Meme, La Caduta del tormentone

Il produttore del film ha chiesto la rimozione del video per violazione di copyright. Su YouTube si scatena la rivolta a suon di video satirici

Roma – Dopo il rickrolling (fortunatamene salvato e la cui rimozione è stata imputata ad un errore), un altro dei meme più popolari in Rete è a rischio causa notifiche di proprietà intellettuale: La Caduta di Hitler.

Da quando lo spezzone del film di Hirschbiegel in cui il Fuhrer sbraita infuriato contro i suoi generali era stato scelto dai netizen come arma perfetta per mettere alla berlina eventi mediatici e prodotti ICT con un semplice cambio di sottotitoli (con buona pace dei tedeschi che rimanevano esclusi dal gioco potendo comprende l’audio originale), il video era rimbalzato in Rete apparentemente inarrestabile.

A chiederne infine la rimozione per violazione di copyright è Constantin Film, produttore e distributore dell’opera. E la decisione, anche se ancora non ha potuto raggiungere tutti i centinaia di derivati circolanti in Rete, sta generando commenti quasi offesi ed indignati, come se fosse stata toccata una vera e propria istituzione della Rete.

Il video, peraltro, era già stato protagonista in tribunale: un utente senese era stato denunciato con l’accusa di averlo utilizzato per diffamare i responsabili della contrada dell’Oca. D’altronde innumerevoli sono le versioni circolate : l’aveva utilizzata la casa di distribuzione indipendente Revolver per lamentarsi del fatto che non poteva accedere alla piattaforma di iTunes, e gli utenti avevano reso Hitlet furioso per svariati argomenti. Perché vittima di furto d’auto , per le mancanze di iPhone 3GS o iPad , per il film Dragon Ball Evolution , per vari problemi con Facebook , per l’ultima edizione di Sanremo , per la vittoria di Valerio Scanu o per quella (versione già rimossa) di Taylor Swift.

Hitler era inoltre stato messo davanti al libro per bambini Wally/Waldo, a notizie di gossip come Tony Romo che lascia Jessica Simpson. Ed era stato utilizzato anche da Nonciclopedia .

Era già arrivata, poi la versione per il nuovo iPhone 4G: ma sembra proprio che sia partito da questo filmato l’epurazione. Nel frattempo è già arrivata una versione in cui Hitler si lamenta della richiesta di rimozione della Constantin Film.

<div align="center"

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • r p scrive:
    strano
    ma possibile che si rompe sempre quella?
  • Poldo Mangiapanini scrive:
    domanda babbea
    Ma internet non doveva essere quella fantastica tecnologia in grado di resistere ad un attacco nucleare per consentire ai comandi militari di continuare a chattare e mandarsi video XXXXX in streaming? E scopriamo invece che basta tagliare un cavo sottomarino e non funziona più niente? Che siano scie chimiche sottomarine?Squali addestrati da Bin Laden (nelle piscine delle grotte dell'Afghanistan) ad addentare i cavi?Avete chiesto a Giacobbo di Voyager?Forse è una specie aliena che per tutelare l'umanità dalla dissoluzione morale dovuta al XXXXX e al poker thm di internet ha deciso di tagliare tutti i cavi sottomarini.Adios.
  • Siciliano scrive:
    Palermo
    Da palermo passa una backbone e la telecom non riesce a fornirmi neanche il 7 mega?? e devo stare ancora con la 56K quando i miei colleghi italiani mediamente hanno la 4 MBps?Viva l'Itaglia
    • mcguolo scrive:
      Re: Palermo
      Eh, beh, ma mica si possono cambiare i doppini di rame del '32 così da un giorno all'altro... XDMa fra un po' la nave per le riparazioni dovrebbe passare per di la, poi aggiusta tutto!- Scritto da: Siciliano
      Da palermo passa una backbone e la telecom non
      riesce a fornirmi neanche il 7 mega?? e devo
      stare ancora con la 56K quando i miei colleghi
      italiani mediamente hanno la 4
      MBps?

      Viva l'Itaglia
      • nick scrive:
        Re: Palermo
        Quando ho fatto il politecnico, un mio professore si occupava di studiare un protocollo in grado di "spingere" i doppini ad alte velocità. Su doppini relativamente nuovi erano arrivati a fare 30Mb sulla distanza di 25Km, tant'è che da Torino erano riusciti a collegare un paesino della Val di Susa con una connessione ad alta velocità.Credo che la Telecom non abbia mai avuto scuse ma anche dove c'è una legge regionale che obbliga a fornire la connessione a banda larga, c'è una clausola che diche che deve essere almeno a 640Kb/s...così anche dove si potrebbe piazzare un 7+ Mb/s, la gente ha il 640...Lo stesso professore ci raccontò che fino ad alcuni anni fa c'era il problema degli squali, che sentivano la corrente che scorreva nei cavi di alimentazione degli amplificatori (allegati alla fibra) e "addentavano" la dorsale pensando fosse una preda.
        • mcguolo scrive:
          Re: Palermo
          - Scritto da: nick
          Quando ho fatto il politecnico [cut]Credo sia una cosa simile all'adsl... ma potrei pure sbagliarmi.
          Credo che la Telecom non abbia mai avuto scuse [cut]E qui l'amico Siciliano sottolineava giustamente (ma sfortunatamente :-S ) che siamo in Itaglia... semplicemente ironizzavo per strappargli un sorriso, magra consolazione!
          Lo stesso professore ci raccontò che fino ad
          alcuni anni fa c'era il problema degli squali,
          che sentivano la corrente che scorreva nei cavi
          di alimentazione degli amplificatori (allegati
          alla fibra) e "addentavano" la dorsale pensando
          fosse una
          preda.Questo è interessante, e a suo modo grottescamente divertente. Chissà che non gli roviniamo la vita, ai poveri squali, con tutte le nostre schifezze tecnologiche! :-/
          • nick scrive:
            Re: Palermo

            Credo sia una cosa simile all'adsl... ma potrei pure sbagliarmi.Abbastanza simile. Solo che ha una portata maggiore e a velocità più alta.
            Questo è interessante, e a suo modo grottescamente divertente. Chissà che
            non gli roviniamo la vita, ai poveri squali, con tutte le nostre schifezze
            tecnologiche!Almeno ora le dorsali sono schermate meglio :D Non credo che la fibra fosse molto buona da addentare...
          • daniele scrive:
            Re: Palermo
            Il limite del doppino non sono certo i 7Mb...allora come farebbe la gente ad avere i 20Mb senza fibra ottica in casa?Il problema è altrove...e riguarda l'adeguamento delle centrali prima di tutto e poi del collegamento fra di loro, che dovrebbe essere rigorosamente in fibra ottica per dare a tutti una banda decente anche nelle ore più congestionate.
          • Undertaker scrive:
            Re: Palermo
            - Scritto da: mcguolo
            Questo è interessante, e a suo modo
            grottescamente divertente. Chissà che non gli
            roviniamo la vita, ai poveri squali, con tutte le
            nostre schifezze tecnologiche!Giá, poveri squali[img]http://www.goldcoast.com.au/images/uploadedfiles/editorial/pictures/2009/01/11/shark-attack120109.jpg[/img]anche il povero virus del vaiolo si é estinto a lui non pensa nessuno ?
          • mcguolo scrive:
            Re: Palermo
            http://marine-conservation.suite101.com/article.cfm/how_often_sharks_attack_man_and_vice_versaMost shark attacks occur in the surf zone near a beach and are considered hit and run attacks where the shark inflicts one bite then decides against finishing. Sharks may mistake humans for prey [...] After the first bite many sharks realize that human meat is not what they are looking forE più sotto: several species of shark have seen their populations drop by 95% since the 1970s [...] due to hunting for shark fin soup.Traducitelo un po' da solo...
        • ninjaverde scrive:
          Re: Palermo
          - Scritto da: nick
          Quando ho fatto il politecnico, un mio professore
          si occupava di studiare un protocollo in grado di
          "spingere" i doppini ad alte velocità. Su doppini
          relativamente nuovi erano arrivati a fare 30Mb
          sulla distanza di 25Km, tant'è che da Torino
          erano riusciti a collegare un paesino della Val
          di Susa con una connessione ad alta
          velocità.
          Credo che la Telecom non abbia mai avuto scuse ma
          anche dove c'è una legge regionale che obbliga a
          fornire la connessione a banda larga, c'è una
          clausola che diche che deve essere almeno a
          640Kb/s...così anche dove si potrebbe piazzare un
          7+ Mb/s, la gente ha il
          640...
          Lo stesso professore ci raccontò che fino ad
          alcuni anni fa c'era il problema degli squali,
          che sentivano la corrente che scorreva nei cavi
          di alimentazione degli amplificatori (allegati
          alla fibra) e "addentavano" la dorsale pensando
          fosse una
          preda.Miiii... e io l'ho detto per scherzo dello squalto transgenico!!!Eh certo se a Torino inventano una cosa nuova, sicuramente gli alti papaveri dell'indistria italiana se ne fregano ALLA GRANDE.Semmai se trapela l'idea ci saranno gli americani che ci pensano a farla loro e a brevettarla. Se non ci arrivano gli americani, magari lo faranno i cinesi. Ma noi mai PER LA CARITÀ!! :@-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 aprile 2010 14.15-----------------------------------------------------------
  • Mario scrive:
    Ovvio che si rompono...
    Le placche terrestri si stanno spostando, lesionando o tranciando i cavi. Ma questo loro non ce lo diranno mai. E purtroppo per noi il peggio deve ancora arrivare (i vulcani islandesi sono solo un "assaggio" di cio' che ci aspetta...leggasi slittamento polare).
    • mcguolo scrive:
      Re: Ovvio che si rompono...
      - Scritto da: Mario
      Le placche terrestri si stanno spostando,
      lesionando o tranciando i cavi. Ma questo loro
      non ce lo diranno mai.Eh, sì... è in corso un grave oscuramento dei dati per non farci sapere che fra un po' non avremo più Internet! Anzi, mi stupisco di come abbiano potuto anche solo permettere che una notizia come questa trapelasse!
      :-|Ultimamente loro non sono più efficienti come una volta...
      E purtroppo per noi il
      peggio deve ancora arrivare (i vulcani islandesi
      sono solo un "assaggio" di cio' che ci
      aspetta...leggasi slittamento
      polare).Ma tanto che ci frega... nel 2012 finisce il mondo...
      • ninjaverde scrive:
        Re: Ovvio che si rompono...

        Ma tanto che ci frega... nel 2012 finisce il
        mondo...No, solo un pò più di sfiga del solito... :s
    • krane scrive:
      Re: Ovvio che si rompono...
      - Scritto da: Mario
      Le placche terrestri si stanno spostando,
      lesionando o tranciando i cavi. Ma questo loro
      non ce lo diranno mai. E purtroppo per noi il
      peggio deve ancora arrivare (i vulcani islandesi
      sono solo un "assaggio" di cio' che ci
      aspetta...leggasi slittamento polare).Macche' e' tutta colpa del p2p che far passare i dvd dentro ai cavi li consuma come dicono i videotecari.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Ovvio che si rompono...
      Sì, e la gente che organizza la posa di strutture del genere non tiene conto del fatto che le placche si spostino. Anzi, non lo sa proprio!Ma per piacere...E cos'è la storia dei vulcani islandesi che sono sono un assaggio? Slittamento polare? Forse PI non è il luogo più adatto per discuterne, ma mi piacerebbe saperne di più (leggasi: farmi due risate)
    • Palmipedone scrive:
      Re: Ovvio che si rompono...
      - Scritto da: Mario

      Le placche terrestri si stanno spostando,
      lesionando o tranciando i cavi. Ma questo loro
      non ce lo diranno mai.io ho sentito dire che sia stato bin ladenarmato di bombole e seghetto!
      • ninjaverde scrive:
        Re: Ovvio che si rompono...
        No. è una squalo transgenico che va matto per plastica, metalli, gomma, fibre ottiche, cavi e soprattutto sacchetti di plastica.
    • Si antani scrive:
      Re: Ovvio che si rompono...
      E le scie chimiche ?
    • collione scrive:
      Re: Ovvio che si rompono...
      vulcani islandesi? sarebbe giusto aggiungerci pure lo tsunami nel sud est asiatico ( e le migliaia di terremoti che ne sono seguiti ), i terremoti in Cina, Cile e Baja Californiache la terra si stia muovendo un pò troppo solo un ottuso non riuscirebbe a vederlo
      • Ittiointerp rete scrive:
        Re: Ovvio che si rompono...
        Già si muove da almeno 4 miliardi e 600 milioni di anni...
        • Fragy scrive:
          Re: Ovvio che si rompono...
          - Scritto da: Ittiointerp rete
          Già si muove da almeno 4 miliardi e 600 milioni
          di
          anni...Ma tanti non se ne sono accorti perché non erano ancora nati :-)Sai com'è avrebbero dovuto perder tempo a documentarsi su pubblicazioni serie e questo comporta l'uso di uno oggetto inutile per molti ormai:il cervello
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: Ovvio che si rompono...
      Siamo mai stati sulla Luna?
      • IoMe scrive:
        Re: Ovvio che si rompono...
        Macche', lo sanno tutti che gli ultimi terremoti sono stati generati per mezzo del progetto HAARP.
    • Funz scrive:
      Re: Ovvio che si rompono...
      - Scritto da: Mario
      Le placche terrestri si stanno spostando,L'Africa ci sta venendo addosso a 2 cm/anno! Spostiamoci in fretta o bombardiamoli, altrimenti in capo a qualche milione di anni ci ritroveremo invasi dagli islamici e dai negri!
      lesionando o tranciando i cavi. Ma questo loro
      non ce lo diranno mai. E purtroppo per noi il
      peggio deve ancora arrivare (i vulcani islandesiche notoriamente stanno nel mediterraneo... ti concedo però che alcune dorsali passano pure da lì (compresa la dorsale atlantica).
      sono solo un "assaggio" di cio' che ci
      aspetta...leggasi slittamento
      polare).Spiega, spiega questa che ridiamo :DCos'è, una nuova gara coi cani da slitta? (rotfl)E comunque: moriremo tutti!
Chiudi i commenti