Musica digitale, gli artisti ringraziano

Nel Regno Unito, royalty maggiorate per gli artisti. Merito delle piattaforme di distribuzione come iTunes e Spotify. Sull'altro lato della medaglia, un calo continuo nel settore relativo ai dischi fisici
Nel Regno Unito, royalty maggiorate per gli artisti. Merito delle piattaforme di distribuzione come iTunes e Spotify. Sull'altro lato della medaglia, un calo continuo nel settore relativo ai dischi fisici

I dati sono stati diramati dai vertici di PRS for Music , l’organizzazione che in terra britannica rappresenta gli interessi di 75mila artisti nel campo musicale. Nell’anno 2011 le royalty in favore di compositori e songwriter sono aumentate del 3,2 per cento , lievitando ad una cifra complessiva di 635,3 milioni di sterline.

Profitti maggiorati grazie all’esplosione delle piattaforme di distribuzione musicale online, dal colosso iTunes al servizio svedese Spotify. Le royalty provenienti dal settore digitale sono infatti aumentate del 45 per cento rispetto al 2010 , anche se per un valore non esattamente impressionante: poco più di 38 milioni di sterline.

Ma il CEO di PRS for Music Robert Ashcroft ha sottolineato come le vendite su iTunes e Spotify riescano a bilanciare le perdite derivanti dal settore dei dischi fisici. Sempre in tema di royalty, gli artisti d’Albione hanno fronteggiato un declino del 13,3 per cento nel 2011 sulle vendite dei CD, per un totale di 101 milioni di sterline . (M.V.)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 04 2012
Link copiato negli appunti