Microsoft cala il sipario su Band

Redmond annuncia ufficialmente la fine del progetto di gadget indossabile, con il ritiro dal mercato dei prodotti attuali senza sviluppi futuri. Resta il cloud con i dati ammassati sugli utenti

Roma – La supposta rivoluzione del wearable computing non è un investimento prioritario, almeno per quel che riguarda Microsoft: la corporation ha annunciato quella che a conti fatti va interpretata come la fine ufficiale di Band , progetto di gadget indossabile per il fitness già dato per moribondo da tempo e che non ha mai avuto la possibilità di esprimere tutto il suo potenziale commerciale.

Il fatto che a Redmond stessero pensare di passare oltre era già noto da tempo grazie alle indiscrezioni raccolte da Mary Jo Foley , e adesso arriva la conferma ufficiale con il ritiro dal commercio di Band 2 e l’annuncio del mancato arrivo di un upgrade all’hardware per il fitness hi-tech atteso per quest’anno.

Microsoft dice di aver finito le scorte del suo gadget , di voler continuare a supportare i clienti che hanno già acquistato Band 2 e di essere soprattutto interessata a investire in Health , la piattaforma per la raccolta e l’analisi dei dati biometrici degli utenti attiva sui server cloud di Azure e aperta a tutte le app e le piattaforme mobile principali (Android, iOS, Windows) tramite un’apposita API.

Band sembra quindi fare la fine di Zune , altro storico flop della corporation statunitense che non a caso possiede caratteristiche simili al tracker per fitness: il lettore multimediale portatile è arrivato in ritardo sul mercato, era dotato di caratteristiche promettenti ma è finito schiacciato dalla crescente popolarità degli smartphone.

Di suo il progetto Band presentava ulteriori aspetti problematici , come il prezzo eccessivo rispetto alle offerte della concorrenza e una qualità costruttiva non proprio perfetta con difetti fastidiosi inaccettabili per un gadget da indossare per lunghi periodi di tempo.

Resta l’ennesima promessa non mantenuta di Microsoft, mentre tutte da valutare sono le intenzioni del colosso americano per quanto riguarda Health: la piattaforma vorrebbe essere un “hub” di raccolta e analisi di dati biometrici aperto a sviluppatori e aziende, ma senza il traino di un prodotto di successo – come Band avrebbe potuto essere, eventualmente – l’interesse del mercato per l’ennesimo servizio cloud è tutto fuorché garantito.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luca Nesti scrive:
    Mah
    Più o meno GNOME 3.20 parte con un quantitativo di RAM imbarazzante più di 1GB per non fare nulla o quasi https://www.youtube.com/watch?v=csJcumgQItA
  • Lorenzo scrive:
    Re: Mi domando
    Nessuno ha parlato di pilotare un lcd dalla seriale senza nessun ic , infatti si parlava di display "ttl" , comodo comodo e che si trova anche in versione grafica .
  • lorenzo scrive:
    Mi domando
    Perche' non pilotare direttamente un lcd ttl senza atmel di mezzo?
    • simo beni scrive:
      Re: Mi domando
      - Scritto da: lorenzo
      Perche' non pilotare direttamente un lcd ttl
      senza atmel di
      mezzo?e a che porta vorresti collegarlo direttamente?
      • lorenzo scrive:
        Re: Mi domando
        ad una usb con il convertitore ttl usb come quello in foto , che emula una porta seriale comodamente utilizzabile e la trasla sul ttl .
        • lorenzo scrive:
          Re: Mi domando
          oppure ancora alla seriale del pc che spesso e' presente sulla piastra ma non esce piu' dal case sempre tramite adattatore di livello rs232 / ttl .
          • ABC scrive:
            Re: Mi domando
            eeeeeeehhhhh ma se fai lo stesso circuito che ti costa meno, con meno componenti, allora non è più "cool" e poi l'articolo dopo sembrerebbe troppo banale o una stupidata :$
          • bubba scrive:
            Re: Mi domando
            - Scritto da: ABC
            eeeeeeehhhhh ma se fai lo stesso circuito che ti
            costa meno, con meno componenti, allora non è più
            "cool" e poi l'articolo dopo sembrerebbe troppo
            banale o una stupidata
            :$e sopratutto non esiste che puoi pilotare un LCD dalla seriale x fargli stampare delle scritte senza IC... :) se non e' l'atmel dell'arduino e' un altro, presente nel PCB dell'LCD, programmato a quello scopo ..
          • zucca piena scrive:
            Re: Mi domando
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: ABC

            eeeeeeehhhhh ma se fai lo stesso circuito che ti

            costa meno, con meno componenti, allora non è
            più

            "cool" e poi l'articolo dopo sembrerebbe troppo

            banale o una stupidata

            :$
            e sopratutto non esiste che puoi pilotare un LCD
            dalla seriale x fargli stampare delle scritte
            senza IC... :) se non e' l'atmel dell'arduino e'
            un altro, presente nel PCB dell'LCD, programmato
            a quello scopo
            ..in realtà con una combinazione di seriale -
            max232 -
            74hc595 puoi, ma comunque è un calcio nei maroni per via dei timing che devono essere abbastanza precisi per il protocollo dell'HD44780 e che in un OS non realtime quale linux (o windows) non sono garantiti.questo se usi la seriale disponibile su mainboard. Per quella USB lasciamo perdere i timing.
Chiudi i commenti