Microsoft, in campo contro il pedoporno

BigM ha rilasciato un software con cui gli investigatori potranno dragare la Rete alla ricerca di immagini pedopornografiche

Roma – Un team di ricercatori Microsoft guidati da Larry Zitnick ha svelato PhotoDNA , uno strumento che potrebbe coadiuvare le forze dell’ordine di tutto il mondo nel compito di tracciare una mappa più accurata delle dinamiche della pedopornografia online.

Ad ogni immagine presente negli archivi dell’Interpol o del National Center for Missing and Exploited Children (NCMEC) è stato applicato un contrassegno virtuale che dovrebbe consentirne l’individuazione in Rete anche se copiata, ridimensionata o tagliata . PhotoDNA sarebbe in grado di comparare i file archiviati con quelli online in tempi ristrettissimi, con un’accuratezza del 98 per cento e ammettendo un solo errore su un miliardo di tentativi.

Lo sviluppo di questo tool ha richiesto più di due anni di lavoro ai collaboratori di Zitnick, che si sono avvalsi anche dell’aiuto di alcuni scienziati del Dartmouth College, e i responsabili delle organizzazioni per la tutela dei minori hanno salutato con favore la sua release finale: “È uno strumento fantastico non solo per noi – ha commentato Ernie Allen, direttore di NCMEC – ma anche per le forze dell’ordine gli ISP”.

Non è la prima volta, tuttavia, che Microsoft scende in campo a fianco degli organi di polizia: il software Cofee, al centro dell’attenzione in questi ultimi giorni per questioni di distribuzione è la soluzione che Redmond propone in ambito di computer forensics.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    vogliamo parlare della XEROX?
    il signor XEROX ha messo nelle workcenter 5655 un bel linux 2.4.20, samba e altra roba, ma non ho visto nulla sul loro sito al riguardo....
    • non sia offensivo scrive:
      Re: vogliamo parlare della XEROX?
      ma tanto linux è aggratissè per il bene dell'umanità
    • Matteo scrive:
      Re: vogliamo parlare della XEROX?
      Per me Xerox può fare quello che vuole per almeno un altro mezzo secolo, dopo averci "regalato" il PARC e buona parte dei suoi frutti. Altro che Apple e Microsoft (e bigG, se vogliamo)...Matteo
  • Uto Uti scrive:
    Ladri
    Le stesse multinazionali che sarebbero pronte a fare cause milionarie a chi non rispettasse i termini delle loro licenze, si appropriano senza ritegno del prodotto dell'altrui intelletto senza preoccuparsi minimamente del rispetto delle clausole di utilizzo.
    • MeX scrive:
      Re: Ladri
      e ti stupisci?
      • non sia offensivo scrive:
        Re: Ladri
        io mi stupisco di più di chi sviluppa software per regalarlo a queste aziendone.Penso che nella GPL si dovrebbe includere il divieto di trarre profitto.Questo risolverebbe il problema con le aziendone
        • pippuz scrive:
          Re: Ladri

          Penso che nella GPL si dovrebbe includere il
          divieto di trarre
          profitto.
          Questo risolverebbe il problema con le aziendonee sarebbe la morte del software GPL.
          • non sia offensivo scrive:
            Re: Ladri
            Semplicemente verrebbe fatto a fini etici e a scopo di ricerca e sviluppo.Al limite si svilupperebbe il software open a pagamento per le aziendone e quello open gratuito per i privati che vogliono studiare l'informatica
          • krane scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: non sia offensivo
            Semplicemente verrebbe fatto a fini etici e a
            scopo di ricerca e sviluppo.Magari finanziata dalle aziende stesse... E poi la chiamiamo BSD.
            Al limite si svilupperebbe il software open a
            pagamento per le aziendone e quello open gratuito
            per i privati che vogliono studiare l'informaticaE come fai il distinguo ? E soprattutto perche' ?
          • non sia offensivo scrive:
            Re: Ladri
            se usi software open come azienda, a scopo di lucro, senza pagarlo sei nell'illegalità.Il perchè è chiaro
          • MeX scrive:
            Re: Ladri
            il problema é che giá se ne sbattono delle licenze.TU devi prima DIMOSTRARE che il loro codice di cui tu non vedi il sorgente é stato preso da te
          • non sia offensivo scrive:
            Re: Ladri
            esatto! ecco perchè sarebbe meglio smettere di sviluppare open source.E' come darsi la zappa sui piedi.Le aziendone che vogliono le cose devono pagarle o assumere dipendenti che le facciano per loro. Non capisco questa moda di svendersi "eticamente" a IBM, Apple,ecc.
          • loguh scrive:
            Re: Ladri

            Le aziendone che vogliono le cose devono pagarle
            o assumere dipendenti che le facciano per loro.
            Non capisco questa moda di svendersi "eticamente"
            a IBM,
            Apple,ecc.Le aziendone già pagano gli stipendi alla maggior parte degli sviluppatori open. Meglio che paghino e si tengano tutto closed o rilascino anche in open?
          • loguh scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: loguh

            Le aziendone che vogliono le cose devono pagarle

            o assumere dipendenti che le facciano per loro.

            Non capisco questa moda di svendersi
            "eticamente"

            a IBM,

            Apple,ecc.Ho capito qual è il dilemma. C'è ancora qualcuno che crede esistano nel 2010 sviluppatori che nel tempo libero creano codice che poi viene preso dalle aziendone. L'open source non funziona così, sono soprattutto AZIENDE che decidono di rilasciare il codice open per avere vantaggi sul mercato (vantaggi di tipi diversi, l'elenco sarebbe lungo), cioè verso i suoi concorrenti.Se c'è uno bravo che da solo sviluppa qualcosa di utile (cosa rara ma no impossibile) tipicamente viene assunto da qualche azienda per continuare a committare.
          • non sia offensivo scrive:
            Re: Ladri
            nella maggioranza dei casi si viaggia a donazioni e non ad assunzioni
          • loguh scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: non sia offensivo
            nella maggioranza dei casi si viaggia a donazioni
            e non ad
            assunzioniEsempi? Le aziende tipicamente donano sviluppatori o in casi minori software/hardware. Apache funziona così, e Linux pure. Openoffice se lo comprò la sSun in blocco con tutti i dipendenti. Il tipo di CUPS, per una cosa più "piccola" è assunto da Apple. Tu di che software parli?
          • non sia offensivo scrive:
            Re: Ladri
            Donano un paio di sviluppatori che dirigano il gruppo (manco soldi stando a quanto dici tu), ma molti ci lavorano senza prendere un lira.Secondo te tutti gli sviluppatori del kernel linux percepiscono uno stipendio per svilupparlo?
          • loguh scrive:
            Re: Ladri

            Donano un paio di sviluppatori che dirigano il
            gruppo (manco soldi stando a quanto dici tu), ma
            molti ci lavorano senza prendere un
            lira.tutti hanno il loro ritorno, sempre, altrimenti non lo farebbero.
            Secondo te tutti gli sviluppatori del kernel
            linux percepiscono uno stipendio per
            svilupparlo?- c'è chi ha uno stipendio pagato da un'azienda che ci tiene che il progetto stia in piedi e l'azienda opera direttamente nel mondo open source - come Redhat o Day o decine di altre - c'è chi ha uno stipendio pagato da un'azienda che ci tiene che il progetto stia in piedi, ma l'azienda NON opera direttamente nel mondo open source - come fa Apple per Webkit. Questi sono quelli che danno il maggior contributo.- c'è chi è pagato dall'università e ha ritorni in conoscenza. Ce ne sono molti, se fanno qualcosa di importante rientrano prima o poi nei gruppi di cui sopra.- singoli che devono risolversi un problema per un loro progetto, e se lo risolvono da soli. Tanti, ma i singoli apporti sono limitati - singoli che vogliono solo imparare e spendono il loro tempo "gratis": di questi ce ne possono anche essere molti, ma ovviamente non possono dedicare il 100%Altre categorie io non ne vedo, sinceramente: invece secondo te chi è che sviluppa linux? (o Apache, fa lo stesso)
          • angros scrive:
            Re: Ladri
            Per caso ti facevi chiamare "Emoticon e video", in passato?Perchè il tuo stile mi sembra familiare.
          • angros scrive:
            Re: Ladri
            Tu in che modo lavori? Sviluppi nel tempo libero, oppure lavori per una azienda software, o lavori per donazioni?E sviluppi codice aperto o chiuso?
          • krane scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: non sia offensivo
            se usi software open come azienda, a scopo di
            lucro, senza pagarlo sei
            nell'illegalità.E quindi se io volessi buttare un'utility scritta da me in rete per farla usare da tutti non potrei ?
            Il perchè è chiaroMa anche no...
          • non sia offensivo scrive:
            Re: Ladri
            ma non hai capito di cosa parlavo. Era un discorso ipotetico su una possibile GPL
          • krane scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: non sia offensivo
            ma non hai capito di cosa parlavo. Era un
            discorso ipotetico su una possibile
            GPLSiccome la GPL esiste sta la tua frase non sta in piedi...Al massimo puo' essere un discorso ipotetico su una possibile licenza, ma mi sembra che qui non si riesca a parlare di licenze in termini corretti e sapendo di cosa si parla e le differenze tra le licenze stesse esistenti.
          • pippuz scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: non sia offensivo
            Semplicemente verrebbe fatto a fini etici e a
            scopo di ricerca e sviluppo.fai ricerca, registri un brevetto, ti fai pagare da chi quel brevetto lo vuole utilizzare. Non è profitto questo? Utilizzo gcc, così non devo comprare un altro compilatore. Questo è già profitto.Se ci fosse una clausola del genere, addio OpenOffice, addio Apache, .... l'elenco è lungo. Tutto il miglior software GPL morirebbe domani.
          • non sia offensivo scrive:
            Re: Ladri
            ma brevetto e gpl possono coesistere? ha senso?
          • pippuz scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: non sia offensivo
            ma brevetto e gpl possono coesistere? ha senso?certo che si, ma non c'entra un tubo. Secondo te con strumenti rilasciati in GPL non posso fare della ricerca che mi porta, tramite un brevetto, ad un profitto?
          • non sia offensivo scrive:
            Re: Ladri
            certamente. E' questo che voglio dire:1) programmo un software X GPL che fa una certa cosa2) brevetto il modo di funzionare del software X3) L'aziendona prende il mio software X open e lo usa direttamente senza farne uno suoPosso chiedere soldi?
          • pippuz scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: non sia offensivo
            certamente. E' questo che voglio dire:beh, allora fino ad adesso ti sei espresso veramente male.
            1) programmo un software X GPL che fa una certa
            cosa

            2) brevetto il modo di funzionare del software X

            3) L'aziendona prende il mio software X open e lo
            usa direttamente senza farne uno suo

            Posso chiedere soldi?penso di si, ma solo dove esistono i brevetti software.comunque è una cosa che non ha nulla che fare con l'articolo.
    • non sia offensivo scrive:
      Re: Ladri
      e calcola che manco lo pagano sto prodotto!!!complimenti a chi programma open source...
      • krane scrive:
        Re: Ladri
        - Scritto da: non sia offensivo
        e calcola che manco lo pagano sto prodotto!!!
        complimenti a chi programma open source...Chi lo fa' sara' contanto dei tuoi complimenti, ma cosa c'entra con il mancato rispetto della licenza ?
        • non sia offensivo scrive:
          Re: Ladri
          è una licenza facile da violare, nel senso che se voglio prendo il tuo software open, gli modifico l'interfaccia e qualche altra cosa, lo compilo in modo che non sia decompilabile (con un software per offuscare il codice) e poi della GPL me ne frego altamente.il fatto è che ste aziendone manco si sforzano di copiare bene
          • krane scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: non sia offensivo
            è una licenza facile da violare, nel senso che se
            voglio prendo il tuo software open, gli modifico
            l'interfaccia e qualche altra cosa, lo compilo in
            modo che non sia decompilabile (con un software
            per offuscare il codice) e poi della GPL me ne
            frego altamente.Anche windows e' facile da piratare, quindi ne vietiamo la vendita ?
            il fatto è che ste aziendone manco si sforzano di
            copiare beneMeglio, cosi' si fanno beccare :D
          • non sia offensivo scrive:
            Re: Ladri
            è facile da piratare per intero ma è difficile prendere un pezzo di windows, modificarlo per le proprie esigenze e sbatterlo dentro ad un nuovo software closed
          • krane scrive:
            Re: Ladri
            - Scritto da: non sia offensivo
            è facile da piratare per intero ma è difficile
            prendere un pezzo di windows, modificarlo per le
            proprie esigenze e sbatterlo dentro ad un nuovo
            software
            closed"è una licenza facile da violare" hai affermato riguardo alla GPL, di conseguenza non va bene per il mercato... Conseguentemente se tutto cio' che e' facile da violare fosse elimitano non ci sarebbe neanche windows.La tua e' stata un'affermazione tanto assurda che non comprendi la portata delle conseguenze ipotetiche
  • Nome e cognome scrive:
    Aggiungiamo...
    Jungo (OpenRG), e di conseguenza Pirelli Broadband Solutions e Industrie Dial Face.Tanto per gradire. :D
    • bubba scrive:
      Re: Aggiungiamo...
      - Scritto da: Nome e cognome
      Jungo (OpenRG), e di conseguenza Pirelli
      Broadband Solutions e Industrie Dial
      Face.

      Tanto per gradire. :Decco.. questi ricadono grandemente nella categoria "(..)violando nello spirito se non talvolta nella norma la licenza e ostacolando nei fatti la ricompilazione dei suddetti sorgenti." che citavo nel post
  • bubba scrive:
    l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
    Eh queste storielle le conosco piuttosto bene.. e gran plauso alla SLFC e al team di buxybox che da anni si "diverte" con questa cosa del rispetto legale della licenza...Perche dico IPOCRISIA in uppercase? beh e' semplice.io sono un produttore SOHO, confeziono un oggetto (un router adsl/wifi, un settopbox..) ,ci metto linux perche e' flessibile, ha strumenti di sviluppo potenti, e' GRATIS, e' licence-free = faccio prima e non pago "per seat".PERO' mi arrogo il diritto di : a) NON pubblicizzare che c'e' linux dentro (ok peccato veniale)c) fornire aggiornamenti binari in un blob monolitico, magari firmato da chiave crittograficad) linkare staticamente tutto quel che capitac) scrivere drivers del particolare chipset che impiego (chesso' un tal DSP o tal SoC broadcom che ha 2 phy particolari) e violando nello SPIRITO se non nella norma (e un po anche per questo e' nata la gpl v3) e li mantengo, come il resto, PRIVATIe) scrivo una gui linkata staticamente al restoQualcuno piu o meno lungimirante se ne accorge e si urla a gran voce il rilascio dei sorgenti... alcuni subito, altri dopo molte lagnanze, rilasciano il codice VANILLA (tantovarrebbe mettere solo un link allora, ipocriti).Dopo altre insistenze magari rilasciano la toolchain, OVVIAMENTE senza ne i sorgenti della GUI (e passi..) ne' i drivers.. violando nello spirito se non talvolta nella norma la licenza e ostacolando nei fatti la ricompilazione dei suddetti sorgenti.La CLASSICA scusa usata e' : Prod
    "eh ma, i drivers di cippochip non li posso rilasciare perche le specifiche sono sotto NDA... (blabla) si violano dei diritti, brevetti (blabla)"Utente
    "UH? cosa? cioe mi vuoi dire che rilasciare i sorgenti (o almeno le specifiche) di quali registri di un chip devo settare per farlo andare, violo dei segreti industriali? cioe sapere queste segretissime cose mi permette di produrre un chip concorrente al volo? ma siete scemi?"e via cosi... Caxxo, dopo che vi siete succhiati tutto il ben di dio sotto gpl per vendere il vostro prodotto, abbiate l'onesta intelletuale e la reciproca collaborazione di RILASCIARE quelle cose, cosi andranno a patrimonio di tutti nel kernel ufficiale.. invece di spidocchiare come azzeccagarbugli...Amen.
    • Al rajoul Mashi scrive:
      Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
      Mi ricorda molto la apple e i suoi splendidi giocattoli.Preso tanto dalla comunità, dato niente.In questo senso la gpl3 si configura come una miglior difesa rispetto alla 2Al salam alek
      • loguh scrive:
        Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
        - Scritto da: Al rajoul Mashi
        Mi ricorda molto la apple e i suoi splendidi
        giocattoli.
        Preso tanto dalla comunità, dato niente.Non è proprio così, è che la Apple per diversi motivi non pubblicizza quanto fa in open source- Webkit (che da solo è già un numero enorme di righe di codice. E' vero che è *partito* da khtml, ma ora è decisamente molto di più e fatto molto meglio. Vedasi Chrome...)- Cups- LLVM- CLang- HTML 5 (Canvas)- ... per ora non mi viene in mente altro.Andando a contare, ci sta che Apple rilasci meno progetti ma più righe significative open source di Google. Non rilascia software per gli end user, ma direi che LLVM+Clang+Webkit è un ben di dio per chi scrive codice e mette la comunità (o anche altre aziende più o meno concorrenti come Google) in grado di fare cose importanti
        • 4.3BSD scrive:
          Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
          - Scritto da: loguh
          - Webkit (che da solo è già un numero enorme di
          righe di codice. E' vero che è *partito* da
          khtml, ma ora è decisamente molto di più e fatto
          molto meglio. Vedasi Chrome...)
          - Cups
          - LLVM
          - CLang
          - HTML 5 (Canvas)
          - ... per ora non mi viene in mente altro.NTFS-3G, NFS, OpenSSL, OpenSSH, SQLite, MYSQL, X11, Apache web server, awk, bash, bind, bison, perl, python, samba, sudo; librerie varie...Freebsd, Netbsd, XNU
          • loguh scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori


            - Cups

            - LLVM

            - CLang

            - HTML 5 (Canvas)

            - ... per ora non mi viene in mente altro.

            NTFS-3G, NFS, OpenSSL, OpenSSH, SQLite, MYSQL,
            X11, Apache web server, awk, bash, bind, bison,
            perl, python, samba, sudo; librerie
            varie...
            Freebsd, Netbsd, XNUVerissimo, ho indicato in effetti solo le cose che mi ricordavo e che sono 99% farina del sacco di Apple e non i contributi "minori". Apple appare al pubblico molto più closed di quanto sia in realtà. Secondo me perchè è interessante, guardando i progetti in cui è pesantemente coinvolta, capire quali sono le sue intenzioni future, ed Apple è notoriamente restia in questo. Guardando Webkit + Canvas si capisce subito cosa pensi di Flash per esempio, o guardando LLVM si può capire come si stia tutelando da eventuali futuri switch, probabilmente scottata dalla faccenda PowerPc/X86, e così via
          • MeX scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            perché la gente confonde l'integrazione dell'HW con il SW con il closed, cosa assolutamente errata
          • non sia offensivo scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            ma perchè la gente è convinta che Apple, IBM, ecc. facciano beneficienza e che tengano al bene dell'umanità e allo sviluppo "etico" del software?
          • MeX scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            purtroppo il marketing funziona :(
          • non sia offensivo scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            più che tutto alle persone piace credere cosa fa comodo a loro
          • MeX scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            anche, soprattutto quando si tratta di arrampicarsi sugli specchi su PI :D
          • loguh scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            - Scritto da: non sia offensivo
            ma perchè la gente è convinta che Apple, IBM,
            ecc. facciano beneficienza e che tengano al bene
            dell'umanità e allo sviluppo "etico" del
            software?L'open source è semplicemente un modello di business, con molte sfaccettature diverse. Ma questo cosa c'entra con la mia replica all'affermazione che Apple non restituisce alla comunità? (cosa che invece fa ed anche molto, come è facilmente dimostrabile). Non è che contribuisca per motivi di beneficenza o etici, ma perchè vuole tenere in piedi l'ecosistema open, che gli fa comodo. Altri non lo fanno, e sono destinati a scomparire: tutto qua
          • non sia offensivo scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            l'open source è più un modello di sviluppo. Non mi pare che sia nato come modello orientato al business
          • loguh scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            - Scritto da: non sia offensivo
            l'open source è più un modello di sviluppo. Non
            mi pare che sia nato come modello orientato al
            businessLo era, ora è un modello di business, e già da qualche annetto.
    • evilripper scrive:
      Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
      - Scritto da: bubba
      La CLASSICA scusa usata e' :
      Prod
      "eh ma, i drivers di cippochip non li posso
      rilasciare perche le specifiche sono sotto NDA...
      (blabla) si violano dei diritti, brevetti
      (blabla)"
      Utente
      "UH? cosa? cioe mi vuoi dire che
      rilasciare i sorgenti (o almeno le specifiche) di
      quali registri di un chip devo settare per farlo
      andare, violo dei segreti industriali? cioe
      sapere queste segretissime cose mi permette di
      produrre un chip concorrente al volo? ma siete
      scemi?"Chissa' quanta gente usa codice gpl senza che nessuno lo sappia... tutto è in mano all'onestà delle persone.
      e via cosi... Caxxo, dopo che vi siete succhiati
      tutto il ben di dio sotto gpl per vendere il
      vostro prodotto, abbiate l'onesta intelletuale e
      la reciproca collaborazione di RILASCIARE quelle
      cose, cosi andranno a patrimonio di tutti nel
      kernel ufficiale.. invece di spidocchiare come
      azzeccagarbugli...andrebbero perseguiti pesantemente e dire che di soldi ne hanno se non vogliono rilasciare i sorgenti NON DEVONO MANCO TOCCARE CON IL PENSIERO il codice sotto gpl!! grrrr
      • non sia offensivo scrive:
        Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
        infatti sarebbe ora di smetterla con questo open source perchè è a grandissimo vantaggio di queste aziendone e poi difenderlo è difficilissimo.E' chiaro che se possono scopiazzano e fanno i comodi loro
        • Andreabont scrive:
          Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
          Si, ma la vera innovazione avviene proprio nell'open, proprio perchè, essendo aperto, tutti ci lavorano e tutti contribuiscono, cosa che se fosse fatta nel closed, comporterebbe una spesa non indifferente per la ricerca e sviluppo.
          • non sia offensivo scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            ma quale "innovazione"?sono veramente pochi i software open innovativi (tieni anche conto che sono innovativi solo se escono prima di altri equivalenti closed).
          • loguh scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori

            sono veramente pochi i software open innovativi
            (tieni anche conto che sono innovativi solo se
            escono prima di altri equivalenti
            closed).La maggior parte dell'innovazione tecnologica in realtà oggi è perlopiù open source. Cosa arrivi all'end user e come, è un altro discorso.
          • Andreabont scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            Vogliamo vedere quante volte l'open ha anticipato il closed?? Ok, tu mi dici che ha avuto sucXXXXX solo quando è uscito il closed, per forza, l'open non si pubblicizza alla "massa", ma di fatto è l'open che ha aperto a quella tecnologia.E' uno scenario che si è visto svariate volte.
          • non sia offensivo scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            beh fai almeno un elenco però
          • geppo scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            - Scritto da: non sia offensivo
            beh fai almeno un elenco peròCercatelo.
          • non sia offensivo scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            scrivo su google "Vogliamo vedere quante volte l'open ha anticipato il closed?" ?
          • MeX scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            LOL... magari ti trova questo thread :)
          • non sia offensivo scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            e qualcuno sarebbe disposto a dire che questa è innovazione ricorsiva
          • non sia offensivo scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            ma sicuramente qualcosa di innovativo viene fatto.Allo stesso tempo è una percentuale bassa e le aziendone tirano solo più a scopiazzare evitandosi molto lavoro,stipendi,ecc.forse era meglio farla open, ma almeno a pagamento l'innovazione
          • MeX scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            beh é lo stesso scenario di 4 band che fanno Metal.Una diventa famosa e le altre 3 la osteggiano etichettandola come "venduta"Avere l'idea é diverso dal realizzarla, l'innovazione c'é quando c'é l'usabilitá e la diffusione, il resto é "ricerca"
          • loguh scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori

            Avere l'idea é diverso dal realizzarla,
            l'innovazione c'é quando c'é l'usabilitá e la
            diffusione, il resto é
            "ricerca"L'innovazione non esiste senza la ricerca
          • MeX scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            giustissimo, ma l'innovazione la produce chi concretizza la ricerca.Dire "si ma il multitouch mica l'ha inventato Apple" é giustissimo, negare che con l'iPhone hanno "innovato" le tecnologie touch é sbagliatissimo.IMHO-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 dicembre 2009 14.36-----------------------------------------------------------
          • loguh scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori

            Apple" é giustissimo, negare che con l'iPhone
            hanno "innovato" le tecnologie touch é
            sbagliatissimo.Non mischiamo tutto, sennò non si capisce più nulla. L'iPhone ha innovato, eccome. LLVM è open source ed è ugualmente (se non più) innovativo, ma da un punto di vista diverso che non può essere giudicato da un end user: tutti e due sono fatti da Apple (un'aziendona come qualcuno nel thread l'ha chiamata). E allora?
          • MeX scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            e allora, non é innovazione la ricerca.La ricerca é una parte INDISPENSABILE per proporre un'innovazione, ma finché non la proponi resta un "prototipo"I voli spaziali sono una realtá, cosí come la permanenza in periodi medio lunghi nello spazio, ma sará la Virgin a "innovare" il turismo con il "volo nello spazio" e non la NASA, capito il senso?
          • loguh scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            - Scritto da: MeX
            e allora, non é innovazione la ricerca.ma questo io non l'ho mai detto. L'open source fa molta ricerca E fa ANCHE innovazione.
          • MeX scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            non hai mai detto questo rispondendo a me, io mi riferivo solo al fatto che la ricerca di per se non genera innovazione, e vedo che sei daccordo
          • Vault Dweller scrive:
            Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
            - Scritto da: non sia offensivo
            ma quale "innovazione"?

            sono veramente pochi i software open innovativi
            (tieni anche conto che sono innovativi solo se
            escono prima di altri equivalenti
            closed).Quali sw FOSS sono realmente innovativi? (rimanendo nell'ambito user se no qui facciamo notte e mattina almeno un paio di volte)- Karamba: perché i famigerati widgets di Vista sono nati svriati anni prima e in ambito open- CERN httpd il primo web server della storia, accompagnato da WorldWideWeb diede inizio alla rivoluzione di internet.- KDE4 per primo ha spostato il focus dell'interfaccia grafica da un modello iconocentrico ad uno funzionale.- Server grafici e collegamento a macchine remote, X è arrivato per primoCosì solo per un esempio..
        • angros scrive:
          Re: l'incredibile IPOCRISIA dei produttori
          Tu cosa proponi come modello alternativo all' open source?Per curiosità, cosa sviluppi? In open o closed?
  • D.M. scrive:
    Prendere è facile.. ma restituire?
    Dal sito di BusyBox:
Chiudi i commenti