Da Microsoft un miliardo per il cloud in Polonia

Investimento da un miliardo di dollari in Polonia: servirà tra le altre cose a realizzare un data center di Azure nel paese europeo.
Investimento da un miliardo di dollari in Polonia: servirà tra le altre cose a realizzare un data center di Azure nel paese europeo.

Il business legato all’infrastruttura cloud di Azure ha trascinato verso l’alto anche l’ultima trimestrale di Microsoft. Non stupisce dunque che il gruppo di Redmond abbia intenzione di continuare a investire su questo fronte, come confermato oggi da un post comparso sulle pagine del blog ufficiale che fa riferimento a un progetto che sarà messo in campo in Polonia.

Un data center di Azure nel paese europeo

L’ammontare della somma messa sul piatto è pari a un miliardo di dollari. Servirà tra le altre cose per la realizzazione di un data center nel paese. Un progetto messo in campo grazie alla collaborazione con il partner locale Chmura Krajowa (National Cloud) fondato due anni fa dall’istituto finanziario PKO Bank Polski e dal Polish Development Fund. Questa la breve dichiarazione attribuita al primo ministro Mateusz Morawiecki.

Credo profondamente che l’investimento di Microsoft in Polonia sarà importante per le imprese, le istituzioni pubbliche e il sistema educativo, consentendo loro di affrontare la trasformazione digitale e implementare nuovi standard per il lavoro.

Tra le iniziative che saranno messe in campo durante la partnership con la Polonia la cui durata è stimata in sette anni anche corsi di formazione per trasmettere ai professionisti e ai cittadini concetti legati alle potenzialità del cloud, favorendo così il progetto di trasformazione digitale.

A tal proposito, proprio commentando i risultati dell’ultima trimestrale, il CEO Satya Nadella ha affermato che a causa della crisi sanitaria “abbiamo visto due anni di trasformazione digitale concentrati in due mesi”. Il riferimento è ovviamente all’adozione di massa delle soluzioni per smart working e didattica a distanza, resa necessaria dall’interruzione delle attività a livello globale.

Fonte: Microsoft
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti