Microsoft Skilling Day: competenze, strumenti, lavoro

Microsoft Skilling Day: competenze, strumenti, lavoro

In occasione del Microsoft Skilling Day, il gruppo alza gli obiettivi sul piano Ambizione Italia e annuncia tutte le novità per acquisire competenze.
In occasione del Microsoft Skilling Day, il gruppo alza gli obiettivi sul piano Ambizione Italia e annuncia tutte le novità per acquisire competenze.

Se era chiaro già prima della pandemia come la formazione e l'acquisizione di competenze digitali sarebbe stato un elemento chiave nel contesto di un mercato in profondo cambiamento, l'accelerazione impressa dal 2020 alla Trasformazione Digitale ha esaltato una volta di più questo processo. Oggi, quindi, il progetto Microsoft Ambizione Italia #DigitalRestart, già forte di 1 milione di persone che hanno acquisito competenze digitali dal 2018 ad oggi, rilancia: entro il 2023 l'obiettivo è di arrivare a 3 milioni di italiani, mettendo a disposizione tutti gli strumenti utili per alzare l'asticella di coloro i quali stanno cercando un modo per posizionarsi al meglio nel mondo del lavoro.

Microsoft Skilling Day

L'Italia vive un paradosso unico nel suo genere: da un lato abbiamo un’importante richiesta da parte delle aziende di professionisti qualificati, dall'altro, il nostro tasso di disoccupazione resta tra i più alti in Europa. È stato calcolato per esempio che nel 2024 serviranno 1,5 milioni di specialisti ICT mentre nei prossimi 5 anni, 2,7 milioni di posti di lavoro richiederanno nuove competenze, di cui oltre il 50% saranno skills digitali. La formazione nel digitale è quindi la chiave per ridurre lo skills mismatch e tornare a crescere e a essere competitivi. Con il piano Ambizione Italia #DigitalRestart vogliamo fare la nostra parte, ma serve uno sforzo comune e un lavoro sinergico tra tutti gli attori del mercato per assicurare a noi e a i nostri giovani un futuro migliore

Silvia Candiani, Amministratore Delegato di Microsoft Italia

In occasione del Microsoft Skilling Day il gruppo ha fissato gli obiettivi del programma, confermandone l'identità originaria: creare un insieme di opportunità al quale gli italiani possano attingere qualora necessitino di formazione digitale con la quale non restare indietro rispetto ad una evoluzione del lavoro che rischia di fare non pochi prigionieri. La giornata ha inoltre consentito di annunciare l'estensione del perimetro antecedente grazie all'introduzione di nuove ed ulteriori collaborazioni: “Microsoft Italia insieme a Fondazione Mondo Digitale ha presentato Ambizione Italia per i Giovani, un percorso di formazione che coinvolge gli attori sul territorio che si occupano di formazione ed erogazione di percorsi sulle nuove competenze all’interno dei contesti metropolitani. Iniziativa strategica per intercettare i giovani e i cittadini che maggiormente hanno bisogno di integrare competenze, approfondirle o esplorare ambiti professionali ancora sconosciuti per potersi inserire in modo efficace nel mercato del lavoro.  Dopo una prima sperimentazione del programma formativo che ha coinvolto la Rete dei Centri di Orientamento al Lavoro (COL) di Roma Capitale, il progetto verrà avviato con modalità specifiche anche alla città di Bari con il coinvolgimento di Portafuturo, il job centre del Comune di Bari, e a Palermo“.

Al tutto si aggiunge inoltre il supporto di ANPAL, grazie al quale il progetto Ambizione Italia può rivolgersi ai Neet (14-29 anni) del piano Garanzia Giovani per la formazione di figure specializzate per le PMI.

Microsoft annuncia infine una serie di iniziative ulteriori basate su quello che è il mondo LinkedIn, tutte in ottica di ricerca sul mercato del lavoro:

  • I corsi di formazione allineati con i 10 profili professionali più ricercati dalle aziende saranno gratuiti per tutto il 2021 con accesso a risorse Microsoft, LinkedIn e GitHub per aiutare le persone a sviluppare le competenze richieste dal mercato del lavoro;
  • È stato esteso alla fine del 2021 l’accesso a costi ridotti alle certificazioni Microsoft in linea con i 10 profili professionali più richiesti;
  • Introduzione del Microsoft Career Connector, piattaforma online che contribuirà al collocamento di  50.000 persone alla ricerca di un lavoro che richiede competenze tech nei prossimi tre anni. Questa piattaforma si concentrerà in particolare su quegli studenti che hanno seguito percorsi con NGO e partner Microsoft;
  • Nuove funzionalità più inclusive e personalizzate all’interno dei propri profili LinkedIn per aiutare le persone in cerca di lavoro, così come i Creator, i freelance e i professionisti della PMI, a mettere in risalto le proprie competenze e a raccontare al meglio il proprio percorso
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 03 2021
Link copiato negli appunti