per documentare che i loro segreti non erano al sicuro.
    • Cavallo Pazzo scrive:
      Re: Perchè vi scandalizzate?
      Sono daccordo, tra l'altro quelle poche volte che sono andato su wikileaks ho notato solo una certa confusione, dunque se effettivamente i contenuti esistono, di certo sono male esposti. facebook invece è consultabile con estrema facilità ed è effettivamente coinvolgente, e lo dimostra il fatto che il traffico di facebook è infinitamente maggiore di quello di weakileaks. Detto ciò, non mi stupirei se Assange dovesse divenire l'uomo dell'anno venturo.
  • Franky scrive:
    I sostenitori di Assange
    Il Time non ha avuto un comportamento corretto per niente...prima ci ha fatto votare la persona dell'anno... e poi una volta che ha vinto Assange hanno cambiato le carte in tavola...cosi' non si fa...Vi volevo parlare dei "veri" sostenitori di AssangeHo notato che molte persone si sono chieste che fine hanno fattole organizzazioni per i diritti umani e per la liberta' di parolanel caso di Julian Assange...diciamo che hanno fatto la loro parteappoggiando Assange solo che i giornalisti non ne' hanno parlatoquasi per nulla...Allora iniziamo da "Reporters sans frontieres"...Reporters sans frontieres ha lanciato l'iniziativa "sos wikileaks"in pratica ha pubblicato l'appello di wikileaks per aiutarlia difendersi dagli attacchi lanciati contro il sito spiegando la procedura per diventare mirror del famoso sito....Al fine di rendere impossibile rimuovere completamente WikiLeaks da Internet, abbiamo bisogno del vostro aiuto. Se avete un server basato su Unix che ospita un sito web su Internet e volete dare a WikiLeaks alcune delle vostre risorse di hosting, è possibile aiutarci! Potete leggere l'appello pubblicato qui:http://rsfitalia.org/2010/12/07/wikileaks-chiede-aiuto-vista-l%E2%80%99intensificazione-degli-attacchi/http://en.rsf.org/united-states-wikileaks-appeals-for-help-as-06-12-2010,38970.htmlPoi hanno promosso una seconda iniziativa inviando al Ministro della giustizia britannico una lettera in cui chiedono "che siano garantiti il rispetto dei suoi diritti di difesa, nonostante lestrema tensione che circonda questo caso. Il procedimento dovrebbe riguardare unicamente le accuse di natura privata che sono state fatte contro Assange in Svezia e non deve trasformarsi in alcun modo in un proXXXXX-ombra per la pubblicazione di documenti resi pubblici WikiLeaks.""Reporters sans frontières ha ripetutamente condannato il blocco, i cyber-attacchi e la pressione politica dirette a Wikileaks. Questa è la prima volta in cui cè un tentativo a livello internazionale per censurare un sito web dedicato al principio di trasparenza.Chiediamo quindi che il sistema giudiziario britannico possa di esaminare il caso Assange con tutta limparzialità necessaria senza che alcuna pressione esterna governativa. Le autorità di alcuni paesi sembrano voler ottenere la condanna Assange, o almeno impedirgli di continuare la sua attività per porre fine alle rivelazioni WikiLeaks, senza riguardo alla libertà di informazione. Vorremmo sottolineare come Wikileaks stia svolgendo un ruolo utile nel divulgare le gravi violazioni dei diritti umani commesse in nome della guerra contro il terrore durante lo scorso decennio."http://rsfitalia.org/2010/12/07/wikileaks-invito-alla-imparzialita-giudiziaria-dopo-larresto-di-julian-assange-lettera-di-rsf-al-ministro-della-giustizia-britannico/Essi hanno inoltre condannato il tentativo di censura dei media che parlano dei cablogrammi..."I tentativi di bloccare la diffusione di materiale sensibile che è già ampiamente disponibile su Internet sono destinati al fallimento e violano il diritto ad essere informati".http://en.rsf.org/news-media-and-websites-censored-15-12-2010,39040.htmlL'organizzazione "Avaaz.org" ha invece pubblicato una petizione per Julian Assange che ha raggiuntooltre 600000 firme!!!http://www.avaaz.org/en/wikileaks_petition/?slideshow"Human right watch" ha addirittura scritto una lettera al presidente Barack Obama per chiederedi non perseguire Assange per la pubblicazione dei cablogrammi ed haesortato l'amministrazione Obama a favorire la trasparenza e la declassificazione delle informazioni."Caro Presidente Obama,Scriviamo per esprimere la nostra preoccupazione per la prospettiva che il governo statunitense avrebbe intenzione di impiegare le leggi contro spionaggio contro Wikileaks o il suo fondatore per il rilascio dei cablogrammidel Dipartimento di Stato degli Stati Uniti""riteniamo che il ricorso a tali procedimenti danneggia la libertà di espressione per tutti, ricercatori e giornalisti dei media, e crea un precedente terribile che verrà colto con entusiasmo da altri governi"http://www.hrw.org/node/95001http://www.hrw.org/en/news/2010/12/15/us-don-t-prosecute-wikileaks-founderE' intervenuto perfino l'Alto commissario delle nazioni Unite per i diritti umani...."Sono preoccupata", ha detto a Ginevra Navi Pillay, Alto commissario delle nazioni Unite per i diritti umani, "dalle pressioni esercitate da banche, societa' di carte di credito e aziende per chiudere le linee di credito di Wikileaks o per sbarrare l'ospitalita' su siti-madre. Tutto cio -ha aggiunto Pillay nel corso di una conferenza stampa- puo' essere visto come un tentativo di censura sulla pubblicazione di informazioni e, di conseguenza, come violazione del diritto alla liberta' di espressione. Se Wikileaks ha commesso atti illegali questi vanno affrontati legalmente e non attraverso pressioni e intimidazioni che coinvolgono parti terze". http://www.agi.it/news/notizie/201012091637-cro-rt10229-wikileaks_onu_embarghi_a_sito_violano_liberta_di_espressioneNaturalmente non poteva mancare "Amnesty international" che ha redatto delle vere e proprie faq sul casowikileaks e che ritiene wikileaks uno strumento utilissimo per evidenziare e scovare le violazioni dei diritti umani e che ha conferito una medaglia nel 2009 allo stesso wikileaks per avere messo in luce le violazioni dei diritti umani in Kenya."Secondo Amnesty International, un procedimento penale volto a punire una persona per aver fornito prove sulle violazioni dei diritti umani non può mai essere giustificato. Lo stesso vale per le informazioni su altre questioni di interesse pubblico.Come minimo, un numero significativo di documenti rilasciati da Wikileaks sembra poter rientrare in queste categorie, quindi ogni azione penale basata in tutto o in parte su questi documenti particolare, sarebbe incompatibile con la libertà di espressione.""Amnesty International accoglie con favore gli sforzi per rendere le informazioni sulle violazioni dei diritti umani di pubblico dominio.Wikileaks ha pubblicamente annunciato che rilascerà gradualmente migliaia di documenti nelle prossime settimane o mesi, e Amnesty International studierà attentamente tutti i documenti che sembrano riguardare le violazioni dei diritti umani.Anche se non tutti i documenti distribuiti da Wikileaks al momento sono rilevanti per le violazionidei diritti umani, vorremmo sottolineare che il diritto alla libertà di espressione includeil diritto di ricevere o di comunicare ogni tipo di informazione".http://www.amnesty.org/en/news-and-updates/wikileaks-and-freedom-expression-2010-12-09
    • Saltapecchi o scrive:
      Re: I sostenitori di Assange
      Grazie Franky. Mi sa che i nostri giornali hanno dato risalto più che altro al sostegno dato da Putin, Gheddafi e Lula. Certamente lor signori hanno un certo peso politico, ma sono anche noti per avere posizioni non particolarmente filoamericane e quindi prendono la palla al balzo. A parte quello, nonostante il baciamano del nostro PdC al libico e le gag della mitraglietta con l'amico Putin, questi personaggi non sono proprio questi allegri amici d'osteria e mettere in risalto il loro supporto fa pensare "guarda un po' da che parte stiamo". Vorrei però vedere cosa direbbero se le spifferate mettessero a nudo anche costoro. In Russia qualche giornalista ha fatto una brutta fine, Gheddafi era quello che a febbraio voleva la guerra santa contro la Svizzera.come dire: "guardate un po' chi è dalla vostra parte, di chi fate il gioco" i quali però non sono mai stati particolarmente filoamericani... e quindi hanno preso la palla al balzo.
      • Franky scrive:
        Re: I sostenitori di Assange
        - Scritto da: Saltapecchi o
        Grazie Franky. Mi sa che i nostri giornali hanno
        dato risalto più che altro al sostegno dato da
        Putin, Gheddafi e Lula. Certamente lor signori
        hanno un certo peso politico, ma sono anche noti
        per avere posizioni non particolarmente
        filoamericane e quindi prendono la palla al
        balzo. A parte quello, nonostante il baciamano
        del nostro PdC al libico e le gag della
        mitraglietta con l'amico Putin, questi personaggi
        non sono proprio questi allegri amici d'osteria e
        mettere in risalto il loro supporto fa pensare
        "guarda un po' da che parte stiamo". Vorrei però
        vedere cosa direbbero se le spifferate mettessero
        a nudo anche costoro. In Russia qualche
        giornalista ha fatto una brutta fine, Gheddafi
        era quello che a febbraio voleva la guerra santa
        contro la
        Svizzera.

        come dire: "guardate un po' chi è dalla vostra
        parte, di chi fate il gioco" i quali però non
        sono mai stati particolarmente filoamericani... e
        quindi hanno preso la palla al
        balzo.concordo con quanto hai detto.
    • iRoby scrive:
      Re: I sostenitori di Assange
      In Italia forse solo il Fatto Quotidiano ha indetto un'iniziativa a favore di Assange:http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/12/07/salviamo-il-soldato-assange-firma-la-petizione/80722/Adesso è chiusa perché è stato scarcerato.
  • j0e scrive:
    In poche parole..

    la linfa che scorre tra gli
    "amici" di Facebook e che
    arricchisce Mark e la sua e
    le altre dot.com non è la
    crescente comunicazione tra
    persone, ma la vendita dei dati
    che si scambiano e delle
    relazioni sociali che
    intrattengono tra di loroEcco come si riassume faccialibro .
  • guast scrive:
    Giusta la scelta di Time
    Ma Calamari lo conosce il Time ?Loro hanno sempre dichiarato che l'uomo dell'anno é quello che avrá un impatto maggiore nel bene o nel male.Non ho letto l'articolo. Peró sapere che lo hanno messo in copertina non vuol dire affatto che lo stanno celebrando.Puó Zuckerberg avere un impatto sul resto del mondo superiore a quello di Assnage ? Beh lui sta cambiando i rapporti di forza tra i privati cittadini e le aziende in una maniera che é ancora difficile da immaginare quindi la risposta potrebbe benissimo essere si.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Giusta la scelta di Time
      Hmmm assolutamente no.Vuoi mettere una parsona che ha praticamente fatto scoprire anche agli sprovveduti che l'occidente non è poi tanto meglio dei paesi canaglia ?
      • MEGALOL scrive:
        Re: Giusta la scelta di Time
        - Scritto da: Sgabbio
        Hmmm assolutamente no.

        Vuoi mettere una parsona che ha praticamente
        fatto scoprire anche agli sprovveduti che
        l'occidente non è poi tanto meglio dei paesi
        canaglia
        ?Se sei convinto di questa ****nzata, trasferisciti in iran e divertiti.
        • lurker annoiato scrive:
          Re: Giusta la scelta di Time
          questo e' abbassare il livello della conversazione rischiando il trolleggiamento :D. Il caso wikileaks ha dimostrato che i paesi occidentali non si fanno problemi ad utilizzare metodi di censura molto simili a quelli utilizzati in paesi che non mettono la libertà d'espressione al primo punto della loro brochure per i turisti (vedi primo emendamento). Credo questo sia un dato di fatto.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Giusta la scelta di Time
            Esattamente, sopratutto gli stati uniti, che hanno come punto fermo la libertà d'espressione, hanno utilizzato metodi che hanno provocano pure lo sofftò di putin...
          • pippuz scrive:
            Re: Giusta la scelta di Time
            - Scritto da: Sgabbio
            Esattamente, sopratutto gli stati uniti, che
            hanno come punto fermo la libertà d'espressione,
            hanno utilizzato metodi che hanno provocano pure
            lo sofftò di putin...Beh, ciò ha provocato la risposta di molti: "Dici che era meglio ucciderlo direttamente senza fare tante storie?"
          • Sgabbio scrive:
            Re: Giusta la scelta di Time
            Tu ci scherzi, ma qualche politcante americano aveva proposto una cosa simile -_-
          • pippuz scrive:
            Re: Giusta la scelta di Time
            - Scritto da: Sgabbio
            Tu ci scherzi, ma qualche politcante americano
            aveva proposto una cosa simile
            -_-Canadese, non statunitense (americano è mooooolto generico). La Palin, se non erro, aveva proposto di portarlo a Guantanamo.
          • OldDog scrive:
            Re: Giusta la scelta di Time
            - Scritto da: pippuz
            Canadese, non statunitense (americano è mooooolto
            generico). La Palin, se non erro, aveva proposto
            di portarlo a
            Guantanamo.Nota località di villeggiatura, infatti. "il signore vuole ancora un po' di waterboarding?".Ci sono eccellenti statunitensi che si rivolterebbero nella tomba nel vedere cosa hanno fatto e detto gli USA, ANCHE con un presidente come Obama, prima nel mondo, poi contro Assange e WL perché imparassero a farsi i gazzi loro.
      • guast scrive:
        Re: Giusta la scelta di Time
        Avrà un impatto maggiore Zuckerberg nel male sfruttando i dati privati di milioni di cittadini o Assange nel bene sfruttando i dati segreti dei governi. Non lo so ed è impossibile stabilirlo ora. Il mio post era più una risposta a Calamari che ha cercato di far passare il Time per un giornale filonazista in una maniera non molto onesta.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Giusta la scelta di Time
          No, a dire il vero ha fatto capire come tale riconoscimento viene dato sia in maniera positiva che negativa, tra l'altro nell'articolo dei time, tessevano non poche lodi all'operato di Marco Zuccherino... :DQualcuno ha ipotizzato che sia una trovata pubblicitaria per le vendita home video del film "the social network" dedicato a facebook e al suo fondatore, visto ha chi appartiene il TIME e chi ha dato i fondi per il film, sono la stessa entità.
          • guast scrive:
            Re: Giusta la scelta di Time
            Primo The social network appartiene al gruppo Sony non a Time Warner.Secondo tessere le lodi di Zuckerberg per vendere un film che non è tenero con Zuckerberg non ha senso.Quanto all'articolo prima o poi lo leggerò e verificherò di persona.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Giusta la scelta di Time
            ehm è distribuito in italia dalla sony che è un filino diverso.
          • pippuz scrive:
            Re: Giusta la scelta di Time

            Qualcuno ha ipotizzato che sia una trovata
            pubblicitaria per le vendita home video del film
            "the social network" dedicato a facebook e al suo
            fondatore, visto ha chi appartiene il TIME e chi
            ha dato i fondi per il film, sono la stessa entità.Lo stesso che parla delle scie chimiche? A parte le battute, il marketing è molto più sottile che non una cosa del genere.Btw, i film è prodotto dalla Columbia Pictures, alias Sony
      • Riccardino scrive:
        Re: Giusta la scelta di Time
        - Scritto da: Sgabbio
        Hmmm assolutamente no.

        Vuoi mettere una parsona che ha praticamente
        fatto scoprire anche agli sprovveduti che
        l'occidente non è poi tanto meglio dei paesi
        canaglia
        ?ROFLMAO!N e ho sentite di stupidaggini nella mia vita, ma questa le batte tutte
        • Sgabbio scrive:
          Re: Giusta la scelta di Time
          Se negli ultimi giorni, hai passato il tempo sui siti XXXXX è non hai letto quello che è sucXXXXX ad assage e wikileaks, bhè non ti lamentare se qualcuno ti dice che non sai i fatti :D
      • Davide Massa scrive:
        Re: Giusta la scelta di Time
        ...ma vanno bene anche tanti paesi dell'est europeo, sai? Vai in Russia, e fai due chiacchiere con Garry Kasparov, ex campione del mondo di scacchi e ora attivista politico, per capire se esiste o meno libertà di pensiero, poi ci dici come si sta laggiù...non ascoltare me, ascolta una delle più brillanti menti della sua generazione, e giudica da te...Vi prego, non mettete a paragone le nostre libertà con quelle di certi paesi, fino ad arrivare ai regimi di Cina e Korea del Nord, che sono popolati da esseri umani zombizzati dalla propaganda politica e dalle repressioni violente...fortunatamente ne siamo usciti, ricordiamocene sempre...
    • pirro scrive:
      Re: Giusta la scelta di Time
      - Scritto da: guast
      Ma Calamari lo conosce il Time ?Senti... PROT!E quando ce vò, ce vò eh?Dai, vai su facciaciuccio che ti cercano.
  • ROTFL scrive:
    Ci mancava pure la rosicata del Cala
    Uaz Uaz Uaz.
  • Nome e cognome scrive:
    Grande idea?
    E quale sarebbe? esistevano network simili anche prima. Diciamo che fb ha avuto un'ottima promozione ...
    • bertuccia scrive:
      Re: Grande idea?
      - Scritto da: Nome e cognome

      E quale sarebbe? esistevano network simili anche
      prima.lungi da me difendere FB, che boicotto, però puntare ad avere i dati reali delle persone è stata la mossa che secondo me l'ha differenziato dagli altri.. perchè ha reso immediato trovare le persone che conoscichi avrebbe mai detto che la gente avrebbe inserito i dati personali? nessuno, nemmeno zukebergZuck: I have over 4,000 emails, pictures, addresses, SNS[Redacted Friend's Name]: What? How'd you manage that one?Zuck: People just submitted it.Zuck: I don't know why.Zuck: They "trust me"Zuck: Dumb fucks. http://gawker.com/5538216/facebook-ceo-slammed-dumb-users-who-trusted-him-in-college
      • desyrio scrive:
        Re: Grande idea?
        - Scritto da: bertuccia
        - Scritto da: Nome e cognome



        E quale sarebbe? esistevano network simili anche

        prima.

        lungi da me difendere FB, che boicotto, però
        puntare ad avere i dati reali delle persone è
        stata la mossa che secondo me l'ha differenziato
        dagli altri.. perchè ha reso immediato trovare le
        persone che
        conosci

        chi avrebbe mai detto che la gente avrebbe
        inserito i dati personali? nessuno, nemmeno
        zukeberg

        Zuck: I have over 4,000 emails, pictures,
        addresses,
        SNS
        [Redacted Friend's Name]: What? How'd you manage
        that
        one?
        Zuck: People just submitted it.
        Zuck: I don't know why.
        Zuck: They "trust me"
        Zuck: Dumb fucks.

        http://gawker.com/5538216/facebook-ceo-slammed-dumQuoto tutto, compreso il boicottaggio per FB.Però Zuckenberg ha avuto il coraggio di pensare qualcosa che all'epoca suonava assurdo. Ricordo che prima di FB chiunque usava dati anagrafici falsi su internet, ed anch'io consigliavo ai novizi di non mettere mai il proprio nome su internet.Onestamente se mi avessero detto nel 2005 che dopo 5 anni ci sarebbe stato un network con i nomi veri di 500 milioni di persone, addirittura con la loro faccia, mi sarei fatto una grassa risata.Lui ha avuto l'idea di credere effettivamente che qualcuno potesse dargli questi dati: questa è la sua "unica" abilità, che condita da molta fortuna gli ha fruttato un sacco. E' un pò una versione in grande, altrettanto apparentemente folle, della "million dollar homepage".
        • sdftyuio scrive:
          Re: Grande idea?
          il fatto che mettiamo tutto di noi su un server di un tizio sconosciuto che dichiarava apertamente che tutto quello che inserisci è SUO è soltanto indice dell'idiozia che circola nel mondo...
          • andrea scrive:
            Re: Grande idea?
            che VOI mettete, io non ho un account fb :-P
          • sdftyuio scrive:
            Re: Grande idea?
            idemquando ho letto le norme mi sono messo a ridere come un indemoniato...neanche mefisto in persona poteva scrivere una cosa del genere e farla firmare...
          • desyrio scrive:
            Re: Grande idea?
            - Scritto da: sdftyuio
            il fatto che mettiamo tutto di noi su un server
            di un tizio sconosciuto che dichiarava
            apertamente che tutto quello che inserisci è SUO
            è soltanto indice dell'idiozia che circola nel
            mondo...Infatti: per avere sucXXXXX (e fare soldi) il modo più veloce è sfruttare l'idiozia degli altri :)
          • gerry scrive:
            Re: Grande idea?
            - Scritto da: desyrio
            Infatti: per avere sucXXXXX (e fare soldi) il
            modo più veloce è sfruttare l'idiozia degli altri
            :)Dunque: Amazon ha i miei dati, Paypal ha i miei dati, Aruba ha i miei dati, il NIC ha i miei dati e continua ad esporli a tutti tramite WHOIS perchè è quello che dice la legge, CHL ha i miei dati, vari siti venditori di DVD hanno i miei dati.Secondo voi dovrei preoccuparmi o cominciare a dare dati falsi per avere dei servizi?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 dicembre 2010 09.29-----------------------------------------------------------
          • desyrio scrive:
            Re: Grande idea?
            Modificato dall' autore il 17 dicembre 2010 09.29
            --------------------------------------------------Non ho mai detto una cosa del genere. La mia frase che quotavi voleva essere generica, non riferita allo specifico contesto. Mi riferivo al fatto che spesso basta una trovata che riesca a far abboccare più sprovveduti possibili per fare soldi e/o avere sucXXXXX facilmente (non ho mai detto che questa sia una cosa eticamente corretta da fare, e penso che spesso non lo sia).Pensavo ad esempio a cartomanti, venditori di suonerie, ciarlatani di vario tipo che promettono cure e pozioni miracolose; per non parlare di quello che succede su internet...Tornando a quello che dici, comunque, quelle di cui parli tu sono transazioni commerciali, dove il tuo nome è richiesto per questioni contrattuali con un'azienda (tu sai chi sono loro, loro sanno chi sei tu), e comunque (tranne nel caso del NIC) non viene rivelato a terzi. Se permetti, è abbastanza diverso da quello che succede con FB...
          • gerry scrive:
            Re: Grande idea?
            - Scritto da: desyrio
            Tornando a quello che dici, comunque, quelle di
            cui parli tu sono transazioni commerciali, dove
            il tuo nome è richiesto per questioni
            contrattuali con un'azienda (tu sai chi sono
            loro, loro sanno chi sei tu), e comunque (tranne
            nel caso del NIC) non viene rivelato a terzi.Si, ma questo ormai è irrilevante. I miei dati ormai sono dappertutto, perchè dovrei preoccuparmi di tenerli nascosti adesso? I buoi sono scappati da un pezzo. Poi posso sapere chi è Amazon, ma sono bel lungi dal fidarmi sul fatto che se li terranno per loro. Basta leggere le loro informative sulla privacy per sapere che chiedono il permesso per farne qualsiasi cosa.
            Se
            permetti, è abbastanza diverso da quello che
            succede con
            FB...No, se ci pensi bene non è per nulla diverso. Tu vuoi un servizio? Devi dare i dati necessari al servizio.Se Amazon ti deve spedire roba, fatturare e farsi pagare ha bisogno del tuo nome, cognome e dei tuoi dati bancari.FB fornisce un servizio sociale, non puoi avere un servizio sociale senza dire chi sei, cosa fai, cosa ti piace. Se poi non ti interessa un servizio di interconnessione sociale non ti iscrivi. Ma il servizio in se è molto utile, in soldoni non è altro che una realtà sociale trasportata di peso sul web, e siccome la gente socializza dall'alba dei tempi è dura dire che non serve o che non è interessante.
          • OldDog scrive:
            Re: Grande idea?
            - Scritto da: gerry
            No, se ci pensi bene non è per nulla diverso. Tu
            vuoi un servizio? Devi dare i dati necessari al
            servizio.
            FB fornisce un servizio sociale, non puoi avere
            un servizio sociale senza dire chi sei, cosa fai,
            cosa ti piace. Se poi non ti interessa un
            servizio di interconnessione sociale non ti
            iscrivi.Libero di apprezzarlo, ma in un caso tratti merce, nell'altro la merce sei tu. :-)Il grande sucXXXXX di questi ipnotizzatori è stato convincere moltissime persone che non ci fosse nulla di sbagliato nel lasciarsi vendere e comprare, nonostante tutti i secoli di lotta per abolire la schiavitù, che avrebbero pur dovuto insegnare qualcosa. Guardate come è stata snaturata, distorta nell'applicazione e nei resoconti pubblici la normativa europea a tutela dei dati personali: non pensate che fosse una cattiva legge, ma hanno convinto moltissime persone a ignorarla e denigrarla. Se pensate che non sia stato orchestrato più o meno in maniera coordinata da tanti interessati a usarci siete molto creduloni.Certo, per ora si può scegliere di NON iscriversi, ma già leggo qui sul forum gente che velatamente dice che SE NON HAI SEGRETI INCONFESSABILI ci devi essere, ALTRIMENTI... Peccato che chi ha avuto il coraggio di divulgare segreti fangosi della politica sia invece PERSEGUITATO come immondo bestemmiatore nel tempio della sacra DIPLOMAZIA. Due pesi e due misure, che diamine.
          • gerry scrive:
            Re: Grande idea?
            - Scritto da: OldDog
            Libero di apprezzarlo, ma in un caso tratti
            merce, nell'altro la merce sei tu.
            :-)Quiz, secondo te questo è vendere l'utente come merce? Mediante il Suo consenso espresso, tutti i dati conferiti potranno essere trattati da **** e dalle società in rapporto di controllo e collegamento con la Titolare e sue consociate, a fini di invio di e-mail pubblicitarie, attività promozionali, ricerche di mercato, sondaggi di opinione ed altre attività di marketing, anche di società terze, nonché potranno essere comunicati a soggetti terzi per i loro usi aventi le medesime finalità.
          • Davide Massa scrive:
            Re: Grande idea?
            @ gerry:Non concordo con te, ricordiamoci che la grande differenza tra una transazione in rete e il servizio che ti dà FB è il pagamento, FB è gratis, tu non paghi a fronte del servizio. Al contrario, ogni transazione a pagamento è una compra/vendita di beni o servizi, tu paghi e puoi quindi pretendere a livello legale quanto ti è stato fornito e promesso (trattament dati personali incluso). Dire che la transazione commerciale in rete e la sottoscrizione a FB siano la stessa cosa è sbagliato, nella misura in cui tu hai PAGATO per il servizio richiesto, e vuoi nè di più nè di meno: fra 10 anni, se scopri che i tuoi dati sono stati manipolati o venduti a terzi, hai strumenti legali per denunciare, e anche procedere.Con FB, non hai niente per difenderti, volevi gratis un servizio: ben servito...
          • gerry scrive:
            Re: Grande idea?
            - Scritto da: Davide Massa
            @ gerry:

            Non concordo con te, ricordiamoci che la grande
            differenza tra una transazione in rete e il
            servizio che ti dà FB è il pagamentoMa stai scherzando? Quello che stai dicendo tu è "siccome FB non lo paghi allora non ti garantisce la Privacy".Che è falso, la privacy non dipende dal fatto che sei cliente o no. Tu puoi pretendere da FB quello che ha promesso in materia di privacy allo stesso modo in cui lo puoi pretendere da qualsiasi altro soggetto indipendentemente dai rapporti economici che hai col soggetto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 dicembre 2010 20.09-----------------------------------------------------------
          • Davide Massa scrive:
            Re: Grande idea?
            ...Tu non puoi pretendere da FB un bel niente se non hai pagato, è questa la differenza di cui parlo: "pretendere" come dici tu non ha alcun significato legale, puoi al massimo citare FB per pubblicità ingannevole, o altre forme simili. NIENTE, insomma, in confronto al potere contrattuale che ha una compra/vendita, una clausola contrattuale, o una ricevuta di avvenuto pagamento.Puoi farmi capire cosa intendi per "pretendere", come dici? Hai armi legali, contrattuali, per forzare FB a fare qualcosa?...Ti anticipo la risposta: no.
          • Davide Massa scrive:
            Re: Grande idea?
            Prova di ciò che dico la si può trovare nelle azioni mosse contro FB: provengono tutte da enti di tipo "antitrust", che tutelano i consumatori da azioni anti-concorrenziali o politiche aziendali scorrette nei confronti del consumatore, che è INERME altrimenti, perchè privo in queste situazioni di strumenti legali per procedere.Peace...
          • gerry scrive:
            Re: Grande idea?
            - Scritto da: Davide Massa
            Puoi farmi capire cosa intendi per "pretendere",
            come dici? Hai armi legali, contrattuali, per
            forzare FB a fare qualcosa?...Ti anticipo la
            risposta:
            no.Ma stai parlando del servizio che offrono o dei dati che trattano? Guarda che sono due cose ben diverse.
  • Consapevole DelVuoto scrive:
    persone dell'anno
    Sempre su wikipedia vedo che manca come "uomo" dell'anno madre teresa di calcutta pero' putin non ce lo facciamo mancare. Inoltre nel 2002 la pagina del Time era dedicata ai whistleblowers, gli spioni! Temo cge l'era Obama abbia dei lati oscuri più complessi e da brivido di quella Bush.Comunque Assange e Zukerbeg rappresentano le due facce del mondo hacker, un po come Stallman vs Gates. Una faccia è quella idealista, votata allo studio fine a se stesso come appagamento delle proprie capacità intellettuali(spesso molto al di sopra della media), votata alla sfida di "rompere" il protocollo perchè c'è un protocollo da rompere(parafrasando Kirk in star trek 5 mentre sta appeso alla montagna e spock gli chiede come mai la sta scalando). con un'etica, un codice cavalleresco moderno. L'altra faccia sono le multinazionali "garage" cioè quegli imperi nati nello scantinato o nel garage ad opera di sicuramente brillati menti votate al profitto.Sono due modi di essere hacker, io personalmente preferisco gli Assange e gli Stallman, ma non giudico.Il Time beh è un giornale americano e gli americani antepongono l'amor di patria alla ventilazione costante delle cellule cerebrali. Dopotutto che vi aspettavate da un popolo che costruisce macchine frantuma-ossa per creare poltiglie di carne di pollo color rosa shocking per uso alimentare.
    • lol scrive:
      Re: persone dell'anno
      Ehm, Mark non è un hacker, e non è nemmeno troppo bravo come programmatore. Non confrontiamo due generi completamente diversi.Ha avuto fortuna. C'erano già tanti social network prima, ma la combinazione di idee e tempo hanno reso possibile Feisbuk
    • MegaJock scrive:
      Re: persone dell'anno
      - Scritto da: Consapevole DelVuoto
      Dopotutto che vi aspettavate da un popolo che
      costruisce macchine frantuma-ossa per creare
      poltiglie di carne di pollo color rosa shocking
      per uso
      alimentare.La cosa peggiore é che hanno inventato internet.
    • Rosbif scrive:
      Re: persone dell'anno
      - Scritto da: Consapevole DelVuoto
      Dopotutto che vi aspettavate da un popolo che
      costruisce macchine frantuma-ossa per creare
      poltiglie di carne di pollo color rosa shocking
      per uso alimentare.Giusto per conoscenza, credo ci si stia riferendo a una bufala:http://attivissimo.blogspot.com/2010/10/la-poltiglia-rosa-dei-fast-food.html
      • Gasogen scrive:
        Re: persone dell'anno
        Lessi i commenti a suo tempo e si stabilì con poco errore che quella poltiglia è proprio carne di pollo
    • j0e scrive:
      Re: persone dell'anno

      Loro hanno sempre dichiarato
      che l'uomo dell'anno é quello
      che avrá un impatto maggiore
      nel bene o nel male.Io credevo: ha avuto , per logica.Mah.
      sapere che lo hanno messo
      in copertina non vuol dire
      affatto che lo stanno celebrandoDovrei leggere l'articolo per verificarese effettivamente non lo stanno celebrando ,ma di certo, metterlo in copertina, comeuomo dell'anno, è una bella vetrina. No?Spulcio in questo istante la classifica dei lettori:1 Julian Assange 382.026[..]10 Mark Zuckerberg 18.353La redazione del Time ha la coda di paglia?Eppure hitler lo è stato.
    • Cuco di Bulo scrive:
      Re: persone dell'anno
      E pensare che l'uomo dell'ano avrei potuto essere io!
  • tunele scrive:
    zuckemberg= hitler ma scherziamo?
    Mi spiace ma trovo l'accostamento del tutto fuori luogo. Si può essere o non essere d'accordo sull'impatto positivo di facebook sulla vita sociale delle persone, ma non si possono fare accostamenti, per quanto a scopo provocatorio, che oggettivamente non stanno né in cielo né in terra. Riguardo la profezia finale di cassandra poi, cioè quella in base alla quale, alcuni anni da adesso, ci andremo a pentire della nostra impronta digitale in rete, lo prendo come tale cioè un vaticinio stregonistico, perché nell'articolo non è minimamente corredato di argomentazioni. Per quale motivo dovremmo pentirci di aver messo la nostra foto in rete? Paura di essere sXXXXXXXti da una amante gelosa? O ricattati per qualche nostra magana? Forse sarebbe il caso di evitare di far nascere scheletri nell'armedio piuttosto che nasconderli che tanto una volta che sono lì facebook o non facebook è solo una questione di tempo prima che vengano fuori. Sempre che questo sia ciò cui si riferisce il vaticinio dell'oracolo cassandriano. Altrimenti che ci illumini così magari se ne può anche parlare
    • ullala scrive:
      Re: zuckemberg= hitler ma scherziamo?
      - Scritto da: tunele
      Mi spiace ma trovo l'accostamento del tutto fuori
      luogo. Si può essere o non essere d'accordo
      sull'impatto positivo di facebook sulla vita
      sociale delle persone, ma non si possono fare
      accostamenti, per quanto a scopo provocatorio,
      che oggettivamente non stanno né in cielo né in
      terra.

      Riguardo la profezia finale di cassandra poi,
      cioè quella in base alla quale, alcuni anni da
      adesso, ci andremo a pentire della nostra
      impronta digitale in rete, lo prendo come tale
      cioè un vaticinio stregonistico, perché
      nell'articolo non è minimamente corredato di
      argomentazioni. Per quale motivo dovremmo
      pentirci di aver messo la nostra foto in rete?
      Paura di essere sXXXXXXXti da una amante gelosa?
      O ricattati per qualche nostra magana? Forse
      sarebbe il caso di evitare di far nascere
      scheletri nell'armedio piuttosto che nasconderli
      che tanto una volta che sono lì facebook o non
      facebook è solo una questione di tempo prima che
      vengano fuori. Sempre che questo sia ciò cui si
      riferisce il vaticinio dell'oracolo cassandriano.
      Altrimenti che ci illumini così magari se ne può
      anche
      parlareNon ci hai capito nulla vero?Eddai confessalo!;)
    • Comparatore scrive:
      Re: zuckemberg= hitler ma scherziamo?
      No, no, veramente Calamari intendeva dire Stalin = Hitler oppure Berlusconi = Hitler......vabbe' questo e' quello che ho capito va...
    • ai lov facciabuco e maccheroni scrive:
      Re: zuckemberg= hitler ma scherziamo?
      - Scritto da: tunele
      Si può essere o non essere d'accordo
      sull'impatto positivo di facebook sulla vita
      sociale delle personeQuindi dai per scontato che c'è per forza un effetto positivo e nessuno negativo.Ma rileggi quel che scrivi?Per me è negativo e basta.Non ha nessuna utilità reale.Per esempio:- tutti quei gruppi di dementi che si formano a sostegno di una persona scomparsa o rapita (a cosa serve? esci fuori di casa, deficente e vai a cercarla di persona)- gli idioti che formano gruppi per lamentarsi di qualcosa, tipo le riforme in atto (pensi davvero che il governo ti prenda sul serio?)- i cretini che credono di conquistare un amicizia con un semplice clickDevo andare avanti? Sono talmente tante le idiozie che il SQL di PI non reggerebbe.
    • Calamari sta invecchian do scrive:
      Re: zuckemberg= hitler ma scherziamo?
      Secondo me dovrebbe aggiornare la foto del profilo...
    • iRoby scrive:
      Re: zuckemberg= hitler ma scherziamo?
      Ahahahah (rotfl)Ma davvero hai capito questo?La critica non era a Zuckerberg, ma al Time, ed all'analogia sorprendente, nonché la vuotezza dei suoi commenti e dei motivi per cui viene scelto un personaggio...
  • Silvia scrive:
    paura e scoramento
    Condivido la paura. E aggiungo lo scoramento e la rassegnazione.Davvero mi ero illusa che la rete avrebbe finito col portare consapevolezza e libertà di pensiero per tutti, a qualunque livello.Invece si stanno ridefinendo gli stessi scenari: regime e resistenza, potere e visibilità in mano ai primi e discredito e repressione per i secondi. Non cambia nulla. Mai.In periodi così mi chiedo davvero Ma a che serve? Sacrificarsi, rischiare la galera e il linciaggio per cosa? Per essere "eroi"? Coerenti?(e con che?) Per lasciare "un mondo migliore ai nostri figli"? Vorrei un centesimo per ogni volta in cui questa frase è stata pronunciata.E solo mezzo per tutte le volte in cui "i figli" hanno finito per dimostrarsi esattamente uguali ai padri. Ripetendo gli stessi schemi, all'infinito. Nulla cambia. Con la selce, la macchina tipografica, l'iphone. Ne' con la kinect o la wii in luogo del "circenses".Nulla cambia, nella sostanza.
    • bertuccia scrive:
      Re: paura e scoramento
      - Scritto da: Silvia

      Nulla cambia, nella sostanza.a partire da quali premesseci si dovrebbe aspettare il contrario?cambiano i mezzi che maneggiamo, cambia la cultura, ma noi dentro siamo sempre fatti alla stessa manieraa meno di un cambiamento biologico, una mutazione, nulla può cambiareo chissà, magari la cosiddetta singolarità tecnologica darà un brivido a sto mondo monotono :D
      • Silvia scrive:
        Re: paura e scoramento
        In effetti pensando alla "ricorsività" di questi comportamenti mi è tornato in mente Matrix Revolution.Singolarità... Hai visto mai :D
    • Get Real scrive:
      Re: paura e scoramento
      - Scritto da: Silvia
      Condivido la paura. E aggiungo lo scoramento e la
      rassegnazione.Perché, cosa ti aspettavi? É sempre stato così, e sarà sempre così: il potente schiaccia il debole. Possono cambiare gli attori, il risultato é sempre lo stesso: una piccola, potentissima minoranza comanda con pugno di ferro (guanto di velluto opzionale), e per la stragrande maggioranza c'é solo il servaggio.Il futuro é una scarpa firmata che calpesta il volto di un uomo, per sempre. Non ci saranno rivoluzioni, non ci sarà opposizione.Imparate ad amare le catene, volgete lo sguardo alla terra, piegate il capo.Ogni speranza é morta.
      • alper scrive:
        Re: paura e scoramento
        - Scritto da: Get Real
        Imparate ad amare le catene, volgete lo sguardo
        alla terra, piegate il
        capo.
        Ogni speranza é morta."Spegniti, spegniti, breve candela! La vita non è altro che un'ombra che cammina; un mediocre attore che si pavoneggia e si dimena sul palcoscenico per il tempo della sua parte e poi non si ode più oltre. È una favola narrata da un idiota, piena di strepito e furia e senza significato alcuno". (Macbeth: atto V, scena V)
    • Netizen Kane scrive:
      Re: paura e scoramento
      - Scritto da: Silvia
      Nulla cambia, nella sostanza.In realtà si può cambiare, e molto. Non tantissimo tempo, ogni manifestazione di piazza sgradita al governo sarebbe stata soffocata a cannonate. Adesso probabilmente ci toccherà affrontare armi a microonde o altri metodi non letali ma dolorosi per convincere il cittadino a tenere la testa bassa, ma il bello della violenza é che é un gioco multiplayer.Quanto al resto, dovrebbe ormai essere ovvio che la libertà non é uno stato stabile garantito dalla presenza del diritto, ma il risultato di una debolezza del potere. Questa può essere causata da una transizione del medesimo o da un'alternativa a portata di mano che possa essere adottata dalla maggioranza.Il resto sono chiacchiere. Vogliamo la libertà? Cominciamo a demolire un po' di strutture...Poi se avete paura di farvi male, state pure a casa a morire un po' alla volta davanti alla TV.
      • doc allegato velenoso scrive:
        Re: paura e scoramento
        Quoto."Sarebbe ingenuo pensare di affrontare direttamente l'impero.La nostra strategia deve tendere a isolare i meccanismi dell'impero e metterli fuori uso uno per uno.Nessun obiettivo è modesto.Nessuna vittoria insignificante."Arundhati Roy
    • Lancanco scrive:
      Re: paura e scoramento
      - Scritto da: Silvia
      Condivido la paura. E aggiungo lo scoramento e la
      rassegnazione.
      Davvero mi ero illusa che la rete avrebbe finito
      col portare consapevolezza e libertà di pensiero
      per tutti, a qualunque
      livello.
      Invece si stanno ridefinendo gli stessi scenari:
      regime e resistenza, potere e visibilità in mano
      ai primi e discredito e repressione per i
      secondi.

      Non cambia nulla. Mai.
      In periodi così mi chiedo davvero Ma a che serve?
      Sacrificarsi, rischiare la galera e il linciaggio
      per cosa? Per essere "eroi"? Coerenti?(e con
      che?)

      Per lasciare "un mondo migliore ai nostri figli"?
      Vorrei un centesimo per ogni volta in cui questa
      frase è stata
      pronunciata.
      E solo mezzo per tutte le volte in cui "i figli"
      hanno finito per dimostrarsi esattamente uguali
      ai padri. Ripetendo gli stessi schemi,
      all'infinito. Nulla cambia. Con la selce, la
      macchina tipografica, l'iphone.

      Ne' con la kinect o la wii in luogo del
      "circenses".
      Nulla cambia, nella sostanza.
    • Sandro kensan scrive:
      Re: paura e scoramento
      - Scritto da: Silvia
      Condivido la paura. E aggiungo lo scoramento e la
      rassegnazione.
      Davvero mi ero illusa che la rete avrebbe finito
      col portare consapevolezza e libertà di pensiero
      per tutti, a qualunque
      livello.Eh già.
      Invece si stanno ridefinendo gli stessi scenari:
      regime e resistenza, potere e visibilità in mano
      ai primi e discredito e repressione per i
      secondi.Si, si.

      Non cambia nulla. Mai.
      In periodi così mi chiedo davvero Ma a che serve?
      Sacrificarsi, rischiare la galera e il linciaggio
      per cosa? Per essere "eroi"? Coerenti?(e con
      che?)Però il mondo è prima di tutto dentro noi e poi fuori.

      Per lasciare "un mondo migliore ai nostri figli"?
      Vorrei un centesimo per ogni volta in cui questa
      frase è stata
      pronunciata.
      E solo mezzo per tutte le volte in cui "i figli"
      hanno finito per dimostrarsi esattamente uguali
      ai padri. Ripetendo gli stessi schemi,
      all'infinito. Nulla cambia. Con la selce, la
      macchina tipografica, l'iphone.:) Lo hanno detto in tanti che non siamo meglio degli uomini primitivi, ci sono anche immagini di scimmie con l'iphone, è così. Il mondo è prima di tutto dentro. Poi vengono gli oggetti e gli utensili che siano la selce o il blackbarry.

      Ne' con la kinect o la wii in luogo del
      "circenses".
      Nulla cambia, nella sostanza.Sono strumenti non sostanza.
    • iRoby scrive:
      Re: paura e scoramento
      Chi piega la realtà come anche Internet ai propri voleri e sfrutta le debolezze umane, ci conosce molto bene...Le elite di potere che ricostruiscono nei nuovi media le strutture sociali create attraverso i media tradizionali, sono le medesime...Le loro letture principali vanno da Freud a Gustav le Bon, a Hegel, a Darwin.Si applicano e si sfruttano le filosofie e le psicologie che meglio hanno capito le masse e le loro dinamiche.Non è un caso che queste elite stiano lontane da Marx e si guardino bene dall'applicare qualsiasi sua teoria... Tanto è vero che non ne abbiamo mai vista una diventare realtà.Vorrei far capire come anche la scuola è fortemente condizionata da questi individui e i programmi studiati appositamente per formare individui che poi si muoveranno secondo logiche semplici e prevedibili...Leggere con attenzione questo articolo:http://paolofranceschetti.blogspot.com/2010/09/la-funzione-della-scuola.htmlE questo nuovo paradigma che è stato proposto da Ken Robinson:[yt]xNDuCGZoc5M[/yt]
  • Sgabbio scrive:
    Una scelta di comodo
    A me sembra stata una scelta di comodo, magari come scusa potranno aggrapparsi alle "accuse di stupro" che ha Assage. Però devo dire che moltissimi lettori del Time, quando hanno annunciato Il fondatore di Facebook come persona dell'anno, si sono arrabbiati non poco, se poi consideriamo che nella classifica è arrivato decimo, superato da Stave jobs e stra superato da lady Gaga....
    • fiertel91 scrive:
      Re: Una scelta di comodo
      - Scritto da: Sgabbio
      A me sembra stata una scelta di comodo, magari
      come scusa potranno aggrapparsi alle "accuse di
      stupro" che ha Assage. Però devo dire che
      moltissimi lettori del Time, quando hanno
      annunciato Il fondatore di Facebook come persona
      dell'anno, si sono arrabbiati non poco, se poi
      consideriamo che nella classifica è arrivato
      decimo, superato da Stave jobs e stra superato da
      lady
      Gaga....Meglio, ben vengano i dissensi!
    • Sandro kensan scrive:
      Re: Una scelta di comodo
      - Scritto da: Sgabbio
      A me sembra stata una scelta di comodo, magari
      come scusa potranno aggrapparsi alle "accuse di
      stupro" che ha Assage. Però devo dire che
      moltissimi lettori del Time, quando hanno
      annunciato Il fondatore di Facebook come persona
      dell'anno, si sono arrabbiati non poco, se poi
      consideriamo che nella classifica è arrivato
      decimo, superato da Stave jobs e stra superato da
      lady
      Gaga....Io ho letto che il fondatore di Facebook è arrivato 18esimo con circa 20 mila voti mentre Assange ne aveva quasi 400 mila.
  • bertuccia scrive:
    sono un figo
    ho anticipato l'articolo di cassandra 8)http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3056420&m=3056553#p3056553
  • Colpito e affondato scrive:
    Godwin's Law
    Punto.
Chiudi i commenti