Metti l'aria nel motore

Un inventore britannico realizza un prototipo che funziona con pura aria stoccata allo stato liquido. Un'idea che piace all'università e all'industria

Roma – Portasse a compimento l’obiettivo che si è dato con la sua azienda, l’inventore Peter Dearman potrebbe avere per le mani una tecnologia a dir poco rivoluzionaria. Il concetto è semplice, e nemmeno tanto originale : usare gas allo stato solido come “carburante” di un motore che come scarto produce vapori di aria fredda e nient’altro.

The Dearman Engine Company , questa la società fondata dal cittadino britannico per concretizzare il sogno della propulsione a emissioni zero, ha ideato un design di motore che funziona con aria raffreddata a -160 gradi centigradi: l’aria (che a quelle temperature si mantiene allo stato liquido) viene pompata all’interno dei pistoni assieme a un fluido per lo “scambio di calore”, e il risultato è l’aumento repentino di temperatura del “carburante” e la relativa espansione all’interno della camera di “scoppio” che spinge in su il pistone.

Tra i vantaggi di usare l’aria come carburante rispetto ad altri elementi quali l’idrogeno ci sono la possibilità di stoccarla a pressioni atmosferiche standard e la velocità di ricarica del serbatoio, mentre il principale svantaggio è che anche in un serbatoio adeguatamente isolato l’aria allo stato liquido tende a evaporare nel corso del tempo.

Sia come sia, la Dearman Engine di Peter Dearman va avanti con il suo progetto di motore a emissioni zero: il prototipo è stato già testato e valutato dalla “accademia” e dai ricercatori britannici, ed è ora passato nella fase di sviluppo vera e propria in partnership con la società Ricardo e un team di consulenti scientifici appartenenti a diversi istituti universitari del Regno Unito.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti