Londra, capitale senza fili

Un programma sperimentale che porterà connettività gratuita ai quattro angoli della metropoli britannica. Grazie al supporto di Nokia e di 26 cabine telefoniche nel West End. Un servizio gratuito è stato lanciato anche a Pechino

Roma – Un nuovo servizio gratuito ai quattro angoli della metropoli londinese, che permetterà a residenti e turisti di accedere liberamente alla rete WiFi dai propri dispositivi . Una fase sperimentale dalla durata di due mesi, lanciata dal colosso finlandese Nokia per nutrire smartphone e tablet sempre più affamati di dati.

Svariati hotspot saranno dunque a disposizione nelle aree più trafficate della città britannica, da South Kensington a Oxford Street. Il programma pilota sarà gestito dall’operatore Spectrum Interactive , che sfrutterà un gruppo di 26 cabine telefoniche equipaggiate per fornire connettività in modalità wireless .

“La gente vuole andare su Facebook, scaricare contenuti e mappe”, ha spiegato il capo dell’area marketing di Nokia John Nichols. La stessa azienda finlandese ha sottolineato come qualunque tipo di smartphone potrà accedere alla rete tramite un comune browser mobile .

Stando ai dettagli del nuovo programma pilota, le 26 cabine telefoniche erogheranno connettività a 20Mbps. Ci saranno diversi segmenti di rete per tutelare la privacy dei telefonini, in modo da evitare connessioni verso smartphone terzi. Il flusso di scaricamento sarà a 1Mbps – 512Kbps in upstream – nel tentativo di scoraggiare il download illecito dei contenuti.

Un servizio di connettività gratuita wireless verrà offerto anche dai vertici di China Mobile, China Unicom e China Telecom, triade di telco in terra asiatica. Gli abitanti di Pechino potranno dunque navigare a 2Mbps a mezzo hotspot . Anche qui si tratta di un programma sperimentale, dalla durata di tre anni.

C’è chi ha però sottolineato come il servizio resti rigidamente controllato dal governo di Pechino, che dovrà assicurare il rispetto dei principi di stabilità del popolo contro determinati servizi o contenuti web. Pare che i cittadini dovranno inserire il proprio numero di telefonino per accedere al servizio gratuito.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Darth Vader scrive:
    Bene...
    ... anche se mi sembra tanto simile al pretesto con il quale è stato incarcerato Al Capone. Visto che non riuscivano a incriminarlo per tutti gli omicidi lo hanno messo dentro per evazione fiscale.Possibile che non si riesca a mettere dentro questo signore dicendo: va in galera perché ha divulgato materiale coperto da segreto di stato mettendo in difficoltà molti governi.
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Bene...
      - Scritto da: Darth Vader
      ... anche se mi sembra tanto simile al pretesto
      con il quale è stato incarcerato Al Capone. Visto
      che non riuscivano a incriminarlo per tutti gli
      omicidi lo hanno messo dentro per evazione
      fiscale.

      Possibile che non si riesca a mettere dentro
      questo signore dicendo: va in galera perché ha
      divulgato materiale coperto da segreto di stato
      mettendo in difficoltà molti
      governi.Allora dovrebbero mettere in galera anche i giornalisti americani che hanno ripubblicato parte del materiale.
      • Darth Vader scrive:
        Re: Bene...
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        - Scritto da: Darth Vader

        ... anche se mi sembra tanto simile al
        pretesto

        con il quale è stato incarcerato Al Capone.
        Visto

        che non riuscivano a incriminarlo per tutti
        gli

        omicidi lo hanno messo dentro per evazione

        fiscale.



        Possibile che non si riesca a mettere dentro

        questo signore dicendo: va in galera perché
        ha

        divulgato materiale coperto da segreto di
        stato

        mettendo in difficoltà molti

        governi.

        Allora dovrebbero mettere in galera anche i
        giornalisti americani che hanno ripubblicato
        parte del
        materiale.Credo proprio di sì. O almeno sanzionarli in qualche modo. Alla fine dei conti non si tratta di aver scoperto dei reati, non c'è mica un Watergate dietro. E' puro voyerismo/gossip politico: cosa pensa il console americano in Francia di Sarkozy. Ma chissenefrega. Dobbiamo mettere in imbarazzo i rapporti tra due paesi alleati per la fregola di sapere cosa si dicono i diplomatici tra di loro? Si vede proprio che siamo una società decadente: durante la II guerra mondiale o durante la guerra fredda Assange sarebbe sparito nel nulla ben prima di pubblicare qualsiasi cosa. E chi invece pubblicava scandali VERI lo ha potuto fare (vedi Watergate).
        • ninjaverde scrive:
          Re: Bene...
          Già.Bruciamo anche le streghe."Any society that would give up a little liberty to gain a little securitywill deserve neither and lose both."-Benjamin Franklin
          • salvagenteb ucato scrive:
            Re: Bene...
            ma si chissefrega .. a me interessa che berlusconi si levi dal XXXXX quello si che conta
          • ninjaverde scrive:
            Re: Bene...
            - Scritto da: salvagenteb ucato
            ma si chissefrega .. a me interessa che
            berlusconi si levi dal XXXXX quello si che
            contaE così pensi di risolvere tutto?Non è la questione del berlusca o meno.Tanto tolto il tizio ne metteranno un altro come si fa col papa.Uno dei problemi è che stanno affettando le libertà cone se fosse un salame: un pezzo per volta.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Bene...
          immagino che tu segui wikileaks quando ne parlo il tg1, vero ?
        • Sgabbio scrive:
          Re: Bene...
          immagino che tu segui wikileaks quando ne parlo il tg1, vero ?
        • Izio scrive:
          Re: Bene...
          - Scritto da: Darth Vader

          Credo proprio di sì. O almeno sanzionarli in
          qualche modo. Alla fine dei conti non si tratta
          di aver scoperto dei reati, non c'è mica un
          Watergate dietro. E' puro voyerismo/gossip
          politico: cosa pensa il console americano in
          Francia di Sarkozy. Ma chissenefrega. Dobbiamo
          mettere in imbarazzo i rapporti tra due paesi
          alleati per la fregola di sapere cosa si dicono i
          diplomatici tra di loro? Si vede proprio che
          siamo una società decadente: durante la II guerra
          mondiale o durante la guerra fredda Assange
          sarebbe sparito nel nulla ben prima di pubblicare
          qualsiasi cosa. E chi invece pubblicava scandali
          VERI lo ha potuto fare (vedi
          Watergate).Potresti provare a cercare "Collateral Murder" su YouTube, poi potresti dirci se per te sarebbe stato giusto tenere insabbiati quei fatti.Secondo me, no.
    • Funz scrive:
      Re: Bene...
      - Scritto da: Darth Vader
      ... anche se mi sembra tanto simile al pretesto
      con il quale è stato incarcerato Al Capone. Visto
      che non riuscivano a incriminarlo per tutti gli
      omicidi lo hanno messo dentro per evazione
      fiscale.

      Possibile che non si riesca a mettere dentro
      questo signore dicendo: va in galera perché ha
      divulgato materiale coperto da segreto di stato
      mettendo in difficoltà molti
      governi.Che reato sarebbe? In quale giurisdizione esiste?In realtà Assange è un giornalista, e pubblicare notizie di interesse pubblico è suo diritto (e nostro diritto è leggerle).E in questa storia, per quanto tanti XXXXXXXXX tentino di sminuirne il valore, di notizie interessanti ce ne sono tantissime. Basta andarsele a cercare, solo che costa fatica... meglio seguire il TG4!E' ridicolo e vergognoso quello che stanno cercando di fare ad Assange, e non fa onore a Paesi presunti civili come UK, USA e Svezia.
    • Skywalker scrive:
      Re: Bene...
      - Scritto da: Darth Vader
      Possibile che non si riesca a mettere dentro
      questo signore dicendo: va in galera perché ha
      divulgato materiale coperto da segreto di stato
      mettendo in difficoltà molti
      governi.Possibilissimo, per il semplice motivo che non è un reato.Pensa, non lo è nemmeno negli Stati Uniti.L'accusa di Spionaggio richiederebbe che Assange avesse contattato lui Manning e gli avesse chiesto di fornirgli il materiale del CableGate: ma Wikileaks non lo ha fatto, ha solo RICEVUTO il materiale.Manning è in galera negli USA per tradimento. Ma questa è un'altra cosa.Quello che gli USA stanno cercando di fare è di rendere la vita difficile ad Assange come monito per chi dovesse, legalmentente, essere nelle condizioni di fare altrettanto.Ricorda: puoi pagare la tua quota al Ku Klux Klan con Mastercard, ma non Wikileaks...
  • BlaBla scrive:
    Voglio propio vedere se...
    ...daranno il permesso di estradizione anche per la Knox, se la Cassazione dovesse ritenerla colpevole. Io non ci scommetterei.
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Voglio propio vedere se...
      - Scritto da: BlaBla
      ...daranno il permesso di estradizione anche per
      la Knox, se la Cassazione dovesse ritenerla
      colpevole. Io non ci
      scommetterei.Non hanno estradato Pinochet, ma Assange sì, colpevole di aver bucato il preservativo.
      • ninjaverde scrive:
        Re: Voglio propio vedere se...
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        - Scritto da: BlaBla

        ...daranno il permesso di estradizione anche
        per

        la Knox, se la Cassazione dovesse ritenerla

        colpevole. Io non ci

        scommetterei.

        Non hanno estradato Pinochet, ma Assange sì,
        colpevole di aver bucato il
        preservativo.Ha tentato di riprodursi a sua insaputa.
    • grubbolo scrive:
      Re: Voglio propio vedere se...
      La Cassazione non può ritenere colpevole la Knox.Può al massimo ordinare che si rifaccia il proXXXXX d'appello.
      • Internetcrazia scrive:
        Re: Voglio propio vedere se...
        infatti se non mi sbaglio, la Cassazione giudica la corretta applicazioni delle leggi relative alla sentenza; se cassano una sentenza, si deve ricominciare...ma ormai la signorina è gia in usa a scrivere libri e firmare autografi.
Chiudi i commenti