MSN uccide i pop-up pubblicitari

Il più fastidioso degli strumenti di advertising online, già bandito da alcune grandi net-company, finisce ora anche nel mirino del portalone Microsoft. Entro l'estate via tutto


Roma – Non vanno giù agli utenti internet i pop-up pubblicitari, quelle finestrelle sponsorizzate che si aprono, non richieste, sopra le pagine di molti siti. I manager del portalone di Microsoft, MSN , hanno così deciso di darci un taglio.

MSN, una piattaforma di servizi, intrattenimento e tutto quel coacervo di strumenti messi tipicamente a disposizione dai grandi portali, ha una audience dichiarata di 350 milioni di utenti in tutto il mondo. E’ dunque evidente che la scelta di eliminare i pop-up è destinata ad impattare in modo importante sulla sua attività. A fare la stessa fine saranno anche i pop-under , finestre del tutto simili ai pop-up che, anziché aprirsi al di sopra di quelle richieste dall’utente, rimangono in background sperando così di attirare l’attenzione quando l’utente chiude il programma con cui naviga.

Va detto che MSN giustifica il desiderio di cancellare questa forma di advertising con le rilevazioni tra i propri utenti per i quali si tratterebbe soprattutto di un disturbo . Ma c’è anche da considerare il fatto che nel mercato della pubblicità internet, che mostra segni importanti di una prima ripresa dopo due anni di stallo, gli strumenti della promozione vanno diversificandosi e ai tool “tradizionali”, come appunto i pop-up, si propongono nuove forme di advertising, generalmente meno invasive.

Come scriveva Adele Chiodi su Punto Informatico nel 2002: “Quel che sappiamo è che saremmo sorpresi se a lungo termine venisse considerata come funzionale una pubblicità che basa la propria esistenza sulla sottrazione all’utente del controllo della propria navigazione e del proprio computer, come accade per una finestra che si apre non richiesta, per un banner a tutto schermo e via dicendo”.

Non è un caso se molti siti hanno rinunciato da subito ai pop-up e se grossi portali, come AOL , hanno rinunciato definitivamente a queste fastidiose finestrelle. Decisioni che sono state prese anche da Yahoo e che ora fa proprie MSN.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ashmael scrive:
    Autopromozione
    Ma certo, l'avevamo sospettato da un pezzo...
  • Anonimo scrive:
    Re: Censura
  • Anonimo scrive:
    Re: Censura
    E tu prima di fare certe domande hai collegato il cervello?E' successo parecchie volte anche a me, un commento non buono riduce le vendite.:)
  • Anonimo scrive:
    Re: Censura
    - Scritto da: Anonimo
    A me è accaduto l'opposto.
    Ho sottoposto dei commenti (per altro
    positivi) di prodotti in vendita.

    Dopo alcuni tentativi ho smesso
    perché nessuno di questi è mai
    entrato nel sistema.Ma tu il PC, l'avevi accesso?h724
  • Anonimo scrive:
    Censura
    A me è accaduto l'opposto.Ho sottoposto dei commenti (per altro positivi) di prodotti in vendita.Dopo alcuni tentativi ho smesso perché nessuno di questi è mai entrato nel sistema.
  • Anonimo scrive:
    Non ho capito bene...
    Ma davvero non ci puo' registrare in amazon con un falso nome? :| ??Se dovessi spingere il mio libro, con commenti positivi, non mi registrerei certo con il mio nome e cognome vero.Oppure chiedere ad amici e parenti di farlo al posto nostro.Troppo scarsi.... :| !!!
  • Anonimo scrive:
    Che c'è di male?
    E vabbè ma cosa c'è di male a far così? Già lo diceva il proverbio: l'occhio del padrone ingrassa il cavallo e poi i poveri autori avranno pensato: -ma se non me la faccio io una recensione favorevole chi me la fa?Se vivesse Alberto Sordi, sarebbe un bello spunto per un altro dei suoi film. ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: ROTFL!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    ROTFL!!!!!!!!!!!
    che altro c'e' da dire :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Mica è una novità
    - Scritto da: Anonimo
    Alcuni commenti rasentavano il ridicolo.Non è una novità, ma come si legge nell'articolo:"In sé non c'è nulla di strano perché non è difficile supporre che chi vende un libro su Amazon è anche tra i più interessati a sostenerne la reputazione e stimolare l'interesse per quel titolo. Va da sé, però, che un conto è la teoria un altro conto è vedere inopinatamente il proprio nome esposto al pubblico ludibrio."
  • ElfQrin scrive:
    feedback di eBay
    - Scritto da: paulatz
    Ben peggio sono quelli che si registarno
    decine di nick per farsi un feedback
    positivo su ebay e poi inc_lare i
    compratori.Infatti io in genere controllo anche il feedback di chi ha dato il feedback...
  • Anonimo scrive:
    Re: Mica è una novità
    - Scritto da: paulatz

    Inoltre questo tipo di comportamento
    è, tutto sommato, abbastanza innocuo.
    Ben peggio sono quelli che si registarno
    decine di nick per farsi un feedback
    positivo su ebay e poi inc_lare i
    compratori.tra l'altro su ebay stanno piazzando i kit alice a 25 euro, quando vengono venduti a soli 10 euro, poveri gli ingenui che lo compreranno.
  • paulatz scrive:
    Re: Mica è una novità
    - Scritto da: Anonimo
    Alcuni commenti rasentavano il ridicolo.Inoltre questo tipo di comportamento è, tutto sommato, abbastanza innocuo.Ben peggio sono quelli che si registarno decine di nick per farsi un feedback positivo su ebay e poi inc_lare i compratori.
  • Anonimo scrive:
    Mica è una novità
    Alcuni commenti rasentavano il ridicolo.
Chiudi i commenti