Microsoft, Yahoo! e AOL, quando l'unione fa la pubblicità

Incontro segreto tra i vertici dei tre colossi. Si ipotizza la vendita reciproca degli spazi pubblicitari meno appetibili. Per non dipendere più da canali terzi e dare l'assalto alla spaventosa fetta di mercato di Google

Roma – Un incontro segreto , recentemente organizzato nel cuore di Manhattan da tre giganti dell’IT. Gli alti vertici di Yahoo!, AOL e Microsoft avrebbero così gettato le basi per un accordo sulla pubblicità online, nel tentativo di contrastare Google e la sua perentoria fetta di mercato.

Maggiori dettagli sono però rimasti avvolti nell’ombra, dal momento che a parlare è stata una fonte anonima, un misterioso executive presente al meeting e successivamente confidatosi alla redazione di AllThingsDigital . Nessuno dei tre colossi statunitensi ha infatti voluto commentare le indiscrezioni trapelate online.

Pare che le tre aziende a stelle e strisce vogliano coinvolgere altri player del mercato della pubblicità sul web. L’idea di base dovrebbe consistere nella vendita reciproca delle inserzioni, eliminando progressivamente lo sfruttamento di canali terzi per la vendita di spazi meno appetibili .

L’accordo dovrebbe infatti concentrarsi sui banner meno redditizi, spesso relegati in pagine secondarie o in fondo alle homepage . Pubblicità generalmente affidata a canali terzi per la vendita scontata, ad esempio di inserzioni su prodotti dimagranti o dentifrici sbiancanti.

Yahoo!, AOL e Microsoft vorrebbero in sostanza instaurare una sorta di scambio privato, vendendosi a vicenda gli spazi pubblicitari . Questo garantirebbe loro un maggior controllo sui dati raccolti dagli utenti e soprattutto un maggior flusso in entrata. Per dare l’assalto a quell’impressionante 76 per cento che è l’attuale quota di mercato di BigG.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ego scrive:
    ditemi che non è vero
    non ci posso credere, a quando la denuncia per la pubblicità ingannevole di apple?
    • ruppolo scrive:
      Re: ditemi che non è vero
      - Scritto da: Ego
      non ci posso credere, a quando la denuncia per la
      pubblicità ingannevole di
      apple?Poverino ninino, sei stato ingannato? Su, non piangere...
      • FratelloCosmico scrive:
        Re: ditemi che non è vero
        Non è male questo Samsung Galaxy. Purtroppo la Samsung non solo ne ha copiato il design ma anche i difetti; niente usb e dock proprietaria. D'altro canto Samsung poteva evitare di fare un tablet rettangolare, non lo sa che è un brevetto Apple? Piuttosto mi domando perche' Apple non denuncia la massa di produttori cinesi che puntualmente stracopiano i suoi dispositivi? Forse non li teme... come teme Samsung (e fa bene)?
        • styx scrive:
          Re: ditemi che non è vero
          - Scritto da: FratelloCosmico
          Non è male questo Samsung Galaxy. Purtroppo la
          Samsung non solo ne ha copiato il design ma anche
          i difetti; niente usb e dock proprietaria.

          D'altro canto Samsung poteva evitare di fare un
          tablet rettangolare, non lo sa che è un brevetto
          Apple? Piuttosto mi domando perche' Apple non
          denuncia la massa di produttori cinesi che
          puntualmente stracopiano i suoi dispositivi?
          Forse non li teme... come teme Samsung (e fa
          bene)?Forse Apple dovrebbe denunciarsi da sola, per aver ampiamente violato le leggi del buon senso??
          • FratelloCosmico scrive:
            Re: ditemi che non è vero
            Ma si Apple si permette di ispirarsi a chi vuole, lei migliora la tecnologia, un passo di steve job dice: evoluzione e prendere qualcosa e migliorarlo. Hanno migliorato il rettangolo, l'importante che gli altri non lo migliorano. Speriamo solo che non brevetti Babbo Natale.
          • gnammolo scrive:
            Re: ditemi che non è vero
            impossibile Babbo Natale le cose le regala, apple chiede soldi anche per quello che è gratis.
    • onda scrive:
      Re: ditemi che non è vero
      noto con piacere che grazie a questo apple sta diventando antipatica a molti e il fenomeno è dilagante :)
Chiudi i commenti