MS denunciata: Windows in troppe lingue

Un gruppo di nativi cileni accusa Microsoft di aver abusato della loro lingua e di averla utilizzata per confezionare una release localizzata del sistema operativo

Roma – Può un popolo rivendicare la paternità della propria lingua e farla valere in tribunale per impedire che un software venga prodotto in quella lingua? Ne sono apparentemente convinti i nativi Mapuche, che non digeriscono l’intenzione di Microsoft di rilasciare una versione del proprio sistema operativo Windows in lingua Mapuzugun, idioma parlato oggi da circa 400mila persone .

In una lettera a Bill Gates, esponenti della tribù cilena parlano di furto di proprietà intellettuale e sostengono che Microsoft in questo modo tradisce l’eredità culturale costituita dalla loro lingua.

I nativi se la sono presa prima di tutto con i metodi utilizzati . “Riteniamo – sostiene uno dei leader della tribù, Aucan Huilcam – che Microsoft e il Ministero dell’Educazione cileno ci abbiano esclusi decidendo di costituire un comitato di studio sul problema senza il nostro consenso, senza la nostra partecipazione o una qualsiasi consultazione. Questa non è la strada da seguire”.

Tre donne della tribù in abiti tradizionali In occasione della presentazione della versione localizzata di Windows, Microsoft aveva dichiarato di voler “aprire una finestra cosicché il resto del mondo possa accedere alle ricchezze culturali di queste popolazioni indigene”. Una visione che, accompagnata dall’esigenza di penetrare anche nelle più remote nicchie di mercato, ha spinto Microsoft a varare numerose versioni dei propri software in lingua locale, non solo in Cile ma in molti altri paesi .

Sarà un tribunale di Santiago del Cile a dover analizzare il caso e una decisione è attesa entro due settimane. Intanto, chiosa qualcuno, “se avranno successo, la causa potrebbe dare alla tribù i fondi necessari per comprare i computer su cui girano queste cose (ossia i software Microsoft, ndr.)”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tdimax scrive:
    Che la vergogna cali inesorabile...
    che schifo.Se mettono una cosa del genere vicino a casa mia gliela faccio esplodere =DChe la vergogna cali inesorabile sugli individui responsabili di questa violazione della libertà dell'individuo
  • Anonimo scrive:
    Zitti...
    ...Il nemico vi ascolta!!!Il fatto che le leggi siano fatte in base alle richieste delle multinazionali (vedi urbani. Es.), non è per niente confortante in simili casi di violazione della privacy.Senza contare che se oggi questi controlli hanno ancora una parvenza di "a tutela del cittadino", le registrazioni resteranno anche se al governo dovesse passare una qualche dittatura.Alcuni non si rendono conto di quanto la violazione della privacy possa essere, e sia, dannosa. Molto più della sua REALE utilità.Vi auguro solo di non rendervene mai conto (e mi rivolgo soprattutto ai pappagalli che ripetono sempre la frase coniata da Hitler e soci: se non fai niente di male non hai niente da nascondere!!!Io, in verità (pensando politicamente, intendo), mi chiedo cosa sia male, sotto un governo che aumenta le tasse a dismisura per pagare stipendi e buon'uscite da favola a gente che manda in fallimento le aziende costruite con i soldi di tutti (e di tutti i mali questo è il minore. Pensa un pò...)
  • Anonimo scrive:
    Deus Ex.
    Lo stanno saccheggiando a man bassa...
  • Anonimo scrive:
    State Zitti ....
    o vi ARRESTIAMO !!!(rotfl)(rotfl)
  • Enjoy with Us scrive:
    Microfoni?
    Cioè mettono dei microfoni che però captano solo le urla?Ma a chi la vogliono raccontare, con gli appositi software di filtraggio sono in grado di eliminare il rumore di fondo e di seguire qualsiasi tipo di conversazione. Che poi loro siano seri e le utilizzino solo come detto è appunto una loro scelta, ma dal punto di vista tecnico piazzare microfoni e telecamere come dicono vuol dire veramente spiare i cittadini!
  • Anonimo scrive:
    Immagino l'utilizzo di q.lle che parlano
    per salutare e sfottere gli amici dovrebbero essere forti. :) :)
  • voss63 scrive:
    Volume
    Qui da noi (Bari e dintorni)si urla anche solo per dirsi ciao.MI sa che l'allarme scatterebbe ogni due secondi.Dovrebbero alzare di parecchio la soglia di allerme :)
  • Anonimo scrive:
    3 o 4 metri ?
    una capsula microfonica da 1 euro e un preamplificatore da circa 5 sono sufficienti per ascoltare a 3 o 4 metri ( anche oltre ), fatti in serie mi sa che con 1 euro si fa , ovviamente se il rumore di fondo lo permette .Non è che non vogliono allarmare l'opinione pubblica ? Perche' se non si sente ... che le mettono a fare ? se urlo a 10 metri mi sente ... se parlo a 4 a voce un po' alta mi sente pure credo ...Se no ... buttano i soldi come in italia :)
Chiudi i commenti