Microsoft-OpenAI: indagine antitrust nel Regno Unito?

Microsoft-OpenAI: indagine antitrust nel Regno Unito?

L'autorità antitrust del Regno Unito vuole verificare se la partnership tra Microsoft e OpenAI rappresenti un pericolo per la concorrenza.
Microsoft-OpenAI: indagine antitrust nel Regno Unito?
L'autorità antitrust del Regno Unito vuole verificare se la partnership tra Microsoft e OpenAI rappresenti un pericolo per la concorrenza.

I recenti eventi che hanno coinvolto OpenAI e Microsoft sono finiti sotto la lente dalla CMA (Competition and Markets Authority) del Regno Unito. L’autorità antitrust ha chiesto alle parti interessate di inviare commenti sulla partnership tra le due aziende per valutare se può essere considerata una “fusione rilevante“. Anche la FTC (Federal Trade Commission) degli Stati Uniti vuole conoscere la natura dell’investimento di Microsoft in OpenAI.

Qual è il legame tra Microsoft e OpenAI?

La CMA ha avviato la procedura, denominata Invitation to Comment (ITC), che potrebbe portare all’apertura dell’indagine formale (fase 1). Entro il 3 gennaio 2024, le due aziende e terze parti interessate devono inviare commenti sulla collaborazione tra Microsoft e OpenAI. L’autorità vuole verificare se la partnership è un’acquisizione o fusione “mascherata”.

L’azienda di Redmond ha investito circa 13 miliardi di dollari in OpenAI. In seguito al suo licenziamento, Microsoft aveva assunto Sam Altman per guidare un nuovo team di ricerca avanzata sull’intelligenza artificiale. Altman ha successivamente ripreso il posto di CEO e Microsoft è entrata nel nuovo consiglio di amministrazione come osservatore senza diritto di voto.

OpenAI e Microsoft

Sebbene non sia avvenuta nessuna acquisizione o fusione, la CMA ipotizza che la stretta collaborazione tra le due aziende possa danneggiare la concorrenza nel settore dell’intelligenza artificiale generativa. In base ai commenti ricevuti, la CMA deciderà se avviare o meno un’indagine formale.

Brad Smith, Presidente di Microsoft, ha dichiarato:

Dal 2019 abbiamo stretto una partnership con OpenAI che ha promosso una maggiore innovazione e concorrenza nel campo dell’intelligenza artificiale, preservando al contempo l’indipendenza di entrambe le società. L’unica cosa cambiata è che Microsoft ora avrà un osservatore senza diritto di voto nel consiglio di amministrazione di OpenAI, il che è molto diverso da un’acquisizione come quella di DeepMind da parte di Google nel Regno Unito. Lavoreremo a stretto contatto con la CMA per fornire tutte le informazioni di cui ha bisogno.

Fonte: Gov.uk
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 8 dic 2023
Link copiato negli appunti