Microsoft, un milione di volte Kinect

Ottime vendite nei primi 10 giorni. L'obiettivo è quintuplicarle entro la fine dell'anno

Roma – Sono passati appena 10 giorni (ha esordito il 4 novembre in Nordamerica e il 10 in Europa) dal lancio del sistema di controllo senza controller sviluppato da Microsoft per la console Xbox, ma sono stati sufficienti per superare quota un milione di Kinect venduti .

“È un grande inizio in vista delle feste natalizie – ha detto Don Mattrick, presidente della divisione Entertainment di Microsoft – e continueremo a lavorare con i rivenditori per assicurare una fornitura adeguata alla domanda”.

Le scettiche aspettative di alcuni analisti sono dunque state da subito sbaragliate: il prezzo di 150 dollari faceva dubitare sulla capacità del prodotto di arrivare al mercato di massa, ma a quanto pare i consumatori non l’hanno considerato eccessivo rispetto all’innovazione introdotta da Microsoft.

Con l’ex Project Natal soddisfano anche le vendite di Xbox: negli ultimi quattro mesi la console (e i suoi giochi) hanno battuto, secondo una delle ultime statistiche , tutti i concorrenti.

Kinect esordirà prossimamente anche in Asia (dove sbarcherà il 18 novembre e in Giappone il 20). Per allora ci saranno sul mercato anche più giochi (fermi per il momento ai titoli di base), che dovrebbero arrivare a 17.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Federico scrive:
    velocissimo
    E' molto più veloce di openoffice, sia alla prima apertura che all'apertura dei documenti.
  • efex scrive:
    Re: Questa Oracle se l'è giocata male

    Per quello, Oracle avrebbe già StarOffice ma leL'avrebbe se esistesse ancora intendi?
    suite da ufficio sono l'ultimo dei pensieri di
    una società come
    Oracle.Allora è singolare che abbiano finanziato lo sviluppo di plugin per Mozilla Thunderbird che a nessuno è mai passato per la testa di scaricare... un caso clinicamentte interessante di schizofrenia?
    OOo è destinato a fare la fine di OpenSolaris.
    Una lenta deriva e morirà come una balena
    spiaggiata.OpenSolaris è morto sul colpo quando hanno dichiarato che le feature d'ora in avanti verranno sviluppate e testate sul so chiuso a pagamento e solo dopo introdotte nella versione free (esattamente il contrario di come avviene in tutti i progetti sensati). E questo toglierà valore a Solaris, indebolendo il loro trinomio hardware + so + database.
  • efex scrive:
    Re: Questa Oracle se l'è giocata male
    - Scritto da: Anonymous
    è molto più stabile della OOo 3.2.1 (che andava
    in loop per i azzi
    suoi).Ma su quale sistema operativo scusa?? Io lo uso da anni e l'ho sempre trovato stabile, anche se non certo veloce (in ogni caso più veloce di ms)
    Pazienza. Per me OOo può anche chiudere i
    battenti.E' come se li avesse già chiusi.Comunque Oracle si è giocata male tutto: InnoDB e BDB (già anni fa), MySQL, OpenSolaris, Java. Mi sono stupito anch'io di quanto sono XXXXXXXXX, non lo credevo possibile. Paradossalmente, le multinazionali che più di tutte minacciano le libertà digitali (ms, google...) si comportano in modo molto più corretto verso le comunità degli sviluppatori.
  • Bic Indolor scrive:
    Ixion
    ma il nuovo "paradigma" come dicono loro lo vedremo già da Libreoffice 3.3 (la beta che sto usando mi sembra ancora il vecchio calc) o dovremo aspettare Loffice 3.4 (se è rivoluzionato alla base, non vedo perché non chiamarlo 4.0)?
    • VITRIOL scrive:
      Re: Ixion
      - Scritto da: Bic Indolor
      ma il nuovo "paradigma" come dicono loro lo
      vedremo già da Libreoffice 3.3No, LibO 3.3 sarà molto simile a quello che era Go-oo, cioè OOo + patch varie. Il "nuovo paradigma" è una aspirazione per il futuro.Comunque Ixion è essenzialmente un nuovo parser a cui sta lavorando da tempo Kohei Yoshida di Novell. Non è che debba proprio ribaltare Calc dalle fondamenta...Qui un po' di dettagli tecnici:http://kohei.us/2010/06/21/ixion-threaded-formula-calculation-library/SalutiVITRIOL
      • ullala scrive:
        Re: Ixion
        - Scritto da: VITRIOL
        Comunque Ixion è essenzialmente un nuovo parser a
        cui sta lavorando da tempo Kohei Yoshida di
        Novell. Non è che debba proprio ribaltare Calc
        dalle
        fondamenta...'nfatti... è proprio cosìUn parser mica è l'interfaccia!
  • m3em scrive:
    Re: Questa Oracle se l'è giocata male
    Star Office=OOo + moduli proprietari che non erano compatibili con la licenza gplv2..quindi se uno smette allora smette anche l'altro!!! Poi se Oracle ha altri piani.. chi lo sa.. non mi sembra una società fallita anzi sembra che ha una visione molto chiara di quello che vuole per il suo futuro (non comprensibile a noi visto che nessuna impresa che si rispetta non dichiara i suoi piani in anticipo, neanche Google per dire un esempio)!! Vedremo!P
    • Anonymous scrive:
      Re: Questa Oracle se l'è giocata male
      - Scritto da: m3em
      Star Office=OOo + moduli proprietari che non
      erano compatibili con la licenza gplv2..quindi se
      uno smette allora smette anche l'altro!!! Poi se
      Oracle ha altri piani.. chi lo sa.. non mi sembra
      una società fallita anzi sembra che ha una
      visione molto chiara di quello che vuole per il
      suo futuro (non comprensibile a noi visto che
      nessuna impresa che si rispetta non dichiara i
      suoi piani in anticipo, neanche Google per dire
      un esempio)!!
      Vedremo!

      PMah, personalmente non son molto contento di sto fatto. Se c'è una suite libera, nei paraggi, MS Office sta sempre con le spine al *ulo, perchè deve far concorrenza. Se tutti spariscono.. quella si rimette a far quello che le pare (com'è accaduto prima dell'avvento di OOo), percui l'apertura alla compatibilità te la sogni.Se c'è un obbiettivo da sempre spinto avanti da MS è quello di ingabbiare tutto il mondo dell'IT ai loro standard chiusi e semi-sconosciuti, al fine di far diventare il tutto un monopolio.Poi le multarelle dell'antitrust sono ridicole con le tonnellate di soldi che beccano ogni secondo.
      • Anonymous scrive:
        Re: Questa Oracle se l'è giocata male
        Il concetto di Monopolio deve sparire. Solo ove c'è libera concorrenza e dove vi è ricerca e sviluppo di novità, si può combattere i vampironi "cinesi" e spingere in avanti l'innovazione. Il monopolio ristagna e crea "bolle". Da sempre.
  • shinken scrive:
    delusione...
    Io speravo qualche cosa di nuovo anche per Base :-(
    • banca scrive:
      Re: delusione...
      - Scritto da: shinken
      Io speravo qualche cosa di nuovo anche per Base
      :-(in effetti con i drivers jdbc è completamente inutilizzabili (maledetti NULL di java)
    • advange scrive:
      Re: delusione...
      Domando, senza polemica: ma che ve ne fate di Base, Access e simili?È che proprio non ne capisco l'utilità.
      • shinken scrive:
        Re: delusione...
        direi gestire una base dati.Una cosa troppo complessa per usare per esempio un foglio di calcolo, ma non tanto da giustificare l' uso di sql php e scriversi il codice per un interfaccia.Se hai suggerimenti sono qui :-)
        • uno di passaggio scrive:
          Re: delusione...
          - Scritto da: shinken
          direi gestire una base dati.
          Una cosa troppo complessa per usare per esempio
          un foglio di calcolo, ma non tanto da
          giustificare l' uso di sql php e scriversi il
          codice per un
          interfaccia.

          Se hai suggerimenti sono qui :-)Glomhttp://www.glom.org/wiki/index.php?title=Main_Page
        • shinken scrive:
          Re: delusione...

          http://www.glom.org/wiki/index.php?title=Main_Pagenon esattamente multipiattaforma purtoppo

          Se hai suggerimenti sono qui :-)
          un vero db, magari con php :-)La mia pigrizia mi spinge a cercare soluzioni differenti, soprattutto perchè parliamo di una realtà molto piccola, tuttavia devo darti ragione:server un Lamp Xampp Wamp ecc come client una applicazione web realizzata con codeigniterAlla fine ottengo un buon risultato, e un interfaccia accettabile anche dalle altre persone che devono usarlo.Speravo che dal modulo base uscisse prima o poi un sistema valido e semplice. La mia delusione nasce da quello.Confesso sono pigro :-D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 novembre 2010 21.42-----------------------------------------------------------
          • advange scrive:
            Re: delusione...

            Speravo che dal modulo base uscisse prima o poi
            un sistema valido e semplice. La mia delusione
            nasce da
            quello.
            Confesso sono pigro :-DLa pigrizia è una buona motivazione ;-).
          • guast scrive:
            Re: delusione...

            La mia pigrizia mi spinge a cercare soluzioni
            differenti, soprattutto perchè parliamo di una
            realtà molto piccola, tuttavia devo darti
            ragione:
            server un Lamp Xampp Wamp ecc
            come client una applicazione web realizzata con
            codeigniter
            Alla fine ottengo un buon risultato, e un
            interfaccia accettabile anche dalle altre persone
            che devono usarlo.Se la mole di dati non è eccessiva un database vero non deve per forza essere una applicazione server, una installazione locale è mano pesante di quanto di solito si pensa.
        • efex scrive:
          Re: delusione...
          - Scritto da: shinken
          direi gestire una base dati.
          Una cosa troppo complessa per usare per esempio
          un foglio di calcolo, ma non tanto da
          giustificare l' uso di sql php e scriversi il
          codice per un
          interfaccia.

          Se hai suggerimenti sono qui :-)Io sono d'accordo con advange. e' vero che il db è una cosa complessa, ma proprio per questo mi fa un po' paura mettergli sopra un'interfaccia facile facile, fatta per essere usata da utenti scimmie (quelli che prima premono "ok" e poi si chiedono cosa c'era scritto, tanto se hanno fatto una cretinata possono sempre chiamare il sistemista in lacrime)
          • panda rossa scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: efex
            tanto se hanno fatto
            una cretinata possono sempre chiamare il
            sistemista in
            lacrime)Non e' che le lacrime cambiano la risposta, ne' la priorita' del problema.Quando la causa e' una cretinata, la risposta e' sempre NO, e viene data non prima di DOPODOMANI.
      • Franco Peci scrive:
        Re: delusione...
        In effetti il dbase di OpenOffice anch'io non l'ho mai neanche guardato. Anche sul mio pc preferisco usare php + mysql.Alla fine è molto più comodo e versatile.CiaoFramco
        • advange scrive:
          Re: delusione...
          E, soprattutto, è più scalabile. Che me ne faccio di qualcosa che gira solo in locale? Oramai credo non abbia più senso.
          • marco scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: advange
            E, soprattutto, è più scalabile. Che me ne faccio
            di qualcosa che gira solo in locale? Oramai credo
            non abbia più
            senso.access (o qualcosa di simile, pur i difetti evidenti di scalabilità e multiutenza) può avere MOLTO senso come RAD in alcune piccole realtà, se la rapidità di modifica è di grande aiuto, e non è affatto trascurabile come sistema di integrazione dati (low-end): usando access come base dati è un giochetto fare un join fra N basi dati di tipo diverso, perlomeno finchè resti su LAN, cosa non proprio facilissima con PHP, a meno di disporre di un ORM che contempli OGNI possibile base dati (con access, basta avere il driver odbc). altrimenti, devi orientarti su qualcosa tipo http://www.jboss.org/teiid)
          • advange scrive:
            Re: delusione...
            Fingo di non aver letto questo post.
          • panda rossa scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: advange
            Fingo di non aver letto questo post.Anche perche' neppure Luttazzi sarebbe in grado di ricavarne una battuta.
      • r1348 scrive:
        Re: delusione...
        Piccoli database con interfaccia già pronta. Generalmente utili nei piccoli/medi uffici.
        • panda rossa scrive:
          Re: delusione...
          - Scritto da: r1348
          Piccoli database con interfaccia già pronta.
          Generalmente utili nei piccoli/medi
          uffici.O e' un database o ha l'interfaccia grafica.Le due cose insieme producono solo porcherie come access e tutte le sue pessime imitazioni, comprese quelle open.Il database e' un server, l'interfaccia e' un client.
          • VITRIOL scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: panda rossa
            O e' un database o ha l'interfaccia grafica.

            Le due cose insieme producono solo porcherie come
            access e tutte le sue pessime imitazioni,
            comprese quelle
            open.Base di OOo è davvero il modulo più debole della suite, però è fondamentalmente una interfaccia grafica. La suite possiede un motore di database integrato, che è HSQL. Questo però non toglie che ci si possa collegare ad altri database, anche server. Per esempio per MySQL esiste anche un driver nativo facilmente installabile come estensione, e che permette di connettersi direttamente senza passare per ODBC o altro.HSQL è limitato, però per piccole cose ha il vantaggio di essere gestito da OOo in modo che i dati vengano inglobati in un unico documento in formato ODB. E' possibile decomprimere il file ODB (è un normale ZIP) per avere una idea di come sono incapsulati i dati.Comunque Base e HSQL restano due entità distinte, anche se fortemente integrate.SalutiVITRIOL
          • pippo75 scrive:
            Re: delusione...

            O e' un database o ha l'interfaccia grafica.

            Le due cose insieme producono solo porcherie come
            access e tutte le sue pessime imitazioni,
            comprese quelle
            open.access non è solo un front-end?dovrebbe essere quello che Paradox è per il BDE.
            Il database e' un server, l'interfaccia e' un
            client.Access dovrebbe essere il client, il JET ( o quello che usano ora ) dovrebbe essere il server.P.s.: So di gente che con Access si trova a meraviglia, io l'ultima volta che l'ho usato windows 98 doveva ancora nascere.
          • advange scrive:
            Re: delusione...

            O e' un database o ha l'interfaccia grafica.Per la verità, nel caso di Base, quella è solo un'interfaccia: Base usa come DB un prodotto a parte, sempre open.
        • advange scrive:
          Re: delusione...
          Sì, la soluzione è pronta e rapida, ma è LOCALE.Cavolo, mi sembra una cosa talmente limitante che non ha alcun senso.Perché usare un prodotto che può essere utilizzato solo in locale e da una persona per volta? E se "mi viene l'appetito" (leggi: scrivere un prodotto web based multiutente) non devo rifare tutto daccapo?Capisco al più l'utilità in un piccolo ristorante o in un negozio di barbiere, realtà piccole e senza speranza di crescere, che avranno sempre uno e un solo utente per volta. Altri usi non me ne vengono in mente (piccoli programmini locali per l'uso personale?)
          • VITRIOL scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: advange
            Altri usi non me ne vengono in menteIn una suite office è comune avere un piccolo database portatile che va in coppia con un modello di documento. Il modello preleva i dati dal database per fare un mail merge.SalutiVITRIOL
          • shinken scrive:
            Re: delusione...

            Capisco al più l'utilità in un piccolo ristorante o in un negozio di barbieretabaccaio, nel mio caso.Comunque siccome trovo noioso trasportarmi i dati tra casa e negozio ad un server ci stavo penando.
          • advange scrive:
            Re: delusione...
            Ecco, questo ha un senso.Appena il tabaccaio ha più di un PC allora tanto vale passare ad un vero db.
          • panda rossa scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: advange
            Ecco, questo ha un senso.
            Appena il tabaccaio ha più di un PC allora tanto
            vale passare ad un vero
            db.Sviluppare fin da subito con architettura client/server, anche su un solo PC, e con interfaccia web, consente di passare senza colpo ferire da un PC a un migliaio di filiali con server centralizzato, senza spostare una virgola, e non vincola i client ad un sistema operativo particolare.
          • advange scrive:
            Re: delusione...
            Su questo non c'è dubbio e con me sfondi una porta aperta.Tieni presente che, però, non sono in molti ad avere una preparazione adeguata per il web based e quindi trovano troppo più complicato realizzare simili soluzioni, specie in piccole realtà.La situazione sta cambiando negli ultimi anni, ma i vecchi sparagestionali sono duri a morire. E tutto sommato un tabaccaio rimarrà sempre un tabaccaio con un solo PC.Per quanto mi riguarda è da anni che parto sempre e solo con i sistemi web based: situazioni scalari, indipendenti dal SO e a cui oramai tutti si stanno abituando.
          • shinken scrive:
            Re: delusione...

            tabaccaio rimarrà sempre un tabaccaio con un solo PC.al momento ne ho tre di computer più uno in arrivo (un bel netbook con linux )
            che parto sempre e solo con i sistemi web basedIo trovo che qesto abbia dei vantaggi, in primis posso usare un sistema open source ... poi vantaggio non poco trascurabile è una cosa che so già fare :-D
          • panda rossa scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: advange
            Su questo non c'è dubbio e con me sfondi una
            porta
            aperta.
            Tieni presente che, però, non sono in molti ad
            avere una preparazione adeguata per il web basedSe hanno la stessa preparazione sia per web based che per la zappa, e' comunque meglio se si dedicano alla seconda.
          • indiana jones scrive:
            Re: delusione...
            Ma quanti discorsi state facendo per niente?esigenza: piccolo dbrealtà: piccola, 1 pc massimo 2.Soluzione: access o derivati, sono perfetti.Lui è autonomo in tutto e sa già lavorare in questo senso.
          • pippo75 scrive:
            Re: delusione...


            Sviluppare fin da subito con architettura
            client/server, anche su un solo PC, e con
            interfaccia web,se cambi interfaccia mandi quasi tutti in crisi, basterebbe vedere gli effetti del passaggio da office 2003 a office 2007, spero di aver detto le versioni corrette comunque per capirci da "senza ribbon" a "con ribbon".Se cambi da programma standard a interfaccia web, come minimo si buttano dalla finestra.Per gli effetti della ribbon, dovresti cercare i messaggi qui su PI negli articoli precedenti.
          • panda rossa scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: pippo75



            Sviluppare fin da subito con architettura

            client/server, anche su un solo PC, e con

            interfaccia web,

            se cambi interfaccia mandi quasi tutti in crisi,
            basterebbe vedere gli effetti del passaggio da
            office 2003 a office 2007, spero di aver detto le
            versioni corrette comunque per capirci da "senza
            ribbon" a "con
            ribbon".

            Se cambi da programma standard a interfaccia web,
            come minimo si buttano dalla
            finestra.Perche' se io cambio interfaccia si buttano dalla finestra, e invece se cambia interfaccia fessbuk non si butta mai nessuno?E comunque un suicidio di massa di utonti non sara' questa gran tragedia. @^
          • Il Solito scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippo75





            Sviluppare fin da subito con architettura


            client/server, anche su un solo PC, e con


            interfaccia web,



            se cambi interfaccia mandi quasi tutti in crisi,

            basterebbe vedere gli effetti del passaggio da

            office 2003 a office 2007, spero di aver detto
            le

            versioni corrette comunque per capirci da "senza

            ribbon" a "con

            ribbon".



            Se cambi da programma standard a interfaccia
            web,

            come minimo si buttano dalla

            finestra.

            Perche' se io cambio interfaccia si buttano dalla
            finestra, e invece se cambia interfaccia fessbuk
            non si butta mai
            nessuno?

            E comunque un suicidio di massa di utonti non
            sara' questa gran tragedia.
            @^tutti clienti in meno...
          • panda rossa scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: Il Solito

            E comunque un suicidio di massa di utonti non

            sara' questa gran tragedia.

            @^


            tutti clienti in meno...L'utonto non e' il cliente.
          • Il Solito scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Il Solito


            E comunque un suicidio di massa di utonti non


            sara' questa gran tragedia.


            @^





            tutti clienti in meno...

            L'utonto non e' il cliente.Ma in genere il cliente è un utonto, che ha bisogno di un programma che verrà usato da utonti
          • panda rossa scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: Il Solito
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Il Solito



            E comunque un suicidio di massa di utonti
            non



            sara' questa gran tragedia.



            @^








            tutti clienti in meno...



            L'utonto non e' il cliente.


            Ma in genere il cliente è un utonto, che ha
            bisogno di un programma che verrà usato da
            utontiNo.Il cliente e' uno che ha un problema.E io gli risolvo il problema.[yt]mzCMs8JoUCc[/yt]Se ha bisogno di un programma, se lo scarica da solo e non rompe le scatole a me.
          • reXistenZ scrive:
            Re: delusione...

            Perché usare un prodotto che può essere
            utilizzato solo in locale e da una persona per
            volta? Cosa intendi "solo in locale"? Di che cosa stai parlando? Di Access? Hai mai usato Access? Mai visto applicazioni lan multiutente?
          • advange scrive:
            Re: delusione...

            Cosa intendi "solo in locale"?Solo nelle sale da ballo
            Di che cosa stai parlando?Di informatica.Per le ricette puoi cercare "giallozafferano"
            Di Access?Anche
            Hai mai usato Access?Per fortuna ho smesso da tempo e non lo userò mai più
            Mai visto applicazioni lan multiutente?Stendiamo pietosi veli.
          • reXistenZ scrive:
            Re: delusione...
            Io no ho capito e volevo solo capire. Hai scritto: "Perché usare un prodotto che può essere utilizzato solo in locale e da una persona per volta? ". Ti riferisci ad Acces o ad altro?Perché se ti riferisci ad Access, allora evidentemente non lo conosci per nulla. Se ti riferisci ad altro, chiedo semplicemente di capire il nome del programma di cui stai parlando.Grazie.
          • advange scrive:
            Re: delusione...
            Mi riferisco ad Access e a qualunque giocattolo simile.
          • reXistenZ scrive:
            Re: delusione...
            - Scritto da: advange
            Mi riferisco ad Access e a qualunque giocattolo
            simile.Access sarà pure un giocattolo. Anzi, sarà pure una XXXXX. Ma è più convincente sentirselo dire da qualcuno che parla con cognizione di causa, piuttosto che da qualcuno che oltre a non avere argomenti dimostra di non conoscerlo neppure.
          • advange scrive:
            Re: delusione...
            Caro reXistenZ,forse il fatto che io di solito scriva qui argomentando bene ciò che affermo ti ha portato all'errata convinzione che io avessi intenzione di spiegarti perché Access, Base e altra robaccia siano degli inutili e dannosi giocattoli.La verità è che non ne ho nessuna intenzione: qualunque cosa io dica sarà sempre incompleto e insoddisfacente dal mio punto di vista. Quindi, le possibilità sono due: o prendete per oro colato quel paio di motivazioni in croce che ho dato, o mi ignorate tranquillamente prendendomi per pazzo.Personalmente appena qualcuno mette in mezzo Access do in escandescenze e lo caccio via, direttamente e senza passare dal via; questo chiunque sia il mio interlocutore (e dico proprio chiunque: qualche giorno fa mi è capitato di mandare a quel paese un professore ordinario perché aveva osato dire che aveva elaborato dei dati con Access).Ti chiedo scusa, ma è una mia debolezza personale.
      • Nome e Cognome scrive:
        Re: delusione...
        Base e Access sono utilissimi (in verità Access secondo me va meglio, Base non l'ho mai capito, i report poi...) per vari motivi:- non serve installate nessun server, una suite office ce l'hanno tutti- non serve sapere di programmazione- i dati li puoi spostare e backuppare senza problemi- velocità di realizzazione- reportistica evoluta in 2 minuti- acXXXXX multiutente in LAN- hai garanzia che i dati all'interno sono "usabili" nel tempoSfido chiunque a fare lo stesso con LAMP o WAMP, a parità di costo. Considerate che spesso alle aziende servono dei db per fare trasformazioni dati o piccole analisi, sempre diverse caso per caso e il vantaggio non giustifica l'acquisto (o configurazione in caso di sistemi open) di sistemi di BI (ad esempio di tipo OLAP).
        • advange scrive:
          Re: delusione...
          - Scritto da: Nome e Cognome
          Base e Access sono utilissimi (in verità Access
          secondo me va meglio, Base non l'ho mai capito, i
          report poi...) per vari motivi:
          - non serve installate nessun server, una suite
          office ce l'hanno tuttiAnche installare WAMP è qualcosa alla portata di chiunque.
          - non serve sapere di programmazioneLa programmazione serve a realizzare i programmi; a fare programmi senza saper programmare si realizzano porcherie, non programmi.Se poi parliamo di interrogazioni a DB, per quelle non serve saper programmare neanche su veri DB.
          - i dati li puoi spostare e backuppare senza problemiAnche in un DB vero: con MySQL Workbench si tratta di dare 2 click; o di fare il copia/incolla di una cartella (e relative sottocartelle) sul file system.
          - velocità di realizzazioneQuella è direttamente proporzionale alle capacità mentali.
          - reportistica evoluta in 2 minuti?????
          - acXXXXX multiutente in LANRispetto all'acXXXXX multiutente ovunque e indipendente dal SO: cacchio un bel vantaggio.
          - hai garanzia che i dati all'interno sono "usabili" nel tempoQuesto è veramente TROPPO: ma di cosa parliamo?SQL è tale e quale da un bel po' di tempo.Access, tanto per fare un nome, cambia ogni 3/5 anni.
          Sfido chiunque a fare lo stesso con LAMP o WAMP,
          a parità di costo. Considerate che spesso alle
          aziende servono dei db per fare trasformazioni
          dati o piccole analisi, sempre diverse caso per
          caso e il vantaggio non giustifica l'acquisto (o
          configurazione in caso di sistemi open) di
          sistemi di BI (ad esempio di tipo OLAP).Ma cavolo, installatevi uno stupido MySQL, MariaDB o Postrgesql, scegliete un front end a caso e usate quelli per fare le elaborazioni: ma è così difficile?
      • Vault Dweller scrive:
        Re: delusione...
        - Scritto da: advange
        Domando, senza polemica: ma che ve ne fate di
        Base, Access e
        simili?
        È che proprio non ne capisco l'utilità.Essenzialmente questi programmi (come anche Kexi) sono utili, in utenza domestica come db semplici che non necessitano di alcuna nozione; e in utenze professionali come sistemi RAD (Rapid Application Development) per db complessi (magari su server esterni collegandosi tramite ODBC), fornendo inoltre un sistema di visualizzazione dei dati.
        • advange scrive:
          Re: delusione...

          Essenzialmente questi programmi (come anche Kexi)
          sono utili, in utenza domestica come db semplici
          che non necessitano di alcuna nozione;Questo lo capisco, ma non lo approvo. Meglio dedicarsi alle cose serie.
          e in utenze professionali come sistemi RAD (Rapid
          Application Development) per db complessi (magari
          su server esterni collegandosi tramite ODBC),
          fornendo inoltre un sistema di visualizzazione dei dati.Ma quale RAD? Le applicazioni richiedono analisi e tempo.Inutile sprecarlo in inutili accrocchi.
      • Il Solito scrive:
        Re: delusione...
        - Scritto da: advange
        Domando, senza polemica: ma che ve ne fate di
        Base, Access e
        simili?
        È che proprio non ne capisco l'utilità.Piccoli DB, ma troppo grossi per gestirli via foglio elettronico.IDciamo nell'ordine delle migliaia di recordAccess è in assoluto lo strumento che uso di +
      • amedeo scrive:
        Re: delusione...
        Io lo utilizzo un pò come utility: dati su MySQL (quello di Base mi si è corrotto troppe volte!), e Base per manipolare i dati, creare velocemente delle query, ed avere delle maschere per esaminare o aggiornare i dati. Per certe operazioni rimane comunque più comodo ed veloce PHP (da command line) ma se devi inserire o modificare solo alcuni dati a mano, rimane più comodo Base che fare delle query a mano con phpMyAdmin.Rimane il fatto che Base (almeno per me) sia ancora un prodotto immaturo che soffre troppo spesso di crash, prima di passare a tenere i dati su MySQL, ho perso diverse volte tutto un db che si era corrotto e non mi ha più ripristinato.
        • advange scrive:
          Re: delusione...
          Tutte le cose che indichi le puoi fare con MySQL o con un qualunque altro DB, avendo a disposizione un buon client (non è detto che debba essere phpMyAdmin).Per i crash di Base non so dirti, visto che non lo uso mai.
  • Lemon scrive:
    E mò che faccio?
    Dopo aver promosso OO, dopo averci fatto corsi per sistemisti (installazione e gestione tramite group policy)... chi mi dice che il fork manterrà gli stessi "modelli" di funzionamento? bho, vedremo
    • Anonymous scrive:
      Re: E mò che faccio?
      - Scritto da: Lemon
      Dopo aver promosso OO, dopo averci fatto corsi
      per sistemisti (installazione e gestione tramite
      group policy)... chi mi dice che il fork manterrà
      gli stessi "modelli" di funzionamento? bho,
      vedremoGestione tramite Group Policy? Da quando in qua?
      • collione scrive:
        Re: E mò che faccio?
        da quando i troll winari pretendono di saperne di software opensource
        • Lemon scrive:
          Re: E mò che faccio?
          - Scritto da: collione
          da quando i troll winari pretendono di saperne di
          software
          opensourceNon so se ti riferivi a me con "troll winari", io ho dato la mia risposta educata ed argomentata ad Anonymous, forse adesso è più chiaro di cosa parlavo
      • Lemon scrive:
        Re: E mò che faccio?


        Gestione tramite Group Policy? Da quando in qua?Da parecchi anni credo... ovvio che parliamo di client windows in Active DirectoryAd esempio per l'installazione centralizzata:http://openofficetechnology.com/node/27Altre note per l'installazione unattended:http://wiki.services.openoffice.org/wiki/Documentation/Administration_Guide/WindowsSempre nel sito di openofficetechnology ci sono i file adm per la gestione tramite group policy ma in ci vuole anche un software client a pagamento.Se cerchi però trovi anche altro e poi nulla ti vieta di farti un adm (adesso admx) personalizzato per le cose principali, ad esempio molti impostano in maniera predefinita il salvataggio nei formati MSOffice, oppure l'approvazione automatica della clausola di licenza quando lo apri la prima volta eccNon ti nascondo il fatto che MSOffice è avanti anni-luce per quanto riguardo la gestione centralizzata, questo non vuol dire che non si possa fare qualche sforzo per usare openoffice da parte di noi professionisti e qualche altro sforzo per migliorarlo da parte degli sviluppatori.buon lavoro
    • panda rossa scrive:
      Re: E mò che faccio?
      - Scritto da: Lemon
      Dopo aver promosso OO, dopo averci fatto corsi
      per sistemisti (installazione e gestione tramite
      group policy)... chi mi dice che il fork manterrà
      gli stessi "modelli" di funzionamento? bho,
      vedremoA parte il fatto che questo fork si affianca e non sostituisce OOo, prova un po' a chiederti chi e' che ti ha detto che Office ribbonato manteneva gli stessi "modelli" di funzionamento dei precedenti?Con la non trascurabile differenza che l'Office ribbonato RIMPIAZZA IRREVERSIBILMENTE le versioni precedenti.
      • Lemon scrive:
        Re: E mò che faccio?


        A parte il fatto che questo fork si affianca e
        non sostituisce OOo, Oggi si è affiancato, domani non si sa, tanto è vero che l'articolo parla di uno sviluppo verso un'altra direzione
        prova un po' a chiederti chi
        e' che ti ha detto che Office ribbonato manteneva
        gli stessi "modelli" di funzionamento dei
        precedenti?
        Perchè la MS lo fa da una vita quello di mantenere una retrocompatibilità, ed anche quando cambia ci sono ampie documentazioni a riguardo, io sul sito di libreoffice non ho trovato molta documentazione, su quello di oo invece si, se permetti mi preoccupo un pò
        Con la non trascurabile differenza che l'Office
        ribbonato RIMPIAZZA IRREVERSIBILMENTE le versioni
        precedenti.non sono d'accordo ma non è di questo che vogliamo parlare vero?
        • panda rossa scrive:
          Re: E mò che faccio?
          - Scritto da: Lemon
          Perchè la MS lo fa da una vita quello di
          mantenere una retrocompatibilità, (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          ed anche quando
          cambia ci sono ampie documentazioni a riguardo,(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Ci voleva una grassa risata questa mattina.
          • ... scrive:
            Re: E mò che faccio?

            Ci voleva una grassa risata questa mattina.Cosa c'è da ridere? Apri un documento office 97 con office 2010... te lo apre? SICerto, il contrario non puoi pretenderlo... altrimenti vorrebbe dire che non ci sono state migliorie.
          • Il Solito scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: ...

            Ci voleva una grassa risata questa mattina.

            Cosa c'è da ridere?
            Apri un documento office 97 con office 2010... te
            lo apre?
            SI

            Certo, il contrario non puoi pretenderlo...
            altrimenti vorrebbe dire che non ci sono state
            migliorie.sicuro sicuro?OO 3.2 è retrocompatibile noostante le migliorie.(al max ci sarà qualcosa che non vedi)
          • panda rossa scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: ...

            Ci voleva una grassa risata questa mattina.

            Cosa c'è da ridere?
            Apri un documento office 97 con office 2010... te
            lo apre?
            SI

            Certo, il contrario non puoi pretenderlo...
            altrimenti vorrebbe dire che non ci sono state
            migliorie.Certo che lo pretendo il contrario.Non mi aspetto che la miglioria venga resa nella versione precedente, ma che il documento venga rigettato senza neanche aprirlo, e' un comportamento contrario alla retrocompatibilita'.E il problema sussiste anche se il documento creato con Office 2010 non contiene niente che non sia presente anche in Office 97.
          • advange scrive:
            Re: E mò che faccio?

            Cosa c'è da ridere?
            Apri un documento office 97 con office 2010... te lo apre? SISì, ma con formattazioni sballate ad ogni cambio di versione.Una volta in ufficio facemmo una prova avendo a disposizione: - Office 2000 - Office XP - Office 2003 - OpenOffice (non chiedermi quale versione)lo stesso documento (sufficientemente complesso) si vedeva in 4 modi differenti.
          • Lemon scrive:
            Re: E mò che faccio?


            Ci voleva una grassa risata questa mattina.mentre tu ridi c'è qualcuno che studia e si informa, grazie a Dio il mondo non si ferma dove arrivano i tuoi orizzonti
          • panda rossa scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: Lemon



            Ci voleva una grassa risata questa mattina.

            mentre tu ridi c'è qualcuno che studia e si
            informa, questo qualcuno sicuramente non potra' farlo con l'inesistente documentazione di m$.
            grazie a Dio il mondo non si ferma dove
            arrivano i tuoi orizzontinon sono io quello che vuole mettere limiti o recinti al mondo, ma m$.
          • Lemon scrive:
            Re: E mò che faccio?

            questo qualcuno sicuramente non potra' farlo con
            l'inesistente documentazione di
            m$.
            a) tu non hai mai messo piede in una libreriab) tu non hai interneto in alternativac) sei un falsoCon te ho chiuso per questo thread, hai il paraocchi, tientelo
          • panda rossa scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: Lemon

            questo qualcuno sicuramente non potra' farlo con

            l'inesistente documentazione di

            m$.



            a) tu non hai mai messo piede in una libreriaOggi, in effetti, no: e' domenica.
            b) tu non hai internetNessuno ha internet: internet non e' un qualcosa che si puo' possedere.
            o in alternativa

            c) sei un falsoQuesto presupporrebbe l'esistenza di un originale.
            Con te ho chiuso per questo thread, hai il
            paraocchi, tienteloChi ha perso tempo a leggerlo, questo thread, trarra' le sue conclusioni.
          • Lemon scrive:
            Re: E mò che faccio?

            Chi ha perso tempo a leggerlo, questo thread,
            trarra' le sue
            conclusioni.infatti, abbiamo di fronte uno (che sarei io) che promuove openoffice e ne studia un miglior rendimento su infrastrutture largamente utilizzate (client windows + active directory), un altro (e saresti tu), che ogni volta che può scrive contro MS, anche su articoli che parlano di tutt'altro. Detto questo, veramente, io non voglio farti cambiare idea, se tu sei convinto bene, va bene così, viviamo bene anche senza essere d'accordo.saluti
        • advange scrive:
          Re: E mò che faccio?

          Perchè la MS lo fa da una vita quello di
          mantenere una retrocompatibilità,Davvero bella questa: la posso postare su Spinoza o sul blog di Luttazzi? Te ne attribuisco la paternità se vuoi.
          • Lemon scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: advange

            Perchè la MS lo fa da una vita quello di

            mantenere una retrocompatibilità,
            Davvero bella questa: la posso postare su Spinoza
            o sul blog di Luttazzi? Te ne attribuisco la
            paternità se
            vuoi.Fai come vuoi, però dovresti citare le fonti molto più autorevoli che te lo dicono, non me, la retrocompatibilità è, tra le altre cose, uno dei problemi principali del mondo MS, e perchè si ritrovano ogni volta con i stessi problemi di virus altrimenti? si riscrivono i software con gli stessi bug??
          • advange scrive:
            Re: E mò che faccio?

            Fai come vuoi, però dovresti citare le fonti
            molto più autorevoli che te lo dicono, non me,Solo tu proferisci simili sciocchezze
            la retrocompatibilità è, tra le altre cose, uno dei
            problemi principali del mondo MS,Ma è un problema o un pregio, si può sapere?Perché io le prove sul campo le ho fatte e posso affermare senza ombra di dubbio che ogni singolo formato di Office dal 97 in poi è incompatibile, in tutto o in parte, con il successivo.
            e perchè si ritrovano ogni volta con i stessi problemi di
            virus altrimenti?E perché i driver che funzionavano su XP non vanno su Vista?
            si riscrivono i software con gli stessi bug??Tento di spiegartelo, ma mi rendo conto che la programmazione non è il tuo campo. Diciamo che un SW che, per funzionare, ha bisogni di un certo formato è un insieme di più parti: una parte è dedicata a leggere, interpretare e anche salvare i documenti, un'altra alle interazioni con l'utente e così via. Posso decidere tranquillamente di modificare solo la parte che si occupa di interpretare i documenti, lasciando intatta quella che salva, o quello che li stampa o quella che fa il controllo ortografia. Così se l'attacco viene fatto contro quella parte di codice che non viene toccata da una versione all'altra (abbiamo parti di codice che sono ferme da 10 anni in alcuni SW prodotti in azienda) allora avrai problemi di compatibilità dei formati e retrocompatibilità con i virus.Come dire? La moglie ubriaca e la botte vuota.
          • Lemon scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: advange

            Fai come vuoi, però dovresti citare le fonti

            molto più autorevoli che te lo dicono, non me,
            Solo tu proferisci simili sciocchezze
            no, non lo dico io, usa google e lo dice mezzo mondo, è stato uno dei suoi punti di forza ed allo stesso un punto debole, ok, se non mi credi non importa, se ho tempo ti metterò dei link ma non oggi

            la retrocompatibilità è, tra le altre cose, uno
            dei

            problemi principali del mondo MS,
            Ma è un problema o un pregio, si può sapere?entrambi, è ovvio, da una parte è più facile per sviluppatori e sistemisti apprendere ed usare i nuovi sistemi, dall'altra si porta dietro lacune non ancora risolte
            Perché io le prove sul campo le ho fatte e posso
            affermare senza ombra di dubbio che ogni singolo
            formato di Office dal 97 in poi è incompatibile,
            in tutto o in parte, con il
            successivo.
            Non conosco le tue prove, io per la mia esperienza ho visto centinaia di azienda cambiare versione di office e non avere nessun problema con migliaia di documenti. Se la tua esperienza è diversa, ok, ne prendo atto. Naturalmente quando tu lo dici intendi TUTTI i documenti hanno avuto problemi.. o qualcuno?In ogni caso, giusto per essere chiari, io non parlavo di formati di documenti, io parlavo di un certo "modo" di gestire le cose oltre a strumenti e software. Giusto per farmi capire: da NT a 2000 server ovviamente c'è stato un passaggio di tecnologie che si sono dovute studiare approfonditamente (a parte Panda Rossa che non trova documenti in Intenret nè libri...) ma dal 2000 all'attuale 2008 server Active Directory ha avuto delle evoluzioni ma il fulcro è rimasto uguale, tu oggi puoi mettere tranquillamente una macchina windows 2000 in dominio 2008 server e fargli anche acquisire gran parte delle group policy disponibili. Ovviamente non tutto. La stessa cosa per le versioni di office: gli strumenti per il deploy centralizzato hanno mantenuto le stesse logiche, i software per la costruzione dei file unattend.. e tanto altro ancora.Ecco, io mi riferivo a quello per retrompatibilità, forse mi sono espresso male, non mi riferivo espressamente ai formati o alle API di windows, ma più all'attenzione che pone MS nella gestione di alcune feature che servono alle aziende.

            e perchè si ritrovano ogni volta con i stessi
            problemi
            di

            virus altrimenti?
            E perché i driver che funzionavano su XP non
            vanno su
            Vista?non lo so, purtroppo non è il mio campo


            si riscrivono i software con gli stessi bug??
            Tento di spiegartelo, ma mi rendo conto che la
            programmazione non è il tuo campo. infatti, lo ammetto e non ho problemi a dirlo, non sono un tuttologo come qualche altro (e non parlo di te)Diciamo che un
            SW che, per funzionare, ha bisogni di un certo
            formato è un insieme di più parti: una parte è
            dedicata a leggere, interpretare e anche salvare
            i documenti, un'altra alle interazioni con
            l'utente e così via. Posso decidere
            tranquillamente di modificare solo la parte che
            si occupa di interpretare i documenti, lasciando
            intatta quella che salva, o quello che li stampa
            o quella che fa il controllo ortografia. Così se
            l'attacco viene fatto contro quella parte di
            codice che non viene toccata da una versione
            all'altra (abbiamo parti di codice che sono ferme
            da 10 anni in alcuni SW prodotti in azienda)
            allora avrai problemi di compatibilità dei
            formati e retrocompatibilità con i
            virus.
            Come dire? La moglie ubriaca e la botte vuota.ok, io la vedo in campo più sistemistico però, ad esempio attacchi multipiattaforma al servizio RPC e cose di questo genere.Chiarisco un'altra cosa, nel caso non mi conoscessi: io non difendo MS, non è certo perfetta, tantomeno disprezzo altri sistemi come linux o mac. Semplicemente io sono un sistemista che cerco di usare al meglio gli strumenti aziendali e di necessità cerco di far virtù, come ho già scritto altre volte in questi forum a mio avviso MS offre strumenti di gestione che gli altri sistemi si sognano.Detto questo, se vogliamo tornare al discorso originale, si parlava di libreoffice: io vedo il sito scarno ed ho paura che si perda parte del lavoro che ero riuscito a sviluppare grazie ai target di openoffice e la documentazione disponibile. Spero di vedere il progetto orientato al business (nel senso alle aziende) e non solo come una sostituzione di un software domestico, non so se mi spiego.buon fine week-end
          • panda rossa scrive:
            Re: E mò che faccio?
            La retrocompatibilita' di M$ dice che:1) IE9 su XP non gira.2) Office 2010 su XP non gira.Non c'e' altro da dire.
          • VITRIOL scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: panda rossa
            2) Office 2010 su XP non gira.Non mi risulta.SalutiVITRIOL
          • Lemon scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: panda rossa
            La retrocompatibilita' di M$ dice che:
            1) IE9 su XP non gira.
            2) Office 2010 su XP non gira.

            Non c'e' altro da dire.Bhè, qualcosa da dire c'è:http://blogs.technet.com/b/office2010/archive/2010/01/22/office-2010-system-requirements.aspxquindi su xp office 2010 gira.Non ti preoccupare, non potevi saperlo non avendo collegmanto ad internet nè librerie a disposizioneRiguardo IE9 la cosa è normale, c'è una evoluzione tecnica e non si può investire su un SO che sta arrivando alla fine dei suoi giorni.Detto questo (dopo l'ennesima volta che vieni sbugiardato da me o da altri), forse non ti è chiaro che la vita ha dei colori, non esiste solo il bianco e nero di chi è con MS e chi è contro. A me di IE9 non me ne può XXXXXXX una mazza e di office tantomeno, vatti a rileggere con che post ho aperto il thread perfavore, quando leggi microsoft da qualche parte perdi la testa e ti butti ciecamente in una guerra con sparate sempre più grandi.Fai quello che vuoi e pensa come vuoi, ti ho già scritto che non voglio certo farti cambiare idea e finchè avrai questi argomenti anche tu avrai qualche difficoltà a farlo nei miei confronti.adesso, perfavore, basta, veramente, credo che non abbiamo più niente da aggiungere a questo argomento
          • panda rossa scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: Lemon
            - Scritto da: panda rossa

            La retrocompatibilita' di M$ dice che:

            1) IE9 su XP non gira.

            2) Office 2010 su XP non gira.



            Non c'e' altro da dire.

            Bhè, qualcosa da dire c'è:
            http://blogs.technet.com/b/office2010/archive/2010

            quindi su xp office 2010 gira.
            Non ti preoccupare, non potevi saperlo non avendo
            collegmanto ad internet nè librerie a
            disposizioneVeramente avevo a disposizione del materiale informativo M$, il cui uso e' equivalente a quello della carta igienica.
            Riguardo IE9 la cosa è normale, c'è una
            evoluzione tecnica e non si può investire su un
            SO che sta arrivando alla fine dei suoi
            giorni.Per fortuna che Chrome, Mozilla e Opera non la pensano cosi'.
            Detto questo (dopo l'ennesima volta che vieni
            sbugiardato da me o da altri), forse non ti è
            chiaro che la vita ha dei colori, non esiste solo
            il bianco e nero di chi è con MS e chi è contro.Perche'? C'e' forse qualcuno con M$ a parte i fanboyz?
          • Lemon scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Lemon

            - Scritto da: panda rossa


            La retrocompatibilita' di M$ dice che:


            1) IE9 su XP non gira.


            2) Office 2010 su XP non gira.





            Non c'e' altro da dire.



            Bhè, qualcosa da dire c'è:


            http://blogs.technet.com/b/office2010/archive/2010



            quindi su xp office 2010 gira.

            Non ti preoccupare, non potevi saperlo non
            avendo

            collegmanto ad internet nè librerie a

            disposizione

            Veramente avevo a disposizione del materiale
            informativo M$, il cui uso e' equivalente a
            quello della carta
            igienica.


            Riguardo IE9 la cosa è normale, c'è una

            evoluzione tecnica e non si può investire su un

            SO che sta arrivando alla fine dei suoi

            giorni.

            Per fortuna che Chrome, Mozilla e Opera non la
            pensano
            cosi'.


            Detto questo (dopo l'ennesima volta che vieni

            sbugiardato da me o da altri), forse non ti è

            chiaro che la vita ha dei colori, non esiste
            solo

            il bianco e nero di chi è con MS e chi è contro.

            Perche'? C'e' forse qualcuno con M$ a parte i
            fanboyz?hai ragione,buona giornata
          • advange scrive:
            Re: E mò che faccio?
            [CUT]
            Naturalmente quando
            tu lo dici intendi TUTTI i documenti hanno avuto
            problemi.. o qualcuno?Intendo ovviamente qualcuno, quelli con un uso sufficientemente esteso della formattazione: niente di eccezionalmente complesso, intendiamoci, ma tanto da far risultare equivalente l'uso di OpenOffice (parlo forse di una versione 1.x) con quella di qualunque versione di Office; i problemi di compatibilità sarebbero stati gli stessi (NB: ho fatto in passato qualche prova con odt e 3 differenti versioni di OpenOffice: nessun problema).
            In ogni caso, giusto per essere chiari, io non
            parlavo di formati di documenti, io parlavo di un
            certo "modo" di gestire le cose oltre a strumenti
            e software. Giusto per farmi capire: da NT a 2000
            server ovviamente c'è stato un passaggio di
            tecnologie che si sono dovute studiare
            approfonditamente (a parte Panda Rossa che non
            trova documenti in Intenret nè libri...) ma dal
            2000 all'attuale 2008 server Active Directory ha
            avuto delle evoluzioni ma il fulcro è rimasto
            uguale, tu oggi puoi mettere tranquillamente una
            macchina windows 2000 in dominio 2008 server e
            fargli anche acquisire gran parte delle group
            policy disponibili. Ovviamente non tutto. La
            stessa cosa per le versioni di office: gli
            strumenti per il deploy centralizzato hanno
            mantenuto le stesse logiche, i software per la
            costruzione dei file unattend.. e tanto altro ancora.
            Ecco, io mi riferivo a quello per
            retrompatibilità, forse mi sono espresso male,
            non mi riferivo espressamente ai formati o alle
            API di windows, ma più all'attenzione che pone MS
            nella gestione di alcune feature che servono alle aziende.Ecco, scusami, ma ti sei espresso proprio male.Fermo restando che, IMHO, i migliori strumenti di deploy per le aziende sono i repo: ogni pc può installare solo materiale proveniente dai repo autorizzati dall'azienda (che saranno ospitati e gestiti dall'azienda stessa). Al riparo dai virus, malaware e ogni altro possibile problema, senza problemi di download (LAN interna) e aggiornamento (un click per aggiornare tutto il sistema).
            infatti, lo ammetto e non ho problemi a dirlo,
            non sono un tuttologo come qualche altro (e non
            parlo di te)Anche perché io ne capisco solo di programmazione (e non di tutti i linguaggi) e di web in generale: come sistemista faccio abbastanza schifo, tanto per dirne una.
            ok, io la vedo in campo più sistemistico però, ad
            esempio attacchi multipiattaforma al servizio RPC
            e cose di questo genere.

            Chiarisco un'altra cosa, nel caso non mi
            conoscessi: io non difendo MS, non è certo
            perfetta, tantomeno disprezzo altri sistemi come
            linux o mac. Semplicemente io sono un sistemista
            che cerco di usare al meglio gli strumenti
            aziendali e di necessità cerco di far virtù, come
            ho già scritto altre volte in questi forum a mio
            avviso MS offre strumenti di gestione che gli
            altri sistemi si sognano.Prova a sistemare una piccola rete aziendale per funzionare con dei repo locali e permessi ad hoc per i singoli utenti (quello che ti ho descritto più sopra): poi fammi sapere cos'è più comodo.
            Detto questo, se vogliamo tornare al discorso
            originale, si parlava di libreoffice: io vedo il
            sito scarno ed ho paura che si perda parte del
            lavoro che ero riuscito a sviluppare grazie ai
            target di openoffice e la documentazione
            disponibile. Spero di vedere il progetto
            orientato al business (nel senso alle aziende) e
            non solo come una sostituzione di un software
            domestico, non so se mi spiego.
            buon fine week-endLo spero anch'io: forse grazie a Google è giunta l'ora di fare il grande salto. Abbandonare Oracle (che è un'azienda vecchia e retta da vecchie logiche) era un dovere.
    • Andreabont scrive:
      Re: E mò che faccio?
      Perchè? I corsi per MS Office non nascono come funghi??Eppure La suite MS cambia ogni 2/3 anni in modo quasi radicale...L'informatica è adattamento.
      • Lemon scrive:
        Re: E mò che faccio?
        - Scritto da: Andreabont
        Perchè? I corsi per MS Office non nascono come
        funghi??

        Eppure La suite MS cambia ogni 2/3 anni in modo
        quasi
        radicale...

        L'informatica è adattamento.A parte il fatto che non è vero che MS Office cambia in modo radicale (parlo di gestione centralizzata), la mia preoccupazione nasce dall'assenza, almeno ad oggi, di documentazione su libreoffice. Almeno, per quello che vedo io nel sito.Per il resto ben venga libreoffice e tutto quello che aggiunge qualcosa al panorama informatico, la mia preoccupazione è che si perdano di vista le esigenze aziendali, OO non è solo un software per chi a casa non vuole comprarsi il msoffice, è anche un software usato in aziende che hanno esigenze di gestione.saluti
        • Thescare scrive:
          Re: E mò che faccio?
          - Scritto da: Lemon
          A parte il fatto che non è vero che MS Office
          cambia in modo radicale (parlo di gestione
          centralizzata), la mia preoccupazione nasce
          dall'assenza, almeno ad oggi, di documentazione
          su libreoffice. Almeno, per quello che vedo io
          nel
          sito.Al momento libreoffice è praticamente uguale a openoffice (il progetto e il fork nascono qualche settimana fa, quindi il tempo di fare cambiamenti non c'è fisicamente stato).
          • Lemon scrive:
            Re: E mò che faccio?


            Al momento libreoffice è praticamente uguale a
            openoffice (il progetto e il fork nascono qualche
            settimana fa, quindi il tempo di fare cambiamenti
            non c'è fisicamente
            stato).attendiamo e vedremo, del resto era la mia conclusione ad inizio thread, la mia unica preoccupazione è che si generi "instabilità" nel mondo OO, le aziende investono dove vedono futuro, tutto qua
    • VITRIOL scrive:
      Re: E mò che faccio?
      - Scritto da: Lemon
      Dopo aver promosso OOContinua quello che hai sempre fatto, con in più la possibilità di guardare anche alle possibilità aggiuntive che può portare il futuro.OOo è ancora vivo e vegeto. LibO sarà una ulteriore possibilità per l'utente, ancora da valutare.SalutiVITRIOL
      • advange scrive:
        Re: E mò che faccio?
        Ma la vera domanda è: VITRIOL, che è il più grande esperto di OpenOffice su questo forum, con chi sta? OO o LibO?
        • VITRIOL scrive:
          Re: E mò che faccio?
          - Scritto da: advange
          Ma la vera domanda è: VITRIOL, che è il più
          grande esperto di OpenOffice su questo forum, con
          chi sta? OO o LibO?Non ho particolari idee partigiane. OOo è una realtà attuale ed affermata, mentre LibO è più una speranza per il futuro. Posso apprezzare l'idea e il coraggio, nel pieno spirito del software libero.OOo resta il mio punto di riferimento, ma sono curioso e contento perché le alternative reali fanno bene agli utentiSalutiVITRIOL
          • advange scrive:
            Re: E mò che faccio?
            Anch'io sono molto contento quando c'è più concorrenza, anche tra prodotti open, ma qui mi sembra che la piega sia un po' diversa: Oracle ha dato più volte prova di non sentirci dall'orecchio "open".Quindi ho paura che continuare a "lavorare" per OpenOffice sia fatica sprecata: dietro LibreOffice ci sono tanti sviluppatori e qualche grossa azienda; forse è meglio virare altrove e abbandonare Oracle al proprio destino.
          • iii scrive:
            Re: E mò che faccio?
            Condivido il tuo pensiero, ed anche io avrei voluto chiedere a VITRIOL qual'era la sua preferenza.Ma VITRIOL collabora con lo sviluppo di OOo?
          • VITRIOL scrive:
            Re: E mò che faccio?
            - Scritto da: iii
            Ma VITRIOL collabora con lo sviluppo di OOo?Con lo sviluppo del codice no, non sono un programmatore. Collaboro nel dare risposte sulla mailing list e sul newsgroup utenti italiani. Collaboro come volontario nel PLIO, nei test di QA delle versioni RC e nella segnalazione di bug.SalutiVITRIOL
      • Lemon scrive:
        Re: E mò che faccio?
        - Scritto da: VITRIOL
        - Scritto da: Lemon


        Dopo aver promosso OO

        Continua quello che hai sempre fatto, con in più
        la possibilità di guardare anche alle possibilità
        aggiuntive che può portare il
        futuro.
        OOo è ancora vivo e vegeto. LibO sarà una
        ulteriore possibilità per l'utente, ancora da
        valutare.

        Saluti
        VITRIOLDi te mi fido VITRIOL, già in passato ho preso spunto dai tuoi post per imparare qualcosa su OO, sei certamente una persona preparata su questo argomento. Se mi consenti è la volta buona che mi registro a PI per mandarti dei messaggi privati.saluti
    • efex scrive:
      Re: E mò che faccio?
      Sicuramente sarà compatibile all'indietro, così come ogni versione di OOo era compatibile con le precedenti. Non mi allarmerei, basta che tu ti tenga un po' aggiornato.
      • Lemon scrive:
        Re: E mò che faccio?
        - Scritto da: efex
        Sicuramente sarà compatibile all'indietro, così
        come ogni versione di OOo era compatibile con le
        precedenti. Non mi allarmerei, basta che tu ti
        tenga un po'
        aggiornato.Se troverò documentazione certamente. Rimane sempre il punto che solitamente le aziende riservano le proprie energie verso un focus ben preciso, non è che da oggi a domani cambiano suite perchè c'è stato il fork o altro, se un domani faranno una migrazione è perchè si vedrà un futuro in quel pacchetto, non certo per amore dell'open-source.saluti
        • efex scrive:
          Re: E mò che faccio?
          - Scritto da: Lemon
          Se troverò documentazione certamente. Rimane
          sempre il punto che solitamente le aziende
          riservano le proprie energie verso un focus ben
          preciso, non è che da oggi a domani cambiano
          suite perchè c'è stato il fork o altro, se un
          domani faranno una migrazione è perchè si vedrà
          un futuro in quel pacchetto, non certo per amore
          dell'open-source.
          salutiLo capisco, ma proprio per questo le aziende dovranno capire che LibreOffice ha un futuro, mentre OOo non ce l'ha più...Se hai problemi a farlo capire, fai presente che LibreOffice ha un sito dove sono elencati i finanziatori e che Ubuntu ha già annunciato che passerà a LibreOffice.
          • Lemon scrive:
            Re: E mò che faccio?


            Lo capisco, ma proprio per questo le aziende
            dovranno capire che LibreOffice ha un futuro,
            mentre OOo non ce l'ha
            più...

            Se hai problemi a farlo capire, fai presente che
            LibreOffice ha un sito dove sono elencati i
            finanziatori e che Ubuntu ha già annunciato che
            passerà a
            LibreOffice.Bene, speriamo solo che mantenga allora gli stessi livelli qualitativi di adesso,saluti
Chiudi i commenti