Mac OS X su PC, ora via hardware

Arrivano sul mercato i primi esemplari di EFiX, un piccolo dispositivo hardware che permette di installare e avviare il sistema operativo Apple utilizzando il software originale, senza trucchi, hack e altre gincane informatiche

Roma – Presentato lo scorso giugno come il primo dispositivo hardware a permettere l’installazione di Mac OS X sui PC, EFiX fa il suo primo, timido ingresso sul mercato. Secondo questa pagina del sito ufficiale, oggi la versione per PC desktop di EFiX è in vendita a Taiwan e in Bulgaria , mentre sono in corso trattative per estenderne la distribuzione a Stati Uniti, Malaysia, Hong Kong, Brasile, Spagna, Russia e Ucraina.

EFiX Il prezzo di lancio del prodotto è di 80 euro , ma la società che fabbrica EFiX conta di ridurne significativamente il costo non appena i volumi di produzione saliranno.

Come spiegato sul sito del produttore, EFiX è un piccolo dispositivo da installare all’interno di un PC desktop, collegandolo ai pin di una porta USB presente sulla scheda madre. Lo “scatolotto” consente di installare Mac OS X su un comune PC utilizzando il DVD originale, dunque senza ricorrere a versioni modificate del sistema operativo di Apple: ciò non solo evita lunghe ed elaborate procedure d’installazione fai-da-te, ma permette anche di avvalersi del sistema di aggiornamento automatico integrato in Mac OS X.

EFiX deve il suo nome all’Extensible Firmware Interface ( EFI ), che come noto è l’unico tipo di firmware nativamente supportato da Mac OS X. Insieme ai chip contenuti nel device, il firmware di EFiX – aggiornabile via Internet in modo indipendente dal BIOS della scheda madre – fa sì che Mac OS X riconosca il PC come un Mactel autentico .

Attualmente, però, EFiX supporta ufficialmente un numero limitato di schede madri Intel-based , peraltro tutte marchiate Gigabyte. In realtà le configurazioni hardware potenzialmente compatibili con EFiX sono ben di più, e verranno aggiunte alla lista ufficiale mano a mano che saranno testate dall’azienda che produce il prodotto.

“Il supporto per i frigoriferi, i forni a microonde e i mouse pad non è ancora stato implementato… per ora”, ironizzano i creatori di EFiX sul sito ufficiale, secondo i quali EFiX sarà presto in grado di supportare la stragrande maggioranza dei PC oggi in commercio.

Oltre ad estendere il numero di paesi nei quali sarà possibile acquistare EFiX, gli sviluppatori del dispositivo hanno già in piano il futuro lancio di una versione per i notebook , di una con interfaccia PCI e di una saldabile direttamente sulla scheda madre di un PC (dedicata agli OEM). L’attuale modello USB per PC desktop dovrebbe invece arrivare in due nuove versioni: la Deluxe, che aggiungerà un hub USB e un chipset audio integrato , e la Ultimate, dotata anche di Bluetooth .

Al momento non esiste alcuna tabella di marcia ufficiale: l’effettiva commercializzazione di questi prodotti dipenderà in larga parte dal grado di interesse che il mercato dimostrerà verso questo tipo di soluzioni. Tra le incognite non può essere ignorata anche quella relativa ad eventuali reazioni di Apple , reazioni che si attendevano per altro anche nel caso degli Open Mac di Psystar e che invece, ad oggi, non ci sono ancora state.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sina scrive:
    Ma che eBook
    Il futuro saranno gli AudioBook di cui beneficeranno in primis i non vedenti o gli ipovedenti, poi a beneficiarne saranno anche quelli che come me si fanno 45 minuti d'auto ad andare e 45 minuti a tornare ...ogni giorno... sarebbe mica male cacciare i libri in formato mp3 nel lettore dell'auto... hmmm oggi mi sa che mi ascolto la gerusalemme liberata... oppure un qualche libro di scienza e domani...? Perchè no, un bel romanzo per tutta la settimana...
    • Gix scrive:
      Re: Ma che eBook
      - Scritto da: Sina
      Il futuro saranno gli AudioBook di cui
      beneficeranno in primis i non vedenti o gli
      ipovedenti, poi a beneficiarne saranno anche
      quelli che come me si fanno 45 minuti d'auto ad
      andare e 45 minuti a tornare ...ogni giorno...
      sarebbe mica male cacciare i libri in formato mp3
      nel lettore dell'auto... hmmm oggi mi sa che mi
      ascolto la gerusalemme liberata... oppure un
      qualche libro di scienza e domani...? Perchè no,
      un bel romanzo per tutta la
      settimana...bisognava aspettare l'arrivo dell' alta tecnologia. i vecchi racconta storie. si compravano le cassette in edicola. le potevi mettere nel mangiacassette della macchina. che novità, che futuro. l'altra volta è stato un flop, ho l'impressione che si ripeterà. altra cosa sono i podcast ovviamente.
  • Homo Lector scrive:
    I freni alla diffusione dell'e-book...
    La diffusione degli e-book ha grossi freni, nonostante iRex, Amazon, Sony e Cybook stiano proffondendo grossi sforzi in merito...1. il DRM: compri un libro e non lo puoi prestare (a meno di non prestare anche il lettore), non lo puoi rivendere, non lo puoi convertire, stampare, leggere ad alta voce, e se il fornitore sparisce, rischi di non poterlo trasferire sul lettore aggiornato con più ram e più pixel che ti sei comprato per Natale.2. La lentezza degli editori: si trovano in rete già circa 20.000 titoli in italiano (oltre al progtetto gutemberg, parlo di libri nuovi, ultime uscite da libreria). Nesusno di questi è acquistabile regolarmente. Secondo i "Titolari dei diritti", non si dovrebbero leggere a basta. Evidentemente il Rio Mp3 non ha insegnato niente a nessuno.3. Il prezzo: sia il CEO di Penguin che quello di Harper Collins hanno dichiarato che il prezzo del libro elettronico è lo stesso dell'Hard Cover. Che, con tutti i limiti di cui sopra, lo rende molto poco appetibile. Sappiamo perfettamente che il costo di produzione è superiore rispetto al carteco, ma quello della singola copia è nettamente inferiore (la distribuzione in Rete, con tutta la sicurezza che ci metti, costa comunque meno della carta). E non sempre poi si ricordano di adeguarlo al paperback...Capisco che non ci si voglia fare autoconcorrenza, ma venderlo al costo del PB qualche settimana dopo l'uscita in HC potrebbe essere un buon compromesso.Per fortuna ci sono alcune librerie che ci pensano... Pochi gionri fa ho acquistato da Books on Board l'ultimo Deaber a 8 contro i 18 dell'edizione italiana. Il fatto è che non tutti in Italia amano leggere in inglese i romanzi...4. Il costo dei lettori. Il minimo è sopra i 300. E se per un cellulare è una cifra normale, per dei libri non lo è. Non so le statistiche, ma credo che la spesa media annua degli italiani in libri sia molto inferiore.5. I device: oltre che costosi sono anche poco performanti. iLiad, Sony PRS, Cybook, Hamlin, BEBook, Kindle, vbook... Sono ancora embrioni. Abbastanza lenti, poco prestanti (passi il B&N, ma almeno datemi 256 livelli), limitati nelle funzioni... Le prossime versioni saranno meglio, ma se non decolla, non ci si arriva...6. I vincoli di licenza: perchè il titolare di un formato deve per forza pretendere l'esclusiva su un lettore? Perchè chi legge Mobipocket non può per licenza leggere anche ePub? Perchè che ha un Sony può comprare libri solo da Sony?7. I regimi di monopolio. I due più grandi produttori di libri elettronici sono Amazon, che vende in formato esclusivo per il suo lettore, e Mobipocket, che vende per gli altri. Ma, essendo di proprietà di Amazon, indovinate che poilitica di prezzi segue? Il terzo è Sony, che vende un formato compatibile (pagando royalties a Mobipocket) con un solo lettore, il suo.Ed esiste un bellissimo, efficiente e completo formato Open....Se non si superano queste barriere, l'e-book resterà un fenomeno di nicchia. E di pirateria.
    • sentex scrive:
      Re: I freni alla diffusione dell'e-book...
      - Scritto da: Homo Lector
      La diffusione degli e-book ha grossi freni,
      nonostante iRex, Amazon, Sony e Cybook stiano
      proffondendo grossi sforzi in
      merito...

      1. il DRM: compri un libro e non lo puoi prestare
      (a meno di non prestare anche il lettore), non lo
      puoi rivendere, non lo puoi convertire, stampare,
      leggere ad alta voce, e se il fornitore sparisce,
      rischi di non poterlo trasferire sul lettore
      aggiornato con più ram e più pixel che ti sei
      comprato per
      Natale.

      2. La lentezza degli editori: si trovano in rete
      già circa 20.000 titoli in italiano (oltre al
      progtetto gutemberg, parlo di libri nuovi, ultime
      uscite da libreria). Nesusno di questi è
      acquistabile regolarmente. Secondo i "Titolari
      dei diritti", non si dovrebbero leggere a basta.
      Evidentemente il Rio Mp3 non ha insegnato niente
      a
      nessuno.

      3. Il prezzo: sia il CEO di Penguin che quello di
      Harper Collins hanno dichiarato che il prezzo del
      libro elettronico è lo stesso dell'Hard Cover.
      Che, con tutti i limiti di cui sopra, lo rende
      molto poco appetibile. Sappiamo perfettamente che
      il costo di produzione è superiore rispetto al
      carteco, ma quello della singola copia è
      nettamente inferiore (la distribuzione in Rete,
      con tutta la sicurezza che ci metti, costa
      comunque meno della carta). E non sempre poi si
      ricordano di adeguarlo al
      paperback...
      Capisco che non ci si voglia fare
      autoconcorrenza, ma venderlo al costo del PB
      qualche settimana dopo l'uscita in HC potrebbe
      essere un buon
      compromesso.
      Per fortuna ci sono alcune librerie che ci
      pensano... Pochi gionri fa ho acquistato da Books
      on Board l'ultimo Deaber a 8 contro i 18
      dell'edizione italiana. Il fatto è che non tutti
      in Italia amano leggere in inglese i
      romanzi...

      4. Il costo dei lettori. Il minimo è sopra i
      300. E se per un cellulare è una cifra normale,
      per dei libri non lo è. Non so le statistiche, ma
      credo che la spesa media annua degli italiani in
      libri sia molto
      inferiore.

      5. I device: oltre che costosi sono anche poco
      performanti. iLiad, Sony PRS, Cybook, Hamlin,
      BEBook, Kindle, vbook... Sono ancora embrioni.
      Abbastanza lenti, poco prestanti (passi il B&N,
      ma almeno datemi 256 livelli), limitati nelle
      funzioni... Le prossime versioni saranno meglio,
      ma se non decolla, non ci si
      arriva...

      6. I vincoli di licenza: perchè il titolare di un
      formato deve per forza pretendere l'esclusiva su
      un lettore? Perchè chi legge Mobipocket non può
      per licenza leggere anche ePub? Perchè che ha un
      Sony può comprare libri solo da
      Sony?

      7. I regimi di monopolio. I due più grandi
      produttori di libri elettronici sono Amazon, che
      vende in formato esclusivo per il suo lettore, e
      Mobipocket, che vende per gli altri. Ma, essendo
      di proprietà di Amazon, indovinate che poilitica
      di prezzi segue? Il terzo è Sony, che vende un
      formato compatibile (pagando royalties a
      Mobipocket) con un solo lettore, il
      suo.
      Ed esiste un bellissimo, efficiente e completo
      formato
      Open....

      Se non si superano queste barriere, l'e-book
      resterà un fenomeno di nicchia. E di
      pirateria. Diritti, formati, licenze, prezzi: è davvero questo il problema della diffusione?Lo sarebbe se la lunga lettura di un romanzo -e non di un manuale di istruzioni da spulciare- fosse non altrettanto, ma piu appagante in formato digitale, che cartaceo e lasciatevelo dire DA CHI LEGGE e non da chi conosce le mirabolanti innovazioni tecnologiche, che è esattamente l' opposto.Non dimentichiamoci poi che la musica stessa potrebbe da tempo abbandonare il formato fisico (CD) ed ancor prima la massa cartaceo-burocratica che affolla le scrivanie ma anche la case di tutti noi potrebbe DA ANNI essere completamente scomparsa. Cio non accade. Anche i pagamenti con carta di credito tramite impronta retinica rimarranno nei secoli ad esclusivo appannaggio delle pubblicità visa-mastercard: noi continuiamo a barattare banconote piene di germi con un consistenze costo per la zecca di stato.
  • mumble scrive:
    un Libro...
    ..non ha bisogno di nessuna interfaccia.mi spiego.se voglio ascoltare della musica,leggere un e-book, guardare un film,etc avrò bisogno di un sistema (Pc,internet, lettore DVD, etc)che mi permetta di accedervi.il libro invece è direttamente accessibile senza bisogno d' altro.è vero i libri costano,ma, a mio parere, restano la fonte d' informazione più accessibile.
    • deactive scrive:
      Re: un Libro...
      - Scritto da: mumble
      ..non ha bisogno di nessuna interfaccia.mi
      spiego.se voglio ascoltare della musica,leggere
      un e-book, guardare un film,etc avrò bisogno di
      un sistema (Pc,internet, lettore DVD, etc)che mi
      permetta di accedervi.il libro invece è
      direttamente accessibile senza bisogno d' altro.è
      vero i libri costano,ma, a mio parere, restano la
      fonte d' informazione più
      accessibile.Al telelobotomizzato italiano mediocre piace guardare i video su TGCom o leggere le Super notizie su 4 righe sui quotidiani gratuiti in metro.A parte i veri appassionati di lettura, trovera' molto seguito e secondo me potrebbe rivoluazionare per davvero il destino della carta stampata e dell'informazione in generale ...
    • Homo Lector scrive:
      Re: un Libro...
      - Scritto da: mumble
      ..non ha bisogno di nessuna interfaccia.mi
      spiego.se voglio ascoltare della musica,leggere
      un e-book, guardare un film,etc avrò bisogno di
      un sistema (Pc,internet, lettore DVD, etc)che mi
      permetta di accedervi.il libro invece è
      direttamente accessibile senza bisogno d' altro.è
      vero i libri costano,ma, a mio parere, restano la
      fonte d' informazione più
      accessibile.Il libro è un'interfaccia.Che si pone tra te e il contenuto.E' la migliore, insieme al rotolo, per una lettura lineare, ma già per un ipertesto è alquanto lacunosa.
  • Tonino scrive:
    Al posto dei giornali
    Vi immaginate un giornale elettronico.. la rivoluzione sarebbe data da un'unica pagina multimediale, magari preconfigurata secondo le preferenze (alias "prima pagina", la persona pagherebbe giusto le notizie che vorrebbe leggere, l'abbattimento dei costi permetterebbe di avere un prezzo più basso, magari i vari editori adotterebbero più sinergie e la persona potrebbe visualizzare più giornali (dando più spazio a quelli locali). Si potrebbero implementare video (ora sono solo online).Inoltre, cosa più importante, ci sarebbe un gran risparmio ecologico, infatti da quello che mi disse una giornalista, causa problemi di inchiostro la carte dei giornali non è riciclata!!! (spero che qualcuno mi smentisca) Potete vederne un'anteprima nel telefilm journeyman :)
    • Codroipo Mocaradonn a scrive:
      Re: Al posto dei giornali
      news.google.it + N80 (o iphone... bleah)Esiste gia.Benvenuto nel nuovo millenio
      • Tonino scrive:
        Re: Al posto dei giornali
        No.. è piccolo!!! il problema dei lettori odierni è che il monito è piccolo.. se si potesse leggere su un A4 come un giornale odierno avrebbe molta più risposta a mio parere..
        • Homo Lector scrive:
          Re: Al posto dei giornali
          - Scritto da: Tonino
          No.. è piccolo!!! il problema dei lettori odierni
          è che il monito è piccolo.. se si potesse leggere
          su un A4 come un giornale odierno avrebbe molta
          più risposta a mio
          parere..iRex iLiad + La Stampa in italiano; Feedbooks per un centinatio di testate inglesi.E' A5, non A4, ma ci si accontenta...;-)
      • Matteo scrive:
        Re: Al posto dei giornali
        gli ebook hanno uno schermo e-link, che rende la lettura come su un foglio di carta. Il monitor non è retroillumanto.Non stanca la vista, ha lo schermo più ampio. E non esistono solo giornali, ma anche libri.
        • Tonino scrive:
          Re: Al posto dei giornali
          e quanto è grande?come mai che non prende?è ingombrante?
          • Matteo scrive:
            Re: Al posto dei giornali
            - Scritto da: Tonino
            e quanto è grande?
            come mai che non prende?
            è ingombrante?come un foglio A5. Non è tanto ingobmrante. Non prende perchè è una tecnologia nuova, che pochi conoscono, e poi per l'elevato costo (dai 400 ai 600€ ).Ma si sa, come tutte le nuove tecnologie i prezzi scendono col tempo. Adesso c'è qualche modello un po' ridotto ma a 200€ .... Quando costa un po' di meno mi sa che lo prendo.
          • Funz scrive:
            Re: Al posto dei giornali
            Oltre che caro, ha i limiti del lungo tempo di refresh (1-2 secondi se ben ricordo per l'iliad), che va bene se devi "girare la pagina", ma rende impossibile anche solo scrollare un testo.Poi per ora è solo in b/n.Speriamo che le prossime generazioni di display siano migliori, non vedo l'ora di avere il giornale e tutti i miei feed in tasca :)
    • deactive scrive:
      Re: Al posto dei giornali
      - Scritto da: Tonino
      Vi immaginate un giornale elettronico.. la
      rivoluzione sarebbe data da un'unica pagina
      multimediale, magari preconfigurata secondo le
      preferenze (alias "prima pagina", la persona
      pagherebbe giusto le notizie che vorrebbe
      leggere, l'abbattimento dei costi permetterebbe
      di avere un prezzo più basso, magari i vari
      editori adotterebbero più sinergie e la persona
      potrebbe visualizzare più giornali (dando più
      spazio a quelli locali). Si potrebbero
      implementare video (ora sono solo
      online).

      Inoltre, cosa più importante, ci sarebbe un gran
      risparmio ecologico, infatti da quello che mi
      disse una giornalista, causa problemi di
      inchiostro la carte dei giornali non è
      riciclata!!! (spero che qualcuno mi smentisca)


      Potete vederne un'anteprima nel telefilm
      journeyman
      :)Di questi tempi secondo me e' proprio la selezione dei contenuti il problema, o meglio chi li seleziona per te.Come fai sapere che tutte le info che andavi cercando sono state trovate e visualizzate ?Pero' l'idea, condivido, e' grandiosa anche se il fascino delle pagine da sfogliare rimane tale e mi auguro percio' che una cosa non vada col tempo a sostituire l'altra.Scusa l'italiese, sono stanco .. ;)
  • Emil scrive:
    UNI verso
    In ambito universitario si sono ormai diffuse(fortunatamente) le dispense on-line.Anche il più arcaico dei professori ha i suoi bei PDF.Come mai, pur avendo noi studenti i nostri bravi portatili, continuiamo a stamparli?Diverso il discorso dei quotidiani, ormai soppiantati dai portali d'informazione.
    • anonymous scrive:
      Re: UNI verso
      - Scritto da: Emil
      In ambito universitario si sono ormai
      diffuse(fortunatamente) le dispense
      on-line.
      Anche il più arcaico dei professori ha i suoi bei
      PDF.
      Come mai, pur avendo noi studenti i nostri bravi
      portatili, continuiamo a
      stamparli?

      Diverso il discorso dei quotidiani, ormai
      soppiantati dai portali
      d'informazione.vorrei anch'io usare il portatile al posto del libro (uso i testi di liberliber in ascii e delle dispense estraggo un sunto e stampo quello, per dire) ma il portatile 1) se casca, ci cade del liquido o prende colpi si rompe, un libro é leggibile anche bagnato2) é più grosso pesante e ingombrante (e un tablet o un eee-like hanno il display piccolo) da portarsi dietro3) ha dimensioni che ne influenzano ergonomicamente l'uso (non puoi tenere un portatile con la mano sinistra sollevato controsole mentre stai sdraiato sulla spiaggia, se stai supino devi tenere il collo sollevato, in autobus o in treno devi poggiarlo su un tavolinetto o sulle ginocchia e non puoi tenerlo all'altezza degli occhi)4) difficilmente cercano di rubarti un libro5) le interfacce di navigazione tra le pagine sono più scomode anche con software evoluto come quello che gestisce i pdf: per cercare una parola molto indietro in un libro di 1000 pagg va anche meglio, ma se vuoi confrontare una formula 3 pagg prima con quella sulla pagina attuale, le operazioni sono macchinose specie con una mano solaimho il primo passo é il display lcd flessibile, poi l'interfaccia di navigazione: per me l' e-book deve essere impugnato con una mano sola, avere una dozzina di fogli per la consultazione di più pagine (altre interfacce così ergonomiche non mi vengono in mente), possibilità di mantenere qualche segnalibro e metterlo con una mano sola (per esempio simulando la piegatura di un angolo superiore o inferiore ;) ) possibilità di sfogliare avanti e indietro con una mano sola (per esempio sfiorando al centro il bordo pagina inferiore superiore o esterno) poi dovrebbe essere leggero, robusto e le batterie durare abbastanza anche usando pagine blandamente illuminatese arriviamo a queste cose o qualcuno pensa a un'interfaccia rivoluzionaria che soddisfa le stesse esigenze io lo compro subito !
      • Homo Lector scrive:
        Re: UNI verso

        se arriviamo a queste cose o qualcuno pensa a
        un'interfaccia rivoluzionaria che soddisfa le
        stesse esigenze io lo compro subito
        !Esiste dal 2005.Basta cercare.;-)
      • Gix scrive:
        Re: UNI verso
        - Scritto da: anonymous
        - Scritto da: Emil

        In ambito universitario si sono ormai

        diffuse(fortunatamente) le dispense

        on-line.

        Anche il più arcaico dei professori ha i suoi
        bei

        PDF.

        Come mai, pur avendo noi studenti i nostri bravi

        portatili, continuiamo a

        stamparli?



        Diverso il discorso dei quotidiani, ormai

        soppiantati dai portali

        d'informazione.


        vorrei anch'io usare il portatile al posto del
        libro

        (uso i testi di liberliber in ascii e delle
        dispense estraggo un sunto e stampo quello, per
        dire) ma il portatile


        1) se casca, ci cade del liquido o prende colpi
        si rompe, un libro é leggibile anche
        bagnato

        2) é più grosso pesante e ingombrante (e un
        tablet o un eee-like hanno il display piccolo) da
        portarsi
        dietro

        3) ha dimensioni che ne influenzano
        ergonomicamente l'uso (non puoi tenere un
        portatile con la mano sinistra sollevato
        controsole mentre stai sdraiato sulla spiaggia,
        se stai supino devi tenere il collo sollevato, in
        autobus o in treno devi poggiarlo su un
        tavolinetto o sulle ginocchia e non puoi tenerlo
        all'altezza degli
        occhi)

        4) difficilmente cercano di rubarti un libro

        5) le interfacce di navigazione tra le pagine
        sono più scomode anche con software evoluto come
        quello che gestisce i pdf: per cercare una parola
        molto indietro in un libro di 1000 pagg va anche
        meglio, ma se vuoi confrontare una formula 3 pagg
        prima con quella sulla pagina attuale, le
        operazioni sono macchinose specie con una mano
        sola

        imho il primo passo é il display lcd flessibile,
        poi l'interfaccia di navigazione: per me l'
        e-book deve essere impugnato con una mano sola,
        avere una dozzina di fogli per la consultazione
        di più pagine (altre interfacce così ergonomiche
        non mi vengono in mente), possibilità di
        mantenere qualche segnalibro e metterlo con una
        mano sola (per esempio simulando la piegatura di
        un angolo superiore o inferiore ;) ) possibilità
        di sfogliare avanti e indietro con una mano sola
        (per esempio sfiorando al centro il bordo pagina
        inferiore superiore o esterno)

        poi dovrebbe essere leggero, robusto e le
        batterie durare abbastanza anche usando pagine
        blandamente
        illuminate

        se arriviamo a queste cose o qualcuno pensa a
        un'interfaccia rivoluzionaria che soddisfa le
        stesse esigenze io lo compro subito
        !ecco che senso ha l'eee pc!
    • coso scrive:
      Re: UNI verso
      - Scritto da: Emil
      Come mai, pur avendo noi studenti i nostri bravi
      portatili, continuiamo a
      stamparli?
      Però qui si parla di lettori che usano l'e-ink. Un portatile è un'altra cosa, vale lo stesso discorso del palmare che ho fatto sopra.L'e-ink non affatica la vista come lo schermo di un computer.
    • n.n. scrive:
      Re: UNI verso
      Secondo me si continuno a stampare dispoensa non solo per l'esigenza di sottolineare e scriverci sopra ma anche per la necessita di saltare da una pagina all'altra. Un'altra ragione è quella della della consultazione contemporanea di diverse dispense. Ammesso che l'interfaccia dell'ebook reader fosse magnifica, la superficie del suo schermo è costante: se una buona interfaccia ti mette tutto a portata di dito, la carta tutto a portata d'occhio.Quindi, per la studio non acquisterei un ebook reader ma per leggere un romanzo o un fumetto assolutamente si.Da non trascurare i vantaggi intermini di spazio che ne deriverebbe dall'utilizzo del formato elettronico. Chi acquista materiale cartaceo con assiduità da diversi anni, probabilmente, sente questo problema.
    • Alessandro scrive:
      Re: UNI verso
      Così ti ritrovi Kg e Kg di carta fotocopiata senza un misero libro della facoltà che studi.Io sono laureato in economia e a casa in libreria tengo tutti i miei vecchi libri...ma per favoreOrmai l'università è piena di fannulloni che tirano a campare solo perchè non trovano lavoro
    • Matteo scrive:
      Re: UNI verso
      Sugli Ebook è possibile! E' possibile annotare appunti, sottolineare, e le modifiche verranno salvate.Inoltre, come già detto, usano un inchiostro elettronico, non i monitor retroilluminati. Quindi non stanca la vista, non consuma corrente (necessaria solo a "girare la pagina"), e la qualità è la stessa di quella cartacea.
      • Elf scrive:
        Re: UNI verso
        - Scritto da: Matteo
        Sugli Ebook è possibile! E' possibile annotare
        appunti, sottolineare, e le modifiche verranno
        salvate.
        Inoltre, come già detto, usano un inchiostro
        elettronico, non i monitor retroilluminati.
        Quindi non stanca la vista, non consuma corrente
        (necessaria solo a "girare la pagina"), e la
        qualità è la stessa di quella
        cartacea.Interessante. Io mi riferivo all'uso del PC per la lettura. Ma un ebook reader li legge i file PDF?
  • Linaro scrive:
    Ho appena pagato 150 euro per 3 libri
    Ho comprato 1500 pagine di libri su Amazon UK, spendendo 150 spese incluse. Sono 3 tomoni informatici. Avrei speso volentieri 150 per il reader se poi i 3 libri fossero stati disponibili come eBook per max 15-20 l'uno... download immediato, consultazione pratica e portabilità (i 3 tomoni sono pesantissimi).
    • Arnoldo Lana scrive:
      Re: Ho appena pagato 150 euro per 3 libri
      Prova Safari:http://safari.oreilly.com/Personalmente preferisco ancora i "tomoni" in carta, ma Safari è un bel servizio.Con 23 dollari + IVA al mese puoi consultare TUTTI i "tomoni" di tutti i maggiori editori e puoi tenere 10 completi alla volta nel tuo "scaffale" PDF. Con 43 dollari + IVA non hai la limitazione dei 10 libri alla volta.
      • Linaro scrive:
        Re: Ho appena pagato 150 euro per 3 libri
        - Scritto da: Arnoldo Lana
        Prova Safari:

        http://safari.oreilly.com/

        Personalmente preferisco ancora i "tomoni" in
        carta, ma Safari è un bel
        servizio.

        Con 23 dollari + IVA al mese puoi consultare
        TUTTI i "tomoni" di tutti i maggiori editori e
        puoi tenere 10 completi alla volta nel tuo
        "scaffale" PDF. Con 43 dollari + IVA non hai la
        limitazione dei 10 libri alla
        volta.L'ho provato, ma non mi ha convinto. E poi non sono eBook ma è consultazione online...
  • Michele scrive:
    gli e-Book inizieranno a diffondersi ..
    gli e-Book inizieranno a diffondersi quando i produttori di contenuti digitali capiranno che prima di convincere la gente che legge romanzi cartacei sarà moooooolto meglio convincere la gente che legge manuali cartacei (di informatica, medicina, legge, libri per le scuole ecc...) perchè è lì che l'e.Book dà il suo meglio.Aggiornabile: i romanzi non vengono aggiornati con nuove teorie o regolamenti ogni 2 mesiVeloce da scorrere : nei manuali si "salta" da un capitolo all'altro, in un romanzo no, ci mettiamo anche i link?La ricerca nel testo! : non credo serva specificare l'utilità in un manualeUna volta comprato l'e-Book ci si potrenbbe anche abbonare ai quotidiani per evitare di comprare mezzo kilo di carta ogni giorno per leggere due notizie e 50 pubblicità.vabbè, io e un mio collega abbiamo pronosticato che entro 5 anni l'e-Book cambierà di molto il mercato dell'editoria, come è stato per i cellulari .... dobbiamo solo aspettare che i prezzi diventino ragionevoli.vedremo!P.S.non a caso gli scettici sul fenomeno e-book provengono tutti dal campo dell'editoria o della stampa, sarebbero i primi a rimetterci qualche euro ;-)
    • MeX scrive:
      Re: gli e-Book inizieranno a diffondersi ..
      mi sembra un'osservazione molto giusta, peró attualmente questo lo puoi giá fare con i libri in PDF sul portatile o un UMPC o un palmare... insomma la storia della tecnologia sembra sempre piú andare verso la convergenza, quindi non ha piú senso pensare che l'ebook sará un qualcosa integrato in un palmare?
      • coso scrive:
        Re: gli e-Book inizieranno a diffondersi ..
        - Scritto da: MeX
        mi sembra un'osservazione molto giusta, peró
        attualmente questo lo puoi giá fare con i libri
        in PDF sul portatile o un UMPC o un palmare...
        insomma la storia della tecnologia sembra sempre
        piú andare verso la convergenza, quindi non ha
        piú senso pensare che l'ebook sará un qualcosa
        integrato in un
        palmare?Me gli apparecchi tipo il kindle usano l'e-ink che va bene per leggere i libri, ma non per usarlo come un computer. Va bene perché siccome usa un materiale che cambia colore a seconda degli stimoli elettrici non ha bisogno di illuminarsi. Consuma pochissima energia e solo quando si cambia pagina.Un palmare consuma di più ed è più faticoso da leggere. Il display di un palmare costa di più da produrre, mentre quello dell'e-ink costa pochissimo. Ora li vendono cari probabilmente perché vogliono rifarsi dei costi di ricerca.
        • Michele scrive:
          Re: gli e-Book inizieranno a diffondersi ..
          esatto, il problema dei pdf + portatili/palmari è lo schermo che affatica l'occhio in quanto è retroilluminato, mentre gli e-book stanno tentando di simulare la carta o comunque una superficie non illuminata con un'immagine stabilela dimostrzione è che per correggere un testo scritto su pc spesso si stampa perchè leggendolo a schermo diversi errori non vengono notati
          • Gix scrive:
            Re: gli e-Book inizieranno a diffondersi ..
            - Scritto da: Michele
            esatto, il problema dei pdf + portatili/palmari è
            lo schermo che affatica l'occhio in quanto è
            retroilluminato, mentre gli e-book stanno
            tentando di simulare la carta o comunque una
            superficie non illuminata con un'immagine
            stabile

            la dimostrzione è che per correggere un testo
            scritto su pc spesso si stampa perchè leggendolo
            a schermo diversi errori non vengono
            notatiil pc di negroponte ha risolto questo problema
      • ghjghjgfhjf ghjf scrive:
        Re: gli e-Book inizieranno a diffondersi ..
        - Scritto da: MeX
        mi sembra un'osservazione molto giusta, peró
        attualmente questo lo puoi giá fare con i libri
        in PDF sul portatile o un UMPC o un palmare...
        insomma la storia della tecnologia sembra sempre
        piú andare verso la convergenza, quindi non ha
        piú senso pensare che l'ebook sará un qualcosa
        integrato in un
        palmare?se dici questo non hai la benche' minima idea di quale sia la differenza tra un display e-ink e uno che emette luce
  • pinco pallino scrive:
    Libri scolastici in forma elettronica
    Oltre a varie schifezze, c'è anche qualcosa di particolare nel nuovo decreto *legislativo* approvato:http://www.camera.it/parlam/leggi/decreti/08112d.htmArticolo 15 comma 2.Chissà se lo applicheranno.
    • ips scrive:
      Re: Libri scolastici in forma elettronica
      Speriamo di no! Adesso come adesso la norma è stata studiata per favorire alcuni testi a discapito di altri che non hanno la doppia edizione (cartacea + informatica). Ma solo io avevo meno della metà dei libri di oggi alle elemntari (o primarie... che dir si voglia)?? Eppure mi sembra di essere riuscito a proseguire benissimo il mio percorso di studi...
      • Domenico Anto scrive:
        Re: Libri scolastici in forma elettronica
        CON CHE CORAGGIO CHOJIN HAI VOTATO BERLUSCONI QUELLA TESTA DI CAZZO DI MERDA!?SE FOSSI UN ELETTORE DI DESTRA MI SENTIREI OFFESO DA UNO COME LUI CHE PRIMA LECCA IL CULO AGLI ELETTORI (SEMBRA) E POI VE LO METTE ANZI CE LO METTE NEL CULO FACENDOSI LE LEGGI PER LUi!!!VERGOGNATEVI ITALIANI!!!IL COMUNISMO NON ESISTE PIU' COMUNQUE ED I 68INI CON LE LORO IDEE NON CONTANO NIENTE!LA P2 HA OTTENUTO IL SUO SCOPO!CIOE' DISTRUGGERE IL COMUNISMO!DISTRUGGERE LA CULTURA!ANNULLARE IL BENESTARE DI TUTTI A FAVORE DEL BENESTARE DI POCHI!E NON E' CHE STO DICENDO FESSERIE...SI SA CHE META' DELLA RICCHEZZA MONDIALE E' IN MANO A POCHE PERSONE AL MONDO!
  • chojin scrive:
    Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
    ...tutti ne avrebbero qualcuno in casa dove scaricarci i libri, che dovrebbero costare meno della copia cartacea per non essere una truffa. Il problema è sempre tutto lì. Non può esistere un mercato di massa che sostituisca un prodotto esistente e diffuso da secoli se non lo si rende estremamente economico così che tutti possano averlo. La cosa ridicola poi è che tutti questi riccastri che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono '68ini di sinistra che professano idiozie comunistoidi... all'atto pratico si dimostra che semplicemente non hanno la benchè minima idea di come funzioni il vero capitalismo, per questo non sanno fissare dei prezzi onesti ed adatti a creare un mercato di massa.
    • occasionale scrive:
      Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
      con quei soldi i compri un convertitore £/ cinese....
    • Domenico Anto scrive:
      Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
      non sai nemmeno cos'è il vero comunismo quindi stai zitto che è meglio
      • chojin scrive:
        Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
        - Scritto da: Domenico Anto
        non sai nemmeno cos'è il vero comunismo quindi
        stai zitto che è
        meglioCerto, il comunismo è bellissimo perchè a voi elettori di sinistra piace tanto. Ehh!
    • PeeBee scrive:
      Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
      - Scritto da: chojin
      La cosa ridicola poi è che tutti questi riccastri
      che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono
      '68ini di sinistra che professano idiozie
      comunistoidi... all'atto pratico si dimostra che
      semplicemente non hanno la benchè minima idea di
      come funzioni il vero capitalismo, per questo non
      sanno fissare dei prezzi onesti ed adatti a
      creare un mercato di
      massa.Ma certe puttanate le studi a tavolino o ti vengono così d'istinto ? La Sony secondo te è una ex comunista sessantottina ? No ? Allora vai a vederti quanto costa il Librié sul sito Sony. 300$. Ora, tra cambio, margine, trasporto, IVA, un coso del genere viene venduto in Italia a 300 e con conti del tutto onesti. Collega il cervello prima di parlare, la prossima volta.
      • chojin scrive:
        Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
        - Scritto da: PeeBee
        - Scritto da: chojin

        La cosa ridicola poi è che tutti questi
        riccastri

        che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono

        '68ini di sinistra che professano idiozie

        comunistoidi... all'atto pratico si dimostra che

        semplicemente non hanno la benchè minima idea di

        come funzioni il vero capitalismo, per questo
        non

        sanno fissare dei prezzi onesti ed adatti a

        creare un mercato di

        massa.

        Ma certe puttanate le studi a tavolino o ti
        vengono così d'istinto ? La Sony secondo te è una
        ex comunista sessantottina ? No ? Allora vai a
        vederti quanto costa il Librié sul sito Sony.
        300$. Ora, tra cambio, margine, trasporto, IVA,
        un coso del genere viene venduto in Italia a 300
        e con conti del tutto onesti. Collega il
        cervello prima di parlare, la prossima
        volta.Anche dentro Sony lavorano, purtroppo per il mondo, una marea di '68ini diventati dirigenti con annessi figli, nipoti e pronipoti. La kultura '68ina ha invaso la società e questi sono i risultati. Quando i '68ini sono a governare l'economia non ne esce nulla di buono.
    • deactive scrive:
      Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook

      La cosa ridicola poi è che tutti questi riccastri
      che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono
      '68ini di sinistra che professano idiozie
      comunistoidi... all'atto pratico si dimostra che
      semplicemente non hanno la benchè minima idea di
      come funzioni il vero capitalismo, per questo non
      sanno fissare dei prezzi onesti ed adatti a
      creare un mercato di
      massa.Tu invece hai capito tutto e sai tutto ?Immagino tu li conosca tutti , uno per uno i comunistoidi che fissano i prezzi di questi device , vero ?ma per favore .. !
      • chojin scrive:
        Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
        - Scritto da: deactive

        La cosa ridicola poi è che tutti questi
        riccastri

        che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono

        '68ini di sinistra che professano idiozie

        comunistoidi... all'atto pratico si dimostra che

        semplicemente non hanno la benchè minima idea di

        come funzioni il vero capitalismo, per questo
        non

        sanno fissare dei prezzi onesti ed adatti a

        creare un mercato di

        massa.

        Tu invece hai capito tutto e sai tutto ?
        Immagino tu li conosca tutti , uno per uno i
        comunistoidi che fissano i prezzi di questi
        device , vero
        ?

        ma per favore .. !La verità irrita,eh? Avete perso le elezioni, evitate di andare in piazza a fare un golpe, grazie.
        • deactive scrive:
          Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
          - Scritto da: chojin
          - Scritto da: deactive


          La cosa ridicola poi è che tutti questi

          riccastri


          che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono


          '68ini di sinistra che professano idiozie


          comunistoidi... all'atto pratico si dimostra
          che


          semplicemente non hanno la benchè minima idea
          di


          come funzioni il vero capitalismo, per questo

          non


          sanno fissare dei prezzi onesti ed adatti a


          creare un mercato di


          massa.



          Tu invece hai capito tutto e sai tutto ?

          Immagino tu li conosca tutti , uno per uno i

          comunistoidi che fissano i prezzi di questi

          device , vero

          ?



          ma per favore .. !

          La verità irrita,eh?
          Avete perso le elezioni, evitate di andare in
          piazza a fare un golpe,
          grazie.Avete ? Che ne sai te ... ? basta dire qualcosa contro le tue idee e siamo tutti contro ?E parli a me di Golpe ? Mavaiacag...Non ti rispondo nemmeno, devi essere ignorante come la pece ..
        • ... scrive:
          Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
          quindi TU le hai vinte? Sei forse un politico che ne ricava qualcosa dalla vittoria? O sei solo un cittadino che ancora si immedesima in un ideale e quando uno schieramento vince va in giro dicendo "HO vinto" oppure "HO perso"?mi mettono tristezza questi attaccamenti agli ideali politici al giorno d'oggi, quando gli ideali nella politica non esistono più.
    • anonymous scrive:
      Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
      - Scritto da: chojin
      ...tutti ne avrebbero qualcuno in casa dove
      scaricarci i libri, che dovrebbero costare meno
      della copia cartacea per non essere una truffa.vero
      Il problema è sempre tutto lì. Non può esistere
      un mercato di massa che sostituisca un prodotto
      esistente e diffuso da secoli se non lo si rende
      estremamente economico così che tutti possano
      averlo.non del tutto vero non é rendendo estremamente economico un bene che se ne massifica l'adozione ma RENDENDO ESTREMAMENTE DESIDERABILE quel bene anche a scapito di altre esigenze più urgenti (per esempio i primi cellulari costavano da metà a uno stipendio ma li compravano tutti quelli che potevano farlo anche indebitandosi, so di gente che si compra vestiti e auto di lusso a chiodo con uno stipendio misero e vive in una soffitta e scrocca i pasti) ed é proprio quì che il materialismo perde qualche colpo
      La cosa ridicola poi è che tutti questi riccastri
      che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono
      '68ini di sinistra che professano idiozie
      comunistoidi... all'atto pratico si dimostra che
      semplicemente non hanno la benchè minima idea di
      come funzioni il vero capitalismo, per questo non
      sanno fissare dei prezzi onesti ed adatti a
      creare un mercato di massa.delirio ideologico, peccato, hai rovinato un post con alcuni spunti interessanti
      • chojin scrive:
        Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
        - Scritto da: anonymous

        La cosa ridicola poi è che tutti questi
        riccastri

        che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono

        '68ini di sinistra che professano idiozie

        comunistoidi... all'atto pratico si dimostra che

        semplicemente non hanno la benchè minima idea di

        come funzioni il vero capitalismo, per questo
        non

        sanno fissare dei prezzi onesti ed adatti a

        creare un mercato di massa.

        delirio ideologico, peccato, hai rovinato un post
        con alcuni spunti
        interessantiScommetto tu voti a sinistra,eh? Se avessi detto qualcosa di cattivo su Berlusconi, qualche insulto classico, avrei avuto la tua approvazione,eh? Patetico.
    • asdrubbale scrive:
      Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
      finalmente.. un po' di sano liberismo in questo spazio di tecno-comunisti!
      • deactive scrive:
        Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
        - Scritto da: asdrubbale
        finalmente.. un po' di sano liberismo in questo
        spazio di
        tecno-comunisti!ahahaha, tecno paranoici.
        • Homer S. scrive:
          Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
          Non ci credo...Troll fanatici anche su un post di un ebook... :|Ma non vi prende mai nessuno a badilate per farvi rinsavire????
    • ghjghjgfhjf ghjf scrive:
      Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
      - Scritto da: chojin
      La cosa ridicola poi è che tutti questi riccastri
      che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono
      '68ini di sinistrapuoi provarlo?
      • chojin scrive:
        Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
        - Scritto da: ghjghjgfhjf ghjf
        - Scritto da: chojin

        La cosa ridicola poi è che tutti questi
        riccastri

        che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono

        '68ini di sinistra

        puoi provarlo?Che domanda senza senso. Te l'hanno insegnata alla sezione di partito per diventare un bravo magistrato inquisitore?Basta vedersi la storia di Jobs e Gates per citarne due famosi...
        • sadf scrive:
          Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
          - Scritto da: chojin
          - Scritto da: ghjghjgfhjf ghjf

          - Scritto da: chojin


          La cosa ridicola poi è che tutti questi

          riccastri


          che fissano prezzi altissimi dei prodotti sono


          '68ini di sinistra



          puoi provarlo?

          Che domanda senza senso. Te l'hanno insegnata
          alla sezione di partito per diventare un bravo
          magistrato
          inquisitore?
          Basta vedersi la storia di Jobs e Gates per
          citarne due
          famosi...Nel 1968 Gates e Jobs avevano 13 anni. La sua domanda aveva un senso, tu spari solo stronzate.
          • deactive scrive:
            Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook


            Nel 1968 Gates e Jobs avevano 13 anni. La sua
            domanda aveva un senso, tu spari solo
            stronzate.ma tante anche ...
    • Enzo scrive:
      Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
      basta leggerli sul cellulare.
      • Domenico Anto scrive:
        Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
        a me pare che a comandare non siano i comunisti bensì quelli delle loggie massoniche...vedi P2
    • Domenico Anto scrive:
      Re: Se costassero 5-10 euro i lettori ebook
      CON CHE CORAGGIO CHOJIN HAI VOTATO BERLUSCONI QUELLA TESTA DI CAZZO DI MERDA!?SE FOSSI UN ELETTORE DI DESTRA MI SENTIREI OFFESO DA UNO COME LUI CHE PRIMA LECCA IL CULO AGLI ELETTORI (SEMBRA) E POI VE LO METTE ANZI CE LO METTE NEL CULO FACENDOSI LE LEGGI PER LUi!!!VERGOGNATEVI ITALIANI!!!IL COMUNISMO NON ESISTE PIU' COMUNQUE ED I 68INI CON LE LORO IDEE NON CONTANO NIENTE!LA P2 HA OTTENUTO IL SUO SCOPO!CIOE' DISTRUGGERE IL COMUNISMO!DISTRUGGERE LA CULTURA!ANNULLARE IL BENESTARE DI TUTTI A FAVORE DEL BENESTARE DI POCHI!E NON E' CHE STO DICENDO FESSERIE...SI SA CHE META' DELLA RICCHEZZA MONDIALE E' IN MANO A POCHE PERSONE AL MONDO!
Chiudi i commenti