Malaysia: Internet nuoce gravemente alla cultura

Secondo il governo Facebook, Twitter e gli altri servizi di microblogging rischierebbero di erodere la cultura locale

Roma – Il ministro per l’informazione e la comunicazione del governo della Malaysia, Rais Yatim, ha dichiarato che Internet, così com’è stato introdotto dagli occidentali, rischia di mettere in pericolo i gruppi musulmani e delle altre religioni.

Dichiarazione contro la globalizzazione o semplice paura della crescente influenza dell’opposizione sulla blogosfera del Paese, sembra trattarsi – comunque – solo di un avvertimento, senza l’adozione di misure ad hoc, la minaccia di censure o l’annuncio di un duro giro di vite contro la blogosfera.

“Non stiamo dicendo che Facebook o Twitter non possono essere utilizzati, ma che nel farlo ognuno deve mantenere i valori insegnati dall’Islam, dal Buddismo o dal Cristianesimo per mantenere viva la propria cultura”, avrebbe dichiarato il ministro al New Sunday Times .

In agosto, d’altronde, il governo aveva deciso di non adottare un controverso piano per creare un filtro per censurare i siti indesiderati.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Chimica e italiano
    E' una cosa che ho notato spesso negli ultimi tempi: i nomi dei composti chimici sono riportati in inglese nonostante abbiano una traduzione italiana (qui: cloruro di polivinile).Certo, si fa meno fatica e c'è meno rischio di commettere errori, ma si da l'impressione di sciattezza e di ignoranza scientifica.Non è solo PI, eh, è una tendenza generale... pare che ci sia persino una legge che impone l'inglese nella lista dei componenti dei prodotti chimici in vendita.
  • Sus Scrofa scrive:
    Giornalismo serio e scelta dei titoli
    Greenpeace non ha emesso alcun comunicato ufficiale con il quale sponsorizza marche particolari o produttori specifici di computer o altro.Il vostro modo di scegliere i titoli denuncia la vostra inesistente serietà di giornalisti. Non dite che è una specie di antonomasia, perchè potevate usare "verdi" o "ecologisti" senza connotare una associazione specifica.Non siete giornalisti seri ANCHE per questi motivi.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Giornalismo serio e scelta dei titoli
      Hai parlato con greenpeace?Io ho parlato con uno dei responsabili che stila la lista delle aziende IT verdi che viene redatta trimestralmente, e mi anticipava che questi computer Acer in uscita erano interessanti.Insomma sono in grado di confermare la notizia personalmente. Basta? :)L(edit: mancava un verbo)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 gennaio 2010 09.39-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti