Mafia e P2P, due pesi e due misure?

I provider di Assoprovider si pongono domande sulle strategie di contrasto all'illegalità in rete

Roma – Riceviamo e volentieri pubblichiamo qui di seguito il comunicato stampa diffuso da Assoprovider , l’associazione italiana dei provider

“Assoprovider segnala che due pesi e due misure sembrano esistere in Italia da parte delle Autorità di indagine e di repressione nella valutazione della gravità dei fenomeni legati ad Internet: mentre qualche mese fa a tutti i provider fu intimato dalla Procura di Bergamo di impedire l’accesso dei propri clienti al sito Pirate Bay, oggi c’è discordanza di vedute sull’oscuramento di alcune pagine di Facebook in cui vengono esaltate la Mafia e i suoi Padrini: dunque è più pericoloso il peer to peer della Mafia?

Per fortuna gli anticorpi (gli stessi utenti di Facebook) stanno reagendo da soli con mille iniziative contro i mafia supporter su FB. Facciamo notare che alcuni “fan” di queste pagine web pro-mafia hanno contestato sentenze definitive su capimafia accusati di omicidi e stragi: c’è il sospetto che dietro questo fenomeno si nasconda una regia centrale, che strumentalizza fra l’altro molti minori utenti di FB.

Come ha dichiarato il Procuratore Nazionale Antimafia Pietro Grasso “oscurare non serve. Contro chi inneggia a quei boss bisogna scatenare una grande reazione civile”.

Ciò che inquieta sono le discutibili scale di valori applicate nella valutazione di quello che si può e non si può fare in generale in Italia su Internet da parte dell’ Establishment italiano; il mondo degli internauti ha bene di che preoccuparsi a questo punto in vista di una eventuale proposta di regolamentazione della Internet mondiale ventilata all’interno del G8 prossimo venturo”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giggetto scrive:
    Sia come sia quest'anno me lo prendo
    Ho lasciato che i fess.. ehmm gli "enthusiast" si prendessero la prima ondata di netbuc.Quest'anno me ne prendo uno pure io, migliorato e a prezzo inferiore @^
    • Joe Tornado scrive:
      Re: Sia come sia quest'anno me lo prendo
      Migliorato forse si, secondo quelle che possono essere le tue necessità. Prezzo inferiore ? Non credo !
      • Giggetto scrive:
        Re: Sia come sia quest'anno me lo prendo
        Ma dai, a Natale in una nota catena dove si e' soci, l'Asus 900hd con 1 giga di ram e 160 giga di hd te lo tiravano dietro a 270 con lo sconto punti.Se a primavera fanno l'offerta con un modello superiore, anche allo stesso prezzo, va benissimo.Per stare in rete un netbook basta e avanza, per le cose piu' impegnative c'e' il baraccone tower sulla scrivania..
        • Joe Tornado scrive:
          Re: Sia come sia quest'anno me lo prendo
          Ma certo, sono d'accordo. Però la tendenza di oggi (gennaio) è svendere i netbook della "prima ora" e metterne in commercio altri con caratteristiche superiori e molto più costosi. Io, personalmente, ho preso a fine novembre un Aspire One modello base per duecento euro e mi trovo benissimo.
  • Matteo scrive:
    Atom che intacca il C2 Mobile?
    Ma stanno scherzando? Non c'è paragone...Il C2 Mobile può preoccuparsi solo dell'AMD Neo e della futura piattaforma Congo... di sicuro non dell'Intel Lentom®
    • guast scrive:
      Re: Atom che intacca il C2 Mobile?
      Come prestazioni non ci sono paragoni, ma ricorda che l'Atom sta tra i 50$ e i 60$.Il C2 SU9300 va nettamente meglio come velocità e consumi, ma sta sopra i 200$
  • the45dildos scrive:
    Il prezzo dei prossimi netbook...
    Viste le premesse il prezzo dei prossimi netbook sarà 499 euro...
    • attonito scrive:
      Re: Il prezzo dei prossimi netbook...
      - Scritto da: the45dildos
      Viste le premesse il prezzo dei prossimi netbook
      sarà 499 euro...non saro' certo tra i gonzi che lo acquisteranno, tranquillo.
  • pentolino scrive:
    Doppia faccia...
    da una parte sarebbe ora di mettere un nuovo chipset, sperando di diminuire i consumi e/o aumentare le prestazioni.Dall' altra mi pare proprio che il proXXXXXre (che devo dire ha un suo perchè in determinati contesti) sia lasciato stagnare per ragioni commerciali, come appunto il rischio di sovrapporsi ad altri prodotti della stessa intel.Altri come Via e Arm stanno crescendo nei settori dei basso consumo, speriamo che approfittino della situazione per creare un mercato alternativo con la conseguete concorrenza... un po' come qualche anno fa quando la competizione tra intel e amd ci portò proXXXXXri ad alte prestazioni e basso costo.
  • Monsieur Duball scrive:
    Che cosa vi aspettavate?
    Pensavate che Intel raddoppiasse subito le prestazioni del suo azzeccatissimo proXXXXXre a basso consumo. Uscira l'Atom 280, seguirà l'Atom 290, poi il 300........ :)
    • Super_Treje scrive:
      Re: Che cosa vi aspettavate?
      Veramente l'atom 330 e' gia' uscito peccato solo per il mercato dei barebone.
    • DarkSchneider scrive:
      Re: Che cosa vi aspettavate?
      - Scritto da: Monsieur Duball
      Pensavate che Intel raddoppiasse subito le
      prestazioni del suo azzeccatissimo proXXXXXre a
      basso consumo. Uscira l'Atom 280, seguirà l'Atom
      290, poi il 300........
      :)Direi che questo step dell'Atom così come è stato ipotizzato pare abbastanza inutile. Molto più proficuo sarebbe concentrarsi su un chipset apposito dai bassi consumi dato che così com'è adesso vanifica totalmente le qualità del proXXXXXre.
      • attonito scrive:
        Re: Che cosa vi aspettavate?

        Direi che questo step dell'Atom così come è stato
        ipotizzato pare abbastanza inutile. Molto più
        proficuo sarebbe concentrarsi su un chipset
        apposito dai bassi consumi dato che così com'è
        adesso vanifica totalmente le qualità del
        proXXXXXre.E poi tutti i magazzini pieni di chipset invenduti.No, PRIMA vanno sbolognati i chipset attuali, poi FORSE verranno commercializzati chiepset a basso consumo.
  • Enjoy with Us scrive:
    Unità DVD integrata?
    Grande cavolata, se hanno tanto spazio libero possono fare due cose nettamente più utili:1. Ridurre ulteriormente gli ingombri/pesi2. Aumentare la capienza delle batterie!
    • Angelo Russo scrive:
      Re: Unità DVD integrata?
      Condivido sulla questione Batterie, + autonomia nn farebbe affatto male..anzi
    • Monsieur Duball scrive:
      Re: Unità DVD integrata?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Grande cavolata, se hanno tanto spazio libero
      possono fare due cose nettamente più
      utili:
      1. Ridurre ulteriormente gli ingombri/pesi
      2. Aumentare la capienza delle batterie!Secondo me è una scelta azzeccata, conosco diverse persone a cui farebbe comodo un netbook, ma non lo prendono perchè manca l'unità ottica. Per l'autonomia ci sono i nuovi modelli con le batterie ai polimeri di litio che dovrebbero garantire maggiori prestazioni.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Unità DVD integrata?
        - Scritto da: Monsieur Duball
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Grande cavolata, se hanno tanto spazio libero

        possono fare due cose nettamente più

        utili:

        1. Ridurre ulteriormente gli ingombri/pesi

        2. Aumentare la capienza delle batterie!
        Secondo me è una scelta azzeccata, conosco
        diverse persone a cui farebbe comodo un netbook,
        ma non lo prendono perchè manca l'unità ottica.
        Per l'autonomia ci sono i nuovi modelli con le
        batterie ai polimeri di litio che dovrebbero
        garantire maggiori
        prestazioni.Assurdo! a cosa serve l'unità ottica su un ultraportatile, bastano e avanzano le chiavette USB.Stiamo parlando di sistemi il cui punto di forza dovrebbe essere la compattezza e la durata della batteria, sacrificando le prestazioni! Se uno vuole masterizzatore, ampio display e prestazioni si può rivolgere ad un normale notebok che per prezzi non poi tanto più elevati li fornisce senza problemi!
    • James Kirk scrive:
      Re: Unità DVD integrata?
      Concordo .. l'unità dvd interna serve a poco.Bisonga però tenere conto che i netbook sono stati acquistati da moltitudini che speravano di avere un NOTEbook a prezzo basso (mica tanto poi).E' chiara quindi l'evoluzione da netbook a piccolo notebook.
    • Brando scrive:
      Re: Unità DVD integrata?
      Bah, se continua così trasformeranno i netbooks in mini notebooks e questo non è bene. I netbooks sono nati per essere economici, piccoli, leggeri, portabili e possibilmente avere una grande autonomia. Se li trasformano in notebooks perdono la loro ragion d'essere.
      • attonito scrive:
        Re: Unità DVD integrata?
        - Scritto da: Brando
        Bah, se continua così trasformeranno i netbooks
        in mini notebooks e questo non è bene. I netbooks
        sono nati per essere economici, piccoli, leggeri,
        portabili e possibilmente avere una grandeall'inizio, si.
        autonomia. Se li trasformano in notebooks perdono
        la loro ragion d'essere.Poi hanno visto che c'era mercato, e tutti a fare netbook con prezzi sempre piu' assurdi.No, grazie, il netbook e' morto, quelli sono solo notebook un po piu' piccoli, tutto li'.
      • Boh scrive:
        Re: Unità DVD integrata?
        - Scritto da: Brando
        Bah, se continua così trasformeranno i netbooks
        in mini notebooks e questo non è bene. I netbooks
        sono nati per essere economici , piccoli, leggeri,
        portabili e possibilmente avere una grande
        autonomia...(rotfl)(rotfl) :D
Chiudi i commenti