MISE e Poste insieme per Piazza WiFi Italia

Il progetto Piazza WiFi Italia estende il proprio raggio d'azione agli uffici postali grazie al documento firmato da MISE e Poste Italiane.
Il progetto Piazza WiFi Italia estende il proprio raggio d'azione agli uffici postali grazie al documento firmato da MISE e Poste Italiane.

Il Ministero dello Sviluppo Economico annuncia di aver sottoscritto un protocollo d’intesa con Poste Italiane nell’ambito del progetto Piazza WiFi Italia. Il documento consentirà di unire la rete WiFi presente negli uffici postali del territorio a quella di WiFi Italia gestita da Infratel, dando così vita a una forma d’integrazione di cui potranno beneficiare i cittadini.

Piazza WiFi Italia: MISE e Poste insieme

Chiunque in possesso dell’applicazione dedicata (disponibile in download per Android e iOS) potrà dunque connettersi a Internet senza alcuna spesa presso gli uffici postali muniti di connettività e aperta al pubblico, anche nei centri più piccoli. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di offrire agli italiani un modo per accedere in modo gratuito e semplice alla Rete.

Al momento risultano raggiunti 261 comuni e altri 120 saranno attivati entro novembre, grazie al bando da 45 milioni di euro stanziato lo scorso anno. Per il 2020 è prevista un’ulteriore accelerazione in conseguenza all’assegnazione dei bandi dedicati da parte di Infratel.

Il Viceministro Stefano Buffagni sul palco dell'incontro

Oltre alle piazze delle città, il progetto sta dunque per ampliare il proprio raggio d’azione raggiungendo gli uffici postali. Così Stefano Buffagni, Viceministro che si è occupato di sottoscrivere il protocollo, commenta l’iniziativa.

Vogliamo un’Italia più connessa, moderna ed efficiente. Poste si è impegnata a investire in innovazione per anticipare il futuro, senza dimenticare le esigenze locali. Una sfida importante, ma che ci rende orgogliosi. È solo facendo sistema, con visioni e investimenti comuni e nel rispetto delle realtà locali, che l’Italia potrà diventare un Paese moderno ed efficiente.

Fonte: MISE
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti