MPEG-4 per tutti i canali nazionali dall'8 marzo 2022

MPEG-4 per tutti i canali nazionali dall'8 marzo 2022

Dall'8 marzo 2022 tutti i canali TV nazionali dovranno trasmettere con la codifica MPEG-4, ma sarà ancora consentito il simulcast in MPEG-2.
Dall'8 marzo 2022 tutti i canali TV nazionali dovranno trasmettere con la codifica MPEG-4, ma sarà ancora consentito il simulcast in MPEG-2.

A partire dallo scorso 20 ottobre, alcuni canali Rai e Mediaset sono trasmessi unicamente in MPEG-4 (che non significa necessariamente “alta definizione”). Il Ministero dello Sviluppo Economico ha comunicato che tutti i canali TV nazionali dovranno utilizzare la codifica MPEG-4 a partire dall’8 marzo 2022.

Canali nazionali in HD (?)

Attualmente i canali nazionali che trasmettono in MPEG-4 sono 17. Oltre ai 15 canali di ottobre (Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport+ HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola; TGCOM24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 TV e Virgin Radio TV) ci sono anche Paramount Network e Super! che hanno effettuato il passaggio da MPEG-2 a MPEG-4 dal 22 novembre. Contemporaneamente è in corso il processo di refarming, ovvero il rilascio della banda dei 700 MHz.

Dando seguito a quanto previsto dall’art. 6 comma 2 del decreto del 19 giugno 2021, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato un nuovo decreto che stabilisce il passaggio di tutti i canali nazionali alla codifica MPEG-4 a partire dall’8 marzo 2022.

Sarà tuttavia consentita la trasmissione in simulcast con la codifica MPEG-2, ma per i canali in MPEG-4 deve essere utilizzata la numerazione specificata all’art. 3 comma 3 dell’allegato A della delibera 116/21/CONS di AGCOM. In pratica, i canali MPEG-4 prenderanno il posto dei canali MPEG-2 e viceversa (ad esempio Rai 1 HD sarà al numero 1, mentre Rai 1 sarà al numero 501).

La data dell’8 marzo 2022 è stata scelta tenendo conto dei dati sulla diffusione di TV e decoder compatibili con la codifica MPEG-4, oltre che della possibilità di usufruire del Bonus TV (prorogato per il 2022). La completa dismissione della codifica MPEG-2 è prevista per il 31 dicembre 2022. A partire dal 1 gennaio 2023 verrà attivato lo standard DVB-T2 con codifica HEVC Main 10.

Fonte: MISE
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 23 dic 2021
Link copiato negli appunti