Mozilla accetta solo donazioni in criptovalute Proof-of-Stake

Mozilla accetta solo donazioni in criptovalute Proof-of-Stake

Mozilla, dopo la protesta dei suoi sostenitori contro Bitcoin, accetterà nuovamente donazioni in criptovalute, ma solo Proof-of-Stake.
Mozilla, dopo la protesta dei suoi sostenitori contro Bitcoin, accetterà nuovamente donazioni in criptovalute, ma solo Proof-of-Stake.

Mozilla, società che gestisce il famoso internet browser meglio conosciuto come Firefox, dal 2014 accetta donazioni in criptovalute. Tuttavia, dopo aver annunciato i suoi impegni sul clima e sull’ambiente, alcuni suoi sostenitori avevano innescato una protesta contro Bitcoin.

Questa situazione aveva portato Mozilla a rivedere la sua politica in merito alle donazioni, mettendo in pausa quelle effettuate in criptovalute. Questa decisione arrivò a gennaio, in seguito ai diversi feedback del personale e dei sostenitori. Una sospensione dovuta, che ora però è arrivata a una conclusione.

La definizione dei fatti è che Mozilla ora ha deciso di accettare nuovamente donazioni in criptovalute, ma questa volta solo Proof-of-Stake. In questo modo, la società pensa di non andare contro ai suoi progetti ambientali e alla sensibilità dei suoi utenti.

Da gennaio 2021 Mozilla si sta impegnando a ridurre significativamente la sua impronta di gas serra, raggiungendo traguardi e migliorando l’impatto di anno in anno. L’obiettivo finale, dichiarato dalla società, è quello di raggiungere le emissioni zero al netto dell’Accordo di Parigi sul clima.

Mozilla riprende ad accettare donazioni in criptovalute

Mozilla, dopo un periodo di standby dalle donazioni in criptovalute, a causa del contenzioso emerso tra i sostenitori e il Bitcoin, ha deciso di rinnovare la sua politica. Così facendo ha apportato alcune modifiche.

Eliminare del tutto la possibilità di sostenere la società attraverso fondi crittografici sarebbe stata un’operazione del tutto fuori luogo. Tra l’altro si sarebbe rivelata anche incompatibile con la natura identitaria del progetto.

Inoltre, le criptovalute, ad oggi, sono un modo semplice e veloce per inviare denaro digitale come donazione. Perciò era necessario trovare un giusto compromesso tra la comodità e un mondo che avanza e l’impegno ambientale unito alla sensibilità di chi non “digerisce” proprio il mining di Bitcoin.

Ecco perciò che la soluzione scelta è stata la rete Proof-of-Stake. Infatti, Mozilla, in un suo comunicato ufficiale, ha fatto sapere che presto accetterà di nuovo donazioni in criptovalute, ma solo appartenenti alla rete Proof-of-Stake, che ha un impatto decisamente minore in termini di consumo energetico:

Nei nostri impegni sul clima – afferma Mozilla in una nota ufficiale – abbiamo anche promesso di aiutare a sviluppare, progettare e migliorare i prodotti da una prospettiva di sostenibilità. Crediamo che Mozilla possa svolgere un ruolo positivo nel settore incoraggiando quelle criptovalute che accettiamo a essere trasparenti sui loro modelli di consumo energetico.

Fonte: Mozilla
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 13 apr 2022
Link copiato negli appunti