Pubblica il meme 'Trappola per ebrei', denunciato

Dovrà ora rispondere del reato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa.
Dovrà ora rispondere del reato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa.

Classe 1988, esponente di Forza Nuova per la sezione di Fondi (LT) e tifoso laziale, Cristian d’Adamo è stato individuato come l’autore del meme “Trappola per ebrei” pubblicato nei giorni scorsi su alcuni social network: un’immagine raffigurante un forno da cucina aperto con all’interno alcune banconote. Ogni commento sarebbe superfluo.

Trappola per ebrei: denunciato per il meme

Ora sul suo capo pende una denuncia. A identificarlo il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni in collaborazione con la Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione e la D.I.G.O.S. di Latina, al termine di un’indagine avviata per far luce sulle tante segnalazioni giunte al Commissariato di P.S. Online.

Gli elementi probatori acquisiti nei confronti degli indagati, dunque, hanno portato all’esecuzione di un decreto di perquisizione personale, locale ed informatica all’esito del quale entrambi hanno confermato di essere gli autori dei post oggetto di investigazione.

Il sito personale di d’Adamo, oltre a foto in cui si esibisce fieramente nel saluto romano e a uno specchietto riepilogativo dell’allenamento fascista callistenico a corpo libero, raccoglie i link verso i profili gestiti su piattaforme come VK.com, Facebook, Telegram, Linkedin, Pinterest, Twitch e Tumblr oltre al collegamento a una cartella Dropbox con i font e la Mvsica del ventennio.

L’azione della Polizia Postale ha portato al sequestro di dispositivi sui quali verranno effettuati approfondimenti oltre a “due portatessere e placche riportanti la scritta Polizia di Stato”. Deferito all’Autorità Giudiziaria insieme a un altro soggetto (la cui identità non è stata resa nota) accusato di attività “xenofobe, fasciste, omofobe, antidemocratiche, anticostituzionali e antisemite”, dovrà rispondere del “reato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti