Mosca, virus manda in tilt la Borsa

E' successo pochi giorni fa, quando per oltre due ore il sistema informatico della Borsa russa è stato messo fuori gioco da un misterioso virus. Ma i portavoce parlano di attacco deliberato


Mosca – Anche ad una delle più importanti borse del mondo può capitare di essere messa ko da un virus. E’ successo lo scorso giovedì a quella russa, costretta ad interrompere temporaneamente le contrattazioni dell’indice azionario RTS (Russian Trading System).

Il virus ha bloccato le transazioni finanziare per circa due ore , in un intervallo compreso fra le 13,15 e le 15,20 ora italiana. I responsabili della Borsa hanno spiegato che durante la prima ora i sistemi infetti hanno iniziato a generare volumi di traffico talmente elevati da saturare le risorse di rete : questo ha costretto i tecnici a disattivare tutti i sistemi coinvolti e procedere all’eliminazione manuale del virus.

I portavoce di RTS non hanno esitato a definire l’incidente ” un attacco deliberato “. Ciò lascia presupporre che a monte dell’attacco non vi sia un “worm di passaggio”, ma un cracker che abbia attivamente sfruttato una falla nei sistemi della Borsa russa per inocularvi un codice virale. I tecnici non hanno tuttavia fornito alcun dettaglio su tale codice: è noto soltanto che il virus è penetrato nella rete interna attraverso un computer connesso ad un sistema di trading on-line sotto test .

A parte la sospensione delle contrattazioni, l’incidente non avrebbe causato altri danni.

Nei suoi primi due anni di vita, ovvero dal 1995 al 1997, RTS ha utilizzato la stessa piattaforma software dell’americana NASDAQ. A partire dal 1998 la Borsa russa è migrata verso quello che in questa pagina definisce “moderno software e hardware sviluppato internamente”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • €Rr0R scrive:
    Eh...
    oggi come oggi il mondo è uno skifo ed è sempre maggiore la gente ke x far soldi non si pone limiti, cmq notavo la distinzione di cracker =) cosa + ke giusta non bisogna confondere le differenti figure miskiando un hacker con un lurido cracker ...
  • Anonimo scrive:
    VENDO WNDOWS
    vendo la mia copia al prezzo si un milione di dollari....Infatti contiene un milione di bachi...ah ah ah ah ah ah aha ha
  • TrollSpammer scrive:
    AH AH WINBUG
    almeno fai guadagnare qualcuno :D
  • Anonimo scrive:
    E che male c'è?
    Non hai ancora postato qui?
    • Anonimo scrive:
      Re: E che male c'è?
      - Scritto da: Anonimo
      Non hai ancora postato qui?Lo faccio io per lui (che non lo fara' di certo)Che male c'e' ?ben venga la vendita di exploit al miglio offerente fara' aumentare il business degli antivirus e degli spammers che usano i virus :)
  • Anonimo scrive:
    Coolwebsearch...
    "Un distributore russo di spyware e adware"... già... perfetto. Si fa tanta fatica a dire le cose col proprio nome? Si tratta ovviamente di Coolwebsearch, sempre loro, la peggior gang di spyware del pianeta. Letteralmente incredibile che questi continuino ad agire praticamente indisturbati.
    • lroby scrive:
      Re: Coolwebsearch...
      - Scritto da: Anonimo
      "Un distributore russo di spyware e adware"...
      già... perfetto. Si fa tanta fatica a dire le
      cose col proprio nome? Si tratta ovviamente di
      Coolwebsearch, sempre loro, la peggior gang di
      spyware del pianeta. Letteralmente incredibile
      che questi continuino ad agire praticamente
      indisturbati.Che la forza di Spybot si diffonda in tutto il suo splendore..
Chiudi i commenti