Linux 3.7, e addio ai 386

Linus Torvalds annuncia la disponibilità della build finale del nuovo kernel open source con miglioramenti, bugfix e nuove funzionalità che spaziano dall'architettura ARM ai file system passando per la sicurezza

Roma – A un paio di mesi di distanza dall’ ultima release , Linus Torvalds ha ora annunciato la disponibilità di una nuova versione di Linux: il kernel del Pinguino arriva alla release 3.7, con novità importanti per l’architettura ARM – e le sue tante declinazioni commerciali incompatibili tra di loro – e non solo.

La caratteristica prominente di Linux 3.7 è infatti il supporto “generico” a un certo numero di chip e architetture ARM, fatto che riduce notevolmente il lavoro necessario per il porting di Linux: al momento, diversamente dai chip x86, ogni singolo processore ARM necessita della realizzazione di un nuovo kernel e l’installazione di una distro “generica” non è possibile.

Non che lo diventi automaticamente con Linux 3.7, a ogni modo: la nuova release del kernel FOSS si limita a supportare chip ARM usati soprattutto nei prodotti server, quindi gli appassionati di gadget mobile (quelli basati su Android, soprattutto) dovranno attendere ancora per mettere alla prova tale possibilità.

Sempre parlando di ARM, Linux 3.7 supporta ora anche la micro-architettura ARMv8, la prima a introdurre il supporto alle istruzioni a 64 bit . Tante poi sono le novità per la virtualizzazione, il networking, la gestione dei file system, mentre sul fronte della sicurezza il nuovo kernel permette di firmare digitalmente i vari moduli da caricare in memoria. È così potenzialmente possibile inibire – persino per gli utenti root – il caricamento di un modulo che non risulti correttamente firmato.

Quasi in contemporanea con l’annuncio della nuova release, infine, Torvalds ha reso nota la volontà di eliminare il supporto per le storiche CPU 80386 di Intel – una soluzione che elimina “un bel po’ di complessità” nel codice e certamente non piacerà agli appassionati di retrocomputing abituati a sperimentare con Linux sui vecchi sistemi.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Supper scrive:
    Cina
    La Cina è un accrocchio di stati ed etnie, tenuti insieme con la forza da migliaia di anni, con alterne vicende, e non può rinunciare ad essere una tirannia, pena la dissoluzione (che, io penso, prima o poi avverrà).Sebbene sia decisamente contrario alla tirannia, non possso fare a meno di essere contento del fatto che un monopolista ubiquitario come è diventato Google non possa estendersi in tutto il pianeta.In questi tempi di gravi sbilanciamenti di potere (per la prima volta nella storia parliamo di potere mondiale economico, e quindi politico, delle aziende), è meglio che rimangano sacche indipendenti, per quanto retrive, come per esempio la Russia e la Cina, a contrastare l'appiattimento globale.
Chiudi i commenti