L'ONU è una minaccia per la rete?

Questa la tesi di un influente senatore americano la cui risoluzione dovrebbe presto essere approvata in Congresso: in questo modo a Tunisi gli USA faranno quadrato e manterranno il controllo di ICANN


Roma – Si profila uno scontro infuocato il mese prossimo a Tunisi in occasione del WSIS , il Summit internazionale sulla Società dell’Informazione: da un lato l’ONU e molti paesi europei e dall’altra gli americani. Oggetto del contendere: il controllo di ICANN , l’organismo di supervisione sul sistema dei domini. Un influente senatore americano ha infatti risposto agli appelli del presidente George W. Bush e alle prese di posizione del Dipartimento di Stato producendo una bozza di risoluzione che, se approvata, darà ai rappresentanti americani la possibilità di impedire il passaggio delle consegne dal Governo USA all’ONU.

L’iniziativa del senatore Norm Coleman è diretta a respingere la richiesta dell’ONU di avocare a sé il controllo di ICANN per dare un afflato davvero internazionale ad un organismo decisivo nello sviluppo del web e nel mantenimento della grande rete. L’idea dell’ONU è quella di delegare il controllo di ICANN ad una delle proprie agenzie, l’ ITU , la International Telecommunications Union e porre fine alla singolarissima posizione in cui si trovano gli Stati Uniti. In buona parte questa spinta è dovuta al ruolo sempre crescente di internet nelle economie e nelle società di tutto il Mondo e al fatto che eventuali veti americani (come accadde con quello che ha bloccato la realizzazione di domini.xxx per i siti a luci rosse) possano impattare sugli altri paesi.

Coleman ci va giù pesante e considera internet “a rischio”, vista l’iniziativa dell’ONU. “Se non rispondiamo in modo adeguato – ha dichiarato – metteremo a rischio la libertà e il mercato creati da questa meraviglia dell’informazione e finiremmo per sacrificare l’accesso alle informazioni, alla privacy, alla protezione della proprietà intellettuale dalle quali tutti dipendiamo”. Una dichiarazione che per qualcuno stride con la realtà dei fatti: in molti ritengono internet sì un “meraviglioso” strumento di informazione ma anche, per le caratteristiche del mondo digitale, una delle forze erosive proprio di quella privacy e soprattutto di quella proprietà intellettuale di cui Coleman parla.

La proposta che Coleman ha portato al Senato non è certo isolata: alla Camera dei Rappresentanti è già stata votata una risoluzione del tutto simile che, sebbene non vincolante per l’amministrazione Bush, in realtà sposa totalmente la dottrina del Presidente in materia.

Va detto che già nella prima sessione del WSIS che si era tenuta a Ginevra due anni fa , i paesi partecipanti avevano fatto propria la richiesta di una “internazionalizzazione” dell’ICANN.

Occorre anche sottolineare come la posizione statunitense sia condivisa non soltanto su suolo americano. Anche altri paesi temono infatti l’influenza che sull’ONU e sugli organismi internazionali possono esercitare quei paesi dove la rete viene gestita con strumenti di censura e filtraggio. Tra questi sono particolarmente attivi all’interno del WSIS Iran e Cina , quest’ultima considerata il campione delle tecnologie di controllo e delle norme restrittive.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Facciamo noi un GTA opensource!
    Ovviamente parlo di un GTA per Linux gratuito e opensource!Ecco qui cosa potremmo usare, questo ha una licenza open source:http://www.vterrain.org/index.htmloppure potremmo usare questo progetto su sourgeforge:http://citybuilder.sourceforge.net/manual.htmlE insieme questo engine:http://irrlicht.sourceforge.net/index.html
  • Anonimo scrive:
    South Park......
    In una puntata di South Park, i pestiferi ragazzini giocando ai Ninja, cavano un occhio ad un compagno,nel trambusto uno di loro finisce completamente nudo su un palco di una fiera.Alla fine, l'indignazione generale è per la nudità e nessuno nomina il povero ragazzino ferito."Siamo salvi ragazzi, quando c'è una nudità a nessuno importa della violenza!"
  • Anonimo scrive:
    mi chiedo a che serve...
    censurare un gioco se poi basta andare su un qualiasimotore di ricerca e scrivere"sex"per trovare 227.000.000 risultati...che scemi...
    • Anonimo scrive:
      Re: mi chiedo a che serve...
      Quoto in pieno.Io personalmente mi chiedo anche perchè i bigotti che sono al potere non si fanno i fatti propri lasciando al cittadino la libertà di decidere se poter vedere o meno le scene "proibite" presenti in questo gioco.Anche perchè comunque le scene sono nascoste, bisogna installare la patch per attivarle, quindi un utente deve proprio volerle vedere.E non ci vedo niente di male.
  • Anonimo scrive:
    A 15 anni i ragazzi
    E' normale che abbiano pruriti per il sesso, non lo è invece che li abbiano per la violenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: A 15 anni i ragazzi
      - Scritto da: Anonimo
      E' normale che abbiano pruriti per il sesso, non
      lo è invece che li abbiano per la violenza.mah non sono d'accordo, i ragazzini siccome hanno gli ormoni a mille tendono più facilmente a perdere le staffe.
    • ishitawa scrive:
      Re: A 15 anni i ragazzi
      - Scritto da: Anonimo
      E' normale che abbiano pruriti per il sesso, non
      lo è invece che li abbiano per la violenza.la violenza (cosi come l'istinto di prevaricazione) è anch'esso parte dell'istinto (o animo, chiamalo come vuoi) umano.sfogarlo, incanalarlo va bene (dipende dove lo si incanala) reprimerlo no, poi la gente scoppia (mai lette notizie di "tragedia della follia" dove chi ha fatto una strage viene descritto dai vicini come "una persona tranquilla, sempre a modo, salutava..."?tutti da bambini abbiamo giocato alla guerra (allora si giocava anche agli indiani, ma ora non è più politically correct) e abbiamo gridato "pam, pam muori"piu grandicelli, correndo in moto (nel mio caso) o giocando a tennis magari abbiamo gridato "crepa bastardo"per me queste azioni non fanno altro che mandare in fibrillazione i succitati 15enni che visto che è vietato non vedono l'ora di giocarci(a natale scorso mi avevano regalato il libro "il codice Da Vinci", poi lo leggo, mi dico e lo metto in uno scaffale dimenticandomelo completamente, quando poi ho sentito che la Chiesa lo vietava espressamente sono corso a leggerlo)
    • Xile scrive:
      Re: A 15 anni i ragazzi
      - Scritto da: Anonimo
      E' normale che abbiano pruriti per il sesso, non
      lo è invece che li abbiano per la violenza.Di questi tempi molti ragazzi di 15 anni hanno già avuto esperienze sessuali o comunque un anticipo, ovviamente parlo per l' Italia...io sinceramente non capisco proprio questa paura per il sesso, forse i censori ne fanno poco o male e quindi sono invidiosi :D
  • Anonimo scrive:
    Gran bel gioco
    Peccato per gli austrialianiE' vero che la grafica è poco superiore al commodore 64 e che il cielo sembra disegnato col secchiello di paintbrush, però è veramente immensoL'ho finito da poco, almeno la storia principale. (69%)Ed ho penato non poco.I punti + difficili secondo me sono il prendere il brevetto di volo, almeno coi comandi della tastiera (incubus) e la terzultima missione quando si deve entrare su una nave, rubare un caccia a decollo verticale, abbattere 3 aerei (se non si abbattono da soli) e affondare 4 navi tra gole strettissime con voli radenti o uso dei reattori verticali (sti azzi)Poi ovvio l'ultima missione, lunga e scappare dal palazzo in fiamme mica facileGran gioco: ave alla RockStar e alla prossima
    • Anonimo scrive:
      Re: Gran bel gioco
      - Scritto da: Anonimo
      Peccato per gli austrialiani

      E' vero che la grafica è poco superiore al
      commodore 64 e che il cielo sembra disegnato col
      secchiello di paintbrush,
      però è veramente immensoMa parli dell'ultimo GTA?
      • Anonimo scrive:
        Re: Gran bel gioco
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Peccato per gli austrialiani



        E' vero che la grafica è poco superiore al

        commodore 64 e che il cielo sembra disegnato col

        secchiello di paintbrush,

        però è veramente immenso

        Ma parli dell'ultimo GTA?secondo me no... oppure c'ha giocato con un pentium 2
        • Anonimo scrive:
          Re: Gran bel gioco
          GTA ha un merito rispetto a molti altri giochi... è immenso e giocabile mille volte perchè in realtà è un mondo parallelo.Per me la cosa più divertente in GTA:SA è quello di farmi un coast to coast a bordo di un chopper mentre con la radio a palla mi ascolto qualche bella canzone country...poi vabbè.. è violento, c'è sesso ma è tutto assurdo un po' come se si potesse giocare a pulp fiction. Eccheccavolo! Basta non prenderlo troppo seriamente e anzi in alcuni punti ti fa persino ridere (tipo il "Ti preeeeeeeeeeeeeegooooooooooo non mi ammazzzzzzzzzzare" a Catalina :P)
Chiudi i commenti