Licenziato per dipendenza da sesso virtuale

Licenziato per dipendenza da sesso virtuale

James Pacenza non ha digerito il licenziamento di IBM: vuole 5 milioni di dollari di risarcimento e dimostrare che la sua patologia è paragonabile ai disturbi psicologici... moralmente accettati
James Pacenza non ha digerito il licenziamento di IBM: vuole 5 milioni di dollari di risarcimento e dimostrare che la sua patologia è paragonabile ai disturbi psicologici... moralmente accettati

James Pacenza è un ex dipendente di IBM che sta portando avanti la sua personale battaglia legale per dimostrare che la dipendenza da sesso è una vera e propria malattia. Lui, nel 2003 è stato licenziato perché pescato a chattare sul canale per adulti di ChatAvenue . In verità un collega aveva fatto la spia mentre era lontano dalla sua postazione; il risultato comunque è che, a un solo anno dalla pensione, l'allora cinquantacinquenne Pacenza si è ritrovato alla porta.

L'ex veterano del Vietnam ha sempre convissuto con la cosiddetta “nevrosi da guerra” ( Disturbo post traumatico da stress ). A suo dire, questo l'ha portato a cadere nella trappola della dipendenza da sesso e da web. Secondo Pacenza, IBM avrebbe dovuto permettergli di seguire un trattamento invece che procedere con un immediato licenziamento.

“È anche discriminatorio (se non manifestamente ingiusto) che il querelante non sia stato trattato con compassione da IBM, quando persone con altri tipi di inabilità psicologiche più gravi – alcolismo, tossicodipendenza o problemi di comportamento – ricevono normalmente pieno supporto”, si legge sulla denuncia depositata in tribunale dall'avvocato di Pacenza.

Insomma, sebbene IBM disponga di una policy corporate che vieti assolutamente l'accesso ai siti per adulti durante il lavoro, Pacenza vuole essere risarcito di ben 5 milioni di dollari. La sua opinione è che l'azienda l'abbia giocata sporca: avrebbe sbirciato nella sua cartella medica in violazione dell'Americans With Disabilities Act e, di fatto, attuato un vero atto di discriminazione sia nei confronti della sua età che delle sue patologie.

IBM ha fatto richiesta di “processo abbreviato” ( Summary judgment ) sostenendo che Pacenza non solo ha violato una norma della policy interna ben conosciuta, ma che ha anche eluso un precedente avvertimento (warning) – cosa che l'ex impiegato nega.

Il caso di “dipendenza da sesso” di Pacenza, secondo gli esperti, è emblematico. Già nel 2000 la National Council on Sexual Addiction and Compulsivity ( NCSAC ) aveva rilevato una crescita esponenziale nell'uso dei siti a contenuto adulto da parte degli utenti internet. Un'attività che l'ultimo studio pubblicato su Perspectives in Psychiatric Care riguarderebbe tra il 5% e il 10% degli utenti.

Dario d'Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 02 2007
Link copiato negli appunti