Microsoft: abbiamo un Windows di troppo

Il management di Redmond parla sempre più apertamente della fusione prossima ventura fra due delle tre versioni di Windows in commercio. Il dubbio, ora, è su quale calerà la ghigliottina

Roma – Microsoft è al lavoro per tagliare una delle release di Windows attualmente in commercio, perché sviluppare tre diverse versioni dell’OS (Windows 8.x, Windows RT e Windows Phone) è davvero troppo: lo rivela Julie Larson-Green, e a questo punto si aprono le scommesse su quale edizione di Windows è destinata a finire in soffitta.

Vicepresidente responsabile della divisione “devices and studios”, Larson-Green è intervenuta in occasione di un incontro con gli investitori organizzato da UBS: ora “abbiamo l’OS Windows Phone, abbiamo Windows RT e abbiamo la versione completa di Windows”, ha dichiarato il manager, rivelando che in futuro “non ne avremo tre”.

“Pensiamo che ci sia posto per un sistema operativo più votato alla mobilità senza il rischio di consumare la batteria, o rischi per la sicurezza” ha continuato Larson-Green, “a costo di sacrificare la flessibilità”. Spazio quindi a un futuro in cui ci sarà una versione “full” di Windows e una per gadget mobile privi dell’hardware necessario (CPU x86 in primis) al funzionamento di un computer propriamente detto.

Il pensiero va naturalmente alla sovrapposizione quasi naturale fra Windows RT e Windows Phone, entrambi sistemi costruiti a partire dal kernel NT (lo stesso di tutti i Windows in commercio da XP in avanti), entrambi progettati per girare su processori ARM ed entrambi commercializzati assieme a gadget mobile con schermi multi-touch dai 3 o 4 pollici in su.

Le fonti parlano di una vera e propria “guerra politica” combattuta in seno a Microsoft su chi, fra i due team di sviluppo, la debba alla fine spuntare: al momento la compatibilità tra le API di Windows Phone e Windows RT è del 33 per cento, ma salirà gradualmente in termini percentuali entro un paio d’anni. A quel punto i giochi saranno fatti, e si conoscerà il nome dell’OS vincitore.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Ma che senso ha?
    Mai capito il senso di una casellina dove mettere la data di nascita.Un minorenne che vuole accedere a siti vietati ai minori, che problemi avrebbe a mettere una data fasulla?Tanto, chi controlla?E se viene fuori il falso, quali conseguenze può avere?Perché Steam continua a chiedermi ogni volta la data di nascita quando cicco su un gioco rated "M", anche se gli ho già detto n volte che sono nato l'1/1/1901? :p
Chiudi i commenti