Mono mastica Visual Basic

L'ultima versione di Mono migliora notevolmente il supporto a Visual Basic, questo soprattutto grazie all'integrazione di un compilatore open source per il celebre linguaggio di Microsoft

Roma – La recente versione 1.2.3 di Mono , famosa implementazione open source della piattaforma Microsoft.NET, porta con sé una novità particolarmente ghiotta per gli sviluppatori Windows: un compilatore per il linguaggio Visual Basic (VB) 8.0 di Microsoft.

Il compilatore, scritto da Rolf Bjarne in seno all’iniziativa Google Summer of Code , permette di far girare le applicazioni VB sotto Linux senza la necessità di apportare alcuna modifica al codice . In altre parole, gli sviluppatori sono ora liberi di scrivere il codice Visual Basic utilizzando Visual Studio e compilare i programmi direttamente sotto Linux o una delle altre piattaforme supportate da Mono, come BSD Unix, Solaris e Mac OS X.

Il supporto a Vb 8.0 è stato inoltre migliorato grazie all’ aggiornamento dei componenti di runtime , che permettono di far girare su Mono applicazioni compilate sotto Windows.

“La capacità di scrivere software che giri facilmente su più piattaforme è stato per lungo tempo il santo graal degli sviluppatori. Il compilatore VB per Mono è un grande passo in questa direzione”, ha affermato Miguel De Icaza, vice president of developer platforms di Novell e fondatore del progetto Mono.

De Icaza ha poi fatto notare come il compilatore VB permetta finalmente agli utenti di Mono di creare applicazioni ASP.NET in VB capaci di girare su di un server.

Sebbene il compilatore di VB sia funzionalmente completo, i suoi sviluppatori avvisano che si tratta ancora di un’ anteprima tecnologica , e come tale potenzialmente afflitta da bug di stabilità. In ogni caso, il suo supporto è già stato aggiunto a MonoDevelop , l’ambiente di pogrammazione integrato open source sviluppato in seno al progetto Mono.

De Icaza ha detto che l’ultima versione di Mono ha aggiunto quasi 2mila nuovi metodi di MS.NET Framework, ma ne mancano ancora circa 6mila. “Dunque, c’è ancora un sacco di lavoro da fare”, ha ammesso il celebre sviluppatore.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ah bello!
    Se il suo google apps è tanto sicuro quanto gmail e google desktop siamo messi bene :)
    • Dirk Pitt scrive:
      Re: Ah bello!
      Per caso mamma Microsoft si è comprata Google?La risposta è sicuramente NO, però il modo di creare software e servizi pare identico, i buchi in entrambi ci sono, eccome se ci sono.dillatutta.com - perchè la verità... funziona-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 febbraio 2007 08.34-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Ah bello!
        Modificato dall' autore il 23 febbraio 2007 08.34
        --------------------------------------------------Io dico che forse hai ragione... @^
Chiudi i commenti