Lizard Squad, un nuovo arresto

Fermato nel Regno Unito un giovane sospettato di aver preso parte agli attacchi DDoS natalizi che hanno abbattuto PSN e Xbox Live. Le indagini procedono, in collaborazione con l'FBI

Roma – Le forze dell’ordine britanniche hanno eseguito un secondo arresto: un 18enne è stato fermato nella città di Southport, sospettato di aver preso parte agli attacchi orchestrati contro i servizi online di PlayStation e Xbox dalla crew Lizard Squad, a cavallo delle festività natalizie.

La South East Regional Organised Crime Unit (SEROCU) stava indagando in collaborazione con l’FBI su certe vicende di cracking e di casi di swatting, vale a dire di procurato allarme, non insoliti per Lizard Squad e condotti a mezzo Skype ai danni delle autorità statunitensi: il giovane è stato sospettato “di essere coinvolto in gravi atti di cybercrimine organizzato su scala nazionale e internazionale” e le autorità ritengono possa aver giocato un ruolo nell’ attacco DDoS che il mese scorso ha reso inservibili PlayStation Network e Xbox Live sfruttando una rete di router domestici opportunamente compromessi.

Le forze dell’ordine spiegano di aver sequestrato dei non meglio precisati “dispositivi elettronici e digitali” che saranno sottoposti all’analisi dei tecnici nel contesto delle indagini. Il dirigente della unità dedicata al contrasto del cybercrimine di SEROCU ha spiegato che le operazioni investigative sono ancora in una fase preliminare, e che la collaborazione con l’FBI proseguirà al fine di “identificare coloro che commettono reati e determinarne le responsabilità”.

Non si tratta del primo arresto correlato agli eventi di dicembre: le forze dell’ordine britanniche hanno arrestato il 22enne Vinnie Omari, ritenuto uno dei vertici di Lizard Squad, mentre le autorità finlandesi hanno interrogato un minorenne, per cui non è stato disposto il fermo.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    questa è l'era "post-PC" ...
    e per operare fuori casa basterebbero un tablet e una simil-tastiera collegata tramite Bluetooth. ma va a ciappà i rat ...anche lui non ha capito che il tablet non è un PC nè uno "smartphone" (come si dice nè carne nè pesce).Tra Tablet e "smartphone" vince lo "smartphone" ... se sono fuori di casa il telefono lo porto in tasca e non ho bisogno di tirarmi dietro la padella e gli ammenicoli vari. Se proprio voglio un'alternativa allo "smartphone" ci sono "ultrabook & Co." che hanno già la tastiera ed occupano quanto il tablet ed hanno un hd vero non la sd card ... anche per lavoro ti puoi portare con te tutto l'archivio.(Non tiriamo im ballo il Cloud in quanto con le offerte da 1 o 2 GB al mese di traffico se devi lavorare con molti documenti non vai da nessuna parte, ammesso di di poterli utilizzare sullo "smartphone"...)Tra Tablet e PC, per chi ha bisogno di un PC vero, non c'è storia uno compra un PC.Alla fine tra tablet e "smartphone" alla fine ha vinto lo "smartphone", il PC nelle sue varie forme è stato sempre fuori dalla discussione.
  • Exidor scrive:
    Ho visto cose...
    Ho fatto, e faccio cose, con un pc che con un tablet od uno smartphone non posso immaginare...
  • ComputArte scrive:
    Ma come ...?!! e l'Era post-pc"?!?!
    E dove sono ora tutti quegli analisti misti fra ingenui e prezzolati che alla crescita esponenziale dei tablet davano il pc per morot?!?!...hahaha!!!
  • Nome e cognome scrive:
    basta un tablet ed un tastierino BT...
    .........ma quanto era bello, quando la gente che non sa cosa fare con un PC, semplicemente faceva altre cose, invece di sparare commenti su un settore di cui crede di sapere tutto solo perche si e' comprata un coso-internet...
    • rockroll scrive:
      Re: basta un tablet ed un tastierino BT...
      - Scritto da: Nome e cognome
      ...
      ...
      ...
      ma quanto era bello, quando la gente che non sa
      cosa fare con un PC, semplicemente faceva altre
      cose, invece di sparare commenti su un settore di
      cui crede di sapere tutto solo perche si e'
      comprata un
      coso-internet...... o peggio, un iCoso...
      • Pauli scrive:
        Re: basta un tablet ed un tastierino BT...
        E figurati se non arrivava subito l'anti apple a cui seguirà l'anti android a cui seguirà l'anti windows a cui seguirà l'anti linux ...Se non si ha nulla di intelligente e utile da dire si può anche stare in silenzio, non è peccato- Scritto da: rockroll
        - Scritto da: Nome e cognome

        ...

        ...

        ...

        ma quanto era bello, quando la gente che non sa

        cosa fare con un PC, semplicemente faceva altre

        cose, invece di sparare commenti su un settore
        di

        cui crede di sapere tutto solo perche si e'

        comprata un

        coso-internet...

        ... o peggio, un iCoso...
Chiudi i commenti