macOS: stop all'editing delle foto con Aperture

La prossima versione di macOS non consentirà più di effettuare l'editing delle fotografie con il software Aperture: si passerà a Lightroom o Foto.

Ancora qualche mese e Apple spegnerà definitivamente il supporto ad Aperture, il software per l’editing delle fotografie presente sui computer della linea Mac introdotto nell’ormai lontano 2005. Con l’avvento del sistema operativo macOS 10.15, previsto per settembre, il programma smetterà di funzionare. Tutti i dettagli sono contenuti in una pagina del supporto ufficiale che suggerisce passo passo in che modo migrare la propria libreria ad alternative più recenti ed evolute come Lightroom di Adobe oppure Foto della mela morsicata.

macOS 10.15: stop al supporto per Aperture

Una scelta comprensibile, quella di Cupertino, giustificata da non meglio precisate ragioni di natura tecnica, probabilmente legate all’abbandono delle applicazioni 32-bit. Nonostante dall’interruzione dello sviluppo sia trascorso ormai parecchio tempo, in molti ancora oggi (più per abitudine che per altro) si stanno affidando ad Aperture per la gestione del proprio archivio fotografico. Gli update si sono fermati nel 2014 e nello stesso anno il software è scomparso dalla piattaforma Mac App Store per il download e l’installazione. Ecco quanto si legge sulle pagine del supporto.

Nel giugno 2014 Apple ha annunciato l’interruzione dello sviluppo di Aperture. Da allora sono stati rilasciati cinque major update del sistema operativo. Per ragioni tecniche, Aperture non potrà essere eseguito nelle versioni di macOS successive a Mojave. Per continuare a lavorare con le librerie fotografiche di Aperture potete migrarle all’applicazione Foto inclusa in macOS o in Adobe Lightroom Classic.

La versione macOS del software Foto

La presentazione di macOS 10.15 è attesa per il mese di giugno, in occasione dell’evento WWDC 2019 che andrà in scena dal 3 al 7 presso il McEnery Convention Center di San Jose. Tra le novità introdotte a livello di funzionalità, stando alle voci di corridoio circolate finora, ci sarà anche Sidecar: una caratteristica che permetterà di utilizzare un qualsiasi dispositivo della linea iPad come monitor esterno per il Mac, in modo nativo e senza dover ricorrere a device o soluzioni di terze parti, particolarmente utile per i creativi e per chi si trova a gestire più finestre in multitasking.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • LaNberto scrive:
    Aperture è un software non più sviluppato dal 2014... Chi lo usava come me, da tempo ha smesso di usarlo.
  • Registra scrive:
    Bella fregatura
  • interceptor scrive:
    Tolgono una applicazione e ne mettono una di default più limitata, ma se volete quello che avevate prima (e molto di più, ma che ovviamente non è indispensabile, se no avreste già cambiato) potete sempre usare Lightroom. A pagamento.
Fonte: Apple
Chiudi i commenti