Midjourney V6: la rivoluzione della generazione di testo

Midjourney V6: la rivoluzione della generazione di testo

Il generatore di immagini AI Midjourney sta testando la versione 6, con nuove funzioni per la generazione di testo. Un aggiornamento entusiasmante.
Midjourney V6: la rivoluzione della generazione di testo
Il generatore di immagini AI Midjourney sta testando la versione 6, con nuove funzioni per la generazione di testo. Un aggiornamento entusiasmante.

Considerato uno dei migliori generatori di immagini IA, Midjourney sta attualmente testando con il pubblico i modelli della versione 6. Attesa inizialmente per l’estate, questa nuova versione promette alcuni notevoli miglioramenti, tra cui la capacità dell’AI di generare testi coerenti, una delle principali lacune delle versioni precedenti. Ecco una panoramica delle novità e una guida rapida per provare Midjourney v6.

Cosa c’è di nuovo in Midjourney v6?

Per questa versione 6 di Midjourney, il miglioramento principale è nella generazione del testo per la creazione delle immagini. Finora, l’IA aveva enormi difficoltà a riprodurre, su immagini, le parole che potevano essere utilizzate per il prompt. Il modello migliorato di OpenAI, DALL-E 3, presente in Copilot, aveva dimostrato una buona attitudine a questo aspetto della generazione di immagini. Midjourney sta recuperando il tempo perduto riuscendo a generare un testo più coerente, ma ancora lontano dalla perfezione.

Non sembra che Midjourney faccia più errori con un testo più lungo, anche se non ci si deve aspettare una riproduzione perfetta di intere frasi. L’impressione è piuttosto che l’AI confonda ancora alcune lettere: la M e la W, la N e la M… Ha anche la tendenza a raddoppiare le lettere o a inserire spazi incongrui. Insomma, non è perfetta, ma è un grande miglioramento rispetto alle versioni precedenti.

Questa versione alfa mostra comunque alcune caratteristiche interessanti, ma c’è ancora del lavoro da fare prima che i generatori di immagini AI scrivano correttamente e rispondano perfettamente alle richieste. Tuttavia, man mano che le generazioni e le richieste diventano più precise, si dovrebbe essere in grado di generare il testo desiderato.

Allo stesso tempo, con la versione 6, Midjourney promette “una coerenza delle immagini notevolmente migliorata e una rapida comprensione dei suggerimenti“. Ciò significa che le richieste, soprattutto quelle più lunghe, saranno prese in considerazione in modo più efficace. Inoltre, lo strumento offre ora immagini della migliore qualità possibile, per cui non è più necessario utilizzare termini come “fotorealistico” o “4K” nelle query. Anche la funzione di upscale, che aumenta le dimensioni e la qualità delle immagini, è stata migliorata. È possibile vedere esempi di immagini generate sulla vetrina ufficiale di Midjourney.

Come si accede a Midjourney v6?

Per provare la nuova versione del generatore di immagini, è necessario sottoscrivere un abbonamento a pagamento. Midjourney è ancora disponibile solo tramite un server Discord, anche se i team stanno lavorando a una piattaforma web più tradizionale, simile a quella offerta da OpenAI e Microsoft per DALL-E. Una volta sul server Discord di Midjourney, unirsi a una stanza “neofiti” o “generale”, quindi:

  • Nella barra di dialogo, digitare il comando /settings,
  • Le proprie preferenze appariranno nella finestra di conversazione, con la versione 5.2 utilizzata per impostazione predefinita; nel menu a discesa che appare, scegliere la v6,
  • È anche possibile digitare “-v 6.0” alla fine del prompt per utilizzare questa ultima release.

Si noti che questa versione alfa di Midjourney v6 non offre ancora tutte le opzioni delle versioni precedenti, come lo zoom-out o le variazioni localizzate, ma queste dovrebbero essere aggiunte nelle prossime settimane.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 22 dic 2023
Link copiato negli appunti