Megaupload, scontro sui file degli utenti

Il servizio di hosting Carpathia vorrebbe l'eliminazione di tutti i file, per evitare i costi di gestione dei server. MPAA vuole trattenerli per eventuali citazioni legali. C'è chi tenta di truffare gli utenti del cyberlocker
Il servizio di hosting Carpathia vorrebbe l'eliminazione di tutti i file, per evitare i costi di gestione dei server. MPAA vuole trattenerli per eventuali citazioni legali. C'è chi tenta di truffare gli utenti del cyberlocker

La battaglia continua, a due mesi di distanza dal raid statunitense contro il mega-impero del file hosting. I vertici di Carpathia , servizio di hosting che gestisce i server di Megaupload, vorrebbero ora la definitiva eliminazione di tutti i file appartenenti agli utenti . Dal momento che le autorità a stelle e strisce hanno ormai acquisito tutte le prove necessarie ad inchiodare il boss Kim Dotcom e i suoi soci.

Sono esattamente 1.103 i server affidati dal cyberlocker di Hong Kong a Carpathia Hosting . Un patrimonio gigantesco di dati, per una quantità stimata di 28 petabyte di file . Stando alla stessa società di hosting, un solo petabyte risulterebbe equivalente a 13 anni e più di video in alta definizione, o all’intero patrimonio culturale della U.S. Library of Congress moltiplicato per 50.

Numeri stratosferici , che costano non poco ai vertici di Carpathia . La gestione degli oltre mille server – dislocati negli Stati Uniti e in Canada – prevede l’esborso di circa 9mila dollari al giorno . Ma la richiesta di distruzione presentata dalla società non trova d’accordo gli altri protagonisti in gioco. A partire dagli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF) che hanno già lanciato la piattaforma Megaretrieval.com .

Gli stessi vertici di Megaupload stanno cercando di trovare un accordo con il Department of Justice (DoJ) statunitense, per ottenere la restituzione agli utenti dei file personali caricati sulla piattaforma . E qui entra in scena la Motion Picture Association of America (MPAA), che ha chiesto formalmente di trattenere i contenuti per la possibilità di “ulteriori citazioni nel futuro”.

In sostanza, l’industria del cinema vorrebbe tenersi le prove per guerreggiare in aula con i responsabili di Megaupload e i vari “intermediari” legati al cyberlocker . Nessun provvedimento nei confronti dei singoli utenti, almeno stando alle dichiarazioni rilasciate dagli stessi responsabili di MPAA. Quel che sembra ormai certo: il crollo del mega-impero ha lasciato spazio a un campo di battaglia costruito sulle macerie.

E infatti una pseudo-società legale tedesca ha iniziato ad inviare agli utenti di Megaupload una minacciosa missiva per il pagamento di una cifra forfettaria (150 euro) in modo da evitare tortuosi processi legali . Lo schema estorsivo è però truffaldino: gli indirizzi IP sono sbagliati e non viene nemmeno specificato il contenuto scaricato dall’utente. La società legale dichiara di lavorare per conto delle major di Hollywood.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

22 03 2012
Link copiato negli appunti