Microsoft vuole il brevetto globale

Redmond propone di armonizzare i tanti sistemi di brevetto nazionali in un sistema mondiale. Lo scopo? Incentivare competizione e innovazione. Nessuna menzione per il patent trolling

Roma – Un solo sistema brevettuale: questo l’auspicio di Microsoft, che per bocca del suo Deputy General Counsel Horacio Gutierrez invoca nientemeno che l’abolizione dei sistemi di brevetto nazionali , delegando le faccende relative a un ipotetico mega-ufficio mondiale delle proprietà intellettuali capace – a suo dire – di velocizzare grandemente la concessioni di brevetti, semplificare la burocrazia e in ultima istanza scatenare gli impulsi inventivi di tutti i cittadini del mondo.

“Nel mondo di oggi in cui la connettività, il business e l’innovazione collaborativa è globale”, dice Gutierrez sul network di Redmond “è venuto il momento di istituire un brevetto mondiale scaturito da una singola applicazione di brevetto, esaminata e perseguita da una singola autorità di revisione e disputata legalmente di fronte a un singolo corpo giudiziario”.

Per semplificare l’attuale caos composto da 3,5 milioni di diverse applicazioni di brevetto, incluse le 750mila presentate nei soli Stati Uniti, Gutierrez sostiene la necessità di “un sistema di brevetti globale e armonizzato” capace di “rispondere a molte delle critiche rivolte nei confronti dei sistemi di brevetto nazionali riguardo i cumuli di applicazioni inevase e gli interminabili periodi di pendenza”.

“Affrontando le sfide, realizzando una visione, superando gli ostacoli politici ed eliminando gli ostacoli procedurali – dice ispirato Gutierrez – possiamo costruire un sistema di brevetti globale che promuoverà l’innovazione, arricchirà la conoscenza pubblica, incoraggerà la competizione e guiderà la crescita economica e l’occupazione”.

L’afflato dell’avvocato Gutierrez arriva – piuttosto significativamente – a margine della pesante sentenza texana tesa a bloccare le vendite di Office, sentenza guarda caso scaturita da un brevetto conteso che ha visto Microsoft perdente nella causa intentata da i4i , supposto creatore iniziale della matrice tecnologica dello standard XML . In quanto alla parte dell’accusa, poi, Redmond non si è certo risparmiata come dimostra la recente contesa legale con TomTom sull’implementazione del file system FAT, foriera di potenziali conseguenze sull’intero framework di Linux già a suo tempo additato da Microsoft come la colonna infame dei brevetti infranti .

La proposta di Microsoft, che verrà certamente discussa nell’ambito del prossimo incontro del World Intellectual Property Organization (WIPO) focalizzato proprio sull’ enforcement globale della proprietà intellettuale, evocare per alcuni osservatori degli scenari da patent trolling selvaggio e senza freni , dove le uniche a guadagnarci sarebbero quelle organizzazioni che hanno trasformato lo strumento idealmente legittimo delle cause legali sulle IP in un vero e proprio business.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ilcumo scrive:
    nemmeno in italia sono rispettati i diri
    Violazione della privacy e imbavagliamento dei media, nonché di internet sono all'ordine del giorno. E se protesti ti arrestano e muori in cella
  • harvey scrive:
    Ma il reato c'era?
    Ma l'hanno fatta la rissa o no?!?Perché se l'hanno fatta, dove sta la notizia? Che un governo applica la legge su dei suoi oppositori?Mi pare tanto di rivedere i "poveri e innocenti" no global da noi.... (che per inciso il 90% erano punibili con qualche mese di carcere, pene mai applicate)
    • austroungar ico scrive:
      Re: Ma il reato c'era?
      Sciocchezze.. le tue argomentazioni non stanno in piedi (i processi conclusi ne sono una prova vai a leggere i verdetti e quelli ancora da dibattere anche).. e adesso tieniti l'ultima parola tanto non vi serve altro che l'impressione di aver detto una cosa giusta.. tutto il resto ve lo regaliamo. La carità non si nega a nessuno!!
      • harvey scrive:
        Re: Ma il reato c'era?
        Infatti i processi conclusi dimostrano che le leggi non sono state applicate.In italia non si può manifestare a volto coperto, pena qualche mese di carcereLa legge c'e'
        • skyeye scrive:
          Re: Ma il reato c'era?
          dato che il primo che non rispetta la legge e' il tuo presidente del consiglio, figuriamoci gli altri...
          • harvey scrive:
            Re: Ma il reato c'era?
            - Scritto da: skyeye
            dato che il primo che non rispetta la legge e' il
            tuo presidente del consiglio, figuriamoci gli
            altri...Quindi se ti rubano per strada fanno bene, visto che c'e' il presidente del consiglio....Povera itaGliaSecondo me una bella serata all'arancia meccanica ti farebbe cambiare idea ...
  • Lettore 23847 scrive:
    solo in azerb, vero?
    "il governo azero sarebbe solito ricorrere ad accuse di teppismo e diffamazione con il solo scopo di sopprimere la libertà di espressione ."chissà in quale altro posto fanno così (anonimo)
    • Dzamir scrive:
      Re: solo in azerb, vero?
      Me lo chiedo anche io!! E' proprio un mistero!
    • Funz scrive:
      Re: solo in azerb, vero?
      - Scritto da: Lettore 23847
      "il governo azero sarebbe solito ricorrere ad
      accuse di teppismo e diffamazione con il
      solo scopo di sopprimere la libertà di
      espressione ."


      chissà in quale altro posto fanno così (anonimo)In Arcoristan (anonimo)
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: solo in azerb, vero?
      Ogni riferimento è puramente casuale :D
Chiudi i commenti