Maretta USA sulla Convenzione UE

La convenzione europea contro il crimine cyber contrasta con la costituzione americana e con la libertà di parola. Protestano lobby hi-tech e associazioni. La speranza è una presa di posizione della Casa Bianca contro il trattato europeo


Washington (USA) – La più importante azione di contrasto all’entrata in vigore della Convenzione europea sul cybercrimine arriva dall’altra sponda dell’oceano Atlantico. Gli esperti delle associazioni per i diritti civili e i componenti delle potenti lobby della CCIA (Computer & Communications Industry Association) nelle scorse ore hanno infatti ricordato al segretario di Stato Colin Powell e al procuratore generale John Ashcroft che la Convenzione europea rischia di creare frizioni con l’ordinamento statunitense.

A sollevare perplessità su un testo già ampiamente criticato in Europa è il riferimento esplicito all’illegalità di attività elettroniche “razziste” o “xenofobe”. Secondo CCIA e soci, infatti, la Costituzione americana tutela la libertà di espressione e dunque anche questi aspetti, per quanto criticabili.

Non solo, perplessità vengono espresse rispetto al ruolo dei provider e degli operatori dei siti web, sui quali pesa, stando alla Convenzione, la responsabilità per eventuali contenuti di “odio” che possano apparire su siti web o sui messaggi di un forum online.

Agli esponenti istituzionali USA, il presidente dell’associazione tecnologica Ed Black, ha evidenziato l’ovvio: “Più libertà di parola, e non meno libertà, è la risposta efficace contro la diffusione di ignoranza e odio. Crediamo che un libero mercato delle idee debba regolare il contenuto, non il governo”.

Non è la prima volta che gli USA si scontrano con le volontà regolamentari, rispetto alle attività di rete, che emergono nella UE. Ed è ovvio che Black e i suoi vogliono evitarsi fardelli e oneri che oggi non hanno: “Siamo contro l’imposizione di responsabilità sui provider per qualsiasi cosa giri sui propri network. Questa Convenzione forzerebbe i provider a monitorare tutte le attività dei propri utenti”.

La Convenzione approvata dal Consiglio d’Europa ha ora iniziato il lungo cammino delle ratifiche nazionali che porteranno alla sua adozione entro qualche tempo nei paesi della UE e oltre.

Qualcuno spera che la posizione della CIAA spinga l’amministrazione statunitense a prendere una decisione in materia. Da quando è stata concepita, infatti, la Convenzione è nel mirino di associazioni e gruppi che la ritengono pericolosa per la privacy e per la libertà online. Ad essere temuti, tra le varie cose, sono l’espansione dei poteri delle autorità di sicurezza e il più facile scambio di dati personali tra le forze di polizia dei singoli paesi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il Signore dei Cancelli (aperti)
    Rispondo ad altri, ma anche a me stesso, e rilancio.1 - ripeto: NON mi riferivo Win NT 2000 e XP, ma, come giustamente è stato detto a un sistema Win monoutente. Se non era chiaro fin dall'inizio, me ne scuso.2 - la possibilità di intervenire da remoto sul registro di configurazione non è data SOLO da un intervento diretto dall'esterno (che ammetto difficile), ma anche da un intervento dell'utente che installa un software il quale, a sua insaputa, compie quest'operazione. In questo caso l'utente è utonto, sono d'accordo, ma fino ad un certo punto.Utilizzo un sistema protetto da: antivirus aggiornato, antitroiano aggiornato, firewall che funziona egregiamente (ho provato i vari test online e tutti mi hanno dato come risultato che TUTTE le porte erano in condizione STEALTH), anti spyware aggiornato. Ora, al di là del fatto che nessuno dovrebbe vendermi un sistema operativo senza dirmi che per navigare con un minimo di sicurezza io devo poi installare tutto sto ben di dio linea Maginot (che poi storicamente è fallita miseramente), dovrei ritenere di sentirmi discretamente sicuro. E a chi dice che cosa mai può avere da nascondere un sistema monoutente rispondo: il n. della mia carta di credito, ad esempio (posso fare acquisti online), codici di accesso all'home banking (nulla di pericoloso se qualcuno mi azzera il conto corrente, no?), tutte le password di accesso FTP ai siti che mantengo (e se tra questi ci fosse un sito di e-commerce su host esterno, magari con un elenco delle carte di credito?).Insomma, non mi venite a ravanare nel disco fisso, per favore.Quindi dovrei essere sicuro. e invece no: perché la porta che io non ho aperto magari me la apre un software che vado ad installare. Comprendo che molti freeware non siano difendibili, ma certe operazioni illecite sono compiute proprio da software Microsoft, vedi identificativo univoco installato da Win Media Player (ma perché io, solo perché la Microsoft deve farsi bella o peggio ha dei patti segreti con la RIAA, devo farmi identificare in rete? Se lo sapevo prima WMP neanche lo installavo, certo che poi loro poverini mica ne davano via così tanti?) e vedi lettura di tutti gli indirizzi email dei miei amici settati su MSN.Ora, una volta che questi programmi installano A MIA INSAPUTA queste chiavi di registro, e il mio indirizzo email (certo, perché non vi è mai capitato di ricevere un messaggio che pubblicizza i sandali di caucciù indonesiani casualmente proprio il giorno dopo avere visitato una pagina sui sandali di caucciù indonesiani?) è leggibile anche da remoto (perché se viene letta la chiave di registro dell'identificativo univoco allora può essere letta anche la chiave di registro che contiene in chiaro il mio indirizzo email installata da Outlook). Se poi a queste certezze (e non sono sospetti) aggiungo il sospetto che attraverso una porta aperta da RPCSS (o altro che ancora non sappiamo) la Microsoft possa comunicare a mia insaputa la cosa si fa un tantino pesante.E sentire il Signore dei Cancelli (aperti) parlare di pausa di meditazione mi fa' un po' sorridere..O NO?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Signore dei Cancelli (aperti)
      - Scritto da: Andrea
      Rispondo ad altri, ma anche a me stesso, e
      rilancio.

      1 - ripeto: NON mi riferivo Win NT 2000 e
      XP, ma, come giustamente è stato detto a un
      sistema Win monoutente. Se non era chiaro
      fin dall'inizio, me ne scuso.La serie Win95 era pensata in ambito monoutente, casalingo e di utilizzo *immediato*. Questo bisogno doveva soddisfare, l'ha soddisfatto pienamente e lo sta tuttora soddisfando, vedendo da diffusione. E non salti fuori "monopolio monopolio" visto che stiamo parlando di 10 anni fa (il pinguino gia' esisteva, ma non se lo filava nessuno neppure allora, anche senza monopolio e browser integrato). Tuttavia ormai e' tecnologia passata. Grazie e saluti.

      2 - la possibilità di intervenire da remoto
      sul registro di configurazione non è data
      SOLO da un intervento diretto dall'esterno
      (che ammetto difficile), ma anche da un
      intervento dell'utente che installa un
      software il quale, a sua insaputa, compie
      quest'operazione. In questo caso l'utente è
      utonto, sono d'accordo, ma fino ad un certo
      punto.Te lo sussurro nelle orecchie: anche sul registro si possono assegnare diritti utente. Ad esempio se non permetti ad un utente di toccare le impostazioni HW non solo non ha accesso al pannello HW, ma neppure scrivere su quella porzione di registro.
      Utilizzo un sistema protetto da: antivirus
      aggiornato, antitroiano aggiornato, firewall
      che funziona egregiamente (ho provato i vari
      test online e tutti mi hanno dato come
      risultato che TUTTE le porte erano in
      condizione STEALTH), anti spyware
      aggiornato.Scusami, mi fai qualche numero di porta/protocollo? Cosi', o verifichiamo o ci facciamo delle risate.
      Ora, al di là del fatto che
      nessuno dovrebbe vendermi un sistema
      operativo senza dirmi che per navigare con
      un minimo di sicurezza io devo poi
      installare tutto sto ben di dio linea
      Maginot (che poi storicamente è fallita
      miseramente), dovrei ritenere di sentirmi
      discretamente sicuro. E a chi dice che cosa
      mai può avere da nascondere un sistema
      monoutente rispondo: il n. della mia carta
      di credito, ad esempio (posso fare acquisti
      online), codici di accesso all'home banking
      (nulla di pericoloso se qualcuno mi azzera
      il conto corrente, no?), tutte le password
      di accesso FTP ai siti che mantengo (e se
      tra questi ci fosse un sito di e-commerce su
      host esterno, magari con un elenco delle
      carte di credito?).Insomma, non mi venite a
      ravanare nel disco fisso, per favore.Questa pappardella per dire cosa? MS ti viene a leggere sull'hd? Ci facciamo risate tante. E non venitemi a dire che potete nasconderlo nel traffico verso hotmail, come ho letto sotto, perche' mi fate venire il mal di pancia dalle risate. Rotfl. Siete li' tutti coi vostri 486 a fare da firewall a sperare di intercettare un pacchetto sospetto ma finora siete a bocca asciutta.
      Quindi dovrei essere sicuro. e invece no:
      perché la porta che io non ho aperto magari
      me la apre un software che vado ad
      installare.Questa pero' e' una perla. Installi un SW di terzi che ha bisogno di fare comunicazione di rete e naturalmente e' colpa di MS. Piccolo consiglio. Se sei sospettoso allo spasimo, Win2000 e XP hanno una firewall integrata (molti non la conoscono).
      Comprendo che molti freeware non
      siano difendibili, ma certe operazioni
      illecite sono compiute proprio da software
      Microsoft, vedi identificativo univoco
      installato da Win Media Player Come gia' detto e' come per i cookie. Tra l'altro se vuoi disabilitare la cosa basta togliere un checkbox. Difficile?
      (ma perché
      io, solo perché la Microsoft deve farsi
      bella o peggio ha dei patti segreti con la
      RIAA, devo farmi identificare in rete?AH... AH... AH... Rotolarsi dalle risate.
      Se lo
      sapevo prima WMP neanche lo installavo,
      certo che poi loro poverini mica ne davano
      via così tanti?) e vedi lettura di tutti gli
      indirizzi email dei miei amici settati su
      MSN.Domanda: Perche' hai installato WMP? E se hai installato WMP che OS stai usando? Debian? Suse? Red Hat? Non credo.
      Ora, una volta che questi programmi
      installano A MIA INSAPUTA queste chiavi di
      registro,A tua insaputa? Che cattivoni i programmi a salvare i loro settings nel registro o da qualche parte. E lo fanno talmente a tua insaputa che ti mettono (nel caso specifico) un bel checkbox.
      e il mio indirizzo email (certo,
      perché non vi è mai capitato di ricevere un
      messaggio che pubblicizza i sandali di
      caucciù indonesiani casualmente proprio il
      giorno dopo avere visitato una pagina sui
      sandali di caucciù indonesiani?)Perche' ti sei iscritto ad un servizio di immagini porno indonesiane, non temere.
      è leggibile
      anche da remoto (perché se viene letta la
      chiave di registro dell'identificativo
      univoco allora può essere letta anche la
      chiave di registro che contiene in chiaro il
      mio indirizzo email installata da Outlook).Risate 2.
      Se poi a queste certezze (e non sonoSe queste sono le tue "certezze" tiro un sospiro di sollievo.
      sospetti) aggiungo il sospetto che
      attraverso una porta aperta da RPCSS (o
      altro che ancora non sappiamo) la Microsoft
      possa comunicare a mia insaputa la cosa si
      fa un tantino pesante.Ma ce l'hai traversa con le RPC. Non sai manco cosa sono, come sono gestite e continui a menarla.
      E sentire il Signore dei Cancelli (aperti)
      parlare di pausa di meditazione mi fa' un
      po' sorridere..
      O NO?Io le risate me le sono gia' fatte stassera.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il Signore dei Cancelli (aperti)
        - Scritto da: Ciao
        diffusione. E non salti fuori "monopolio
        monopolio" visto che stiamo parlando di 10
        anni fa (il pinguino gia' esisteva, ma non
        se lo filava nessuno neppure allora, anche
        senza monopolio e browser integrato).E chi sta parlando di pinguini? Ci sono forse troppe code di paglia in giro?
        Scusami, mi fai qualche numero di
        porta/protocollo? Cosi', o verifichiamo o ci
        facciamo delle risate.Test Symantec online. Se è una bufala let me know please.
        Questa pappardella per dire cosa? MS ti
        viene a leggere sull'hd? Ci facciamo risate
        tante.Ah, scusa, non avevo capito che lavori per MS.
        E non venitemi a direIo sto parlando solo x conto mio
        che potete nasconderlo nel traffico verso hotmail, nascondeLO che? Non si capisce...
        come
        ho letto sotto, perche' mi fate venire il
        mal di pancia dalle risate.Ne sono molto contento. Attento però a non lasciare troppe finestre aperte se non fa corrente e ti prendi un qualche raffreddamento
        Rotfl. Siete li'
        tutti coi vostri 486 a fare da firewall a
        sperare di intercettare un pacchetto
        sospetto ma finora siete a bocca asciutta.Sì. Mi nutro di pacchetti sospetti e di biscottini sottratti a Micro$ozz.
        Questa pero' e' una perla. Installi un SW di
        terzi che ha bisogno di fare comunicazione
        di rete e naturalmente e' colpa di MS.WMP e MSN non sono di terzi ma di mamma loro.
        Piccolo consiglio. Se sei sospettoso allo
        spasimo, Win2000 e XP hanno una firewall
        integrata (molti non la conoscono).Mmmmmm.. geniale e insospettato. Però già ho dato tanto a mamma $$$ che non vorrei che ingra$$a$$e troppo.
        Come gia' detto e' come per i cookie. Tra
        l'altro se vuoi disabilitare la cosa basta
        togliere un checkbox. Difficile?Da IE non molto, ma WMP la nasconde proprio bene, questa checkbox per diasttivare l'uniqueID.
        AH... AH... AH... Rotolarsi dalle risate.Anche in questo caso, ricordati di non lasciare troppe porte aperte, se no cadi di sotto.
        Domanda: Perche' hai installato WMP? E se
        hai installato WMP che OS stai usando?
        Debian? Suse? Red Hat? Non credo.Win 98, già detto e ridetto.
        A tua insaputa? Che cattivoni i programmi a
        salvare i loro settings nel registro o da
        qualche parte.L'uniqueID e il permesso di leggere la lista email di MSN non sono settings necessari al funzionamento del programma ma operazioni di spyware. Ma dirlo a chi non ci sente sembra francamente inutile.
        E lo fanno talmente a tua
        insaputa che ti mettono (nel caso specifico)
        un bel checkbox.Mai visto il checkbox di MSN che ti avvisa dell'opzione attivazione lettura indirizzi da remoto
        Perche' ti sei iscritto ad un servizio di
        immagini porno indonesiane, non temere.Preferisco le bionde slave, grazie. Ma a questo proposito chiedo aiuto agli utenti Linux: cosa succede se si visita un sito di immagini porno indonesiane su Linuz con Conqueror o Mozilla?
        Risate 2.Vedi sopra (consigli su porte e finestre, ora aggiungo anche i cancelli)
        Ma ce l'hai traversa con le RPC. Non sai
        manco cosa sono, come sono gestite e
        continui a menarla.Scusa, non sapevo di colpire una tua ossessione. Prometto che non ne parlo più.
        Io le risate me le sono gia' fatte stassera.Alla salute tua! Attento però a non gonfiarti troppo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Il Signore dei Cancelli (aperti)
          - Scritto da: Andrea
          Da IE non molto, ma WMP la nasconde proprio
          bene, questa checkbox per diasttivare
          l'uniqueID.Dì, ma hai bevuto?Non so, altrimenti non si spiega...Dal menu Strumenti -
          Opzioni:è sulla (prima) pagina "Lettore multimediale" nel riquadro "Impostazioni Internet" e si chiama "Consenti ai siti Internet di identificare in modo univoco il lettore multimediale"Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Il Signore dei Cancelli (aperti)
            - Scritto da: Zeross
            Dal menu Strumenti -
            Opzioni:
            è sulla (prima) pagina "Lettore
            multimediale" nel riquadro "Impostazioni
            Internet" e si chiama "Consenti ai siti
            Internet di identificare in modo univoco il
            lettore multimediale"Forte tu hai sonno, invece:1 - la definizione mi sembra un po'capziosa (e molto poco esplicita): la chiave identifica l'intero utente e l'intera connessione e non il lettore multimediale2 - WMP ti mai chiesto ti attivare questa chiave quando si è installato?E' come lo spam: se non vuoi che te lo mandiamo faccelo sapere. E se invece avessero messo una bella checkbox da attivare DOPO e non prima: vuoi tu che venga inserita nel tuo registro di configurazione una chiave di indetificazione univoca che permetterà di identificarti partendo da una qualsiasi pagina Internet da te visitata?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il Signore dei Cancelli (aperti)

        Tuttavia ormai e' tecnologia passata. Grazie
        e saluti.insomma aggiornatevi e vi mandiamo una cartolina a natale...naturalmente offre m$...
        Te lo sussurro nelle orecchie: anche sul
        registro si possono assegnare diritti
        utente. Ad esempio se non permetti ad un
        utente di toccare le impostazioni HW non
        solo non ha accesso al pannello HW, ma
        neppure scrivere su quella porzione di
        registro.peccato che non funzionano...metto chiavi a gogo nel registro come e quando voglio...certo uno furbo puo mettere i vari system, user, ecc sui server, e blah, blah, blah...ma io (e non credo di essere l'unico) ne modifico la config come e quando voglio...vedi poi le varie user.exe exit uindows, ecc...vorrei proprio vedere la faccia di un admin che si ritrova il system.dat modificato sul server e nessun computer che parte...secondo te ci mette piu di 2 giorni a sistemarlo ???
        tutti coi vostri 486 a fare da firewall a
        sperare di intercettare un pacchetto
        sospetto ma finora siete a bocca asciutta.se parliamo di qualcosa a livello di kernel stai tranquillo che resteremmo a bocca aperta a lungo...
        spasimo, Win2000 e XP hanno una firewall
        integrata (molti non la conoscono).e quella cosa la chiami firewall ???hahahhahahahaha
        Ma ce l'hai traversa con le RPC. Non sai
        manco cosa sono, come sono gestite e
        continui a menarla.in unix le rpc sono state un problema a lungo...e visto che non vengono usate di solito (vista tutte le dcom, dcom+, dcom ultra) che cazz restano a fare li ???
        • Anonimo scrive:
          Re: Il Signore dei Cancelli (aperti)
          - Scritto da: blah

          neppure scrivere su quella porzione di

          registro.
          peccato che non funzionano...metto chiavi a
          gogo nel registro come e quando voglio...Come non funzionano? Perche' ad esempio un utente con privilegi limitati non puo' installare? Perche' l'installazione andrebbe a scrivere nel registro, e quindi... nisba.Programmi e utenti si muovono nello stesso contesto di sicurezza, ovviamente.
          certo uno furbo puo mettere i vari system,
          user, ecc sui server, e blah, blah,
          blah...ma io (e non credo di essere l'unico)
          ne modifico la config come e quando
          voglio...Se sei administrator o power user e' possibile che tu possa fare questo. Pero' puoi anche creare un account limitato con privilegi limitati. Prova a eseguire GPEDIT.MSC da linea di comando, guarda un po' cosa puoi fare o non fare...
          vorrei proprio vedere la faccia di un admin
          che si ritrova il system.dat modificato sul
          server e nessun computer che parte...secondo
          te ci mette piu di 2 giorni a sistemarlo ???


          tutti coi vostri 486 a fare da firewall a

          sperare di intercettare un pacchetto

          sospetto ma finora siete a bocca asciutta.
          se parliamo di qualcosa a livello di kernel
          stai tranquillo che resteremmo a bocca
          aperta a lungo...Perche'? Guarda che ci sono anche i firewall HW. Oppure basta mettere un server con quello che vuoi (linux ad esempio) per verificare i pacchetti in entrata/uscita. E non mi pare che ci siano cose strane.
          e quella cosa la chiami firewall ???
          hahahhahahahahaPerche' tu come la (lo?) chiami?Certo, non e' configurabile come ZA. E' proprio "bulk"... :) ma quello e'.Saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il Signore dei Cancelli (aperti)
        Ciao: il solito cretino che parla per dare ariaalla bocca...
  • Anonimo scrive:
    Windows e' piu sicuro di linux
    http://defaced.alldas.de/?attacker=Hi-Tech+Hatehttp://defaced.alldas.mirror.widexs.nl/?archives=os17742 time(s) a "Windows" Host has been defaced, which is 60.01 percent of all archived defacements 5999 time(s) a "Linux" Host has been defaced, which is 20.291 percent of all archived defacements 2688 time(s) a "Unknown" Host has been defaced, which is 9.092 percent of all archived defacements 988 time(s) a "Solaris" Host has been defaced, which is 3.342 percent of all archived defacements 778 time(s) a "FreeBSD" Host has been defaced, which is 2.631 percent of all archived defacements 583 time(s) a "Irix" Host has been defaced, which is 1.972 percent of all archived defacements 372 time(s) a "BSDI" Host has been defaced, which is 1.258 percent of all archived defacements 184 time(s) a "AIX" Host has been defaced, which is 0.622 percent of all archived defacements 122 time(s) a "SCO" Host has been defaced, which is 0.413 percent of all archived defacements 30 time(s) a "NetBSD" Host has been defaced, which is 0.101 percent of all archived defacements 19 time(s) a "HP-UX" Host has been defaced, which is 0.064 percent of all archived defacements 18 time(s) a "OpenBSD" Host has been defaced, which is 0.061 percent of all archived defacements 11 time(s) a "Tru64 UNIX" Host has been defaced, which is 0.037 percent of all archived defacements 10 time(s) a "Digital Unix" Host has been defaced, which is 0.034 percent of all archived defacements 3 time(s) a "Novell" Host has been defaced, which is 0.01 percent of all archived defacements 1 time(s) a "Ultrix" Host has been defaced, which is 0.003 percent of all archived defacements 100 % sicuro lo dicono le statistiche e' il primo sulla lista (spero si legga)il 50 % e' win il 50 % *nix
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows e' piu sicuro di linux
      Si è vero, è in testa alle classifiche, però come server più bucato, cioè il primo dei "defaced sites".Essendo i server Linux diffusi come se non più dei server Windows vuol dire che i server Windows sono molto + bucabili...O no?
      • Anonimo scrive:
        Re: Windows e' piu sicuro di linux
        - Scritto da: Bill Cancelli
        Si è vero, è in testa alle classifiche, però
        come server più bucato, cioè il primo dei
        "defaced sites".
        Essendo i server Linux diffusi come se non
        più dei server Windows vuol dire che i
        server Windows sono molto + bucabili...Aspetta, infrango il sogno. La situazione attuale degli OS server dice: 50% MS, 23% Linux, 27% altri.
        • Anonimo scrive:
          Re: Windows e' piu sicuro di linux
          Per la precisione, le statistiche riferite al 2000 (scusa ma c'è un pò di ritardo), cioè 31/12/00 (o 99, non sono sicuro, ma ha poca importanza), davano a win il 47% e qualcosa, a Linux il 26-27% e poi gli altri UNIX.Da notare che i server M$ qualche anno prima (96-97) erano arrivati oltre il 50% (56% mi sembra), per poi ridimenzionarsi e stabilizzarsi intorno al 50%; quota rosicchiata leggermente da Linux negli ultimi 2 anni: Linux ha rosicchiato quote maggiori agli altri UNIX.Lasciando da parte il fatto che ovviamente le statistiche sono in ritardo, queste si riferiscono sempre ai server documentati, e quindi quelli che escono con le distro Linux o win documentate. Ora, mentre una distro win è closed, per cui si sanno i server per cui è stata ordinata, non è cosi per tutti i server Linux o cmq open source come BSD (a ciò bisognerebbe ora aggiungere anche Solaris, ma è da poco scaricabile, anzi era!).Ergo alcuni server Linux sfuggono alla statistica, quasi tutti quelli da test, ed oltrettutto se un server figurava win, anche con l'installazione di Linux (od altro) continuerà a figurare come win server, a meno che la società chieda la distro ufficiale.Non per tutti i server avviene, e soprattutto per quelli da test, per cui basta scaricarsi i CD base o prenderli da una rivista.E questo te lo posso garantire personalmente, visto che alcuni server Linux che ho installato che sono stati sottratti a win, utilizzano i soli CD base.Vero che la maggioranza di quelli d'esercizio utilizzano la distro ufficiale; cmq è una fetta di server che manca all'appello.Per cui quelle statistiche, dovrebbero essere ancora più limate nei confronti di win, anche nel periodo a cui si riferiscono
        • Anonimo scrive:
          Re: Windows e' piu sicuro di linux
          - Scritto da: Ciao
          Aspetta, infrango il sogno. La situazione
          attuale degli OS server dice: 50% MS, 23%
          Linux, 27% altri.La situazione OS server nei tuoi sogni, oppure a casa tua forse...
  • Anonimo scrive:
    Ma se Windows stesso è uno spyware...
    Ma uno che si chiama gates (cancelli) e che crea un programma chiamato windows (finestre), e che lascia tutti questi cancelli e queste finestre aperte, l'avrà fatto senza volerlo oppure magari qualcosa i vuole fare passare attraverso questi buchi ..... ???Non prendiamoci x i fondelli:- Windows non prevede la possibilità di settare i livelli di sicurezza (lettura - scrittura - esecuzione) a scelta dell'utente su cartelle e files- Sia il sistema operativo che le varie applicazioni Microsoft aprono in automatico porte e comunicano attraverso di queste all'insaputa dell'utente (vedi Distributed Com Services - RPCSS.exe,Outlook, WMP, MSN)- Windows da' la possibilità in remoto addirittura di intervenire sul registro di configurazione, permettendo sia l'insallazione che la lettura di chiavi di registro: è stato dimostrato che alcune di queste chiavi contengono identificativi univoci (vedi quella installata da WMP), e che attraverso semplici script annidati in un qualsiasi codice html tali dati possono essere comunicati all'esterno (vedi la possibilità di leggere da remoto sia l'email dell'utente che quella di tutti i suoi amici (possibilità questa fornita da MSN).Tutto ciò non costituisce un BUG, ma una funzionalità voluta e programmata in origine dal sistema. Non è un problema di facilità di utilizzo dei programmi ma un problema di lasciare aperta la porta di servizio (la backdoor) per permettere al padrone di casa di entrare sempre e comunque. In poche parole aprire finestre può essere conveniente per l'utente ma ancora di più per chi detiene il monopolio dei sistemi operativi: e se poi questi sistemi operativi sono tutti in rete, le possibilità di controllo da parte del monopolista sono estremamente concrete e redditizie.Quindi, nel momento in cui lo stesso monopolista esprime indirizzi di tendenza apparentemente innovativi, ci si domanda quanto queste intenzioni siano sincere o quanto invece nascondano una semplice preoccupazione per essersi resi conto di avere pericolosamente superato ogni limite di decenza. E si comprende che forse tali intenzioni possono in realtà mascherare una semplice operazione di facciata, o meglio una pulizia dei difetti più vistosi (magari sanando la piaga della diffusione virus via email, rischia di danneggiare oltre il lecito la stessa Microsoft) che lascerà inalterate se non addirittura rinforzate le funzionalità "recondite" che permetteranno ancora una volta un controllo da remoto di tutti i sitemi operativi installati.Chi usa Windows non usa un sistema operativo: ne viene usato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
      - Scritto da: Andrea
      - Windows non prevede la possibilità di
      settare i livelli di sicurezza (lettura -
      scrittura - esecuzione) a scelta dell'utente
      su cartelle e filesGià parti male con un bel sfondone che mi fa capire che di Windows ne sai ben poco.Riprova, sarai più fortunato...Zeross
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
        - Scritto da: Zeross
        - Scritto da: Andrea


        - Windows non prevede la possibilità di

        settare i livelli di sicurezza (lettura -

        scrittura - esecuzione) a scelta
        dell'utente

        su cartelle e files


        Già parti male con un bel sfondone che mi fa
        capire che di Windows ne sai ben poco.

        Riprova, sarai più fortunato...


        Zeross
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...


        Già parti male con un bel sfondone che mi fa
        capire che di Windows ne sai ben poco.

        Riprova, sarai più fortunato...


        ZerossRiprova tu, caro Zero: mostraci gli inesistenti permessi di lettura/scrittura/esecuzione differenziati per livello esistenti su ogni buon sistema X e non su Win (o meglio Loose) (parlo di un comune utente che usa win$ozz a livello personale e si connette a Internet), poi dillo a Coccobillo Cancelli che ti darà un bel premio....:)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
          - Scritto da: Andrea
          Riprova tu, caro Zero: mostraci gli
          inesistenti permessi di
          lettura/scrittura/esecuzione differenziati
          per livello esistenti su ogni buon sistema X
          e non su Win (o meglio Loose) (parlo di un
          comune utente che usa win$ozz a livello
          personale e si connette a Internet), poi
          dillo a Coccobillo Cancelli che ti darà un
          bel premio....Ci provo io. Chiedo le proprieta' di un file a caso. Notepad.exe. Gruppo administrators full control (leggi/scrivi/esegui e molto altro, perche' se non lo sai, ci sono un sacco di altri diritti che si possono impostare). Tutti gli altri utenti solo lettura ed esecuzione. Ti basta?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...

            Ci provo io. Chiedo le proprieta' di un file
            a caso. Notepad.exe. Gruppo administrators
            full control (leggi/scrivi/esegui e molto
            altro, perche' se non lo sai, ci sono un
            sacco di altri diritti che si possono
            impostare). Tutti gli altri utenti solo
            lettura ed esecuzione. Ti basta?Ci riprovo anch'io.Chiedo le proprietà di un file a caso. Notepad.exe.Tipo: applicazione (miserella peraltro...)Percorso: C:WIN$OZZ (oops...)Dimensione: 56,0 KB (57.344 byte)Nome MS-DOS: NOTEPAD.EXEData creazione...Ultima modifica:Ultimo accesso...Attributi: Sola lettura nascosto ArchivioDove perdindirindincazzolina stanno i permessi di amministratore/gruppo/utente? e come faccio ad impedire la lettura di una cartella al di fuori Scusa la mia ignoranza, ma in Win '98 non ne sono proprio capace...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Andrea
            Ci riprovo anch'io.
            Chiedo le proprietà di un file a caso.
            Notepad.exe.
            Tipo: applicazione (miserella peraltro...)
            Percorso: C:WIN$OZZ (oops...)
            Dimensione: 56,0 KB (57.344 byte)
            Nome MS-DOS: NOTEPAD.EXE
            Data creazione...
            Ultima modifica:
            Ultimo accesso...
            Attributi: Sola lettura nascosto Archivio

            Dove perdindirindincazzolina stanno i
            permessi di amministratore/gruppo/utente? e
            come faccio ad impedire la lettura di una
            cartella al di fuori Scusa la mia ignoranza,
            ma in Win '98 non ne sono proprio capace...Ahhh.... :)Ok, ti chiarisco una cosa... qui si parla di windows NT, 2000, XP. Non li conosci? Documentati :)La famiglia windows 9x lasciala perdere per queste cose, d'altronde non e' certo fatta per questo tipo di utilizzo.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Sarge
            Ahhh.... :)
            Ok, ti chiarisco una cosa... qui si parla di
            windows NT, 2000, XP. Non li conosci?
            Documentati :)

            La famiglia windows 9x lasciala perdere per
            queste cose, d'altronde non e' certo fatta
            per questo tipo di utilizzo.

            Ciao.Sono perfettamente d'accordo: il problema è che 1 . non ho nessuna intenzione di usare NT, 2000, XP2. il thread l'ho iniziato io, parlando, se qualcuno non l'avesse ancora capito, di Win 9x (di gran lunga il + diffuso), e mi bacchettano perché sembra che dica cose che non stanno né in cielo né terra: eppure proprio stupido non sono...:)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Andrea


            - Scritto da: Sarge


            Ahhh.... :)

            Ok, ti chiarisco una cosa... qui si parla
            di

            windows NT, 2000, XP. Non li conosci?

            Documentati :)



            La famiglia windows 9x lasciala perdere
            per

            queste cose, d'altronde non e' certo fatta

            per questo tipo di utilizzo.



            Ciao.

            Sono perfettamente d'accordo: il problema è
            che
            1 . non ho nessuna intenzione di usare NT,
            2000, XPE allora non lamentarti di questo (fai male secondo me comunque). Ti e' stato detto che windows 98 non ha questa capacita', cosa che lo pone fuori dall'ambito aziendale, in qui il discorso multiutenza e la protezione dati sono prioritati.Windows 9x e' un sistema HOME. Per le aziende c'e' (c'era gia') windows NT.
            2. il thread l'ho iniziato io, parlando, se
            qualcuno non l'avesse ancora capito, di Win
            9x (di gran lunga il + diffuso), e miNo, non si era capito. Io ad esempio utilizzo windows 2000 a casa.
            bacchettano perché sembra che dica cose che
            non stanno né in cielo né terra: eppure
            proprio stupido non sono...Semplicemente e' come se ti lamentassi che windows 98 fa schifo perche' non ha NTFS... semplicemente non lo supporta, e con lui tutto il discorso quote/protezioni/acl...Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Sarge
            E allora non lamentarti di questo (fai male
            secondo me comunque). Ti e' stato detto che
            windows 98 non ha questa capacita', cosa che
            lo pone fuori dall'ambito aziendale, in qui
            il discorso multiutenza e la protezione dati
            sono prioritati.
            Windows 9x e' un sistema HOME. Per le
            aziende c'e' (c'era gia') windows NT.Un privato che ha spesso dei soldi per acquistare una licenza di win9x non ha diritto a proteggere i propri dati?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: z2

            sono prioritati.

            Windows 9x e' un sistema HOME. Per le

            aziende c'e' (c'era gia') windows NT.
            Un privato che ha spesso dei soldi per
            acquistare una licenza di win9x non ha
            diritto a proteggere i propri dati?Se ha questo problema e pensa che in ambito domestico si possa riproporre lo stesso rischio si prende windows 2000 allora, e sbaglia ad usare un sistema come windows 9x. Altrimenti se proprio non vuole rinunciare a win9x ricorre ad altri mezzi e a software di terze parti (anche free).Spiegami pero' che cosa intendi con "proteggere" i propri dati. Proteggere da chi e da cosa?Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Sarge


            - Scritto da: z2



            sono prioritati.


            Windows 9x e' un sistema HOME. Per le


            aziende c'e' (c'era gia') windows NT.

            Un privato che ha spesso dei soldi per

            acquistare una licenza di win9x non ha

            diritto a proteggere i propri dati?


            Se ha questo problema e pensa che in ambito
            domestico si possa riproporre lo stesso
            rischio si prende windows 2000 allora, e
            sbaglia ad usare un sistema come windows 9x.Scusami, una curiosità: quanto costa una licenza Win 2000 ?Un'altra curiosità: perchè uno che ha acquistato a caro prezzo Win Me pensando che fosse il non plus ultra ora dovrebbe sostituirlo ?Almeno ora c'è Win XP, ma c'è ne voluto di tempo ...Lasciami poi pensare che se non fosse per Linux ora invece di Win XP Home ci sarebbe stato Win ME 2nd Edition .......
            Spiegami pero' che cosa intendi con
            "proteggere" i propri dati. Proteggere da
            chi e da cosa?Magari anche solo da se stesso. Le permission servono anche a questo. O tu sei uno di quelli che lavora su sistemi Unix/Linux da root dicendo "tanto non sono in rete" .....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: TeX

            Scusami, una curiosità: quanto costa una
            licenza Win 2000 ?Non so i prezzi attuali, piu' o meno come quella di una redhat. Forse anche di meno. Tra le 200 e 300 mila, se non sbaglio. (Professional).

            Un'altra curiosità: perchè uno che ha
            acquistato a caro prezzo Win Me pensando che
            fosse il non plus ultra ora dovrebbe
            sostituirlo ?Perche' si e' sbagliato se crede di poter avere un sistema multiutente aziendale... avrebbe fatto meglio a sapere che per l'utenza domestica puo' andare piu' che bene (meglio win98 SE), ma se vuole avere permessi, acl, ecc... beh doveva tirar fuori qualcosa di piu' da portafoglio, e prendere qualcos altro che cmq era disponibile.

            Almeno ora c'è Win XP, ma c'è ne voluto di
            tempo ...

            Lasciami poi pensare che se non fosse per
            Linux ora invece di Win XP Home ci sarebbe
            stato Win ME 2nd Edition ....Possibile, ma non credo. Pensa che cmq molta dell'utenza domestica stava migrando a windows 2000, forte del fatto che era un SO piu' decente (diciamo che era un SO :) ) e che funzionavano i tanto amati giochini (Directx).Linux comunque ha il merito di essere un competitore... e ha spinto la MS a creare (per una volta) un prodotto buono. (non che windows 2000 non lo fosse), abbandonando il vecchio win9x una volta per tutte (e il DOS, di cui win9x non e' altro che una complicata shell).

            ...


            Spiegami pero' che cosa intendi con

            "proteggere" i propri dati. Proteggere da

            chi e da cosa?

            Magari anche solo da se stesso. Le
            permission servono anche a questo. O tu sei
            uno di quelli che lavora su sistemi
            Unix/Linux da root dicendo "tanto non sono
            in rete" .....No, io non lavoro su sistemi unix/linux. E non ho problemi di personalita' multiple :)Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...

            Non so i prezzi attuali, piu' o meno come
            quella di una redhat. Forse anche di meno.
            Tra le 200 e 300 mila, se non sbaglio.
            (Professional).col cazz 400.000-500.000...e redhat piu che proffessional costa 200.000
            Perche' si e' sbagliato se crede di poter
            avere un sistema multiutente aziendale...
            avrebbe fatto meglio a sapere che per
            l'utenza domestica puo' andare piu' che bene
            (meglio win98 SE), ma se vuole avere
            permessi, acl, ecc... beh doveva tirar fuori
            qualcosa di piu' da portafoglio, e prendere
            qualcos altro che cmq era disponibile.insomma e colpa dell'utOnto ???
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Sarge


            - Scritto da: TeX



            Scusami, una curiosità: quanto costa una

            licenza Win 2000 ?

            Non so i prezzi attuali, piu' o meno come
            quella di una redhat. Forse anche di meno.
            Tra le 200 e 300 mila, se non sbaglio.
            (Professional).Siamo verso i 200 ? per 2000 Professional oem (con tutte le limitazioni della licenza oem...)Una RedHat "de Luxe" costa sugli 80 ?, mentre costa circa 200 ? la versione "server" che contiene sw proprietario e che per questo sconsiglio (non centra nulla con la possibilità di poter essere utilizzata su un server..).




            Un'altra curiosità: perchè uno che ha

            acquistato a caro prezzo Win Me pensando
            che

            fosse il non plus ultra ora dovrebbe

            sostituirlo ?

            Perche' si e' sbagliato se crede di poter
            avere un sistema multiutente aziendale...
            avrebbe fatto meglio a sapere che per
            l'utenza domestica puo' andare piu' che bene
            (meglio win98 SE), ma se vuole avere
            permessi, acl, ecc... beh doveva tirar fuori
            qualcosa di piu' da portafoglio, e prendere
            qualcos altro che cmq era disponibile.Non credo che le limitazioni di Win ME si sentano solo in ambito aziendale. Tanto è vero che molti hanno iniziato ad utilizzare Win 2000 sui PC di casa.Win 2000 in effetti non è un cattivo prodotto. Molto meglio della serie 95/98/ME ed inoltre è più semplice ed immediato da utilizzare di NT. Non è poi male anche per il mercato home. Tutto sommato gli do un giudizio positivo. Io quello che critico è invece la politica M$......
            Linux comunque ha il merito di essere un
            competitore... e ha spinto la MS a creare
            (per una volta) un prodotto buono. (non che
            windows 2000 non lo fosse), abbandonando il
            vecchio win9x una volta per tutte (e il DOS,
            di cui win9x non e' altro che una complicata
            shell).Mi dai ragione su quello che ho sempre pensato: Linux porta dei vantaggi anche agli utenti Windows (si chiama concorrenza....).




            ...




            Spiegami pero' che cosa intendi con


            "proteggere" i propri dati. Proteggere
            da


            chi e da cosa?



            Magari anche solo da se stesso. Le

            permission servono anche a questo. O tu
            sei

            uno di quelli che lavora su sistemi

            Unix/Linux da root dicendo "tanto non sono

            in rete" .....

            No, io non lavoro su sistemi unix/linux. E
            non ho problemi di personalita' multiple :)Spititoso....E che a volte si utilizza il PC anche quando sarebbe meglio andarsi a fare una salutare dormita ....Poi succedono cose del tipo: "Acc. ho dato così per curiosità il comando 'rm -Rf /' da root e adesso Linux si è impiantato. Eppure mi avevano tutti assicurato che Linux non si pianta mai !!!!"....Però potrebbe essere un buono slogan. "Linux: dopo il multitasking e la multiutenza anche le personalità multiple".....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: TeX

            Non so i prezzi attuali, piu' o meno come

            quella di una redhat. Forse anche di meno.

            Tra le 200 e 300 mila, se non sbaglio.

            (Professional).

            Siamo verso i 200 ? per 2000 Professional
            oem (con tutte le limitazioni della licenza
            oem...)Controllato adesso 298000 + IVAwindows 2000 prof. manuale, CD e licenza d'uso. (ovviamente).
            Non credo che le limitazioni di Win ME si
            sentano solo in ambito aziendale. Tanto è
            vero che molti hanno iniziato ad utilizzare
            Win 2000 sui PC di casa.Esatto! Io ho fatto cosi', in effetti. (e lo consiglio a chi puo').

            Mi dai ragione su quello che ho sempre
            pensato: Linux porta dei vantaggi anche agli
            utenti Windows (si chiama concorrenza....).Ma certo. C'e' il *confronto*. Mica dico che non serva, anzi...
            E che a volte si utilizza il PC anche quando
            sarebbe meglio andarsi a fare una salutare
            dormita ....O un'altrettanto salutare passeggiata.

            Poi succedono cose del tipo: "Acc. ho dato
            così per curiosità il comando 'rm -Rf /' da
            root e adesso Linux si è impiantato. Eppure
            mi avevano tutti assicurato che Linux non si
            pianta mai !!!!"....Si', capisco. In windows 2k esistono protezioni da questo (in parte). Anche da administrator, per esempio, prova a candellare, che ne so, IEXPLORE.EXE. o a rinominarlo. Non ci riuscirai... (alcuni dicono "purtroppo" ! ).Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Sarge


            - Scritto da: TeX



            Non so i prezzi attuali, piu' o meno
            come


            quella di una redhat. Forse anche di
            meno.


            Tra le 200 e 300 mila, se non sbaglio.


            (Professional).



            Siamo verso i 200 ? per 2000 Professional

            oem (con tutte le limitazioni della
            licenza

            oem...)

            Controllato adesso 298000 + IVA
            windows 2000 prof. manuale, CD e licenza
            d'uso. (ovviamente).Con l'IVA non siamo lontani dalla cifra che avevo trovato io (che era comprensiva di IVA).


            Non credo che le limitazioni di Win ME si

            sentano solo in ambito aziendale. Tanto è

            vero che molti hanno iniziato ad
            utilizzare

            Win 2000 sui PC di casa.

            Esatto! Io ho fatto cosi', in effetti. (e lo
            consiglio a chi puo').Leggasi "a chi lo trova dall'amico" ... :-)




            Mi dai ragione su quello che ho sempre

            pensato: Linux porta dei vantaggi anche
            agli

            utenti Windows (si chiama
            concorrenza....).

            Ma certo. C'e' il *confronto*. Mica dico che
            non serva, anzi...Allora la pensiamo allo stesso modo.Esiste Windows, esiste Linux, esiste BSD, esiste Mac OS-X (non esiste più BeOS, purtroppo) e ciascuno utillizza quello che preferisce e che meglio si adatta alle proprie preferenze.


            E che a volte si utilizza il PC anche
            quando

            sarebbe meglio andarsi a fare una salutare

            dormita ....

            O un'altrettanto salutare passeggiata.:-)




            Poi succedono cose del tipo: "Acc. ho dato

            così per curiosità il comando 'rm -Rf /'
            da

            root e adesso Linux si è impiantato.
            Eppure

            mi avevano tutti assicurato che Linux non
            si

            pianta mai !!!!"....

            Si', capisco. In windows 2k esistono
            protezioni da questo (in parte). Anche da
            administrator, per esempio, prova a
            candellare, che ne so, IEXPLORE.EXE. o a
            rinominarlo. Non ci riuscirai... (alcuni
            dicono "purtroppo" ! ).Eheheheh ...In effetti queste protezioni le trovo un po' sul tipo "Povero utonto ti proteggo io". Un conto è avere delle protezioni attive ma aggirabili nel momento del bisogno (utente root) e un altro conto è il sistema operativo che ti vieta certe operazioni anche se sei utente administrator.Io ad esempio sulla partizione NTFS (ho un sistema dual boot Mandrake 8.1 + Win 2000) ho delle directory che non riesco ad eliminare neanche da utente administrator. Sicuramente come sono state create è anche possibile eliminarle, però la cosa mi lascia un attimino perplesso.... Mi sa che prima o poi attivo il supporto in scrittura del filesystem NTFS da Linux e le cancello da lì (e poi spero ......).
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Sarge
            Se ha questo problema e pensa che in ambito
            domestico si possa riproporre lo stesso
            rischio si prende windows 2000 allora, eperche? un utente X a suo tempo ha speso soldi per acquistare una licenza win9x; ovviamente fidandosi del fatto che fosse affidabile (come sostiene MS ogni volta che escer un suo OS) e ora gli si dice che il suo win9x fa' cagare dal punto di vista della sicurezza e che se vuole stare tranquillo deve spendere altri soldi fidandosi del fatto che stavolta compra un prodotto affidabile?? (e chi si fida scusa?)
            sbaglia ad usare un sistema come windows 9x.
            Altrimenti se proprio non vuole rinunciare a
            win9x ricorre ad altri mezzi e a software di
            terze parti (anche free).scusa ma se un OS e' monoutente (e quindi nessun a gestione dei permessi) non puoi semplicemente installando un software farlo diventare multiutente.
            Spiegami pero' che cosa intendi con
            "proteggere" i propri dati. Proteggere da
            chi e da cosa?ad esempio dai virus (con un sistema multiutente un virus se non e' lanciato dal superutente puo' danneggiare solo i dati dell'utente che lo ha lanciato), oppure dal lamer di turno che vuole exploittarmi ad esempio il mio server web (che se gira su un sistema monoutente non e' possibile farlo girare con permesssi ristretti)
            Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: z2
            - Scritto da: Sarge

            Se ha questo problema e pensa che in
            ambito

            domestico si possa riproporre lo stesso

            rischio si prende windows 2000 allora, e
            perche? un utente X a suo tempo ha speso
            soldi per acquistare una licenza win9x;
            ovviamente fidandosi del fatto che fosse
            affidabile (come sostiene MS ogni volta che
            escer un suo OS) e ora gli si dice che il
            suo win9x fa' cagare dal punto di vistaNo, semplicemente windows 9x non ha il concetto di administrator, e quello che ne deriva. L'affidabilita' non c'entra nulla. La sicurezza neanche.
            della sicurezza e che se vuole stare
            tranquillo deve spendere altri soldi
            fidandosi del fatto che stavolta compra un
            prodotto affidabile?? (e chi si fida scusa?)Non fidarti. Prendi qualcos altro, di cui ti potrai fidare di piu' (Linux?)

            sbaglia ad usare un sistema come windows
            9x.

            Altrimenti se proprio non vuole
            rinunciare a

            win9x ricorre ad altri mezzi e a software
            di

            terze parti (anche free).
            scusa ma se un OS e' monoutente (e quindi
            nessun a gestione dei permessi) non puoi
            semplicemente installando un software farlo
            diventare multiutente.No, ma puoi comunque raggiungere l'obiettivo di salvaguardare i tuoi dati personali. Windows 98/ME sono anche multiutente, nel senso che ogni utente ha le proprie impostazioni. Ma solo in quello.

            Spiegami pero' che cosa intendi con

            "proteggere" i propri dati. Proteggere da

            chi e da cosa?
            ad esempio dai virus (con un sistema
            multiutente un virus se non e' lanciato dal
            superutente puo' danneggiare solo i dati
            dell'utente che lo ha lanciato), oppure dal
            lamer di turno che vuole exploittarmi ad
            esempio il mio server web (che se gira su un
            sistema monoutente non e' possibile farlo
            girare con permesssi ristretti)Molto bene, qualcosa puoi fare, con poledit. (Policy editor, sul CD di windows 95). Ma comunque windows 9x non e' adatto a queste cose. Infatti sono d'accordo con te sul fatto che serve altro. (e' un bel pezzo che non lo uso piu').Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Sarge


            - Scritto da: z2

            - Scritto da: Sarge


            Se ha questo problema e pensa che in

            ambito


            domestico si possa riproporre lo stesso


            rischio si prende windows 2000 allora,
            e

            perche? un utente X a suo tempo ha speso

            soldi per acquistare una licenza win9x;

            ovviamente fidandosi del fatto che fosse

            affidabile (come sostiene MS ogni volta
            che

            escer un suo OS) e ora gli si dice che il

            suo win9x fa' cagare dal punto di vista

            No, semplicemente windows 9x non ha il
            concetto di administrator, e quello che ne
            deriva. L'affidabilita' non c'entra nulla.
            La sicurezza neanche.be' mi sembra che la sicurezza c'entri eccome, infatti se un demone gira su un sistema monoutente ha accesso con i massimi permessi a tutto, quindi exploittarlo vuol dire avere in mano il sistema; come se non bastasse se lanci un virus su un sistema monoutente esso puo' farwe tutto e scrivere ovunque (ti sembra che la sicurezza non c'entri?)

            della sicurezza e che se vuole stare

            tranquillo deve spendere altri soldi

            fidandosi del fatto che stavolta compra un

            prodotto affidabile?? (e chi si fida
            scusa?)

            Non fidarti. Prendi qualcos altro, di cui ti
            potrai fidare di piu' (Linux?)appunto e' esattamente quello che stavo dicendo, cioe' perche' dopo aver speso soldoni per un prodotto presentato come sicuro e affidabile devo buttarlo e rivolgermi altrove?


            sbaglia ad usare un sistema come
            windows

            9x.


            Altrimenti se proprio non vuole

            rinunciare a


            win9x ricorre ad altri mezzi e a
            software

            di


            terze parti (anche free).

            scusa ma se un OS e' monoutente (e quindi

            nessun a gestione dei permessi) non puoi

            semplicemente installando un software
            farlo

            diventare multiutente.

            No, ma puoi comunque raggiungere l'obiettivo
            di salvaguardare i tuoi dati personali.
            Windows 98/ME sono anche multiutente, nel
            senso che ogni utente ha le proprie
            impostazioni. Ma solo in quello.??? questa non e' multiutenza; io voglio un sistema di permessi di accesso al filesystem e tutto quello che comporta un sistema multiutente vero.


            Spiegami pero' che cosa intendi con


            "proteggere" i propri dati. Proteggere
            da


            chi e da cosa?

            ad esempio dai virus (con un sistema

            multiutente un virus se non e' lanciato
            dal

            superutente puo' danneggiare solo i dati

            dell'utente che lo ha lanciato), oppure
            dal

            lamer di turno che vuole exploittarmi ad

            esempio il mio server web (che se gira su
            un

            sistema monoutente non e' possibile farlo

            girare con permesssi ristretti)

            Molto bene, qualcosa puoi fare, con poledit.
            (Policy editor, sul CD di windows 95). Ma
            comunque windows 9x non e' adatto a queste
            cose. Infatti sono d'accordo con te sul
            fatto che serve altro. (e' un bel pezzo che
            non lo uso piu').cioe' con questo poledit e' possibile restringrere l'accesso al filesystem ed alle chiamate di sistema di un programma qualsivoglia?(visto che sei d'accordo con me sul fatto che serve altro, mi piacerebbe sapere perche' la MS a suo tempo vendeva i sistemi win9x facendoli passare roba seria e facendoteli pagare come tali)
            Ciao.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: z2
            - Scritto da: Sarge



            No, semplicemente windows 9x non ha il

            concetto di administrator, e quello che ne

            deriva. L'affidabilita' non c'entra nulla.

            La sicurezza neanche.
            be' mi sembra che la sicurezza c'entri
            eccome, infatti se un demone gira su un
            sistema monoutente ha accesso con i massimi
            permessi a tutto, quindi exploittarlo vuol
            dire avere in mano il sistema; come se non
            bastasse se lanci un virus su un sistema
            monoutente esso puo' farwe tutto e scrivere
            ovunque (ti sembra che la sicurezza non
            c'entri?)Certo. Ma fa parte del fatto che e' monoutente. Anche il DOS era monoutente, e queste cose valevano anche per lui. Niente di nuovo sotto il sole.

            Non fidarti. Prendi qualcos altro, di cui
            ti

            potrai fidare di piu' (Linux?)
            appunto e' esattamente quello che stavo
            dicendo, cioe' perche' dopo aver speso
            soldoni per un prodotto presentato come
            sicuro e affidabile devo buttarlo e
            rivolgermi altrove?Sicuro e affidabile windows 9x non mi sembra proprio. E' semplice e veloce, ci gira anche la roba DOS (che non era multiutente), e i giochini.Puoi farci un po' di tutto, andare in internet, usare office, e anche beccarti un virus ;)
            ??? questa non e' multiutenza; io voglio un
            sistema di permessi di accesso al filesystem
            e tutto quello che comporta un sistema
            multiutente vero.Windows NT allora. Lo fa, la MS. Anzi, ora fara' solo quello.Non capisco il problema. Tu compri un GSM e vuoi anche il GPRS? Ovvio che il GSM costa di meno. Sai che esiste il GPRS pero'.

            Molto bene, qualcosa puoi fare, con
            poledit.

            (Policy editor, sul CD di windows 95). Ma

            comunque windows 9x non e' adatto a queste

            cose. Infatti sono d'accordo con te sul

            fatto che serve altro. (e' un bel pezzo
            che

            non lo uso piu').
            cioe' con questo poledit e' possibile
            restringrere l'accesso al filesystem ed alle
            chiamate di sistema di un programma
            qualsivoglia?Non lo so, so che e' possibile imporre restrizioni al sistema sugli utenti, impedendo loro di fare certe cose. Ma e' chiaro che non fa tutto quello che tu vuoi.
            (visto che sei d'accordo con me sul fatto
            che serve altro, mi piacerebbe sapere
            perche' la MS a suo tempo vendeva i sistemi
            win9x facendoli passare roba seria e
            facendoteli pagare come tali)E lo chiedi a me? Questo e' marketing.Veramente vendeva (vende) anche altro. E poi, visto che parli al passato, parliamo anche del fatto che all'epoca di uscita di windows 95 (1995) non e' che ci fossero tutte queste simpatiche alternative... com'era linux nel 1995? Chi lo conosceva? Funzionava?Quanto a me, io ho usato windows 95, 98, 98Se, ME (bleah) e poi windows 2000. E sull'altra partizione ho Xp, che mi sa prendera' possesso di tutto prima o poi.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Sarge

            ovunque (ti sembra che la sicurezza non

            c'entri?)

            Certo. Ma fa parte del fatto che e'
            monoutente. Anche il DOS era monoutente, e
            queste cose valevano anche per lui. Niente
            di nuovo sotto il sole.si ho capito ho ben chiara la differenza tra OS multi e monoutente (pur usando esclusivamente OS multiutente), quel che contestavo e' la bassissima sicurezza dei sistemi monoutente MS pur essendo stati venduti per sistemi sicuri (a suo tempo il marketing MS ne disse di cotte e di crude in merito ai win9x)


            Non fidarti. Prendi qualcos altro, di
            cui

            ti


            potrai fidare di piu' (Linux?)

            appunto e' esattamente quello che stavo

            dicendo, cioe' perche' dopo aver speso

            soldoni per un prodotto presentato come

            sicuro e affidabile devo buttarlo e

            rivolgermi altrove?

            Sicuro e affidabile windows 9x non mi sembra
            proprio. E' semplice e veloce, ci gira ancheno che non lo e' ma quando usci' fu spacciato per tale
            la roba DOS (che non era multiutente), e i
            giochini.
            Puoi farci un po' di tutto, andare in
            internet, usare office, e anche beccarti un
            virus ;)non lo installerei manco sotto tortura :)


            ??? questa non e' multiutenza; io voglio
            un

            sistema di permessi di accesso al
            filesystem

            e tutto quello che comporta un sistema

            multiutente vero.

            Windows NT allora. Lo fa, la MS. Anzi, ora
            fara' solo quello.azz si ho capito io discutevo solo il fatto che c'e' chi ha comprato un win9x e gli e' stato spacciato per un OS sicuro quando non lo e' affatto.

            (visto che sei d'accordo con me sul fatto

            che serve altro, mi piacerebbe sapere

            perche' la MS a suo tempo vendeva i
            sistemi

            win9x facendoli passare roba seria e

            facendoteli pagare come tali)

            E lo chiedi a me? Questo e' marketing.appunto
            Veramente vendeva (vende) anche altro. E
            poi, visto che parli al passato, parliamo
            anche del fatto che all'epoca di uscita di
            windows 95 (1995) non e' che ci fossero
            tutte queste simpatiche alternative...
            com'era linux nel 1995? Chi lo conosceva?
            Funzionava?nel 95 Linux era gia' usabile per molte cose (certo non ci facevi grafica o giochi), lo usava chi voleva usarlo (e' sempre stato liberamente disponibile a chiunque), certo che funzionava.
            Quanto a me, io ho usato windows 95, 98,
            98Se, ME (bleah) e poi windows 2000. E
            sull'altra partizione ho Xp, che mi sa
            prendera' possesso di tutto prima o poi.io uso RH 7.2 su un athlon, una slack 8.0 su un P166 (con 48Mbyte di ram; prova a farlo con XP ;)e una mandrake su un P200 (ma appena metto le mani su i cd dell'ultima potato ci metto quella:) e dei suddetti problemi non ne ho :)
            SalutiRisaluto :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...


        - Windows non prevede la possibilità di

        settare i livelli di sicurezza (lettura -

        scrittura - esecuzione) a scelta
        dell'utente

        su cartelle e files
        Già parti male con un bel sfondone che mi fa
        capire che di Windows ne sai ben poco.invece pur espresso male, ha ragione...vedi le special permission solo per esempio...inutile uindows e piu lame di unix...
        Riprova, sarai più fortunato...era per m$ vero ???;-0)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
      - Scritto da: Andrea

      Chi usa Windows non usa un sistema
      operativo: ne viene usato.Farsi vedere da un buon psichiatra no, eh?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
      - Scritto da: Andrea
      Ma uno che si chiama gates (cancelli) e che
      crea un programma chiamato windows
      (finestre), e che lascia tutti questi
      cancelli e queste finestre aperte, l'avrà
      fatto senza volerlo oppure magari qualcosa i
      vuole fare passare attraverso questi buchi
      ..... ???

      Non prendiamoci x i fondelli:

      - Windows non prevede la possibilità di
      settare i livelli di sicurezza (lettura -
      scrittura - esecuzione) a scelta dell'utente
      su cartelle e files

      - Sia il sistema operativo che le varie
      applicazioni Microsoft aprono in automatico
      porte e comunicano attraverso di queste
      all'insaputa dell'utente (vedi Distributed
      Com Services - RPCSS.exe,Outlook, WMP, MSN)

      - Windows da' la possibilità in remoto
      addirittura di intervenire sul registro di
      configurazione, permettendo sia
      l'insallazione che la lettura di chiavi di
      registro: è stato dimostrato che alcune di
      queste chiavi contengono identificativi
      univoci (vedi quella installata da WMP), e
      che attraverso semplici script annidati in
      un qualsiasi codice html tali dati possono
      essere comunicati all'esterno (vedi la
      possibilità di leggere da remoto sia l'email
      dell'utente che quella di tutti i suoi
      amici (possibilità questa fornita da MSN).

      Tutto ciò non costituisce un BUG, ma una
      funzionalità voluta e programmata in origine
      dal sistema. Non è un problema di facilità
      di utilizzo dei programmi ma un problema di
      lasciare aperta la porta di servizio (la
      backdoor) per permettere al padrone di casa
      di entrare sempre e comunque. In poche
      parole aprire finestre può essere
      conveniente per l'utente ma ancora di più
      per chi detiene il monopolio dei sistemi
      operativi: e se poi questi sistemi operativi
      sono tutti in rete, le possibilità di
      controllo da parte del monopolista sono
      estremamente concrete e redditizie.

      Quindi, nel momento in cui lo stesso
      monopolista esprime indirizzi di tendenza
      apparentemente innovativi, ci si domanda
      quanto queste intenzioni siano sincere o
      quanto invece nascondano una semplice
      preoccupazione per essersi resi conto di
      avere pericolosamente superato ogni limite
      di decenza.
      E si comprende che forse tali intenzioni
      possono in realtà mascherare una semplice
      operazione di facciata, o meglio una pulizia
      dei difetti più vistosi (magari sanando la
      piaga della diffusione virus via email,
      rischia di danneggiare oltre il lecito la
      stessa Microsoft) che lascerà inalterate se
      non addirittura rinforzate le funzionalità
      "recondite" che permetteranno ancora una
      volta un controllo da remoto di tutti i
      sitemi operativi installati.

      Chi usa Windows non usa un sistema
      operativo: ne viene usato.Abile e Arruolato.Alien.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
      - Scritto da: Andrea
      Ma uno che si chiama gates (cancelli) e che
      crea un programma chiamato windows
      (finestre), e che lascia tutti questi
      cancelli e queste finestre aperte, l'avrà
      fatto senza volerlo oppure magari qualcosa i
      vuole fare passare attraverso questi buchi
      ..... ???Io di cognome faccio "Rossi" dunque sono comunista. Tu fai "Neri", dunque sei fascista. Complimenti!
      - Windows non prevede la possibilità di
      settare i livelli di sicurezza (lettura -
      scrittura - esecuzione) a scelta dell'utente
      su cartelle e filesSiamo fermi a win3.0, vero?
      - Sia il sistema operativo che le varie
      applicazioni Microsoft aprono in automatico
      porte e comunicano attraverso di queste
      all'insaputa dell'utente (vedi Distributed
      Com Services - RPCSS.exe,Outlook, WMP, MSN)Oppoverino Outlook che per andare a prendere la posta deve aprire una porta.Oppoverino Windows che supporta le RPC e serve una porta per ricevere le chiamate.
      - Windows da' la possibilità in remoto
      addirittura di intervenire sul registro di
      configurazione,Solo a chi ne ha i diritti (gli admin di dominio)
      permettendo sia
      l'insallazione che la lettura di chiavi di
      registro: è stato dimostrato che alcune di
      queste chiavi contengono identificativi
      univoci (vedi quella installata da WMP), eOccavoli che disdetta. Ti posso elencare un bel po' di modi per identificare univocamente anche un frullatore. Cmq la cosa ha poco valore perche' non se non hai diritto di leggere quei valori non li leggi. E se hai diritto di leggerli in remoto (sei un admin) puoi farlo anche in locale.
      che attraverso semplici script annidati in
      un qualsiasi codice html tali dati possono
      essere comunicati all'esterno (vedi la
      possibilità di leggere da remoto sia l'email
      dell'utente che quella di tutti i suoi
      amici (possibilità questa fornita da MSN).Ah.. ah... Ah... Hai proprio chiara la differenza tra client e server.
      Quindi, nel momento in cui lo stesso
      monopolista esprime indirizzi di tendenza
      apparentemente innovativi, ci si domanda
      quanto queste intenzioni siano sincere o
      quanto invece nascondano una semplice
      preoccupazione per essersi resi conto di
      avere pericolosamente superato ogni limite
      di decenza.
      E si comprende che forse tali intenzioni
      possono in realtà mascherare una semplice
      operazione di facciata, o meglio una pulizia
      dei difetti più vistosi (magari sanando la
      piaga della diffusione virus via email,
      rischia di danneggiare oltre il lecito la
      stessa Microsoft)[bau bau]
      che lascerà inalterate se
      non addirittura rinforzate le funzionalità
      "recondite" che permetteranno ancora una
      volta un controllo da remoto di tutti i
      sitemi operativi installati.Ah.... Finalmente e' arrivata la perla. Abbiamo dovuto aspettare ma in fondo e' arrivata. Come al solito, come fa a comunicare in remoto a MS i cavoli tuoi? Con la telepatia, visto che nessun FW (non MS) ha mai notato questo traffico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
        - Scritto da: Ciao
        Io di cognome faccio "Rossi" dunque sono
        comunista. Tu fai "Neri", dunque sei
        fascista. Complimenti!Che sistema operativo usi? IRONIA 0.00?- Scritto da Andrea

        - Windows non prevede la possibilità di

        settare i livelli di sicurezza (lettura -

        scrittura - esecuzione) a scelta
        dell'utente

        su cartelle e files
        - Scritto da: Ciao
        Siamo fermi a win3.0, vero?Ma tu pensi veramenti che tutti quelli che usano Win '98 vadano ad aprire il pannello di controllo, attivino su "rete" la condivisione dei file, riavvino il sistema, vadano a riaprire il pannello di controllo, e settino da "rete" il controllo di accesso? Proprio una cosa semplice semplice....
        Oppoverino Outlook che per andare a prendere
        la posta deve aprire una porta.Non uso Outlook e bado bene a non farlo. Se usi Outlook la tua email viene automaticamente scritta nel registro di configurazione e viene da letta da qualsiasi applicazione che voglia farlo.
        Oppoverino Windows che supporta le RPC e
        serve una porta per ricevere le chiamate.RPCSS.EXE (Distributed Com Services) si connette automaticamente e salta tutti i livelli di firewall. RPCSS è un eseguibile Microsoft.- Scritto da Andrea

        - Windows da' la possibilità in remoto

        addirittura di intervenire sul registro di

        configurazione,- Scritto da: Ciao
        Solo a chi ne ha i diritti (gli admin di
        dominio)Del tutto falso. Se io sono in rete e ho un sistema Operativo WinX (non vado oltre Win '98 perché altro non conosco), alcune pagine html permettono di settare i valori di alcune chiavi del registro di configurazione - Scritto da Andrea

        permettendo sia

        l'insallazione che la lettura di chiavi di

        registro: è stato dimostrato che alcune di

        queste chiavi contengono identificativi

        univoci (vedi quella installata da WMP), e
        - Scritto da: Ciao
        Occavoli che disdetta. Ti posso elencare un
        bel po' di modi per identificaredi solito il n. della mia carta di credito non lo scrivo sul frullatoreCmq la
        cosa ha poco valore perche' non se non hai
        diritto di leggere quei valori non li leggi.Follia. vai a leggerti gli articoli apparsi di recente sulle funzionalità nascoste di Win Media Player (che inserisce una chiave di identificazione univoca e che permette a tale chiave di essere letta da qualsiasi pagina html) e ancora peggio di MSN, che permette sempre attraverso una normalissima pagina html (peraltro proveninete solo da un sito microsoft, a meno che non si setti diversamente il registro di configurazione) di visualizzare non solo il tuo indirizzo email (quello che hai inserito in MSN, cosa che io non mai fatto ovviamente) ma anche tutta la lista dei tuoi amici.
        Ah.. ah... Ah... Hai proprio chiara la
        differenza tra client e server.Penso che tu non abbia chiaro cosa invece può essere letto sul disco di un qualsiasi navigatore Internet senza che lui ne abbia la minima cognizione.
        [bau bau]miaooo....
        Ah.... Finalmente e' arrivata la perla.
        Abbiamo dovuto aspettare ma in fondo e'
        arrivata. Come al solito, come fa a
        comunicare in remoto a MS i cavoli tuoi? Con
        la telepatia, visto che nessun FW (non MS)
        ha mai notato questo traffico.Lo ripeto: RPCSS si connette saltando il firewall.Secondo: quando vado su di una pagina che1-mi legge l'identificativo unico2-associa a tale identificativo il mio indirizzo email (se uso MSN)3-memorizza tale associazione e attraverso la lettura della history di IE traccia un quadro preciso dei miei siti visitatinon ti sembra questa una intromissione del tutto indebita nella mia (o nella tua) privacy?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
          - Scritto da: Andrea
          Ma tu pensi veramenti che tutti quelli che
          usano Win '98 vadano ad aprire il pannello
          di controllo, attivino su "rete" la
          condivisione dei file, riavvino il sistema,
          vadano a riaprire il pannello di controllo,
          e settino da "rete" il controllo di accesso?
          Proprio una cosa semplice semplice.... sicuramente più che farli giocare con chmod
          Non uso Outlook e bado bene a non farlo. Se
          usi Outlook la tua email viene
          automaticamente scritta nel registro di
          configurazione e viene da letta da qualsiasi
          applicazione che voglia farlo. Le mail scritte nel registro? Bevuto troppo?
          Del tutto falso. Se io sono in rete e ho un
          sistema Operativo WinX (non vado oltre Win
          '98 perché altro non conosco), alcune pagine
          html permettono di settare i valori di
          alcune chiavi del registro di configurazioneEsempio, please? Altrimenti è solo una bufala.
          Follia. vai a leggerti gli articoli apparsi
          di recente sulle funzionalità nascoste di
          Win Media Player (che inserisce una chiave
          di identificazione univoca e che permette a
          tale chiave di essere letta da qualsiasi
          pagina html)Ovvero come i cookie per le pagine web.

          Ah.... Finalmente e' arrivata la perla.

          Abbiamo dovuto aspettare ma in fondo e'

          arrivata. Come al solito, come fa a

          comunicare in remoto a MS i cavoli tuoi?
          Con

          la telepatia, visto che nessun FW (non MS)

          ha mai notato questo traffico.

          Lo ripeto: RPCSS si connette saltando il
          firewall.Ma stiamo delirando? Tu hai una macchina win. Ci metti in cascata una macchina giocattolinux (ti fidi di quello?) a fare da firewall. Guarda se vedi traffico verso Ms.com e poi riparliamone.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...

            Ovvero come i cookie per le pagine web.a parte che i cookies non dovrebbero neanche esistere, perche qualcosa deve scrivere nel registro ???
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
            - Scritto da: Stebe


            - Scritto da: Andrea


            Ma tu pensi veramenti che tutti quelli che

            usano Win '98 vadano ad aprire il pannello

            di controllo, attivino su "rete" la

            condivisione dei file, riavvino il
            sistema,

            vadano a riaprire il pannello di
            controllo,

            e settino da "rete" il controllo di
            accesso?

            Proprio una cosa semplice semplice....

            sicuramente più che farli giocare con chmodNon direi. E poi in genere su macchine Unix l'utente non ha alcun bisogno di "giocare" con chmod, visto che di default è già impostato per proteggere la home dir (come in Windows, vero ???).Se poi vuoi fare "l'utonto" fino in fondo utilizzando KDE (non so con Gnome) le permission le puoi settare anche da GUI.Se poi è ancora complicato allora usa Win 95/98/ME, dove le permission manco esistono, o Win NT/2000/XP, senza settare alcuna restrizione, e vivi felice. Ma non andare in giro a dire che hai un sistema sicuro ....
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
        - Scritto da: Ciao


        - Scritto da: Andrea

        Ma uno che si chiama gates (cancelli) e
        che

        crea un programma chiamato windows

        (finestre), e che lascia tutti questi

        cancelli e queste finestre aperte, l'avrà

        fatto senza volerlo oppure magari
        qualcosa i

        vuole fare passare attraverso questi buchi

        ..... ???
        Oppoverino Windows che supporta le RPC e
        serve una porta per ricevere le chiamate.Is rpcss.exe a security hole? The program itself is not known to be a security threat. However, like its UNIX brethren, it does provide a gateway through which security holes in programs that use it can be exploited. RPC, like most other IPC protocols, is only as safe as the programs that utilize it.
        comunicare in remoto a MS i cavoli tuoi? Con
        la telepatia, visto che nessun FW (non MS)
        ha mai notato questo traffico.brrrrrrrr...mica e cosi difficile mascherare una connessione ad un livello molto basso del sistema...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
        Resulta inexplicable el por qué Microsoft incluye el Remote Procedure Call Service en sus sistemas operativos para uso casero. Por un lado, Microsoft decide retirar, por ejemplo, la instalación por defecto del Tweak UI, una herramienta de control del sistema operativo, por considerar que no es para el común de los usuarios y solo la recomienda para usuarios avanzados; pero por el otro, introduce el Remote Procedure Call Service como parte de aplicaciones --entre ellas el Internet Explorer a partir al parecer de su versión 5-- cuando su manejo requiere de amplios conocimientos para impedir que se convierta en una vulnerabilidad en la seguridad de los sistemas.(http://www.ciudadfutura.com/mundopc/actual/cibererrante/2001/12/211201a.htm)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
        E cosa diciamo della chiave di registro.HKEY_LOCAL_MACHINESoftwareMicrosoftOLEEnableRemoteConnect?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
        Per la cronaca, le RPC sono state introdotte da Sun negli anni 70, sono la base per l'NFS; solo che Sun sviluppò il minimo essenziale per far funzionare l'NFS, fù l'univ. di Berkeley a svilupparle al livello oggi conosciuto ed a introdurle sul BSD di allora, da cui poi hanno ripreso tutti.L'autore del post a cui stai rispondendo si sta riferendo ai win 9x, con filesystem FAT32 o cmq FAT16; vale lo stesso per XP se si sceglie ovviamente sia nella vers. proff., che in quella home il filesystem FAT al posto dell'NTFS.Poi, se ti connetti alla rete con un semplice modem, salti ogni firewalls, ovviamente.C'è da considerare che la Cina quegli esperimenti l'ha fatti, ha notato qualcosa di strano che non è riuscita a capire, e nel dubbio ha preferito far passare man mano la PA su Linux al posto di win. Anche l'UE ha istituito un gruppo di lavoro composto da tecnici per studiare la cosa, ed avendo anche questi notato strani comportameti, hanno consigliato all'UE di scegliere il più possibile o.s. open source.Nessuno dei gruppi che hanno studiato la cosa ha mai dim. niente, ma hanno tutti notato comportamenti insoliti, o meglio inattesi, che li hanno fatti dubitare.Beninteso, nessuno ha mai stabilito niente in base a ciò, ma io cmq non sarei così sicuro come lo sei tu.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma se Windows stesso è uno spyware...
          - Scritto da: BSD_like
          Nessuno dei gruppi che hanno studiato la
          cosa ha mai dim. niente, ma hanno tutti
          notato comportamenti insoliti, o meglio
          inattesi, che li hanno fatti dubitare.
          Beninteso, nessuno ha mai stabilito niente
          in base a ciò, ma io cmq non sarei così
          sicuro come lo sei tu.E vorrei aggiungere che nessuno puo` esseresicuro di cio` che fa un OS closed source senon il proprio autore. Se Windows avesse lacoscenza a posto rilascerebbe Windows con licenzaopen source. Tanto compunque quando pagate fiordi euro non comprate niente, solamente la licenzaad usare il LORO software temporaneamente, e perche` non avere il diritto di sapere chesoftware gira??
  • Anonimo scrive:
    anche la stabiltà non sarebbe male
    potrebbero risolvere anche i problemi di stabilità, crash, inchiodamento fisso ...quelli vecchi, quelli di chiunque (ormai storia vecchia?) abbia un pc a casa che non è collegato ad internet.come me, per esempio.che non voglio installare mille firewall, antivirus, patch di outlook, outlook stesso, interneRK explorer ... che me ne frega?però vorrei che il pc non crashasse con le applicazzoni!(voluto)
  • Anonimo scrive:
    IL DRAGA COMINCIA A FARSELA SOTTO
    Anche ai piedi del suo trono è arrivato il vento dell' OPEN SOURCE e comincia a dare in scalmane.Bill Gates è ormai in MENOPAUSA, e il processo di degenerazione senile è accelerato dai successi ormai innegabili di LINUX sia sul versante Server, e qui è risaputo, che sul versante Desk-Top.Dice di aver bisogno di 1 mese di convalescenza per recuperare le sue forze? Pfui......, ormai la sua degenerazione è iniziata, se vorrà sopravvivere all' OPEN SOURCE dovrà dimagrire parecchio, vendere (sich..., ma lui non ha venduto mai nulla) prodotti seri, togliere buchi, bachi, backdoor, ...insomma, cambiare filosofia di produzione Aziendale.bye from Alien.
  • Anonimo scrive:
    contro quelli che sono contro Microsoft.
    A mio modesto avviso quelli che sono contro microsoft (e penso un sacco di gente) hanno fatto il loro gioco. Presto i prodotti microsoft saranno prodotti abbastanza sicuri e con una buona stabilità, a differenza di come è stato in passato, e questo grazie quasi esclusivamente a tutti quei simpaticoni che credevano che andando contro microsoft l'avrebbero indebolita... e invece guarda un po'.. ad andare contro qualcosa la cosa si rafforza. Questa è onestamente la cosa che non ho mai sopportato degli utenti linux e unix-like in genere, ossia: anzichè prendere la loro strada e sviluppare software indipendentemente da microsoft tenevano sempre gli occhi puntati a windows, peggio che gli utenti stessi di windows. E cosi ogni tanto si vedono degli osceni cloni di software windows su piattaforme GNU, roba da far accapponare gli occhi, oppure gli odiosissimi bind del ctrl+c quando da sempre unix usa altri sistemi mooolto piu' pratici. Ecco alla fine andare contro a windows non è servito a un bel nulla... anzi ora stadiventando anche sicuro quindi per favore finitela di dire windows fa schifo, windows è buggatto ecc ecc per due ragioni:primo) non è piu' vero.secondo) anzichè aiutare GNU aiutate windows.Quindi io vi dico, lasciate stare windows, lasciate stare bill gates e la microsoft e concentratevi su GNU. Attenzione all'attenzione.
    • Anonimo scrive:
      Re: contro quelli che sono contro Microsoft.
      - Scritto da: cc
      A mio modesto avviso quelli che sono contro
      microsoft (e penso un sacco di gente) hanno
      fatto il loro gioco. Presto i prodotti
      microsoft saranno prodotti abbastanza sicuri
      e con una buona stabilità, a differenza di
      come è stato in passato, e questo grazie
      quasi esclusivamente a tutti quei
      simpaticoni che credevano che andando contro
      microsoft l'avrebbero indebolita... e invece
      guarda un po'.. ad andare contro qualcosa la
      cosa si rafforza. Questa è onestamente la
      cosa che non ho mai sopportato degli utenti
      linux e unix-like in genere, ossia: anzichè
      prendere la loro strada e sviluppare
      software indipendentemente da microsoft
      tenevano sempre gli occhi puntati a windows,
      peggio che gli utenti stessi di windows. E
      cosi ogni tanto si vedono degli osceni cloni
      di software windows su piattaforme GNU, roba
      da far accapponare gli occhi, oppure gli
      odiosissimi bind del ctrl+c quando da sempre
      unix usa altri sistemi mooolto piu' pratici.
      Ecco alla fine andare contro a windows non è
      servito a un bel nulla... anzi ora
      stadiventando anche sicuro quindi per favore
      finitela di dire windows fa schifo, windows
      è buggatto ecc ecc per due ragioni:
      primo) non è piu' vero.
      secondo) anzichè aiutare GNU aiutate windows.
      Quindi io vi dico, lasciate stare windows,
      lasciate stare bill gates e la microsoft e
      concentratevi su GNU. Attenzione
      all'attenzione.... E nel frattempo continuiamo a beccarci i documenti in .doc !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: contro quelli che sono contro Microsoft.
        - Scritto da: Caine
        - Scritto da: cc

        A mio modesto avviso quelli che sono
        contro

        microsoft (e penso un sacco di gente)
        hanno

        fatto il loro gioco. Presto i prodotti

        microsoft saranno prodotti abbastanza
        sicuri

        e con una buona stabilità, a differenza di

        come è stato in passato, e questo grazie

        quasi esclusivamente a tutti quei

        simpaticoni che credevano che andando
        contro

        microsoft l'avrebbero indebolita... e
        invece

        guarda un po'.. ad andare contro qualcosa
        la

        cosa si rafforza. Questa è onestamente la

        cosa che non ho mai sopportato degli
        utenti

        linux e unix-like in genere, ossia:
        anzichè

        prendere la loro strada e sviluppare

        software indipendentemente da microsoft

        tenevano sempre gli occhi puntati a
        windows,

        peggio che gli utenti stessi di windows. E

        cosi ogni tanto si vedono degli osceni
        cloni

        di software windows su piattaforme GNU,
        roba

        da far accapponare gli occhi, oppure gli

        odiosissimi bind del ctrl+c quando da
        sempre

        unix usa altri sistemi mooolto piu'
        pratici.

        Ecco alla fine andare contro a windows
        non è

        servito a un bel nulla... anzi ora

        stadiventando anche sicuro quindi per
        favore

        finitela di dire windows fa schifo,
        windows

        è buggatto ecc ecc per due ragioni:

        primo) non è piu' vero.

        secondo) anzichè aiutare GNU aiutate
        windows.

        Quindi io vi dico, lasciate stare windows,

        lasciate stare bill gates e la microsoft e

        concentratevi su GNU. Attenzione

        all'attenzione.

        ... E nel frattempo continuiamo a beccarci i
        documenti in .doc !!!Ma piantala di dire stronzate.
    • Anonimo scrive:
      Re: contro quelli che sono contro Microsoft.
      - Scritto da: cc
      Quindi io vi dico, lasciate stare windows,
      lasciate stare bill gates e la microsoft e
      concentratevi su GNU. Attenzione
      all'attenzione.Confessa che hai copiato:http://www.tuxedo.org/~esr/faqs/hacker-howto.html#AEN392
      • Anonimo scrive:
        Re: contro quelli che sono contro Microsoft.
        no, è il mio punto di vista comunque se qualcuno la pensa come me ne sono ben felice..anzi ora vado a leggermi quel doc li, grazie.
      • Anonimo scrive:
        Re: contro quelli che sono contro Microsoft.
        hahahha l'ho letta e mi trovo perfettamente d'accordo, non solo ma sono rimasto ben impressionato dal risvolto un pizzichino spirituale della risposta, visto che l'accenno all'attenzione va sconfinare nei medesimi territori. Ma mi permetto di correggere la domanda in:"abbiamo davvero bisogno di Microsoft?"
        • Anonimo scrive:
          Re: contro quelli che sono contro Microsoft.
          Bene, spero che tu adesso abbia capito che gli sviluppatori GNU/Linux non sono quelli che scrivono su PI.
    • Anonimo scrive:
      Re: contro quelli che sono contro Microsoft.

      stadiventando anche sicuro quindi per favore
      finitela di dire windows fa schifo, windows
      è buggatto ecc ecc per due ragioni:
      primo) non è piu' vero.
      secondo) anzichè aiutare GNU aiutate windows.Adesso non è più vero? E cavolo! agli il tempo di iniziare questa "nuova era"! Ancora devono iniziare a programmare in maniera più sicura e pulita e già dici che Windows è SICURO, ADESSO?Perchè non provi a leggere questa ennesima uscita di Bill Gates in altra luce? Grosso modo, ha detto questo:"Gente, vi ho sempre detto che i miei sistemi erano sicuri e ben programmati. Vi ho raccontato delle fregnacce, be', lo ammetto.. Adesso gli altarini si sono definitivamente scoperti, non posso più continuare a mentire di fronte all'evidenza della cosa. Non siamo esperti di programmazione sicura, perchè è la prima volta che ci accingiamo a farla (capirete, la nostra strategia commerciale è sempre stata un'altra), ma la concorrenza di altre realtà, più valide di noi su quel piano, inizia a farsi pressante. Dateci qualche mese di tempo, correggiamo tutti i casini accumulati fino ad ora. Capirete che il merdaio è parecchio, non è un lavoro da poco: quindi, perdonateci se dobbiamo utilizzare tutto il nostro personale e non ci resta materialmente il tempo per continuare altri lavori. Pazientate... E speriamo che i casini siano solo dovuti ad errori e non a bordelli strutturali nei nostri prodotti.E mi raccomando! Bevete tutte le boiate che vi sparo in mondovisione ogni volta! Continuate a comprarci, avrete un tappetino del mouse in omaggio. Bye bye"Ovviamente scherzo, ma nemmeno troppo ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: contro quelli che sono contro Microsoft.
        hihihihi :)spetta io non ho detto piu' sicuro e se l'ho detto (dato che non vedo il mio messaggio mentre rispondo) non lo in senso letterale.. ma piu' in senso lato. Ossia penso che windows sia molto piu' stabile rispetto al vecchio windows 95 quello che usavo io. Il 98 un po' piu' stabile e pare che xp sia quanto meno decente. Ma il punto è vuoi vedere un windows molto sicuro e molto stabile ? E infine ci importa davvero tanto determinare se windows è un super sistema operativo o uno schifo ?Non so a te, ma a me non me ne frega nulla. E onestamente non capisco come molta gente trovi interessante la questione.
      • Anonimo scrive:
        Re: contro quelli che sono contro Microsoft.
        Ma perchè vi rode così tanto che la microsoft sia miliardaria che Bil Gates sia famoso, e che il loro sftware sia il più diffuso al mondo?Non ci prenderete mai na lira a dire ste cose, vi spappolate solo il fegato. Se un giono ci sarà qualche cosa di migliore tutti la useranno, e la conversione avverrà senza che nessuno se ne renda conto, come è sempre stato.Rilassatevi, prendetevi delle ferie
        • Anonimo scrive:
          Re: contro quelli che sono contro Microsoft.
          Bhe a me come ho sottolineato nel primo messaggio non rode, anzi..tuttavia ti rispondo ugualmente e cerco di interpretare quello che è lo stato d'animo degli anti-microsoft.Il fatto è che a molti non rode il fatto semplice che microsoft sia miliardarie ecc ecc e che faccia sofware diffuso. A molti rode il fatto che del software di pessima fattura sia il piu' diffuso al mondo. E che in qualche modo il volere dei "molti" ignoranti sia piu' importante e prevarichi quello dei "pochi" competenti.Purtroppo è uno degli effetti collaterali della democrazia. Ed è per questo che il tuo discorso non regge, ossia che se un giorno ci sara' qualcosa di migliore tutti la useranno... non succede oggi non vedo perchè dovrebbe succedere in futuro.
  • Anonimo scrive:
    ulteriore conferma del MONOPOLIO
    L'azienda si può prendere addirittura un mese di riposo per porre rimedio alle proprie nefandezze in tema di sicurezza del software che riesce a imporre alla vendita.Quest'azienda si sente talmente sicura nella sua "riserva di caccia", che può rinunciare a un mese di competizione con i suoi avversari. E non solo lo fa, ma lo *comunica*, anche.L'unica possibilità reale, è che microsoft *SA* di non avere alcun concorrente sul suo terreno, e che qualsiasi cosa faccia, avrà sempre sgombro il terreno.Questa è una ulteriore corferma della posizione dominante=monopolistica di microsoft.Ma non c'erano bisogno di conferme. microsoft è già stata condannata per ABUSO di POSIZIONE DOMINANTE, ossia della sua posizione di MONOPOLIO di FATTOQuesti sono i documenti a disposizione di tutti.http://www.usdoj.gov/atr/cases/ms_index.htmAnzitutto c'è il testo del "Finding Of Facts", http://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudgex.htmhttp://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudge.pdfche verifica la condizione di monopolio di microsoft, e ne riscontra il reato di violazione della legge Sherman (Sherman Act, article 2), ovvero "abuso di posizione dominante", nel caso specifico delle manovre perpetrate da microsoft contro Netscape.Successivamente, qui msft.cadc.uscourts.gov/cadc/00-5212a.pdfc'è il testo della corte d'appello, che CONFERMA il "Finding Of Facts", anche se rigetta i correttivi proposti da giudice che ha redatto il Finding Of Factsmsft.cadc.uscourts.gov/cadc/00-5212a.pdfQuesto è il testo della sentenza della Corte d'Appello.Leggendo troverete che l'unica cosa che non è stata accettata della precedente sentenza, è la "cura" proposta, e cioè lo smembramento. La cura è stata rinviata al successivo dibattimento, ma la "malattia" è stata riconosciuta per tale: microsoft attende la PENA o CORRETTIVO.Se si _legge_ ci si troverà:"Il giudizio di primo grado è in parte accolto, in parte annullato, in parte rimesso a nuovo giudice".La parte confermata risulta la spina nel fianco della microsoft, e afferma che la microsoft viola l'articolo 2 dello Sherman Act (la legge antitrust USA), ovvero microsoft si trova in situazione di monopolio per quanto riguarda il mercato del software per personal computer.Quanto alla parte annullata, e rimessa alla decisione di una nuova corte distrettuale, si tratta di quella che riguarda i RIMEDI per ripristinare le condizioni di libera concorrenza negate dalle manovre del monopolio esistente sul mercato (microsoft).Quindi la legge di appello ha confermato il punto cruciale che veniva negato da microsoft:microsoft agisce come un monopolio, e da tale deve essere trattato in sede giuridico-economica.Tanto è vero che poi gli avvocati della microsoft hanno provato a far ridecidere TUTTO in sede di corte suprema USA, ma il tentativo gli è andato buco, infatti la Corte Suprema federale degli Stati Uniti ha respinto la richiesta di microsoft di rilevare il procedimento giudiziario. La corte suprema si è semplicemente rifiutata di rivedere la sentenza della Corte d'Appello, confermandone la validità GIURIDICA.A questo punto microsoft è venuta a patti con tutti gli stati che hanno sostenuto l'accusa, e ne ha convinto un bel po', ma non tutti. Ha già ricevuto la sua prima denuncia, da AOL.
    • Anonimo scrive:
      Re: ulteriore conferma del MONOPOLIO
      - Scritto da: zap
      L'azienda si può prendere addirittura un
      mese di riposo per porre rimedio alle[BAU BAU]
      Ha già ricevuto la sua prima denuncia, da
      AOL.Un'altra azienda buona... come te del resto!Zeross
      • Anonimo scrive:
        Re: ulteriore conferma del MONOPOLIO
        - Scritto da: Zeross
        - Scritto da: zap

        L'azienda si può prendere addirittura un

        mese di riposo per porre rimedio alle
        [BAU BAU]nel merito dei fatti da me presentati e documentati sai dire solo questo.
        • Anonimo scrive:
          Re: ulteriore conferma del MONOPOLIO


          [BAU BAU]

          nel merito dei fatti da me presentati e
          documentati sai dire solo questo.no, ti sbagli, zap, è il nuovo MS-UL tm (Microsoft Utont-language)! Con due parole (arf e bau) riesci a dire tutto, come del resto alla ms dicono che con i due tasti del mouse riesci a fare tutto con un pc...
        • Anonimo scrive:
          Re: ulteriore conferma del MONOPOLIO

          - Scritto da: Zeross

          - Scritto da: zap


          L'azienda si può prendere addirittura
          un


          mese di riposo per porre rimedio alle

          [BAU BAU]

          nel merito dei fatti da me presentati e
          documentati sai dire solo questo.


          fatti noti e documentati, che non possono ni alcun modo impedire a MS di PIANIFICARE (perche' solo linux poteva crescere in maniera caotica) lo sviluppo dei suoi prodotti.Cosa c'e' di male in questo?adesso MS non dovrebbe lavorare sulla sicurezza dei suoi prodotti perche' e' stata condannata?cosa dovrebbe fare?farli insicuri?o fermarsi ni attesa che tu gli dica cosa deve fare?o magari aspettare che il giudice gli dica cosa fare, come se fosse commissariata?boh.. io non capisco sinceramente.Vanno bene le tue premesse, ma come concludi?dicci tu cosa dovrebbe fare MS.La condizione di monopolio fu assodata a suo tempoma questo non vuol dire che la societa debba fermarsi totalmente.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: ulteriore conferma del MONOPOLIO
            - Scritto da: maks

            - Scritto da: Zeross


            - Scritto da: zap



            L'azienda si può prendere
            addirittura

            un



            mese di riposo per porre rimedio
            alle


            [BAU BAU]



            nel merito dei fatti da me presentati e

            documentati sai dire solo questo.


            fatti noti e documentati,ma smentiti da molti win-maniac "negazionisti"permettimi di ricordarglieli. Tu, che anmmetti la presenza del monopolio, non eri interessato a questo post
            boh.. io non capisco sinceramente.non hai letto bene il mio messaggio: "ulteriore conferma del MONOPOLIO"Ci sono molti negazionisti che non hanno chiaro cosa significa monopolio.Ho dato loro un modo per valutarne la presenza oltre le sentenze da me citate :un monopolio è tale quando può fare qualsiasi cosa di apparentemente Auto-lesionistico. Esempio:- regalare un software come Explorer integrandolo nel SO (ms è stata condannata per questo) - Fermare COMPLETAMENTE lo sviluppo dei propri prodotti per riesaminarli TUTTI, DICHIARANDOLO APERTAMENTE! MS può dichiarare di fermare lo sviluppo dei suoi prodotti sapendo che non deve temere rivali sul suo terreno
            Vanno bene le tue premesse, ma come concludi?
            dicci tu cosa dovrebbe fare MS.
            La condizione di monopolio fu assodata a suo
            tempodillo a win-maniac disinformati che ogni tanto sparano le loro opinioni limitate al piccolo orto che coltivano in casa
            ma questo non vuol dire che la societa debba
            fermarsi totalmente.ma da un'azienda in corsa contro un concorrente, ci si aspetta che continui lo sviluppo dei suoi prodotti. Invece essa può permettersi di fermrsi, perché NON C'E' NESSUNO DIETROQuesta è una chiara prova del fatto che la piccola azienda di Redmond (ha qualche migliaio di dipendenti) HA IL MONOPOLIO del software per PC
        • Anonimo scrive:
          Re: ulteriore conferma del MONOPOLIO
          - Scritto da: zap

          nel merito dei fatti da me presentati e
          documentati sai dire solo questo.Hai infestato i vari forum ripetendo sempre le stesse identiche cose in almeno 10 post a forum... cosa vuoi che ti dica?Abbiamo capito, ora basta per favore... è come se per tre giorni rileggessi sempre lo stesso giornale... eccheppalle!Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: ulteriore conferma del MONOPOLIO
            - Scritto da: Zeross
            - Scritto da: zap



            nel merito dei fatti da me presentati e

            documentati sai dire solo questo.


            Hai infestato i vari forum ripetendo sempre
            le stesse identiche cose in almeno 10 post a
            forum... cosa vuoi che ti dica?hai modo di evitare i miei post: basta non cliccarci su. da parte mia, ogni volta che una notizia coinvolge il monopolio, non posso che ricordare la situazione patologica in cui il mercato del software è stato ridotto dalla presenza ingombrante di microsoft.tanto più che c'è sempre *qualcuno* che "non ha capito" e che, credendo che microsoft sia stata completamente scagionata, si meraviglia quando si parla di accuse di abuso di posizione dominante.Se TU hai capito, altri NO.E' da un po' che tu e altri provate a mettere sotto silenzio questa denuncia.Non riuscirete a insabbiare quello che (almeno ora) è la VERITA' PROCESSUALE.
  • Anonimo scrive:
    e riparte il marketing MS ...
    l'unica cosa che non si ferma mai e' il marketing di MS mi sembra di capire
  • Anonimo scrive:
    miiiiiiii!
    PI -Il big di Redmond sembra infatti intenzionato a seguire la strada già percorsa con Windows 2000 ed includere, nel megapacco destinato a XP, tutte le correzioni alle falle di sicurezza che verranno scoperte durante l'attuale revisione del codice del sistema operativo-cavolo, saranno un paio di CD di roba!
    • Anonimo scrive:
      Re: miiiiiiii!
      tranquillo ci daranno i fix a piccole dosi...;-0)- Scritto da: maestrino
      PI -Il big di Redmond sembra infatti
      intenzionato a seguire la strada già
      percorsa con Windows 2000 ed includere, nel
      megapacco destinato a XP, tutte le
      correzioni alle falle di sicurezza che
      verranno scoperte durante l'attuale
      revisione del codice del sistema operativo-

      cavolo, saranno un paio di CD di roba!
      • Anonimo scrive:
        Re: miiiiiiii!
        forse in india e' successo qualcosaBin laden ci ha messo le mani e adesso non vogliono dichiarare cio che e' successoquindi si prendono 1 mese per controllare se il software sia stato manomessose cosi fosse viene spontaneo dichiarare che il software closed e' insicuro in quanto basato su un segreto e che se qualcuno viola il segreto e ci fa quello che vuole e nessuno lo sa
  • Anonimo scrive:
    Ma serve fino ad un certo punto..
    Rimediare ai bug, è importante, vero; tuttavia non credo che sarà possibile in un mese, e dubito che riuscirà a rimediare a tutti i problemi di sicurezza di iis e IE portandoli ad una media normale, poichè devono essere nati male sotto quel profilo.Oltretutto, uno sviluppatore può servire fino ad un certo punto: se i bug non vengono segnalati lo sviluppatore non se ne accorge della maggioranza di questi dal solo codice; e per quello c'è poco da fare, occorre aspettare che il bug venga segnalato.Ma ciò non basterà cmq ai sitemi M$, buona parte dei problemi di security dei prodotti M$ sono dovute ad implementazioni eccessivamente user-friendly, e di per queste vi sono worm,virus, vari che se nè approfittano.È l'impostazione dell'o.s. e del relativo sw in questo caso, e c'è poco da fare; è un problema che accumuna qualsiasi forma di user-friendly presente su un'o.s., particolarmente o.s. nati con queste impostazioni.Ad esempio, il BeOS è poco diffuso; sicuramente costituisce una piattaforma meno bug-ata di quelle M$, ma anche il BeOS è impostato sull'user-friendly e se si diffondesse si vedrebbero virus vari che sfruttano la facilità introdotta a danno dell'ut.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma serve fino ad un certo punto..
      - Scritto da: BSD_like
      Rimediare ai bug, è importante, vero;
      tuttavia non credo che sarà possibile in un
      mese, e dubito che riuscirà a rimediare a
      tutti i problemi di sicurezza di iis e IE
      portandoli ad una media normale, poichè
      devono essere nati male sotto quel profilo.Credo che piu' che di "analisi del codice" si trattera' di una "correzione dei bug che conosciamo" che viene presentata come una aspettare che il bug venga segnalato.Anche per questo sospetto che non cercheranno niente di nuovo ma si limiteranno a cercare di correggere (certo, in modo piu' rilassato del normale e questo e' un bene...)
      Ma ciò non basterà cmq ai sitemi M$, buona
      parte dei problemi di security dei prodotti
      M$ sono dovute ad implementazioni
      eccessivamente user-friendly, e di per
      queste vi sono worm,virus, vari che se nè
      approfittano.Parecchie cose sono anche ingenuita' del progettista e/o del markettaro di turno che decide la configuarazione "default" di outlook
      È l'impostazione dell'o.s. e del relativo sw
      in questo caso, e c'è poco da fare; è un
      problema che accumuna qualsiasi forma di
      user-friendly presente su un'o.s.,
      particolarmente o.s. nati con queste
      impostazioni.L'essere "user-frendly" implica il possedere moltissime linee di codice, questo per statistica equivale ad avere un numero di bug piu' elevato, credo che su questo siamo tutti daccordo.Il problema reale di M$ e' che preferisce incrementare il numero di fronzoli (ovvero orpelli inutili come funzionalita' o friendlyness dell'interfaccia) piuttosto che aumentare il numero di tester (che non sono mai troppi!)
      Ad esempio, il BeOS è poco diffuso;
      sicuramente costituisce una piattaforma meno
      bug-ata di quelle M$, ma anche il BeOS è
      impostato sull'user-friendly e se si
      diffondesse si vedrebbero virus vari che
      sfruttano la facilità introdotta a danno
      dell'ut.BeOS mi e' simpatico ma non lo conosco per rispondere... certo che se anche loro hanno impostato la "user-frendly" sulle operazioni che fa automaticamente il client di posta hai totalmente ragione!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma serve fino ad un certo punto..
        Bè, ritengo la cosa più generale dei soli danni imputabili all'e-mail; ad esempio vi sono programmini distruttivi che puntano sull'ignoranza dell'utente, che così come sono non farebbero male alcuno, ma l'ignoranza dell'ut. e la possibilità di user-friendly dell'o.s. su varie operazioni genera distruzione.Anche questo intendevo riferendomi al BeOS, che ho installato tra i vari o.s. che dispongo.E questo problema ritengo sia incurabile; a meno che si abbondoni l'user-friendly....
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma serve fino ad un certo punto..
          Pertanto, secondo il tuo ragionamento, si dovrebbe tornare all'era del DOS o alla shell (una delle centinaia in giro) dello UNIX ?Scusate, ma state parlando di software per l'utente o per pochi eletti ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            - Scritto da: Antibufala
            Pertanto, secondo il tuo ragionamento, si
            dovrebbe tornare all'era del DOS o alla
            shell (una delle centinaia in giro) dello
            UNIX ?
            Scusate, ma state parlando di software per
            l'utente o per pochi eletti ?Parlano di utilizzare un elaboratore elettronico programmabile, non di lavatrici e console.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            Già. Peccato che la gente voglia le lavatrici e le console, non gli "elaboratori elettronici programmabili". Ovviamente sto parlando del mercato consumer (cui si applica il concetto di "user friendly").A casa mia non ho voglia di programmare, lo faccio già a sufficienza in ufficio.- Scritto da: Castro
            - Scritto da: Antibufala

            Pertanto, secondo il tuo ragionamento, si

            dovrebbe tornare all'era del DOS o alla

            shell (una delle centinaia in giro) dello

            UNIX ?

            Scusate, ma state parlando di software per

            l'utente o per pochi eletti ?

            Parlano di utilizzare un elaboratore
            elettronico programmabile, non di lavatrici
            e console.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            - Scritto da: Darth Vader
            Già. Peccato che la gente voglia le
            lavatrici e le console, non gli "elaboratori
            elettronici programmabili". Ovviamente sto
            parlando del mercato consumer (cui si
            applica il concetto di "user friendly").E allora a casa usati lavatrice e console e non portarti il computer.
            A casa mia non ho voglia di programmare, lo
            faccio già a sufficienza in ufficio.E allora perche' hai un PC a casa ???
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            Non ho detto che si dovrebbe tornare al DOS o allo UNIX solo shell (che tra l'altro è più usato dagli esperti ripsetto alla GUI con il server grafico); è una constatazione di fatto: purtroppo i problemi di sicurezza inerenti all'user-friendly non sono eliminabili se non eliminando l'user-friendly stesso.Anche perchè l'user-friendly genera più codice e quindi più potenziali bug; tuttavia ritengo oggettivamente il fenomeno ormai inarrestabile, anche per gli UNIX (per carità non dico che uno UNIX diventerà facile quanto win, ma che diventerrà quantomeno più maneggevole, questo si).Personalmente utilizzerei tool per la facilità solo per velocizzare le operazioni comuni sui sistemi (dal server grafico o GUI, in poi).
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..

            Non ho detto che si dovrebbe tornare al DOS
            o allo UNIX solo shell (che tra l'altro è
            più usato dagli esperti ripsetto alla GUI
            con il server grafico); è una constatazione
            di fatto: purtroppo i problemi di sicurezza
            inerenti all'user-friendly non sono
            eliminabili se non eliminando
            l'user-friendly stesso.
            Anche perchè l'user-friendly genera più
            codice e quindi più potenziali bug; tuttavia
            ritengo oggettivamente il fenomeno ormai
            inarrestabile, anche per gli UNIX (per
            carità non dico che uno UNIX diventerà
            facile quanto win, ma che diventerrà
            quantomeno più maneggevole, questo si).
            Personalmente utilizzerei tool per la
            facilità solo per velocizzare le operazioni
            comuni sui sistemi (dal server grafico o
            GUI, in poi).allora il progresso ha fallitotorniamo ad accendere le automobili a manovella, perche' le chiavi sono troppo user friendlytorniamo a lavare nei fiumi, perche' le lavatrici si romponopenso che la sfida sia questa.Piu semplice e contemporanemanete piu' sicuro.Se ci riescono bene, se non ci riescono, male per tutti.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            - Scritto da: maks

            allora il progresso ha fallito
            torniamo ad accendere le automobili a
            manovella, perche' le chiavi sono troppo
            user friendly?!? A me sembra palese che se aumenti le linee di codice aumentano i bug.Poi ognuno fa le sue scelte. Meglio qualche baco in piu' e un sistema amichevole oppure qualche baco in meno e la bash?[N.B. Io trovo piu' amichevole la bash del menu di windows... ma capisco che qualcuno la pensa diverso e usa le interfacce grafiche]
            torniamo a lavare nei fiumi, perche' le
            lavatrici si rompono
            penso che la sfida sia questa.Oppure scegliere tra la lavatrice che si rompe una volta all'anno e quella che si rompe ogni quattro/cinque anni (una volta le facevano che duravano 10 anni... sigh!)bye
            Piu semplice e contemporanemanete piu'
            sicuro.
            Se ci riescono bene, se non ci riescono,
            male per tutti.

            Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            A parte che non si può dire solo per questo caso che il progresso abbia fallito; la mia era soltanto un'osservazione oggettiva.Poi il resto si tratta di scelte, ripeto secondo me l'user-friendly va usato solo quando serve e cioè per velocizzare le operazioni o processi di routine. Ciò non significa aprire il server grafico (ad esempio) solo per curare la configurazione del sistema e poi "spegnerlo" per sempre, ma usarlo con parsimonia e solo quando realmente serve nell'adminstrazione di un server. Come client ovviamente ci può essere più libertà, ma ricorrere all'user-friendly il meno possibile.Il resto sono scelte, bisogna però tener presente cosa implica una scelta da un'altra.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            - Scritto da: BSD_like
            significa aprire il server grafico (ad
            esempio) solo per curare la configurazione
            del sistema e poi "spegnerlo" per sempre, ma
            usarlo con parsimonia e solo quando
            realmente serve nell'adminstrazione di un
            server. Come client ovviamente ci può essereesiste qualcuno che installa X su un server??(ma a che gli serve?non fa' prima con la bash, un editor e i tool di configurazione da console?)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            Il server grafico, non è detto che di default debba essere attivo nel server; si può installare e poi configurato il server con l'ausilio di Xfree (tanto tutti anche gli UNIX comm. utilizzano il server grafico del MIT, solo UNIX dedicati i server grafici commerciali; che cmq si appoggiano su X11. Credo che alla SGI su Irix utilizzino prevalentemente server grafici comm.), passare ad un livello che lo disattiva (in Linux init 3) e lasci attivi i servizi di rete, nel caso di o.s. UNIX stile SySV, per i BSD di default non si avvia.Rimane però il problema che i file del server grafico sono presenti in macchina, e ciò può costituire problemi di security. Allora o si tolgono suddetti file o si disattia in /etc/services la porta del servizio del server grafico, commentandola.Tuttavia un hack/krack che riuscisse ad acquisire alcuni permnessi tali da potere editare /etc/services, riattiverebbe la porta e potrebbe attivare il server grafico, poi con qualche bug anche non del server grafico ma di programmi esterni che utilizzano una GUI grafica, accedere ai permessi di admin, anche se non root.È improbabile e faragginoso, però può accadere.Il motivo principale nel 95% dei casi rimane il problema del consumo risorse; per cui una volta configurato l'o.s. si può anche "spegnere" il server grafico, se ci sono problemi di risorse.Io sulle macchine da test generalmente lo lascio attivo, a meno di richieste di risorse.Poi all'occorenza, lo si può riattivare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            azz ma l'unico fesso paranoico che non installa X (e comunque installa solo lo stretto indispensabile) sono io? :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            Bè, io lo disattivo finita la configurazione nelle macchine d'esercizio; commento anche la porta in /etc/services (by Emacs mi piace più di VI che so usare pochissimo).Così è più comodo e veloce.In macchine da test è indifferente, ma a differenza di quelle d'esercizio, generalmente lo lascio attivo a meno di richieste particolari di risorse, dato che per i test generalmente non s'impiegano macchine ultimo hw.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma serve fino ad un certo punto..
      - Scritto da: BSD_like
      Rimediare ai bug, è importante, vero;
      tuttavia non credo che sarà possibile in un
      mese, e dubito che riuscirà a rimediare a
      tutti i problemi di sicurezza di iis e IE
      portandoli ad una media normale, poichè
      devono essere nati male sotto quel profilo.
      Oltretutto, uno sviluppatore può servire
      fino ad un certo punto: se i bug non vengono
      segnalati lo sviluppatore non se ne accorge
      della maggioranza di questi dal solo codice;
      e per quello c'è poco da fare, occorre
      aspettare che il bug venga segnalato.
      Ma ciò non basterà cmq ai sitemi M$, buona
      parte dei problemi di security dei prodotti
      M$ sono dovute ad implementazioni
      eccessivamente user-friendly, e di per
      queste vi sono worm,virus, vari che se nè
      approfittano.
      È l'impostazione dell'o.s. e del relativo sw
      in questo caso, e c'è poco da fare; è un
      problema che accumuna qualsiasi forma di
      user-friendly presente su un'o.s.,
      particolarmente o.s. nati con queste
      impostazioni.
      Ad esempio, il BeOS è poco diffuso;
      sicuramente costituisce una piattaforma meno
      bug-ata di quelle M$, ma anche il BeOS è
      impostato sull'user-friendly e se si
      diffondesse si vedrebbero virus vari che
      sfruttano la facilità introdotta a danno
      dell'ut.Invece di dare dell'ignorante informatico agli utenti che vogliono un OS friendly, prova a guardare come scrivi tu in italiano: "se né approfittano" e "un'o.s."...Personalmente mi fa più rabbrividire come scrivi tu in italiano rispetto all'ignoranza informatica dell'"utonto".
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma serve fino ad un certo punto..
        o.s. è l'abbreviazione del termine inglese operating system: sistema operativo, preferisco scriverlo così per abitudine anche nei miei testi italiani.Sai che non rileggo (prima lo facevo ora difficile) il testo, non mi và, e quando lo faccio lo sorvolo, stando attento che si comprenda e basta.Poi, non mi interessano le materie umaniste, in ITA orale avevo 4 alle superiori e 6 nello scritto: studiavo matematica durante l'ora di ITA. L'unico autore che ho studiato alle sup. è stato Machiavelli e Guicciardini, (solo il pensiero politico o meglio come intendevano la scienza politica).Grazie ad un tema sulla scienza ho avuto un bel voto all'esame di maturità allo scritto di ITA.Spero di essere stato esauriente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma serve fino ad un certo punto..
          Ah, già è un'errore riportare nel testo quel'abbreviazione in stampatello: ITA........
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            - Scritto da: BSD_like
            Ah, già è un'errore riportare nel testo
            quel'abbreviazione in stampatello:
            ITA........un'errore??? O_O;;;segna pure due... :)Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che bravi darth e zeross
            Tutto questo zelo nella ricerca di errori di grammatica perché non lo riservate nel correggere i bug di quei programmi di merda che il vostro padrone sviluppa (si fa per dire) prima di essere commercializzati? Forse vi siete dati alle lezioni d'italiano considerando che vi ha ordinato di stare un mese in ferie e far credere che si sta concentrando sulla sicurezza? Scommetto che da marzo in poi su P.I. non leggeremo più articoli sulle vulnerabilità dei programmi microsoft e sul loro sito non ci saranno più link a service pack da scaricare. Buon lavoro microsoft, ma non ti sforzate troppo, diceva Ronald Reagan:«di tanto lavoro non è mai morto nessuno, ma mi chiedo perché rischiare?»
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che bravi darth e zeross
            Il problema è che Darth e Zeross non hanno argomenti migliori per rispondere a BSD_like, quindi vanno a cercare gli errori di grammatica.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che bravi darth e zeross
            - Scritto da: zxc
            Il problema è che Darth e Zeross non hanno
            argomenti migliori per rispondere a
            BSD_like, quindi vanno a cercare gli errori
            di grammatica.Ma che bella coppia di spiritosoni che abbiamo l'onore di ospitare in questi forum!Una manica di cazzi vostri mai però?Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che bravi darth e zeross
            - Scritto da: Vito
            Tutto questo zelo nella ricerca di errori di
            grammatica perché non lo riservate nel[BLA BLA]
            diceva Ronald Reagan:«di tanto lavoro non è
            mai morto nessuno, ma mi chiedo perché
            rischiare?»Per tua informazione non lavoro in Microsoft, pertanto certi commenti idioti risparmiateli pure.Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            No, 3; l'abbreviazione ITA in maiuscolo l'ho riportata 3 volte, conta bene!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            - Scritto da: BSD_like
            No, 3; l'abbreviazione ITA in maiuscolo l'ho
            riportata 3 volte, conta bene!Ehm... conta pure 4 allora, c'è anche "quel'abbreviazione"... rabbrividiamo :)Ora basta però sennò, come puoi notare più su, si scatena il flaming da parte di chi non capisce che ci stiamo ridendo sopra... mah...Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            Flaming? Non ti preoccupare, per quello che me ne frega puoi anche continuare a contare gli errori
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            Bè a dire il vero, il carisimmo Darth non scherzava!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            No. E' proprio che mi danno epidermicamente fastdio gli errori di ortografia (e no sto parlando di errori di digitazione).Dio salvi mio figlio quando andrà alla scuola elementare... ;-)- Scritto da: BSD_like
            Bè a dire il vero, il carisimmo Darth non
            scherzava!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            - Scritto da: Darth Vader
            No. E' proprio che mi danno epidermicamente
            fastdio gli errori di ortografia (e no sto
            parlando di errori di digitazione)..."fastdio" ?"e no sto parlando" ?Parliamone pure di questi errori di digitazione ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            - Scritto da: Zeross
            Ora basta però sennò, come puoi notare più
            su, si scatena il flaming da parte di chi
            non capisce che ci stiamo ridendo sopra...
            mah...---------------------------------------------------------------Come puoi leggere nel post più sotto di darth, non stava scherzando. E' inorridito al pensiero che suo figlio possa scrivere in modo errato. Caro mio beta tester, io capisco perfettamente quando la gente insulta e quando ci sta scherzando. Argomenti non ne avete, sia tu sia darth. Continuate a correggere errori di grammatica perché questo potete fare. C'é zap che lo ripete spesso e lo ripeto anch'io. In questo mese di riposo mettetevi a studiare cosa serie tipo java, php etc. il processo non è finito, la microsoft è entrata in quel circolo vizioso del processo antitrust americano. O esce smembrata in due o se esce impunita è perché è finito il suo monopolio, come capitò ad IBM, ma al contrario di IBM se questi perdono il monopolio possono chiudere, con quella merda di programmi che fanno dove vuoi che vadano?E lo ripeto ma con parole mie: non sforzatevi troppo, non ammazzatevi di lavoro, a quest'ora il caro darth sarà già nel suo ufficio a programmare, peccato che con quello che vi mette a disposizione ms al massimo potete programmare cosa fare stasera.Ciao e buon weekend (è scritto bene darth?)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma serve fino ad un certo punto..
          - Scritto da: BSD_like
          o.s. è l'abbreviazione del termine ingleseNon è per l'abbreviazione. Per carità di Dio (anzi di Manzoni): quando metti un apostrofo o un accento conta fino a dieci e vedi se ci va (non "và" come mi scrivi di nuovo nel tuo post).
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            E basta! ma chi sei il vendicatore mascherato della grammatica italiana? Forse si stava parlando d'altro non credi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma serve fino ad un certo punto..
            Ti ho già spiegato che non controllo molto i post che scrivo; mi basta una lettura veloce, per questo possono passare dagli errori di digitazione ad errori di grammatica (oddio leggendolo accuratamente ho solo l'assicurazione, poi, che siano di meno non che non ci siano, dato che mi possono sempre sfuggire).Oltrettutto se fossimo formali, non sarebbe neanche consentiti miscugli italiani/inglesi, anche se io preferirei che fosse l'inglese la n.s. lingua (meno grammatica, più intuitiva, razionale e più logica, certo più povera: assomiglia alla lontana ad un linguaggio matematico, per come é schematica e basata sull'intuizione).E cmq, come detto, posti con un tipo che si è rifiutato di studiare letteratura italiana, preferendogli la matematica: grazie ai voti nelle materie tecnico/scientifiche me la sono sempre cavata.
  • Anonimo scrive:
    Un mese? Siamo seri!
    Non ho l'intenzione di scatenare una guerra di flame.Premetto che sono un programmatore di una certa esperienza, per cui credo di avere una qualche idea di cosa voglia dire rivedere milioni di righe di codice.Anche supposto che Microsoft abbia i migliori programmatori e che questi siano in numero sufficiente, rivedere milioni di righe di codice scritti nell'arco di diversi anni, magari da gente che non lavora piu' in Microsoft, non e' una impresa da un mese.Con questo non voglio dire che non troveranno e risolveranno problemi, e che non sia una cosa utile rivedere il codice. Ma per migliorare significativamente la qualita' del software ci vuole ben piu' tempo di un mesetto di furore. Sicuramente ci vogliono strategie ed atteggiamenti diversi da quelli fino a ieri scelti da Microsoft. Insomma, la faccia Microsoft, se ci riuscira', la riguadagnera' col tempo, non in un mese.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un mese? Siamo seri!

      Anche supposto che Microsoft abbia i
      migliori programmatori e che questi siano in
      numero sufficiente, rivedere milioni di
      righe di codice scritti nell'arco di diversi
      anni, magari da gente che non lavora piu' in
      Microsoft, non e' una impresa da un mese.e tutta pubblicita...per me si prendono un mese di vacanza...;-0)
    • Anonimo scrive:
      Re: Un mese? Siamo seri!

      credo di avere una
      qualche idea di cosa voglia dire rivedere
      milioni di righe di codice.
      Anche supposto che Microsoft abbia i
      migliori programmatori e che questi siano in
      numero sufficiente...Per me non bastano i programmatori per un'operazione del genere - fatta bene -, voglio dire che la sola riorganizzazione strategica per affrontare un lavoro del genere necessiterebbe di ampi tempi. Tipo creazione di nuovi reparti, nuove figure dirigenziali, il traslocco di persone, scrivanie, armadi, sono tutte operazioni di una certa richiesta di tempo, ma mi sa che l'obbiettivo serio e' far uscire Windows.net a tempo debitamente redittizio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un mese? Siamo seri!
      - Scritto da: FDG
      Non ho l'intenzione di scatenare una guerra
      di flame.
      Premetto che sono un programmatore di una
      certa esperienza, per cui credo di avere una
      qualche idea di cosa voglia dire rivedere
      milioni di righe di codice.Fintanto che i problemi dei prodotti non sono di tipo architetturale ma solo dei bug di programmazione (buffer overrun), non credo che l'ordine di grandezza "mese" sia inapplicabile.
      Ma per migliorare significativamente la
      qualita' del software ci vuole ben piu'
      tempo di un mesetto di furore. Sicuramente
      ci vogliono strategie ed atteggiamenti
      diversi da quelli fino a ieri scelti da
      Microsoft. Questo significa, se non capisco male, un cambio di filosofia. Del tipo: caro utente, non ti fornisco le funzionalità, ma te le lascio implementare, così se ci sono dei bug non è colpa di MS ma di chi sviluppa l'applicazione.Se credi che da questa revisione esca un SO "contenitore" come un qualunque UNIX, secondo me ti sbagli. La gente vuole, e si aspetta da MS, delle applicazioni semplici da utilizzare (user friendly) possibilmente prive di eventuali bug che possono bloccarle/renderle meno sicure. E questo MS sta cercando di fornire. Non è una virata filosofica.Onestamente se ci riescono sono bravi: non credo che esista cosa più difficile che dare ampia libertà agli utenti proteggendo contemporaneamente dal dolo di chi sfrutta tali funzionalità per fare danno (vedi virus via e-mail etc.).
      • Anonimo scrive:
        Re: Un mese? Siamo seri!
        basta far aprire con notepad tutti i file...
        Onestamente se ci riescono sono bravi: non
        credo che esista cosa più difficile che dare
        ampia libertà agli utenti proteggendo
        contemporaneamente dal dolo di chi sfrutta
        tali funzionalità per fare danno (vedi virus
        via e-mail etc.).
      • Anonimo scrive:
        Re: Un mese? Siamo seri!

        La gente vuole, e si
        aspetta da MS, delle applicazioni semplici
        da utilizzare (user friendly) possibilmenteHai ragione. Pero' la "gente" vuole cose che non puo' permettersi. Vuole la semplicita' massima unita alla sicurezza massima, vuole il giocattolo magnifico senza il manuale di istruzioni. Estremizzando, non vuole un PC vuole un qualcosa che pensi in vece sua. E per giunta lo vuole gratis, quasi per diritto.

        Onestamente se ci riescono sono bravi: non
        credo che esista cosa più difficile che dare
        ampia libertà agli utenti proteggendo
        contemporaneamente dal dolo di chi sfrutta
        tali funzionalità per fare danno (vedi virus
        via e-mail etc.).Su questo hai perfettamente ragione. Io, personalmente, non credo ci riusciranno mai, ma questo e' un altro paio di maniche.
  • Anonimo scrive:
    Trustworthy Computing
    Visto che questo è il nome in codice della nuova strategia contro le vulnerabilità, qualche spiritoso ha registrato il dominio facendolo puntare all'elenco delle vulnerabilità dei prodotti Microsoft, preso direttamente da Google:http://www.trustworthycomputing.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: Trustworthy Computing
      Bastava che leggessi la news fino in fondo ;-)- Scritto da: Softwarista Dubbioso
      Visto che questo è il nome in codice della
      nuova strategia contro le vulnerabilità,
      qualche spiritoso ha registrato il dominio
      facendolo puntare all'elenco delle
      vulnerabilità dei prodotti Microsoft, preso
      direttamente da Google:

      http://www.trustworthycomputing.com/
  • Anonimo scrive:
    ah si ???
    in una sospensione di circa un mese delle attività di sviluppo di nuovo codice.====
  • Anonimo scrive:
    un'ottima notizia...
    cosi' downloadando e accumulando tutti i service pack ne esce un windows 2000 completamente gratis e downloadabile :D
  • Anonimo scrive:
    GL --
    Ne avrai bisogno gatez.bah
Chiudi i commenti