Le fasi del passaggio al nuovo digitale terrestre: oggi MPEG-4

Le fasi del passaggio al nuovo digitale terrestre

Il passaggio di alcuni canali Rai e Mediaset alla codifica MPEG-4 costituisce la prima fase della transizione verso il nuovo digitale terreste.
Il passaggio di alcuni canali Rai e Mediaset alla codifica MPEG-4 costituisce la prima fase della transizione verso il nuovo digitale terreste.

Oggi, mercoledì 20 ottobre 2021, va in scena la prima fase del passaggio al nuovo digitale terrestre. Le tappe sono state fissate (e come ormai da prassi rinviate) in modo da rendere la transizione il più indolore possibile, partendo da un primo step che si concretizza con la dismissione della codifica MPEG-2 a favore di quella MPEG-4, ma sempre su standard DVB-T. Confusi da acronimi e sigle? Niente paura, vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Nuova TV Digitale: da MPEG-2 a MPEG-4

Per farla semplice, in queste ore alcuni canali Rai e Mediaset (la lista poco più avanti nell'articolo) iniziano a trasmettere solo attraverso il sistema approntato per l'alta definizione. Se il televisore è stato acquistato di recente, nessun problema. È comunque sufficiente eseguire una semplice verifica per capire se c'è bisogno di un decoder o di una nuova TV: non bisogna far altro che sintonizzarsi sul 501, sul 505 o sul 507, se compaiono Rai 1 HD, Canale 5 HD o LA7 HD è tutto ok e si potrà stare tranquilli ancora almeno fino al prossimo anno. Se invece lo schermo resta nero, non sarà più possibile vedere:

  • Rai 4 (21);
  • Rai 5 (23);
  • Rai Movie (24);
  • Rai Premium (25);
  • Rai Gulp (42);
  • Rai Yoyo (43);
  • Boing Plus (45);
  • TGCOM24 (51);
  • Rai Storia (54);
  • Rai Sport+ HD (57);
  • Mediaset Italia 2 (66);
  • Rai Scuola (146);
  • Radio 105 (157);
  • R101 TV (167);
  • Virgin Radio TV (257).

Posso ancora vedere Rai 1 e Canale 5?

Sì, questa fase della transizione non interessa canali diversi rispetto a quelli elencati qui sopra. Rai 1Canale 5 continueranno a comparire come sempre premendo i tasti 1 o 5 del telecomando. Lo stesso vale per Rai 2, Rai 3, Rete 4, Italia 1 e così via.

Il nuovo digitale terrestre (DVB-T2) nel 2023

Tra poco più di un anno, ufficialmente l'1 gennaio 2023, andrà invece in scena il passaggio vero e proprio al nuovo digitale terrestre, con l'arrivo del DVB-T2 (Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial) basato sul sistema di codifica HEVC Main10. Tutti i televisori acquistati dal 22 dicembre 2018 in poi sono compatibili con la tecnologia. Quelli più datati dovranno necessariamente essere affiancati da un decoder o sostituiti da una nuova TV.

Anche in questo caso, è possibile eseguire un rapido test per capire se si è pronti: sui canali 100 (Rai) o 200 (Mediaset) deve comparire la scritta “Test HEVC Main10”. In caso di esito positivo, tutto ok. Altrimenti, eseguire una nuova sintonizzazione e riprovare. Se il risultato è ancora una volta negativo, ci sarà bisogno di un nuovo apparecchio (decoderTV).

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.
20 10 2021
Link copiato negli appunti