Nanotecnologie? Rischi sopravvalutati

Questa la conclusione di un think tank di esperti che avvertono: i nanocosi si diffondono e la gente ha paura. Bisogna credibilmente smontare questi timori

Washington (USA) – Se si intende far decollare davvero l’industria della nanotecnologia occorre che il pubblico sia rassicurato sull’impatto che i nanocosi possono avere sulla salute delle persone. È questo il senso di un rapporto-appello di un think tank di esperti americani, che chiedono al Congresso americano di spingere per approfondite ed esaurienti ricerche, capaci di dissipare i molti dubbi che attanagliano gli statunitensi.

In un editoriale redatto da 14 esperti e pubblicato su Nature si legge: “Se il pubblico perde fiducia nell’impegno del governo, delle imprese e della comunità scientifica di condurre ricerche importanti e sistematiche sui possibili rischi, allora l’enorme potenziale della nanotecnologia sarà colpito. Non possiamo consentire che questo accada”.

Già oggi prodotti della ricerca nanotecnologica stanno invadendo i mercati: dai nuovi materiali fino a produzioni cosmetiche, componenti elettroniche e via dicendo, le nanotecnologie iniziano ad imporsi. Ma ciò che promette la ricerca è ancora di più, molto di più, anche se la resistenza del pubblico è forte.

Ciò è comprensibile, peraltro, se si tengono presenti i molti avvertimenti , le cautele e le regali esternazioni che in questi anni hanno accompagnato lo sviluppo nanotecnologico.

Alcuni parlamentari hanno già risposto all’appello sostenendo la necessità che queste ricerche diventino la priorità numero uno per l’industria nanotecnologica.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    IL MONDO GOVERNATO DALLE SCIMMIE
    IO CI PISCIO SULLA CULTURA AMERICANA. ANDATE ALL'INFERNO POPOLO DI BESTIE DECEREBRATE INETTE E PARASSITI DEL PIANETA. MAGARI VI FANNO SPARIRE DALLA FACCIA DELLA TERRA LURIDE PIATTOLE
  • Anonimo scrive:
    Più spesso e anche in Italia.
    Ci vorrebbero anche qui e parecchi.La tizia della foto è una coglionazza di prima categoria, vedrai che la prossima volta si comporta correttamente e risponde alle richieste dell'agente.
  • Anonimo scrive:
    EVVIVA L'AMERICAAAAAAAAAA
    EVVIVA GLI USA EVVIVA BUSH :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
  • Anonimo scrive:
    ucla taser
    se il taser immobilizza,come può la persona riazarsi? Cosa che gli viene ordinata più e più volte di fare. Lascia perplessi e sgomenti l'intero fatto.
    • Anonimo scrive:
      Re: ucla taser
      Evidentemente non l'hanno fulminata e resa incoscente, probabilmente ci sono varie regolazioni.Se fosse davvero stata una delinquente e magari avesse rifiutato di muoversi per poi sparare lei facendo secco l'agente.. sono convinto che il video non avrebbe sucitato alcun interesse.
  • Anonimo scrive:
    Mi sembra che abbiano detto...
    "stand up" almeno due volte...Ma forse mi sbaglio.Burp
  • Anonimo scrive:
    stand up
    a me quello che ha fatto impressione è che loro prima gli danno la scarica elettrica per stordirlo e poi gli urlano di alzarsi.
  • Anonimo scrive:
    Fascisti II
    Ok. Fine dell'esperimento antropologico su come funziona la mente dei fascisti.Conclusione: un povero cristo viene torturato con delle scariche da 50.000 volt (ma a basso amperaggio) e questi mi rispondono parlando di tasse. Vi consiglio di leggere i diari di Goebbels. E' una lezione istruttiva su come un manipolo di psicopatici sia riuscita (utilizzando i mass media) a frullare il cervello di un popolo che ha dato i Natali a Kant, Beethoven e Mozart.Silvio non odia gli ebrei ma, essendo l'uomo più ricco d'Italia, sicuramente non ha simpatia per le tasse. Ergo: le menti più deboli d'Italia adesso sono ossessionate dalle tasse (ma non hanno certo teatri personali in Sardegna dove suonare la cetra con Apicella).E visto che li hanno lobotomizzati non riescono neppure ad indignarsi sentendo le strilla del ragazzetto che si becca le scariche.Io ho impiegato un quarto d'ora per smaltire l'adrenalina della scena...
    • Anonimo scrive:
      uguaglianza (Re: Fascisti II)

      Vi consiglio di leggere i diari di Goebbels. E'
      una lezione istruttiva su come un manipolo di
      psicopatici sia riuscita (utilizzando i mass
      media) a frullare il cervello di un popolo che ha
      dato i Natali a Kant, Beethoven e
      Mozart.
      Silvio non odia gli ebrei ma, essendo l'uomo più
      ricco d'Italia, sicuramente non ha simpatia per
      le tasse. Ergo: le menti più deboli d'Italia
      adesso sono ossessionate dalle tasse (ma non
      hanno certo teatri personali in Sardegna dove
      suonare la cetra con
      Apicella)tu fai confusione fra togliere i privilegi e uguaglianza.Quando parli di togliere potere a Berlusconi o alle persone ricche è solo togliere privilegi.L'uguaglianza è un'altra cosa. L'uguaglianza nessuno la vuole. Nemmeno nel centro-sinistra.A me più di una volta è capitato di sentirmi dire di stare zitto solo perché il mio interlocutore era un sindacalista o un avvocato. E stavamo parlando di fatti comuni non di sindacato né di leggi.Mio caro scrivente anonimo, prima di parlare di fascisti ragiona. Perché il comportamento fascista è anche nel centro-sinistra.
      • Anonimo scrive:
        Re: uguaglianza (Re: Fascisti II)
        Lo ripeto: mi sembra strano che di fronte a scene di tortura si parli di tasse.Ma lo sai che differenza c'è tra diritti civili e politica fiscale?Posso, ragionevolmente, dare la colpa di questa follia collettiva ad un signore che ha tappezzato l'Italia di manifesti giganti con su scritto "meno tasse per tutti"?Mezza Italia è veramente impazzita: forse c'è davvero bisogno di una bella cura elettroshock a base di taser per risvegliarla da questo delirio.P.S. L'ultima volta che l'Italia andò fuori di testa pensando di tornare all'Impero Romano fu risvegliata amaramente dai bombardamenti a tappeto degli Alleati... salvo poi dimenticarsi di essere stata alleata con Hitler e di punire severamente i moltissimi responsabili di quella sciagura.
  • Anonimo scrive:
    incendiamo l'america allora..
    sempre la stessa storia...un episodio come questo è subito spunta fuori tutto l'antiamericanismo che fermenta sotto la falce e il martello...continuiamo a fare di tutta l'erba un fascio mi racc...intanto a quei 4 bastardi che hanno pestato il down non viene fatto niente ma una bella scarica a 5000 volt forse poteva servir loro più di quel disgraziato...e intanto mortadella svuota le carceri ma va bene così...
    • Alucard scrive:
      Re: incendiamo l'america allora..
      - Scritto da:
      sempre la stessa storia...un episodio come questo
      è subito spunta fuori tutto l'antiamericanismo
      che fermenta sotto la falce e il
      martello...continuiamo a fare di tutta l'erba un
      fascio mi racc...intanto a quei 4 bastardi che
      hanno pestato il down non viene fatto niente ma
      una bella scarica a 5000 volt forse poteva servir
      loro più di quel disgraziato...e intanto
      mortadella svuota le carceri ma va bene
      così...Hanno preso 1 anno di sospensione i diretti interessanti e forse prenderanno 15 giorni di sospensioni quelli che sono stati a guardare. Se non erro si sta pensando di punire anche la prof che era assente dall'aula. Io darei 1 anno di sosp. a tutti gli spettatori e 2-3 anni di sosp. accompagnati da lavori socialmente utili obbligatori a quelli che hanno alzato le mani.Anche una bella scaricozza non farebbe loro male.
    • danieleMM scrive:
      Re: incendiamo l'america allora..

      sempre la stessa storia...un episodio come questo
      è subito spunta fuori tutto l'antiamericanismo
      che fermenta sotto la falce e il
      martello...continuiamo a fare di tutta l'erba un
      fascio mi racc...intanto a quei 4 bastardi che
      hanno pestato il down non viene fatto niente ma
      una bella scarica a 5000 volt forse poteva servir
      loro più di quel disgraziato...e intanto
      mortadella svuota le carceri ma va bene
      così...in questa accozzaglia di commento hai detto una marea di Cassate (e non quelle siciliane)l'anti-americanismo non è della falce e martello e ha le sue ragioni di esisterequando sento qualcuno che si lamenta dicendo: in america è così, in america fanno questo e quello.. non come quigli dico.. allora perché non vai a vivere in america se ti piace tanto?casualmente si ammutoliscono(sostituisci pure america a qualunque altro paese)quelli che hanno pestato il down sono da punire, così come lo sono i loro genitori, se non altro per far si che in futuro cambino il modo di educare i propri figlima non perché era down.. sono da punire anche tutte le altre bande di ragazzini che se ne vanno in giro a pestare gli altri..i bulliin tutto questo il fatto che "il mortadella" libera genti dalle carceri nulla ha a che fare, o vogliamo dare la colpa a questo del perché quei ragazzetti hanno pestato il down?o magari è colpa "del mortadella" l'aggressione che ha subito quel ragazzo negli stati uniti? o il suo modo strafottente con gli agenti (che dir si voglia)?inoltre ti ricordo che l'indulto (che ritengo essere stato uno sbaglio su tutti i fronti) non è passato con la fiducia, lo hanno votato tutti.. poi se vuoi dare la colpa al mortadella perché nella tua "curva" se fai così vieni venerato e applaudito fai pure..
      • sazemaster scrive:
        Re: incendiamo l'america allora..
        - Scritto da: danieleMM

        sempre la stessa storia...un episodio come
        questo

        è subito spunta fuori tutto l'antiamericanismo

        che fermenta sotto la falce e il

        martello...continuiamo a fare di tutta l'erba un

        fascio mi racc...intanto a quei 4 bastardi che

        hanno pestato il down non viene fatto niente ma

        una bella scarica a 5000 volt forse poteva
        servir

        loro più di quel disgraziato...e intanto

        mortadella svuota le carceri ma va bene

        così...

        in questa accozzaglia di commento hai detto una
        marea di Cassate (e non quelle
        siciliane)

        l'anti-americanismo non è della falce e martello
        e ha le sue ragioni di
        esistere
        quando sento qualcuno che si lamenta dicendo: in
        america è così, in america fanno questo e
        quello.. non come
        qui
        gli dico.. allora perché non vai a vivere in
        america se ti piace
        tanto?

        casualmente si ammutoliscono

        (sostituisci pure america a qualunque altro paese)

        quelli che hanno pestato il down sono da punire,
        così come lo sono i loro genitori, se non altro
        per far si che in futuro cambino il modo di
        educare i propri
        figli

        ma non perché era down.. sono da punire anche
        tutte le altre bande di ragazzini che se ne vanno
        in giro a pestare gli
        altri..

        i bulli

        in tutto questo il fatto che "il mortadella"
        libera genti dalle carceri nulla ha a che fare, o
        vogliamo dare la colpa a questo del perché quei
        ragazzetti hanno pestato il
        down?
        o magari è colpa "del mortadella" l'aggressione
        che ha subito quel ragazzo negli stati uniti? o
        il suo modo strafottente con gli agenti (che dir
        si
        voglia)?

        inoltre ti ricordo che l'indulto (che ritengo
        essere stato uno sbaglio su tutti i fronti) non è
        passato con la fiducia, lo hanno votato tutti..
        poi se vuoi dare la colpa al mortadella perché
        nella tua "curva" se fai così vieni venerato e
        applaudito fai
        pure..Adoro i tuoi post :) (non sono ironico!)
        • danieleMM scrive:
          Re: incendiamo l'america allora..
          - Scritto da: sazemaster
          Adoro i tuoi post :) (non sono ironico!)grazie! :Dse non altro non perdo tempo
    • Anonimo scrive:
      Re: incendiamo l'america allora..
      Dunque il ragazzo ha violato la legge ed andava punito.Ok giusto.In un paese civile le leggi vanno rispettate e le sanzioni applicate.Quello che mi ha turbato di piu' e' stato piuttosto il modo con in cui e' stata fatta rispettare la legge.Proviamo a decontestualizzare il fatto.Abbiamo che una persona viola la legge,interviene la polizia per punire il trasgressore....tutto liscio tutto ok..ma allora l'errore,l'indignazione dove sta'?Sta' nel fatto che delle persone il cui compito e' quello di mantenere l'ordine pubblico NON HANNO SAPUTO VALUTARE il contesto in cui operavano e quindi non hanno saputo adottare le contromisure piu' adatte alla situazione.Esistono mille infrazioni e mille contesti in cui vengono fatte..pero' nessuna e' sullo stesso piano dell'altra.La legge obbliga,vieta,permette,ma ha un difetto non suggerisce.Sono le persone preposte che devono essere preparate a trovare la miglior soluzione possibile.Quei poliziotti sembrava che neanche ragionassero.E' questo il fatto piu' inquietante.Trasgredisci la legge per un'ID dimenticato tu,universitario? Bene ti tratteranno alla pari del rapinatore preso in un motel di provincia.Insomma si parte dal presupposto che se trasgredisci sei un delinquente.Questo e' inquietante.Una cosa positiva c'e'....si chiama Internet e la comunicazione...se oggi ne possiamo discutere pure noi,solidarizzando con le vittime dell'accaduto e' anche merito di questo prezioso strumento che spesso balza alle cronache come covo di pirati informatici,pedofili e terroristi.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Resconto di come sono andati i fatti
    http://dailybruin.com/news/articles.asp?id=38958Questo è il giornale dell'università che racconta i fatti. Ci sono su altri giornali americani le interviste ai presenti. In sostanza le cose sono andate così:- lo studente era Islamico- un tipo del servizio di sicurezza (non un polizziotto) gli ha chiesto la carta identificativa, ma lui ha risposto che non la aveva con sè perché l'aveva dimenticata (cosa che capiterà a 1000 studenti al giorno...)- vista la nazionalità dello studente (giudicata dall'addetto alla sicurezza pericolosa) è stato ritenuto necessario l'intervento della polizia- la polizia è arrivata alcuni minuti dopo quando lo studente se ne stava andando già per i fatti suoi (probabilmente aveva finito di usare il PC)- l'agente lo ha afferrato per un braccio mentre questi stava uscendo dalla biblioteca e lo studente ha risposto male dicendo "toglietemi le mani di dosso"- l'agente ha ritenuto questo GRAVE ATTO DI RIBELLIONE imperdonabile ed ha elettrizzato lo studente- dopo che lo studente è caduto a terra ha iniziato ad insultare gli agenti per aver usato una misura così drastica che ovviamente poteva essere evitata, e negli insulti ha nominato il Patriot Act- gli agenti hanno cominciato a urlare allo studente di alzarsi e lui ha risposto che ha problemi medici e che non riusciva a muovere le gambe- gli agenti hanno continuato a urlare di alzarsi e dopo che lo studente si è finalmente alzato gli hanno dato una seconda scaricaquesti sono i fatti, il giudizio mio è già abbastanza chiaro dall'ironia che ho inserito nei punti, comunque per chi non avesse capito sarò più esplicito: i polizziotti meriterebbero la tortura per ciò che hanno fatto.
    • Anlan scrive:
      Re: Resconto di come sono andati i fatti
      - Scritto da:
      http://dailybruin.com/news/articles.asp?id=38958

      Questo è il giornale dell'università che racconta
      i fatti. Ci sono su altri giornali americani le
      interviste ai presenti. In sostanza le cose sono
      andate
      così:

      - lo studente era IslamicoQuesta da dove l'hai inventata ? Nell'articolo non c'è ne' ne ho trovato traccia.
      - un tipo del servizio di sicurezza (non un
      polizziotto) gli ha chiesto la carta
      identificativa, ma lui ha risposto che non la
      aveva con sè perché l'aveva dimenticata L'articolo riporta solo che non l'aveva ... se sia stata una dimenticanza o meno non è dato sapere.
      - vista la nazionalità dello studente (giudicata
      dall'addetto alla sicurezza pericolosa) è stato
      ritenuto necessario l'intervento della
      poliziaQuesta deduzione è tutta tua.
      - la polizia è arrivata alcuni minuti dopo quando
      lo studente se ne stava andando già per i fatti
      suoi (probabilmente aveva finito di usare il
      PC)Precedentemente aveva rifiutato di lasciare l'edificio nonostante l'invito dell'addetto. E questo l'articolo lo dice.
      - l'agente lo ha afferrato per un braccio mentre
      questi stava uscendo dalla biblioteca e lo
      studente ha risposto male dicendo "toglietemi le
      mani di
      dosso"Esatto.
      - l'agente ha ritenuto questo GRAVE ATTO DI
      RIBELLIONE imperdonabile ed ha elettrizzato lo
      studenteL'agente ha fatto quello che doveva
      - dopo che lo studente è caduto a terra ha
      iniziato ad insultare gli agenti per aver usato
      una misura così drastica che ovviamente poteva
      essere evitata, e negli insulti ha nominato il
      Patriot
      Act
      - gli agenti hanno cominciato a urlare allo
      studente di alzarsi e lui ha risposto che ha
      problemi medici e che non riusciva a muovere le
      gambeStralol ... ma da dove le inventi ? I problemi alle gambe ? Casomai avrà potuto avere delle difficoltà per il primo shock elettrico.Ma non se ne stava già andando via sulle sue gambe ?
      - gli agenti hanno continuato a urlare di alzarsi
      e dopo che lo studente si è finalmente alzato gli
      hanno dato una seconda
      scaricaGuarda bene il video ... la seconda scarica gliela hanno data "alzandolo di peso".
      questi sono i fatti, Non sono fatti ... sono i tuoi tentativi di girare la frittata.
      il giudizio mio è già
      abbastanza chiaro dall'ironia che ho inserito nei
      punti, comunque per chi non avesse capito sarò
      più esplicito: i polizziotti meriterebbero la
      tortura per ciò che hanno
      fatto.Se avessero usato lo stesso metro con i famosi studenti della celeberrima scuola di Columbine (che tante volte viene tirata in ballo) avreste fatto un monumento ai poliziotti.P.s. Poliziotti si scrive con una z sola.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 novembre 2006 19.16-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Resconto di come sono andati i fatti
        resta cmq grave il modo in cui si sono accaniti sullo studente, fosse successo qui in Italia avrebbero denunciato i due agenti anche se non so cosa sarebbe cambiato a loro...
        • Anonimo scrive:
          Re: Resconto di come sono andati i fatti
          - Scritto da:
          resta cmq grave il modo in cui si sono accaniti
          sullo studente, fosse successo qui in Italia
          avrebbero denunciato i due agenti anche se non so
          cosa sarebbe cambiato a
          loro...Fosse successo in Italia credo sarebbero volate le sedie, e quegli agenti sarebbero usciti a gambe levate.Sarebbe successo il finimondo, altro che "mi scusi ma cosa sta facendo?"Mi sembrano un po' minchioni quegli studenti americani. :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Resconto di come sono andati i fatti
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            resta cmq grave il modo in cui si sono accaniti

            sullo studente, fosse successo qui in Italia

            avrebbero denunciato i due agenti anche se non
            so

            cosa sarebbe cambiato a

            loro...

            Fosse successo in Italia credo sarebbero volate
            le sedie, e quegli agenti sarebbero usciti a
            gambe
            levate.
            Sarebbe successo il finimondo, altro che "mi
            scusi ma cosa sta
            facendo?"
            Mi sembrano un po' minchioni quegli studenti
            americani.Già... del tutto rimbambiti dalle continue minacce terroristiche inventate dal loro presidente... :(Ma quello che non capisco è perchè nessuno degli studenti sia intervenuto prima (cioè... nella mia università avrei riconosciuto uno del mio corso... sarebbe bastato dire "E' con me, ma ha dimenticato la tessera"...Resta il fatto che se fossi stato là avrei fatto volare un paio di monitor su quei caz...ni di poliziotti.bye
      • Anonimo scrive:
        Re: Resconto di come sono andati i fatti
        - Scritto da: Anlan

        - l'agente ha ritenuto questo GRAVE ATTO DI

        RIBELLIONE imperdonabile ed ha elettrizzato lo

        studente

        L'agente ha fatto quello che dovevaSpero che al tuo primo eccesso di velocita' anche un nostro poliziotto faccia "quello che deve" sparandoti in fronte e togliendo un altro lobotomizzato dalla faccia della terra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Resconto di come sono andati i fatti

      sarò
      più esplicito: i polizziotti meriterebbero la
      tortura per ciò che hanno
      fatto.Quindi sei come loro.Con l'aggravante che fai il pulitino fuori, ma sei sporco dentro.Che piacere non conoscerti!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Resconto di come sono andati i fatti
        - Scritto da:
        Quindi sei come loro.
        Con l'aggravante che fai il pulitino fuori, ma
        sei sporco
        dentro.
        Che piacere non conoscerti!!Madonna quanto sei scemo.Burp
    • Anonimo scrive:
      Re: Resconto di come sono andati i fatti
      - Scritto da:
      punti, comunque per chi non avesse capito sarò
      più esplicito: i polizziotti meriterebbero la
      tortura per ciò che hanno
      fatto.Concordo. Tutti i torturatori come quegli sbirri meriterebbero di essere puniti con le loro stesse misure. Giusto per rieducarli un po'.
  • Anonimo scrive:
    Ma sono agenti della GESTAPO?
    perche da come si comportano non c'è molta differenza...
  • Anlan scrive:
    Bene o male ?
    Confesso che mi hanno fatto vedere il video verso la fine ed era veramente allucinante.Poi mi sono letto l'articolo (quello in inglese) ed ho dovuto rivedere la mia posizione.Non fa mai piacere vedere una tortura (tale è la scossa elettrica) ma non si può negare che lo studente abbia fatto resistenza. Giusto o meno doveva essere identificato e, in assenza di idonei documenti, allontanato: se poi i metodi erano di accompagnarlo tenendogli un braccio dietro la schiena ... il ragazzo doveva stare zitto ed ubbidire. Aveva tutto il tempo di recuperare il suo tesserino e tornare per farsi identificare con tante scuse.Senza inneggiare ai diritti umani violati o alle "brutali forze di polizia" (che sicuramente hanno sbagliato tante volte - ma non questa).Tutti pronti a dire, per esempio, gli imbarchi negli aerei non sono sicuri: poi ne vedi mille ai gate di ingresso protestare perchè si perquisisce la LORO borsa o gli si chiede di pazientare per controlli.Appena viene meno la libertà personale tutti giù a protestare... peccato che non si possa fare sempre i propri comodi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene o male ?
      http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1764597&m_id=1766823&r=PIleggi come sono andati i fatti prima di parlare...io sono uno studente dell'ultimo anno del Politecnico di Milano e ti assicuro che il tesserino lo dimentico a casa ogni tanto, ma mai nessuno ha chiamato la polizia per farmi portare via per questa grave dimenticanza. Qui parliamo di razzismo, oltre che di violazione dei diritti umani.
      • Anlan scrive:
        Re: Bene o male ?
        - Scritto da:
        http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1764597&m_i

        leggi come sono andati i fatti prima di parlare...
        E tu leggi il post prima di incavolarti.Ho detto:"doveva avere il tesserino e in assenza doveva lasciarsi accompagnare fuori senza fare resistenza"Quale parte non ti risulta particolarmente chiara ( a parte le solite sproloquiate sui diritti umani ) ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Bene o male ?
          Ritieni un segno di buona salute di una nazione la necessità di ricorrere a controlli così serrati e invadenti della libertà di movimento, perfino in un luogo pubblico come un'università?Capisco che si parli di USA. Ma mi sento bisbigliare Huxley e Orwell. E mi tornano alle mente molte manifestazioni di stati a controllo totalitario. E mi spaventa. Si rincorre la sicurezza con la repressione ed il controllo mentre tutto lo stato, fino nelle fondamenta, è marcio. Fino al punto di trovare perfettamente normale (ed augurabile!) la prospettiva di doversi identificare perfino andando a scuola.Fortunatamente qui in Italia ancora non devastiamo intere scolaresche con il mitra. Nessuno si domanda perchè negli USA sì?
          • Anlan scrive:
            Re: Bene o male ?
            - Scritto da:
            Ritieni un segno di buona salute di una nazione
            la necessità di ricorrere a controlli così
            serrati e invadenti della libertà di movimento,
            perfino in un luogo pubblico come
            un'università?
            [cut]Sono d'accordo ma considero 2 fattori:- notoriamente gli americani sono un po' più bestie di noi quindi il "peggio" lo assimilano prima- non mi farei molte illusioni sul fatto che in europa (o meglio in italia) siamo e saremo immuni da questi atteggiamenti.I segnali sono già preoccupanti: ragazzi che nelle scuole partono per missioni punitive, che picchiano disabili, che prendono a pugni la rivale in amore, che "sfanculano" regolarmente i professori. Etc. Etc.La nostra società è marcia tanto quanto. E non mi rifersico agli abusi delle forze dell'ordine. Mi riferisco piuttosto alla maliziosità con cui si elevano a "valori" i disvalori con il pesante aiuto dei media (che non si sa bene se danno "al popolo" ciò che vuole o se imbeccano).Ma tant'è:- diventano idoli da imitare personaggi privi di qualsiasi qualità specifica (vogliamo parlare dei grande fratello, isola dei famosi, fattorie e circhi vari ?)- inneggiamo ad imbecilli matricolati (pupa e secchione)- vogliamo, vogliamo al di la' delle concrete possibilità economiche (conosci qualcuno che non abbia un cellulare da 300 euro con fotocamera e giochini scemi annessi ?)- gli indici d'ascolto danno ragione a trasmissioni dove si scannano dubbi personaggi- si regalano milioni di euro a destra e a manca a chi ha solo il culo di indovinare uno scatolotto- la protervia ed il sopruso la fanno da padrone in tutte le amministrazioni (pubbliche e private) dove per chiedere la soddisfazione di un diritto spesso devi entrare di soppiatto e chiedere per favore 30 volte sottovoce- siamo guidati da una classe politica (tutta da destra a sinistra) che parla parla e intanto continua ad alimentare il sistema delle clientele e pensa solo ad autoproteggersiEtc. Etc. Etc.La società è già collassata da un pezzo: ma così come le torri gemelle ci hanno messo un po' ad arrivare a terra ... siamo qui ad aspettare il tonfo.
  • Anonimo scrive:
    Han fatto bene
    Forse avrebbero potuto evitare di eccedere, ma chi è preposto alla sicurezza deve pensare alla sicurezza di tutti e non di un solo buffone che vorebbe fare come più gli piace, fregandose degli altri.Gli sbruffoni così non meritano che altro che il bastone: sono solo delle bestie senza senso civico.
  • Anonimo scrive:
    Se...
    ...lo facevano degli studenti contro un ragazzo Down tutti a ridere su Video Google....
  • Anonimo scrive:
    Benvenuti
    Che vi aspettate da un Paese che pratica apertamente la tortura (ved. Abu Ghraib, Guantanamo) e l'ha perfino resa legale (ved. Military Commissions Act)?Sono nazisti, sono violenti, comandano il mondo.E chi si permette di sollevare anche una timida obiezione viene violato fisicamente e mentalmente fino a urlare di dolore come il povero ragazzo del video.Svegliatevi: benvenuti nel Quarto Reich
  • painlord2k scrive:
    Considerazioni sulle interpretazioni
    Si può notare che tutti i post anti-poliziotti (che sono del UCPD - http://www.police.ucr.edu/) presumono che i poliziotti abbiano deciso di taserare lo studente senza un motivo valido ("out of the blue" come direbbero da quelle parti).Quindi devono essere pazzi, fascisti, membri del solito complotto giudo-plutocratico-massonico, etc.Stanno attenti a dimenticare che il compito della UCPD è di garantire il rispetto della legge e dellordine all'interno della Università; direi che se lo dimenticano volutamente, se non fossi convinto che nel 90% dei casi la loro è una reazione pavloviana al pensiero della divisa della Polizia e che probabilmente non possono concepire che i poliziotti abbiano agito secondo regole e procedure preordinate, che sono state insegnate loro e che ritengono siano corrette.Molta gente si dimentica che le Università in USA sono state oggetto di attacchi da parte di criminali e terroristi (importati e non), e che quindi il rispetto delle regole di sicurezza è importante per garantire la sicurezza di tutti.Se la risposta del ragazzo al poliziotto che lo afferra per un braccio è "Non hai il diritto di toccarmi!" mi viene in mente che stesse già andando in cerca di uno scontro, e quindi volesse mettere le mani avanti reclamando qualche "diritto" che in realtà è un privilegio.Il fatto che il tutto venga registrato significa due cose:1) Che era preparato e si è cercato lo scontro per fare da martiri2) Che ci manca la parte iniziale dell'episodio, dove probabilmente i poliziotti si avvicinano allo studente in modo educato e civile.Dentro la proprietà della UC, la gente si deve adeguare alle regole della UC, oppure essere buttata fuori con i mezzi necessari.Non è un luogo pubblico aperto a chiunque.
    • painlord2k scrive:
      Re: Considerazioni sulle interpretazioni
      Aggiungiamo che uno dei poliziotti è un nero e uno è un asiatico (si vede dal filmato). Aggiungiamo che lo studente scortato fuori è di origini iraniane? Ovviamente il fatto che sia islamico non dovrebbe far sorgere dubbi e sospetti sul suo comportamento.Sono false le affermazioni di quelli che dicono che è stato taserato ripetutamente, dato che si sente il Taser funzionare una volta sola (e pure rumorosamente - credo sia voluto dalla casa produttrice).Inoltre, per essere uno taserato, urla molto bene e forte, quindi direi che non lo stanno abusando gran che, dato che non avrebbe tutto quel fiato altrimenti.Si può notare che il taser viene usato una volta sola, prima di portarlo giù dalle scale, e che subito prima di usarlo cercano di farlo alzare da terra e questo scatta contro di loro. Quindi il comportamento dei poliziotti è comprensibile e, probabilmente, in legale autodifesa.IMHO, lo studente taserato sembra più in preda ad una crisi di nervi che altro (droghe, malattia mentale, islamico, ...) e questo finisce per obbligare i poliziotti ad usare la forza per sottometterlo.Gli studenti che intervengono, probabilmente, non si rendono neanche conto di quello che succede realmente (che lo studente fermato è fuori come un pergolo e i poliziotti stanno provando ad usare la minor forza possibile - altrimenti non starebbero a parlare tanto).
    • painlord2k scrive:
      Re: Considerazioni sulle interpretazioni
      Aggiungiamo anche l'altra campana?http://michellemalkin.com/archives/006387.htm
      • Anonimo scrive:
        Re: Considerazioni sulle interpretazioni
        Bel link, sto facendo una lista dei blog di tutti i cretini sul pianeta e ho trovato una nuova entry da aggiungere.Il meglio è la lettera dell'istruttore di polizia che dice che un polizziotto è autorizzato a rispondere con una forza sempre maggiore a chiunque si opponga ai suoi ordini...e poi vomitano ancora dal loro cesso di bocca parole come democrazia...Grazie ancora del link.
        • painlord2k scrive:
          Re: Considerazioni sulle interpretazioni
          - Scritto da:
          Bel link, sto facendo una lista dei blog di tutti
          i cretini sul pianeta e ho trovato una nuova
          entry da aggiungere.Di solito chi da del cretino agli altri, dovrebbe iniziare alla mattina guardandosi allo specchio.
          Il meglio è la lettera dell'istruttore di polizia
          che dice che un polizziotto è autorizzato a
          rispondere con una forza sempre maggiore a
          chiunque si opponga ai suoi ordini...e poi
          vomitano ancora dal loro cesso di bocca parole
          come democrazia...Non te ne sarai reso conto, ma il poliziotto, nel compimento del suo dovere, può dare degli ordini e usare la forza per farli rispettare.Il suo dovere è far rispettare la legge, per questo ha il DIRITTO e il DOVERE di usare ogni mezzo necessario per farla rispettare.Se uno sta in casa tua senza il tuo consenso, il poliziotto ha il diritto di usare la forza per farlo uscire, se tu vuoi che quello esca e gli hai ripetuto più volte di uscire?Se il mondo girasse come vuoi tu, no.Perché è l'esempio di come sono andate le cose all'AC.
    • Anonimo scrive:
      giuste considerazioni!
      - Scritto da: painlord2k
      Se la risposta del ragazzo al poliziotto che lo
      afferra per un braccio è "Non hai il diritto di
      toccarmi!" mi viene in mente che stesse già
      andando in cerca di uno scontro, e quindi volesse
      mettere le mani avanti reclamando qualche
      "diritto" che in realtà è un
      privilegio.Ovvio, se uno tocca il sedere a una ragazza per la strada e quella se ne esce con un "ma come ti permetti", le dico che parte prevenuta e che dopotutto è mio diritto palparla e riguardo al privilegio... beh dovrebbe sentirsi privilegiata perché tasto lei e non un'altra. :-D
      Il fatto che il tutto venga registrato significa
      due
      cose:
      1) Che era preparato e si è cercato lo scontro
      per fare da
      martiriConcordo, infatti le luci erano sistemate ad arte, le cineprese si muovevano su rotaie predisposte e i numerosi cameraman erano chiaramente coordinati tramite cuffiette da una regia centrale, nascosta dietro ai vetri riflettenti. All'inizio, se si fa attenzione, si nota un "1 2 3 ciak si gira!".
      2) Che ci manca la parte iniziale dell'episodio,
      dove probabilmente i poliziotti si avvicinano
      allo studente in modo educato e
      civile.Ovvio, ma poi si vede che sono persone intelligenti e civili dal solo sguardo. E anche il taser, tazzer, tampax elettrico non è reale, emette solo rumore (lo studente rantola perché ha un cellulare che vibra troppo forte, occhio a non confondere questo rumore con il Taser).
      Dentro la proprietà della UC, la gente si deve
      adeguare alle regole della UC, oppure essere
      buttata fuori con i mezzi
      necessari.
      Non è un luogo pubblico aperto a chiunque.Giusto, fra l'altro è bene ricordare che la UC è una succursale di Guantanamo, per cui non valgono le stesse leggi sul rispetto dei diritti umani ne' la convenzione di Ginevra.Concludo ricordando l'antico motto della UC, stampato a chiare lettere all'ingresso del campus: Arbeit macht frei.Un saluto al camerata painlord,Ariano Sigail
      • painlord2k scrive:
        Re: giuste considerazioni!
        "Ariano Sig Heil"???Io cambierei nome o nick (se è un nick).
      • painlord2k scrive:
        Re: giuste considerazioni!
        - Scritto da: L'uso
        di un arma (perchè anche se non letale, il tazer
        è un arma) su una persona disarmata è, IMHO,
        sempre un abuso.Una persona non è realmente mai disarmata.Le mani e i piedi e i denti li ha, e quindi può far male anche uccidere.Quanta gente viene uccisa con solo l'uso delle mani?
        Ammesso che sia ragionevole allontanare qualcuno
        da un area in cui è autorizzato a stare perchè
        non può dimostrare la sua autorizzazione, cosa di
        cui si può discutere, certamente non è
        accettabile l'uso della forza fisica su qualcuno
        che non abbia colpito per primo.Quindi il poliziotto, o tu, dovete aspettare che vi sparino o vi accoltellino, o vi tirino un pugno prima di reagire?Stando li contro la volontà della Università stava già commettendo una violenza, così come farebbe una persona che stese in casa tua contro la tua volontà.Oppure, non hai il diritto di reagire o il poliziotto di toccarlo, se uno entra in casa tua e si mette a mangiare quello che hai in frigo.Non una volta sola, ma sempre, quando ne ha voglia.Se non permetti a nessuno di agire a questa invasione, allora stai semplicemente dando a quel tipo la licenza di entrare e stare li quanto gli pare; perché tu stai dicendo che non gli si può fare nulla.Dovresti decidere:sta commettendo un crimine oppure no.Se no, però, non ti puoi lamentare di quello che fa, sopratutto se la fa a te.
        In realtà quello che più mi preoccupa è il
        raggruppamento in due fazioni contrapposte
        dell'umanità. Ormai non si cerca più di discutereInfatti.Mi pare che gente come te non voglia discutere.Hai già deciso che la Polizia è da condannare e chi usa la forza in modo legale è sbagliata e da condannare.Ma non è sbagliato stare in un luogo dove non si ha il permesso di stare, e quello non lo condanni.
        e trovare una via di mezzo che non scontenti
        nessuno.Già che ci sei, vedi di trovare una via di mezzo che accontenti bin Laden e i familiari delle vittime del 9/11.
        (In medio stat virtus).Nel dito medio?In realtà, ci vuole davvero moderazione, ma anche nella moderazione.
        C'è un accesa
        contrapposizione tra "fedeli della sicurezza a
        ogni costo", fazione alla quale mi sembra
        appartenga tu, e "garantisti", fazione alla quale
        appartengo io.Io penso di essere più garantista di te.Io sono garantista per primo verso i poliziotti, poi verso gli altri studenti, che meritano di essere rispettati, e rispettavano le regole.La "sicurezza" si garantisce anche in quel modo.E con in altri modi.
        Invece di cercare il dialogo,
        sembra che l'unica strada sia ormai il confronto
        fisico (diretta conseguenza dell'impossibilità di
        dialogo).Per dialogare bisogna essere in due.Il tipo non voleva dialogare, voleva solo fare quello che gli pareva in casa altrui.Se per te quello è "dialogo".
        Per ora è solo violenza verbale, ma
        sappiamo come finiscono queste
        cose.Quando si disconoscono, come fai tu, i diritti degli altri, si finisce, prima o poi, in quel modo.
        • Anonimo scrive:
          Re: giuste considerazioni!
          - Scritto da: painlord2k

          - Scritto da:

          L'uso

          di un arma (perchè anche se non letale, il tazer

          è un arma) su una persona disarmata è, IMHO,

          sempre un abuso.

          Una persona non è realmente mai disarmata.
          Le mani e i piedi e i denti li ha, e quindi può
          far male anche
          uccidere.
          Quanta gente viene uccisa con solo l'uso delle
          mani?Perchè qualcuno ha un temperino in mano possiamo usare usare un atomica per fermarlo?C'è una misura in tutto. Le tue argomentazioni su questo punto sono per niente condivisibili.Allora se era armato di mani, i poliziotti potevano usare come arma le loro mani (contando sul numero maggiore) e non saremmo quì a discutere di brutalità.



          Ammesso che sia ragionevole allontanare qualcuno

          da un area in cui è autorizzato a stare perchè

          non può dimostrare la sua autorizzazione, cosa
          di

          cui si può discutere, certamente non è

          accettabile l'uso della forza fisica su qualcuno

          che non abbia colpito per primo.

          Quindi il poliziotto, o tu, dovete aspettare che
          vi sparino o vi accoltellino, o vi tirino un
          pugno prima di
          reagire?Ripeto: c'è una misura in tutto.

          Stando li contro la volontà della Università
          stava già commettendo una violenza, così come
          farebbe una persona che stese in casa tua contro
          la tua
          volontà.Rimane il fatto che era autorizzato a stare lì, solo non aveva l'ID per dimostrarlo. Quindi il tuo paragone con qualcuno che sta in casa mia senza il mio permesso non è applicabile.
          Oppure, non hai il diritto di reagire o il
          poliziotto di toccarlo, se uno entra in casa tua
          e si mette a mangiare quello che hai in
          frigo.
          Non una volta sola, ma sempre, quando ne ha
          voglia.

          Se non permetti a nessuno di agire a questa
          invasione, allora stai semplicemente dando a quel
          tipo la licenza di entrare e stare li quanto gli
          pare; perché tu stai dicendo che non gli si può
          fare
          nulla.Niente affatto. Sto dicendo che la reazione deve essere proporzionata alla violazione. Se il poliziotto per farlo uscire da casa tua gli desse fuoco (alla casa) tu cosa diresti? In fin dei conti è un metodo ragionevole, preserva il poliziotto dal pericolo di essere aggredito e ottiene lo scopo di far uscire il reo. E' tutta una questione di proporzioni.Se una persona da' in escandescenze, non significa che sia pronta ad uccidere.

          Dovresti decidere:
          sta commettendo un crimine oppure no.
          Se no, però, non ti puoi lamentare di quello che
          fa, sopratutto se la fa a te.
          Se il codice penale pesa mezzo chilo, forse una ragione c'è. Se no, puniamo tutto con la pena di morte, ed è tutto più facile.

          In realtà quello che più mi preoccupa è il

          raggruppamento in due fazioni contrapposte

          dell'umanità. Ormai non si cerca più di
          discutere

          Infatti.
          Mi pare che gente come te non voglia discutere.
          Hai già deciso che la Polizia è da condannare e
          chi usa la forza in modo legale è sbagliata e da
          condannare.
          Ma non è sbagliato stare in un luogo dove non si
          ha il permesso di stare, e quello non lo
          condanni.Non posso fare a meno di notare che hai preso lezioni dai politici nostrani (e non), sempre pronti ad accusare gli altri di quello che fanno loro.Primo, è sbagliato stare dove non si può stare. Condanno lo studente per aver dimenticato l'ID, ma rimane il fatto che non poter dimostrare immediatamente di avere un diritto è diverso dal non avere quel diritto. Condanno lo studente molto di più per aver dato in escandescenze. E condanno i suoi aguzzini per aver ecceduto nell'uso della violenza legittima. Ma l'ordine di gravità, dalla maggiore alla minore, è: 1) l'utilizzo di un arma quando non strettamente necessario2) l'atteggiamento provocatorio e violento3) non avere con se' il documento

          e trovare una via di mezzo che non scontenti

          nessuno.

          Già che ci sei, vedi di trovare una via di mezzo
          che accontenti bin Laden e i familiari delle
          vittime del
          9/11.C'è differenza tra le posizioni legittime e quelle certamente illecite. Ma sei troppo schierato e vuoi solo aver ragione, non discutere o ragionare.

          C'è un accesa

          contrapposizione tra "fedeli della sicurezza a

          ogni costo", fazione alla quale mi sembra

          appartenga tu, e "garantisti", fazione alla
          quale

          appartengo io.

          Io penso di essere più garantista di te.
          Io sono garantista per primo verso i poliziotti,
          poi verso gli altri studenti, che meritano di
          essere rispettati, e rispettavano le
          regole.

          La "sicurezza" si garantisce anche in quel modo.
          E con in altri modi.Solo perchè in Italia siamo abituati all'impunità e ci incazziamo per questo non significa che si possa correggere un errore con un altro errore. Ed ancor peggio difendere chi sbaglia. Le persone ragionevoli sono consapevoli che ci sono due parti che hanno sbagliato, lo studente e i poliziotti. Ambedue vanno puniti secondo la gravità del loro errore.L'errore dei poliziotti è più grave perchè si suppone che siano professionisti, e perchè è il loro lavoro proteggere gli innocenti e far rispettare la legge. Anche quella che sancisce cosa possono e non possono fare. Usare un arma quando non è assolutamente necessario fa parte di ciò che non possono fare.



          Invece di cercare il dialogo,

          sembra che l'unica strada sia ormai il confronto

          fisico (diretta conseguenza dell'impossibilità
          di

          dialogo).

          Per dialogare bisogna essere in due.
          Il tipo non voleva dialogare, voleva solo fare
          quello che gli pareva in casa
          altrui.
          Se per te quello è "dialogo".Stai sviando. Mi riferisco all'impossibilità di dialogare con chi si crede "guardia" e difende comportamenti indifendebili. Cioè te, in questo caso.

          Quando si disconoscono, come fai tu, i diritti
          degli altri, si finisce, prima o poi, in quel
          modo.La parte triste è che sei tu a disconoscere i diritti degli altri e forse neppure te ne rendi conto (che sarebbe molto peggio del far finta di non capire per prendersi una ragione che non si ha).Alla fine è una diatriba tra valori, la tua posizione è che le regole valgono più delle persone. Io credo il contrario, che le regole sono al servizio delle persone.Per dirla con il poeta: "le leggi son, ma chi pon mano ad esse?".
    • Anonimo scrive:
      Re: Considerazioni sulle interpretazioni
      - Scritto da: painlord2k
      Si può notare che tutti i post anti-poliziotti
      (che sono del UCPD - http://www.police.ucr.edu/)
      presumono che i poliziotti abbiano deciso di
      taserare lo studente senza un motivo valido ("out
      of the blue" come direbbero da quelle
      parti).

      Quindi devono essere pazzi, fascisti, membri del
      solito complotto giudo-plutocratico-massonico,
      etc.

      Stanno attenti a dimenticare che il compito
      della UCPD è di garantire il rispetto della legge
      e dellordine all'interno della Università; direi
      che se lo dimenticano volutamente, se non fossi
      convinto che nel 90% dei casi la loro è una
      reazione pavloviana al pensiero della divisa
      della Polizia e che probabilmente non possono
      concepire che i poliziotti abbiano agito secondo
      regole e procedure preordinate, che sono state
      insegnate loro e che ritengono siano
      corrette.E' tipico dei vigliacchi e dei fascisti nascondersi dietro le "regole e procedura preordinate". Anzi! Queste ridicole scuse li rendono ancora piu' simili ai loro amici SS che ammassavano le persone nei forni crematori sentendosi pure nel giusto.
  • Anonimo scrive:
    Concordo...
    Sti mericano sono proprio dei poveracci, sia i poliziotti x primi.. che i compagni di questo che stanno li e non fanno nulla !!
  • Anonimo scrive:
    Erano solo in 3, caricateli!
    Se non ho capito male questi 3 poliziotti avevano solo armi elettriche. Comunque anche se avessero avuto pistole normali, cavolo erano solo 3 e gli studenti lì a protestare inebetiti senza far nulla.Bastava fare un bel caricone e li cacciavano via in 2 secondi. Magari il primo si becca la scossa, ma se gli vai addosso in 40 stai sicuro che se non scappano li stronchi.In uno stadio una cosa del genere non sarebbe mai accaduta, quei poliziotti sarebbero stati massacrati.Da notare come prima gli scaricano contro le pistole elettriche, e poi gli dicono "stand up", come se fosse facile riprendersi in 2 secondi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Erano solo in 3, caricateli!
      Quoto in pieno.Tutti gli studenti avrebbero potuto incazzarsi di più... magari il tipo poteva essere anche uno squilibrato, ma un paio di ceffoni e due manette avrebbero risolto comunque il problema... questi sono andati molto oltre il dovuto.Spero che paghino pesantemente per questo gesto.bye
    • Anonimo scrive:
      Re: Erano solo in 3, caricateli!
      - Scritto da:
      Se non ho capito male questi 3 poliziotti avevano
      solo armi elettriche. Comunque anche se avessero
      avuto pistole normali, cavolo erano solo 3 e gli
      studenti lì a protestare inebetiti senza far
      nulla.
      Bastava fare un bel caricone e li cacciavano via
      in 2 secondi. Magari il primo si becca la scossa,
      ma se gli vai addosso in 40 stai sicuro che se
      non scappano li
      stronchi.
      In uno stadio una cosa del genere non sarebbe mai
      accaduta, quei poliziotti sarebbero stati
      massacrati.

      Da notare come prima gli scaricano contro le
      pistole elettriche, e poi gli dicono "stand up",
      come se fosse facile riprendersi in 2
      secondi.E perché mai dovevano caricarli? Che razza di esempio vuoi dare poi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Erano solo in 3, caricateli!
      - Scritto da:
      cavolo erano solo 3 e gli
      studenti lì a protestare inebetiti senza far
      nulla.
      Bastava fare un bel caricone e li cacciavano via
      in 2 secondi.Sai, assalire un poliziotto é un reato. Se studi all'università é perché non hai voglia di fare il lavapiatti tutta la vita.Salta addosso ad un poliziotto e la tua fedina penale é macchiata, irrevocabilmente. Se anche l'università non ti caccia, quando sarà il momento di trovare lavoro quanti vorranno assumere (magari per un incarico di responsabilità) qualcuno che ha subito un processo per aver percosso un agente?
      • Anonimo scrive:
        Re: Erano solo in 3, caricateli!
        questo i poliziotti lo sanno, credi che se gli studenti non avessero nulla da perdere avrebbero fatto i conigli mannari in luna piena allo stesso modo?
        • Anonimo scrive:
          Re: Erano solo in 3, caricateli!
          E' impossibile non rispondere alle stupidaggini che sto leggendo in questi post destrosi.Mezza Italia è veramente impazzita ed è meglio che stia all'opposizione: ci pensiamo noi a rimettere le cose a posto finchè non vi torna la ragione.Quindi gli studenti non dovrebbero reagire di fronte alla polizia che tortura un collega con scariche da 50.000 volt perchè rischierebbero di rovinarsi la fedina penale?Scusa ma hanno fatto lo stesso ragionamento i ragazzi pacifisti di Genova?Hanno fatto lo stesso ragionamento gli studenti di mezza europa nel '68?Hanno fatto lo stesso ragionamento gli universitari americani ai tempi del vietnam, morti a decine sotto i colpi di fucile della Guardia Nazionale (vai su Wikipedia e verifica)?Sospetto che non hai mai messo piede in una università (statale) italiana: i cretini abbondano ma c'è tanta gente con le palle.E stai ben sicuro che non si diventa classe dirigente con la vigliaccheria.Leadership significa coraggio, discernimento e, sopratutto, iniziativa.E l'inerzia evidenziata in questo video è ancora più grave visto che i "coraggiosissimi" studenti UCLA sono mediamente ricchi e possono ben permettersi le spese legali necessaria a provare la fondatezza di un intervento eticamente necessario di fronte ad un palese abuso di potere.P.S. il giorno dopo 400 studenti si sono presentati di fronte al commissariato gridando "don't taser me" (vai su YouTube) e non mi è sembrato proprio di notare nel video qualche poliziotto uscire a fare il gradasso come il giorno prima.
  • Anonimo scrive:
    Fascisti? No. Americani...
    Molto più evoluti dei rozzi tedeschi anni '30.All'epoca tutti si rendevano conto di chi erano.Adesso invece un sacco di gente è convinta che loro "esportino" la democrazia.Decisamente meglio. :|
    • Wakko Warner scrive:
      Re: Fascisti? No. Americani...
      - Scritto da:
      Molto più evoluti dei rozzi tedeschi anni '30.
      All'epoca tutti si rendevano conto di chi erano.È qui che ti sbagli... "All'epoca del nazismo non sapevamo di vivere nell'epoca del nazismo".Esattamente come _oggi_ non ci si sta rendendo conto di quello che sta avvenendo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fascisti? No. Americani...
        Hmmm...Non sono del tutto d'accordo. Forse all'inizio, ma poi...In Italia all'epoca del fascismo parecchia gente si rendeva conto di cosa stava succedendo. Il punto è che le cose erano ormai troppo avanti per fermarle. Quindi o ti univi a loro o finivi in carcere/esilio/ammazzato.Tanta gente si univa alle parate ad applaudire i gerarchi, per poi magari lamentarsi fra le mura domestiche.E visto che come sempre non impariamo mai niente dalla storia, i soliti pecoroni italiani sono di nuovo punto e a capo.Inseguono un leader che spara cazzate (uno a caso, destra-sinistra-centro è ininfluente) e poi si lamentano standosene in poltrona senza schiodarsi mai... :(
        • danieleMM scrive:
          Re: Fascisti? No. Americani...

          Hmmm...
          Non sono del tutto d'accordo. Forse all'inizio,bravo.. e qui sono all'inizio e non se ne rendono conto
          ma
          poi...si... poi..
          In Italia all'epoca del fascismo parecchia gente
          si rendeva conto di cosa stava succedendo. Il
          punto è che le cose erano ormai troppo avanti per
          fermarle. Quindi o ti univi a loro o finivi in
          carcere/esilio/ammazzato.esatto.. questo è il "poi"
          Tanta gente si univa alle parate ad applaudire i
          gerarchi, per poi magari lamentarsi fra le mura
          domestiche.arrivati ad un certo punto non puoi far altrimenti.. (se non lasciarci la pelle)
          E visto che come sempre non impariamo mai niente
          dalla storia, i soliti pecoroni italiani sono di
          nuovo punto e a
          capo.forse il problema è che la storia non la fanno studiare sotto questo punto di vistasembrano sempre cose distanti, che non ci riguardano
          Inseguono un leader che spara cazzate (uno a
          caso, destra-sinistra-centro è ininfluente) e poi
          si lamentano standosene in poltrona senza
          schiodarsi
          mai...
          :(è vero anche questo..però è difficile coordinare un'azione di rivolta/dissenso senza qualcuno che guida...obiettivamente una persona da sola cosa può fare?l'unica cosa che si può fare è cercare di far capire agli altri che è ora di smetterla di tifare per un partito o per un altro.. che bisogna andar contro a tutti..invece la maggior parte delle persone che sento si scannano in modo ottuso: "mortadella", "berlusca"quando: chiamare "mortadella" un politico è indice di poche argomentazioniignorare che berlusconi ha probabilmente legami con la mafia è indice di disinformazione (colpa della TV e dei giornali)o.. e sia chiaro.. non è l'unico.. è solo l'esempio + clamoroso...poi beh... mia nonna ha votato berlusconi perché "è un bell'uomo"/"ha la faccia simpatica"cosa puoi farci? il voto è libero.. libero anche di votare col c**o...la gente ascolta quello che dicono in telenon pensa con la propria testanon si va a cercare le informazioni, non ha voglia di studiarsi un problema prima di discuternee quel che è peggio, nonostante questo si rifiuta di ascoltare il parere di qualcuno che invece conosce bene il problema (in tutti i campi)quel che serve davvero sono delle tv libere, che facciano finalmente informazionedove notizie come quella di questo articolo arrivino, dove si parla del processo per mafia a cui berlusconi è scampato perché è stato eletto a presidente del consiglio, dove si dice che in italia stiamo censurando su internet sempre di più, dove vengono sbandierate tutte le fedine penali dei nostri politici, dove i dibattiti tra politici vengono aboliti e sostituiti da trasmissioni in cui esperti del settore descrivono spiegando un programma od una sua parte, e quindi ne spiegano le motivazioni e le critiche in modo che chiunque possa farsi una propria idea
    • Anonimo scrive:
      Solita erba un fascio
      Non hai mai visto due poliziotti maltrattare qualcuno? Accade ed e' accaduto in Italia, Francia, Grecia, Spagnia, Messico, Canada, Svizzera, Austria, Ungheria, ecc...Che bisogno c'e' di insultare tutti gli americani? Non hai visto nel video tutti quegli americano risentiti dell'accaduto che protestavano? Quelli che sono? Computer grafica?Prima di offendere e dare del nazista alle persone di altre nazioni dovresti1) vedere a casa tua come si comportano i bravi poliziotti italiani.2) utilizzare il barlume di intelligenza che ti ha condotto fin qui per imparare a distinguere tra le persone, dato che fare di tutta un erba un fascio e' tipico degli ottusi.3) o almeno vedere il video. Basta poco a molti ma non a te evidentemente, bisogna non essere tanto prevenuti e generalizzanti.
  • Anonimo scrive:
    Non si capisce nulla
    Dal video si potrebbe dire qualsiasi cosa, sia che i poliziotti hanno aggredito lo studente sia il contrario.E' davvero difficile farsi un'idea precisa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non si capisce nulla
      - Scritto da:
      Dal video si potrebbe dire qualsiasi cosa, sia
      che i poliziotti hanno aggredito lo studente sia
      il
      contrario.
      E' davvero difficile farsi un'idea precisa.mah, prova a sentire le urla..
      • Anonimo scrive:
        Re: Non si capisce nulla

        - Scritto da:

        Dal video si potrebbe dire qualsiasi cosa, sia

        che i poliziotti hanno aggredito lo studente sia

        il

        contrario.

        E' davvero difficile farsi un'idea precisa.

        mah, prova a sentire le urla..Non voglio schierarmi della parte dei poliziotti ma il piu' delle volte le urla significano molto poco.Ho sentito mariuoli incalliti urlare come se gli stessero sgozzando proprio per attirare l'attenzione, creare confusione e magari evitare l'arresto riuscendo a fuggire.Ci sono anche casi di percosse da parte delle forze dell'ordine.E' davvero difficile capire dove sta la verita'.
  • Anonimo scrive:
    Sicurezza
    per risolvere tanti problemi riguardanti la sicurezza, basterebbe rendere illegale il possesso di una qualsiasi arma...basterebbe che si andasse in galera per il solo fatto di avere un'arma!
    • painlord2k scrive:
      Re: Sicurezza
      Ti è mai venuto in mente che le mani e i piedi e la testa sono armi sufficienti ad uccidere un'altro essere umano?O i cacciaviti, oppure i martelli, o una lattina piena infilata in una borsa, ...Almeno, se tutti avessero armi da fuoco, il "campo di gioco" sarebbe livellato e uguale per tutti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sicurezza
        - Scritto da: painlord2k
        Ti è mai venuto in mente che le mani e i piedi e
        la testa sono armi sufficienti ad uccidere
        un'altro essere
        umano?
        O i cacciaviti, oppure i martelli, o una lattina
        piena infilata in una borsa,
        ...

        Almeno, se tutti avessero armi da fuoco, il
        "campo di gioco" sarebbe livellato e uguale per
        tutti.Falso. Se tutti avessero armi da fuoco, a quel punto la differenza la farebbe l'addestramento (trascurando l'ovvia osservazione che non tutte le armi sono uguali, quindi probabile corsa agli armamenti). Quindi, tanto per cambiare, i malviventi la farebbero da padrone perchè hanno più tempo libero delle persone che lavorano, e potrebbero addestrarsi meglio. Senza contare che chi non ha la passione per le armi sarebbe comunque in posizione d'inferiorità, dedicandoci presumibilmente meno tempo.Comunque, concordo con i (pochi, ormai) libertari che il diritto a portare armi è un freno alle tirannie. Purtroppo non basta. In USA le armi abbondano, ma la libertà ultimamente mi sembra latitare. Ma forse finito il lavaggio del cervello (ma finirà?) aiuterà a riportare la situazione alla normalità. Questione difficile da dirimere....Marlenus
        • Anonimo scrive:
          Re: Sicurezza
          - Scritto da:

          - Scritto da: painlord2k

          Ti è mai venuto in mente che le mani e i piedi e

          la testa sono armi sufficienti ad uccidere

          un'altro essere

          umano?

          O i cacciaviti, oppure i martelli, o una lattina

          piena infilata in una borsa,

          ...



          Almeno, se tutti avessero armi da fuoco, il

          "campo di gioco" sarebbe livellato e uguale per

          tutti.

          Falso. Se tutti avessero armi da fuoco, a quel
          punto la differenza la farebbe l'addestramento
          (trascurando l'ovvia osservazione che non tutte
          le armi sono uguali, quindi probabile corsa agli
          armamenti). Quindi, tanto per cambiare, i
          malviventi la farebbero da padrone perchè hanno
          più tempo libero delle persone che lavorano, e
          potrebbero addestrarsi meglio. Senza contare che
          chi non ha la passione per le armi sarebbe
          comunque in posizione d'inferiorità, dedicandoci
          presumibilmente meno
          tempo.

          Comunque, concordo con i (pochi, ormai) libertari
          che il diritto a portare armi è un freno alle
          tirannie. Purtroppo non basta. In USA le armi
          abbondano, ma la libertà ultimamente mi sembra
          latitare. Ma forse finito il lavaggio del
          cervello (ma finirà?) aiuterà a riportare la
          situazione alla normalità. Questione difficile da
          dirimere....

          Marlenus
          Ma voi 2 quanti anni avete?riuscite ad arrivare a 10 insieme?1.secondo te e' piu' facile uccidere con una testata che con una pistola?2. i tiranni che sono saliti al potere erano tutti moooolto ben armati
          • Anonimo scrive:
            Re: Sicurezza
            I lanciamissili di solito vincono contro le pistole. Per fortuna non sono tutti idioti come voi, altrimenti a quest'ora i privati acquisterebbero carri armati al posto delle automobili.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da:
            I lanciamissili di solito vincono contro le
            pistole. Per fortuna non sono tutti idioti come
            voi, altrimenti a quest'ora i privati
            acquisterebbero carri armati al posto delle
            automobili.Credo ti sfugga, oltre all'educazione, il concetto di "denaro".I lanciamissili costano centinaia o migliaia di volte di più di una pistola. Essendo il denaro null'altro che la contropartita del lavoro, è chiaro che esiste un limite al rapporto tra denaro che puoi investire in un colpo di stato e benefici che potrai ricavarne se riesci, inoltre esiste un limite oltre il quale il tuo denaro non può arrivare (se i cospiratori sono 100 riccastri, ognuno con 1 miliardo di dollari, hanno lo stesso denaro di un milione di persone con 100,000 ciascuna). E' chiaro che esiste un limite nel rapporto tra chi spera di guadagnarci e chi sa di perderci. Quello che rende possibile la tirrania è la presenza di maggioranze di inerti che nel momento del pericolo abbassano la testa, per quieto vivere, ignoranza, o incapacità di vedere le conseguenze a lungo termine delle loro azioni sulla loro stessa vita (e purtroppo su quella degli altri). Quindi il punto non è solo la sproporzione nella potenza delle armi, ma anche la sproporzione nel numero delle persone, che vanno moltiplicati (semplifico) per creare la proporzione delle forze. Prova a pensarci un po' su.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da:
            Ma voi 2 quanti anni avete?
            riuscite ad arrivare a 10 insieme?Di solito chi passa all'insulto è perchè manca di argomenti, come dimostra la semplicità (per tacer della faciloneria) delle domande con cui ti sembra di poter esprimere la superiorità del tuo "pensiero".

            1.secondo te e' piu' facile uccidere con una
            testata che con una
            pistola?Non vedo come questo metta in discussione le ragioni accennate (si, solo accennate, ci sono fior di libri di autori ben più portati di me per approfondire).
            2. i tiranni che sono saliti al potere erano
            tutti moooolto ben
            armati1. Balle. Ci sono stati colpi di stato appoggiati (inizialmente) da poche migliaia di uomini. Per quanto ben armato, un tiranno non può sopraffare un popolo determinato con questi numeri. Oltre il 50:1 o usi WMD (con probabili, anche se non certe, conseguenze internazionali) o perdi, magari anche solo per sfinimento. La maggior parte dei tiranni è salita al potere grazie all'inazione della maggioranza. Fanno eccezione le grandi dittature del secolo scorso, che godevano dell'appoggio popolare (basta leggere "Come si diventa nazisti" di Allen, Einaudi, per capirlo).Ma mi rendo conto che chi spara sentenze come fai tu ha poco tempo tempo da dedicare alla lettura e allo studio della realtà. Il grande fratello e l'isola dei famosi sono più interessanti, vero? (Nota: questo si definisce sarcasmo).
          • Anonimo scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Ma voi 2 quanti anni avete?

            riuscite ad arrivare a 10 insieme?

            Di solito chi passa all'insulto è perchè manca di
            argomenti, come dimostra la semplicità (per tacer
            della faciloneria) delle domande con cui ti
            sembra di poter esprimere la superiorità del tuo
            "pensiero".




            1.secondo te e' piu' facile uccidere con una

            testata che con una

            pistola?

            Non vedo come questo metta in discussione le
            ragioni accennate (si, solo accennate, ci sono
            fior di libri di autori ben più portati di me per
            approfondire).


            2. i tiranni che sono saliti al potere erano

            tutti moooolto ben

            armati

            1. Balle. Ci sono stati colpi di stato appoggiati
            (inizialmente) da poche migliaia di uomini. Per
            quanto ben armato, un tiranno non può sopraffare
            un popolo determinato con questi numeri. Oltre il
            50:1 o usi WMD (con probabili, anche se non
            certe, conseguenze internazionali) o perdi,
            magari anche solo per sfinimento.

            La maggior parte dei tiranni è salita al potere
            grazie all'inazione della maggioranza. Fanno
            eccezione le grandi dittature del secolo scorso,
            che godevano dell'appoggio popolare (basta
            leggere "Come si diventa nazisti" di Allen,
            Einaudi, per
            capirlo).
            Ma mi rendo conto che chi spara sentenze come fai
            tu ha poco tempo tempo da dedicare alla lettura e
            allo studio della realtà. Il grande fratello e
            l'isola dei famosi sono più interessanti, vero?
            (Nota: questo si definisce
            sarcasmo).:D questa si definisce solo ignoranza, non sarcasmo...si stava parlando dell'abolizione delle armi:1. non dovrebbero essere abolite perche' uno ti puo' ammazzare con una testata? intelligente...2. nessun tiranno e' salito al potere senza armi...cerca tu, di ragionare su quello di cui si discute...poi, se proprio vogliamo discutere di letture, ti consiglio, di ampliare le tue, dato che sembra che tu ne legga solo una parte...
          • Anonimo scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da:
            1. non dovrebbero essere abolite perche' uno ti
            puo' ammazzare con una testata?
            intelligente...Non era una mia osservazione. E comunque mi sembra andrebbe interpretata nella facilità di trovare armi improprie e costruire armi. Solo perchè tu non conosci la chimica e non sei capace di trasformare un po' di fertilizzante in una bomba oppure un tubo e un po' di metalli in un fucile improvvisato a colpi di lima non significa che non ci sia chi ne è capace.
            2. nessun tiranno e' salito al potere senza
            armi...
            cerca tu, di ragionare su quello di cui si
            discute...Mi piacerebbe che tu elencassi le armi usate da Hitler o Mussolini per prendere il potere.O per rimanere ai giorni nostri, quelle di Saddam Hussein. Giusto per non cercare tra i poco conosciuti...

            poi, se proprio vogliamo discutere di letture, ti
            consiglio, di ampliare le tue, dato che sembra
            che tu ne legga solo una
            parte...Prova a suggerire, argomentando, invece di sparare frasi ingiuriose senza argomenti. E' questa la differenza tra persone che ragionano e gli italioti. I primi argomentano e si confrontano, rispettando anche le idee che non condividono, perchè la realtà è abbastanza complessa da lasciare spazio per giustificare idee diversissime e spesso contrastanti. I secondi "sanno". Senza bisogno di altro.Se qualcuno leggesse i frutti di questa probabilmente inutile perdita di tempo, credi che i tuoi scritti lo arricchirebbero in qualche modo?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            1. non dovrebbero essere abolite perche' uno ti

            puo' ammazzare con una testata?

            intelligente...

            Non era una mia osservazione. E comunque mi
            sembra andrebbe interpretata nella facilità di
            trovare armi improprie e costruire armi. Solo
            perchè tu non conosci la chimica e non sei capacesvelo a te a painlord un segreto che vi sfugge:per quanta forza e minacce si usino, e' impossibile impedire a chi e' abbastanza motivato di uccidervi.Chi non ha piu' niente da perdere e non gli importa di morire se ne sbatte delle telecamere, della possibilita' di essere preso o ucciso e delle conseguenze di cio' che fa.Pare che gli ultimi metodi di addestramento della polizia americana prevedano sempre il massimo uso possibile della forza, specialmente contro chi e' disarmato e ha solo le proprie mani per difendersi.Se quei falsi poliziotti (dico falsi perche' hanno tradito la ragione della loro stessa esistenza) avessero avuto a disposizione una pistola l'avrebbero usata, perche' a quanto pare non sono diversi da cani da guardia ben addestrati.L'esistenza di persone come painkiller mi disgusta profondamente. La storia insegna che prima o poi le dittature arrivano al loro termine, dopo di che segue la resa dei conti.Voglio essere chiaro: quando lo schifo verso cui stiamo andando arrivera' al suo termine e la gente aprira' gli occhi, quelli che hanno colpe la pagheranno cara, cosi' come l'hanno pagata cara i collaborazionisti e i fascisti a partire dal 26 aprile 1945.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            1. non dovrebbero essere abolite perche' uno
            ti


            puo' ammazzare con una testata?


            intelligente...



            Non era una mia osservazione. E comunque mi

            sembra andrebbe interpretata nella facilità di

            trovare armi improprie e costruire armi. Solo

            perchè tu non conosci la chimica e non sei
            capace

            svelo a te a painlord un segreto che vi sfugge:
            per quanta forza e minacce si usino, e'
            impossibile impedire a chi e' abbastanza motivato
            di
            uccidervi.
            Chi non ha piu' niente da perdere e non gli
            importa di morire se ne sbatte delle telecamere,
            della possibilita' di essere preso o ucciso e
            delle conseguenze di cio' che
            fa.Pienamente d'accordo su questo punto. Fatto salvo il mio diritto di cercare di difendermi. Se i tuoi attacchi sono dovuti al fatto che ritieni il mio pensiero vicino a quello di painlord, allora sappi che ho duramente criticato il suo appoggio a questi pseudo-poliziotti che ricordano tanto le guardie dell'esperimento di Zimbardo(vedi i miei commenti in altri thread).

            Pare che gli ultimi metodi di addestramento della
            polizia americana prevedano sempre il massimo uso
            possibile della forza, specialmente contro chi e'
            disarmato e ha solo le proprie mani per
            difendersi.E' una diretta conseguenza dell'illusione di potersi difendere dagi attacchi suicidi, anche in questo concordo con te. Paura mista a delirio di potenza, nel caso in specie probabilmente solo delirio.

            Se quei falsi poliziotti (dico falsi perche'
            hanno tradito la ragione della loro stessa
            esistenza) avessero avuto a disposizione una
            pistola l'avrebbero usata, perche' a quanto pare
            non sono diversi da cani da guardia ben
            addestrati.Ancora d'accordo in pieno. Ma direi male addestrati.

            L'esistenza di persone come painkiller mi
            disgusta profondamente. La storia insegna che
            prima o poi le dittature arrivano al loro
            termine, dopo di che segue la resa dei
            conti.
            Voglio essere chiaro: quando lo schifo verso cui
            stiamo andando arrivera' al suo termine e la
            gente aprira' gli occhi, quelli che hanno colpe
            la pagheranno cara, cosi' come l'hanno pagata
            cara i collaborazionisti e i fascisti a partire
            dal 26 aprile
            1945.
            E qui esce il tuo giustizialismo. La pena deve essere commisurata al reato, la vendetta non deve essere ammessa. Ricordati che stai parlando per lo più di persone accecate dalla paura e dalla propaganda. Al bambino che non capisce si da' il ceffone per aiutarlo a capire, non per vendicarsi dei suoi errori. E di certo non gli si spara.Quanto a chi tira le fila, da che mondo e mondo quelli si salvano sempre, purtroppo. Di solito gettando qualche pezzo di carne alla torma inferocita, che se la prende con i fantocci...Per questo non servono i linciaggi....
      • danieleMM scrive:
        Re: Sicurezza
        - Scritto da: painlord2k
        Ti è mai venuto in mente che le mani e i piedi e
        la testa sono armi sufficienti ad uccidere
        un'altro essere
        umano?pistola, 1 colpo da distante: possibilità di difesa 0ti punto una pistola alla testa e ti mostro i pugni, stessa cosa vero?
        O i cacciaviti, oppure i martelli, o una lattina
        piena infilata in una borsa,
        ...si è vero questi sono assolutamente paragonabili a pistole, fucili e bombe a mano..ti rendi conto che farnetichi? sei un esagitato?
        Almeno, se tutti avessero armi da fuoco, il
        "campo di gioco" sarebbe livellato e uguale per
        tutti.ma sei impazzito? tu non sai quello che dici!"campo di gioco"???? forse a te si applicano le critiche che stanno muovendo a Rule of Roseti faccio un esempio di paese dove TUTTI hanno armi da fuoco, come tu diciil Sud Africaa scuola una delle materie è poligono di tiro e viene data la licenza per un'arma da fuocola sera vige una specie di coprifuoco, nessuno gira per strada a piedi, le macchine hanno il permesso di non fermarsi con il rosso perché è troppo pericolosoi ragazzi escono con la pistola in macchina anche per fare 100-200 metri di stradavuoi sapere perché?perché lì tutti hanno la pistola, quindi un malvivente prima ti spara, e poi ti fa delle domande!fermarsi al semaforo la sera è pericoloso perché ti possono uccidere e rubare la macchina!spero davvero che tu non abbia mai tra le mani un'arma e che non avrai mai posizioni di potere/importanti perché saresti un individuo altamente pericoloso ed instabile
        • painlord2k scrive:
          Re: Sicurezza
          - Scritto da: danieleMM
          pistola, 1 colpo da distante: possibilità di
          difesa
          0Hai mai provato a colpire qualche cosa da più di 10 metri con una pistola?Inoltre, un coltello è silenzioso, mentre una pistola fa rumore.
          ti punto una pistola alla testa e ti mostro i
          pugni, stessa cosa vero?In entrambi i casi si tratta di minacce.Che non vanno condonate se fatte senza motivo.Ad una aggressione si risponde con tutta la forza necessaria a farla terminare o a dissuaderla.Ma, se tu mi mostri i pugni, io ti mostro la pistola.Tu ti avvicini per aggredirmi, e io ho il diritto di difendermi.Il diritto all'autodifesa è un diritto fondamentale, quale che siano i mezzi usati e quale che sia la minaccia.
          si è vero questi sono assolutamente paragonabili
          a pistole, fucili e bombe a
          mano..No. Ma possono uccidere lo stesso.Sono mezzi. Chi li usa può usarli per difesa, legittimamente, o per offesa, illegittimamente.
          ti rendi conto che farnetichi? sei un esagitato?Di solito sono i matti a dare dei matti agli altri.Non era Freud che diceva che "la paura immotivata delle armi da fuoco è segno di psicosi"?
          ti faccio un esempio di paese dove TUTTI hanno
          armi da fuoco, come tu dici
          il Sud AfricaIl fatto che la maggioranza della popolazione sia formata da negri, divisi in tribù che si tollerano appena, poveri, senza molta istruzione, e senza una cultura della legalità, questo è ovviamente un fattore secondario.Secondo te le armi si "impossessano" della mente delle persone.Tu evidentemente pensi che se avessi una arma in mano diventeresti un assassino, quindi proietti questa paura sugli altri, e quindi vuoi impedire loro di essere armati per autodifesa. Salto l'analisi socialogica della criminalità Sud Africana degna della patatine PAI.
          spero davvero che tu non abbia mai tra le mani
          un'arma e che non avrai mai posizioni di
          potere/importanti perché saresti un individuo
          altamente pericoloso ed
          instabile
          • danieleMM scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da: painlord2k
            Hai mai provato a colpire qualche cosa da più di
            10 metri con una
            pistola?
            Inoltre, un coltello è silenzioso, mentre una
            pistola fa
            rumore.ok.. quindi via i coltelli ma si alle pistole no?

            ti punto una pistola alla testa e ti mostro i

            pugni, stessa cosa vero?

            In entrambi i casi si tratta di minacce.
            Che non vanno condonate se fatte senza motivo.
            Ad una aggressione si risponde con tutta la forza
            necessaria a farla terminare o a
            dissuaderla.

            Ma, se tu mi mostri i pugni, io ti mostro la
            pistola.
            Tu ti avvicini per aggredirmi, e io ho il diritto
            di
            difendermi.ma fammi il piacere se hai una pistola puntata alla testa non muovi un ditose hai un i pugni rivolti contro è tutta un'altra storia!
            Il diritto all'autodifesa è un diritto
            fondamentale, quale che siano i mezzi usati e
            quale che sia la
            minaccia.l'autodifesa non vuol dire: avere una pistola
            No. Ma possono uccidere lo stesso.
            Sono mezzi. Chi li usa può usarli per difesa,
            legittimamente, o per offesa,
            illegittimamente.nessuno paragona mani e piedi ad una pistola.. tu si c'è qualcosa che non va nel tuo ragionamento

            ti rendi conto che farnetichi? sei un esagitato?

            Di solito sono i matti a dare dei matti agli
            altri.
            Non era Freud che diceva che "la paura immotivata
            delle armi da fuoco è segno di
            psicosi"?Freud diceva anche che i bambini da piccoli desiderano sessualmente il genitore di sesso opposto e desiderano uccidere l'altro

            ti faccio un esempio di paese dove TUTTI hanno

            armi da fuoco, come tu dici

            il Sud Africa

            Il fatto che la maggioranza della popolazione sia
            formata da negri, divisi in tribù che si
            tollerano appena, poveri, senza molta istruzione,
            e senza una cultura della legalità, questo è
            ovviamente un fattore
            secondario.a parte l'uso della parola "negri" che è offensiva e ti pregherei di evitarlanon è esatto.. il 20% della popolazione è bianca, il restante nera composta da varie razzela popolazione è altamente sbilanciata tra povertà e ricchezzail 90% della popolazione ricca è bianca, il razzismo è elevatoil mal contento crea malavitadetto questo..per "combattere la malavita" sono stati introdotti a scuola i corsi di poligono e si è incitata tutta la popolazione ad armarsi..il risultato?adesso la prima cosa che fanno i malviventi è uccidere tutti, perché il primo che spara sopravvivese io voglio rubarti il portafoglio e ho una pistola, se so che tu non hai una pistola sto molto + calmo e se non fai qualcosa di avventato non ti sparose so che potresti avere una pistola ti sparo subito per evitare che possa farlo tu
            Secondo te le armi si "impossessano" della mente
            delle
            persone.vedi sopra.. si si impossessa della mente delle persone perché la paura che sia l'altro a sparare ti fa premere il grilletto senza pensarci troppo
            Tu evidentemente pensi che se avessi una arma in
            mano diventeresti un assassino, quindi proietti
            questa paura sugli altri, e quindi vuoi impedire
            loro di essere armati per
            autodifesa.ma stai scherzando?io non voglio un'arma e non sparerei mai a qualcuno! non voglio neanche averne bisogno!l'autodifesa non è: qualcuno mi attacca -
            io lo ammazzo!se senti un rumore nella tua proprietà esci, vedi qualcosa muoversi e spari questa può essere considerata auto-difesamagari era un ragazzino che ha scavalcato la recinzione per recuperare un palloneuno a cui sto sulle balle mi inizia a prendere a pugni, se ho una pistola secondo te sono autorizzato ad usarla per ucciderlo?
            Salto l'analisi socialogica della criminalità Sud
            Africana degna della patatine
            PAI.finito gli argomenti?
          • painlord2k scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da: danieleMM
            - Scritto da: painlord2k
            ok.. quindi via i coltelli ma si alle pistole no?No, perché ho bisogno dei coltelli per le bistecche e per tagliare le verdure.
            ma fammi il piacere se hai una pistola puntata
            alla testa non muovi un ditoNon muovo un dito, se penso che sia la tattica migliore per sopravvivere.Ma raramente uno ti punta la pistola a distanza ravvicinata e non vuole usarla.Inoltre la cronaca dimostra che uno che reagisce ha più probabilità di sopravvivere di uno che sta li ad aspettare che parta il colpo, in posizione fetale sotto un tavolo.
            se hai un i pugni rivolti contro è tutta un'altra
            storia!Se mi mostra i pugni, posso far finta di nulla, o non reagire. I pugni non si muovono alla stessa velocità delle pallottole.Se li usa, invece, cosa dovrei fare?Farmi ridurre in polpette?
            l'autodifesa non vuol dire: avere una pistolaAutodifesa significa avere i mezzi per respingere una aggressione o per dissuaderla.Il che significa, a volte, avere anche una pistola o un fucile.
            nessuno paragona mani e piedi ad una pistola.. tu
            si c'è qualcosa che non va nel tuo
            ragionamentoDa quando la logica è soggetta alle regole della democrazia.Ti ricordo che Hither è stato eletto democraticamente, e poi ha emanato leggi per requisire le armi della gente (in particolare degli ebrei).La compagnia mi pare esemplare (insieme a Stalin, Mao, e molti altri tiranni).
            a parte l'uso della parola "negri" che è
            offensiva e ti pregherei di
            evitarlaHo, il linguaggio politicamente corretto.E come dovrei chiamarli? "Di colore"? Ma di che colore sono quelli di colore? Negri per caso?Perché sarebbe offensivo dire "negro" ad un "negro"?Hai mai sentito qualche "biondo" lamentarsi perché li chiamano "biondi"?
            non è esatto.. il 20% della popolazione è bianca,Si, lo so, una minoranza ormai perseguitata.Sopratutto fuori dalle città.
            il restante nera composta da varie
            razzeMa chi nomina le razze è "razzista"?
            il risultato?
            adesso la prima cosa che fanno i malviventi è
            uccidere tutti, perché il primo che spara
            sopravviveEvidentemente, loro sono invulnerabili alle pallottole.La realtà è che la società sudafricana è uno società molto violenta, in particolare tra negri e per ragioni di rivalità politiche tra di loro.
            se io voglio rubarti il portafoglio e ho una
            pistola, se so che tu non hai una pistola sto
            molto + calmo e se non fai qualcosa di avventato
            non ti sparoQuindi se uno spara è colpa della vittima che reagisce, invece di subire passivamente?Inoltre, non tieni conto del fatto che un rapinatore che non ha problemi a sparare, spara anche per divertimento, oppure per non lasciare testimoni. A questo non pensavi?Tu affidati pure alla bontà di chi ti rapina, o ti stupra, io non mi ci affido.
            se so che potresti avere una pistola ti sparo
            subito per evitare che possa farlo tuE se avessi un coltello? Che fai?E se sono due volte te?E se sono più svelto e sparo prima io? Oppure sbagli il primo colpo (mica tutti sono Tex)?E ben conosciuto che i criminali temono di più i civili armati che la polizia.
            vedi sopra.. si si impossessa della mente delle
            persone perché la paura che sia l'altro a sparare
            ti fa premere il grilletto senza pensarci
            troppoSe uno si spaventa per questo, non fa il rapinatore a mano armata; in particolare se le vittime sono in grado di difendersi con delle armi da fuoco.Se uno lo fa nonostante le armi da fuoco, probabilmente non da un gran valore alla sua vita e anche alla vita altrui.Quindi sperare che sia "misericordioso" mi pare un delirio.Comunque, i deliri servono a proteggere delle angosce e non sono sbagliati, se non interferiscono con la vita degli altri.
            ma stai scherzando?
            io non voglio un'arma e non sparerei mai a
            qualcuno! non voglio neanche averne
            bisogno!Che tu non voglia, non significa che un giorno non potresti averne bisogno."Non voglio avere bisogno" è una affermazione da bambini delle elementari (almeno ai miei tempi).
            l'autodifesa non è: qualcuno mi attacca -
            io lo
            ammazzo!Infatti.La morte dell'attaccante non è obbligatoria.Va bene anche se lo ferisco, lo metto in fuga, o lo catturo e lo consegno alla polizia.L'obiettivo della autodifesa è di fermare l'aggressione o dissuaderla.Se l'aggressore muore, si ferisce o altro, sono solo fatti suoi.Come sono fatti suoi se uno che va a 300 Km/h in autostrada si ammazza. Nessuno lo oobligava ad andare a quella velocità, anzi è specificatamente proibito.
            se senti un rumore nella tua proprietà esci, vedi
            qualcosa muoversi e spari questa può essere
            considerata auto-difesa

            magari era un ragazzino che ha scavalcato la
            recinzione per recuperare un
            palloneO magari no.Certo che collegare l'autodifesa e lo sparare a casaccio, senza vedere a cosa si spara, la dice lunga sulla logica del tuo discorso.Magari potrebbe venirti in mente che chi ha una pistola di solito identifica il bersaglio prima di sparare. Altrimenti è uno stupido e probabilmente un criminale.
            uno a cui sto sulle balle mi inizia a prendere a
            pugni, se ho una pistola secondo te sono
            autorizzato ad usarla per
            ucciderlo?Se ritieni che la tua vita o la tua integrità fisica sia in pericolo, si.Ma puoi sempre lasciarlo fare e farti ammazzare di pugni (ne potrebbe bastare anche uno, se ben piazzato).Se stessi sulle balle a Tyson o simili, ti lasci prendere a pugni? Controbatti a insulti? Fai a pugni contro di lui?E se sono in 2 o 3?
            finito gli argomenti?Finiti i 7.000 caratteri disponibili per il messaggio.
          • danieleMM scrive:
            Re: Sicurezza

            Ma raramente uno ti punta la pistola a distanza
            ravvicinata e non vuole
            usarla.la parola "coercizione" ti dice niente?
            Inoltre la cronaca dimostra che uno che reagisce
            ha più probabilità di sopravvivere di uno che sta
            li ad aspettare che parta il colpo, in posizione
            fetale sotto un
            tavolo.link prego
            Se li usa [pugni], invece, cosa dovrei fare?
            Farmi ridurre in polpette?ma certo che no! ma neppure sparargli!altrimenti compro un un lancia razzi per far fuori le zanzare quest'estate!se tra tutti quelli che si azzuffano si usasse una pistola ci sarebbero molti più omicidi di quanti non ce ne sono ora
            Autodifesa significa avere i mezzi per respingere
            una aggressione o per
            dissuaderla.
            Il che significa, a volte, avere anche una
            pistola o un
            fucile.autodifesa significa sapersi difendere e sapere cos'è meglio fare in situazioni pericoloseavere una pistola od un fucile non è autodifesa, possedere un'arma in generale non è autodifesa, lo è saperli usare SOLO in situazioni che lo richiedono effettivamente

            nessuno paragona mani e piedi ad una pistola..
            tu

            si c'è qualcosa che non va nel tuo

            ragionamento
            Da quando la logica è soggetta alle regole della
            democrazia.[cut]non tirar fuori cose che non centrano nulla, possedere mani e piedi e possedere una pistola non sono la stessa cosa, non c'è bisogno di spiegarlo!se non ci arrivi hai qualche problema
            Ho, il linguaggio politicamente corretto.
            E come dovrei chiamarli? "Di colore"? Ma di che
            colore sono quelli di colore? Negri per
            caso?Neri, il colore "negro" non esiste..
            Perché sarebbe offensivo dire "negro" ad un
            "negro"?perché è un nero non un negro.perché la parola è stata coniata appositamente per essere offensiva e denigrante nei loro confronti.in inglese è "Nigger", se permetti da "black" c'è una bella differenza.. "negro" è solo l'italianizzazione.è come chiamare "terrone" una persona del sud.provaci e poi mi spieghi tu perché non devi usare la parola "negro" o "terrone"

            non è esatto.. il 20% della popolazione è
            bianca,

            Si, lo so, una minoranza ormai perseguitata.
            Sopratutto fuori dalle città.ma che stai dicendo?

            il restante nera composta da varie

            razze

            Ma chi nomina le razze è "razzista"?per tua informazione i "neri" non sono tutti uguali appartengono a diverse etnie e sono di diverse razze, così come i cinesi sono diversi da noi
            Evidentemente, loro sono invulnerabili alle
            pallottole.? ma che dici ?
            La realtà è che la società sudafricana è uno
            società molto violenta, in particolare tra negri
            e per ragioni di rivalità politiche tra di
            loro.no! tu non sai nulla del Sud Africalì c'è una grossa povertà ed un forte razzismo da parte dei bianchi, alcuni (non tutti) reagiscono con la violenza a questa situazione, sia neri che bianchi, essendo però l'80% neri (ed essendo in genere i + poveri e scherniti) sono quasi sempre neri i delinquenti, statisticanon è questione di politica, è solo la povertà il problema di fondo.
          • painlord2k scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da: danieleMMNon ho tempo per rispondere a tutto, ma a questo ci ciesco

            Perché sarebbe offensivo dire "negro" ad un

            "negro"?
            perché è un nero non un negro.
            perché la parola è stata coniata appositamente
            per essere offensiva e denigrante nei loro
            confronti.
            in inglese è "Nigger", se permetti da "black" c'è
            una bella differenza.. "negro" è solo
            l'italianizzazione.Una balla:http://en.wikipedia.org/wiki/NegroNegro è una parola spagnola/portoghese che significa "nero" ed è passata nel vocabolario inglese da secoli, ormai.
            ma che stai dicendo?La verità?Vediti il numero di emigranti bianchi che c'è stato negli ultimi anni, e il numero di omicidi di bianchi da parte dei negri.E, per tua informazione, l'aparteid è finito da 15 anni ormai. Hanno poco da lamentarsi di essere discriminati.
          • danieleMM scrive:
            Re: Sicurezza

            Quindi se uno spara è colpa della vittima che
            reagisce, invece di subire
            passivamente?o non sai capire quello che leggi o non lo vuoi capiretu vorresti dare a tutti delle armi per "auto-difesa"il SudAfrica è un posto dove è esattamente così, e per questo l'ho preso come esempioli i delinquenti ammazzano, non minacciano. perché come dici tu qui sotto hanno paura che il civile spari prima di loro (visto che hanno tutti una pistola e sanno che il primo che spara sopravvive è molto probabile)quindi dare armi a tutti ha aumentato la sicurezza?se ritieni ancora di si ho finito di risponderti, ti invito a trasferirti là, così avrai il mondo dei tuoi sogni!
            Inoltre, non tieni conto del fatto che un
            rapinatore che non ha problemi a sparare, spara
            anche per divertimento, oppure per non lasciare
            testimoni. A questo non
            pensavi?quelli che sparano per divertimento sono pochi per fortunauna persona che ruba per fortuna spesso non è un assassino, per quanto riguarda i testimoni credo sia meglio lasciarsene indietro uno vivo e rischiare un processo per rapina che ucciderlo e rischiare (se ce ne sono altri o non ci riesci) un processo per [tentato] omicidio.
            Tu affidati pure alla bontà di chi ti rapina, o
            ti stupra, io non mi ci
            affido.non è questione di affidarsi o meno!il punto è che è sbagliato dare a tutti un'arma! per i motivi di cui sopra.ed è comunque meglio perdere qualche soldo ma tenersi la vita che provare a fare gli eroi e rischiare di perderla.inoltre qual'è la probabilità di essere rapinato o stuprato qui in italia? è così alta da giustificare il possesso di un'arma da fuoco?piuttosto meglio avere qualche accorgimento: evitare di andare in giro da soli la notte e così via..

            se so che potresti avere una pistola ti sparo

            subito per evitare che possa farlo tu

            E se avessi un coltello? Che fai?
            E se sono due volte te?

            E se sono più svelto e sparo prima io? Oppure
            sbagli il primo colpo (mica tutti sono
            Tex)?tu hai una concezione del mondo un po' astratta.. smetti di guardarti i film ed esci un po' di casa!in una sparatoria vera nessuno sta lì a mirare, tutti sparano senza guardare e pensano a stare il più riparati possibileil mio esempio era per farti capire che se ti fermi al semaforo in un posto tipo il sud-africa la sera e uno vuole rubarti la macchina si avvicina e ti spara alla testa, non apre la portiera e ti butta fuori (quello lo fa dopo)
            E ben conosciuto che i criminali temono di più i
            civili armati che la
            polizia.vero, e se sapessero che tutti sono armati proprio per questo sparerebbero subito
            Se uno si spaventa per questo, non fa il
            rapinatore a mano armata; in particolare se le
            vittime sono in grado di difendersi con delle
            armi da
            fuoco.i rapinatori hanno spesso molta paura, mai quanta i rapinati ma ne hanno, se poi sapessero che gli altri sono armati ne avrebbero molta di piùe comunque mi riferivo ad un civile con una pistola (visto che tu vuoi l'abbiano tutti)
            Quindi sperare che sia "misericordioso" mi pare
            un
            delirio.non tutte le rapine finiscono con l'omicidio, anzi son poche per fortuna!se tutti reagissero/fossero armati la situazione cambierebbe rapidamente
            Che tu non voglia, non significa che un giorno
            non potresti averne
            bisogno.
            "Non voglio avere bisogno" è una affermazione da
            bambini delle elementari (almeno ai miei
            tempi).nella società attuale non ho bisogno di una pistola.. e questa è una società in cui mi sta bene vivere! in questo senso non voglio averne bisogno, se qui la situazione cambiasse preferirei andarmene altrove, e se non ci saranno più posti "sicuri" allora si potrà riparlarne.
            Infatti.
            La morte dell'attaccante non è obbligatoria.
            Va bene anche se lo ferisco, lo metto in fuga, o
            lo catturo e lo consegno alla
            polizia.quello va bene, ma la cosa migliore e non lasciarci le penne.se cercando di fare tutto quello che dici vieni ammazzato non hai fatto un grande affare.
            L'obiettivo della autodifesa è di fermare
            l'aggressione o
            dissuaderla.
            Se l'aggressore muore, si ferisce o altro, sono
            solo fatti
            suoi.no. ne rispondi come omicidio colposo e dovrai dimostrare che era l'UNICA cosa che potevi fare! e meno male!

            se senti un rumore nella tua proprietà esci,
            vedi

            qualcosa muoversi e spari questa può essere

            considerata auto-difesa



            magari era un ragazzino che ha scavalcato la

            recinzione per recuperare un

            pallone

            O magari no.
            Certo che collegare l'autodifesa e lo sparare a
            casaccio, senza vedere a cosa si spara, la dice
            lunga sulla logica del tuo
            discorso.dando una pistola a tutti è proprio quello che ottieni.
            Magari potrebbe venirti in mente che chi ha una
            pistola di solito identifica il bersaglio prima
            di sparare. Altrimenti è uno stupido e
            probabilmente un
            criminale.o più semplicemente è preso dal panico o dalla paura cose assai + probabili
            Se ritieni che la tua vita o la tua integrità
            fisica sia in pericolo,
            si.
            Ma puoi sempre lasciarlo fare e farti ammazzare
            di pugni (ne potrebbe bastare anche uno, se ben
            piazzato).non sei autorizzato ad uccidere nessuno, tranne nel caso in cui: o la tua vita o la sua. e comunque dovrai dimostrarlo davanti ad un giudice. nessuno è autorizzato ad uccidere nessuno. E fidati avrai un bel da fare a spiegare perché hai ammazzato uno che ti stava "solo" prendendo a pugni.
          • painlord2k scrive:
            Re: Sicurezza
            - Scritto da: danieleMM
            o non sai capire quello che leggi o non lo vuoi
            capire
            tu vorresti dare a tutti delle armi per
            "auto-difesa"
            il SudAfrica è un posto dove è esattamente così,
            e per questo l'ho preso come
            esempioTi viene in mente che in Sud Africa, con o senza armi da fuoco sarebbe lo stesso?Anzi, senza, i criminali potrebbero vivere meglio, perché attaccano solo vittime disarmate.Se sono tutti armati, anche i criminali rischiano la pelle.
            li i delinquenti ammazzano, non minacciano.E se uno non vuole sottostare alle minacce?Se a te piace o preferisci cedere alle minacce, questo dice molto di quello che sei. E non in bene.
            perché come dici tu qui sotto hanno paura che il
            civile spari prima di loro (visto che hanno tutti
            una pistola e sanno che il primo che spara
            sopravvive è molto
            probabile)

            quindi dare armi a tutti ha aumentato la
            sicurezza?Di certo non l'ha diminuita.Ricordo che c'erano problemi tra i negri anche quando i bianchi erano al potere.Adesso sono al potere i negri e le cose sono pure peggiorate.
            se ritieni ancora di si ho finito di risponderti,
            ti invito a trasferirti là, così avrai il mondo
            dei tuoi sogni!Preferisco il Texas o l'Arizona.
            quelli che sparano per divertimento sono pochi
            per fortuna....E tu affidati con la fortuna.Io preferisco affidarmi ad altro.

            Tu affidati pure alla bontà di chi ti rapina, o

            ti stupra, io non mi ci

            affido.
            non è questione di affidarsi o meno!NO?Hai detto che dipende dalla fortuna di trovare il rapinatore buono o lo stupratore buono.
            il punto è che è sbagliato dare a tutti un'arma!Chi non lo vuole, può sempre rifiutarla.Anzi, proporrei che chi ha un'arma porti un simbolo visibile, così i rapinatori possono andare a rapinare quelli disarmati.Questo ti va bene?
            per i motivi di cui
            sopra.Gente come te rende la vita facile a mafiosi, camorristi, estremisti politici e tiranni vari.Prova ad andare sulla Wikipedia in inglese e cerca la "battle of Sparta" (Sparta in USA).
            ed è comunque meglio perdere qualche soldo ma
            tenersi la vita che provare a fare gli eroi e
            rischiare di perderla.Meglio far fuori il rapinatore, o ferirlo, o catturarlo, che lascialo andare in giro a rapinare ancora.Se tutti fossero armati e pronti a difendersi, un rapinatore o un assassino farebbe una carriera breve.
            inoltre qual'è la probabilità di essere rapinato
            o stuprato qui in italia? è così alta da
            giustificare il possesso di un'arma da
            fuoco?Il possesso è giustificabile con molto meno.Il porto d'armi è molto più esigente.Ed è per quello che io mi batto. Perché venga liberalizzato a tutti quelli in grado di portarle.
            piuttosto meglio avere qualche accorgimento:
            evitare di andare in giro da soli la notte e così
            via..E che ci fai, in due o tre, se uno ha una pistola e vi rapina.Tremate all'unisono?O fate il 3x2?
            tu hai una concezione del mondo un po' astratta..Tu no, invece.
            smetti di guardarti i film ed esci un po' di
            casa!Ma che ne sai tu, di quanto esco di casa?Io, invece, credo che sei uno che ha vissuto solo tra casa, e scuola, forse l'ufficio.E mai in situazioni pericolose e violente.
            in una sparatoria vera nessuno sta lì a mirare,
            tutti sparano senza guardare e pensano a stare il
            più riparati possibileAppunto.E difficile fare centro in quelle condizioni.Una sparatoria, di norma, dura 10 secondi (alla grande).Mentre, se uno sa di sicuro che il bersaglio è disarmato, può sparare con calma.
            vero, e se sapessero che tutti sono armati
            proprio per questo sparerebbero
            subitoSempre se fanno in tempo.Perché per sparare devi tirare fuori la pistola.E se uno la tira fuori, diventa un bersaglio mobile. E, ti ripeto, raramente si fa centro al primo colpo, e spesso non basta.C'è gente, in Iraq, che si è presa 5 colpi di M16 e ancora attaccava i soldati con un kalashnikov.
            i rapinatori hanno spesso molta paura, mai quanta
            i rapinati ma ne hanno, se poi sapessero che gli
            altri sono armati ne avrebbero molta di
            piùMa qualcuno li obbliga a fare i rapinatori?Non è che possono cambiare mestiere, se hanno paura?
            non tutte le rapine finiscono con l'omicidio,
            anzi son poche per fortuna!Spera che non ti capiti il rapinatore incazzato, spaventato o sadico, allora.
            se tutti reagissero/fossero armati la situazione
            cambierebbe rapidamenteLa mortalità tra i rapinatori salirebbe alle stelle. E, dato che sono in numero irrisorio rispetto alla popolazione, il numero di rapine crollerebbe, insieme alle vittime.Come dimostrano le statistiche in USA, dove più sono le armi legali, meno crimini violenti ci sono.
            quello va bene, ma la cosa migliore e non
            lasciarci le penne.Nessuno ti obbliga a usare l'arma, oppure ad averla.Tu rischia disarmato, io rischio armato (se potessi).Ma non hai il diritto di vietare a me di avere un'arma, per correre (forse) meno rischi tu.In UK hanno ridotto la diffusione delle armi legali tra la popolazione. E da allora la criminalità è cresciuta a dismisura.Ma forse è un caso.
            se cercando di fare tutto quello che dici vieni
            ammazzato non hai fatto un grande affare.Affari miei.Tu fai come credi, io faccio come credo.
            no. ne rispondi come omicidio colposo e dovrai
            dimostrare che era l'UNICA cosa che potevi fare!
            e meno male!Ristudiati la legge, che è cambiata.E, comunque, sarebbe una vergogna dover rispondere di una simile accusa, se ci si è solo difesi da una aggressione.
            dando una pistola a tutti è proprio quello che
            ottieni.Credi che la gente comune sia davvero così idiota?Io ho più fiducia nella gente di quanta ne abbia tu.E nei criminali che non ho molta fiducia, ma tu si.
            o più semplicemente è preso dal panico o dalla
            paura cose assai + probabiliPanico e paura per che cosa?
            non sei autorizzato ad uccidere nessuno, tranne
            nel caso in cui: o la tua vita o la sua.Basta che tu abbia la ragionevole certezza della cosa.
            e comunque dovrai dimostrarlo davanti ad un
            giudice. nessuno è autorizzato ad uccidere
            nessuno. E fidati avrai un bel da fare a spiegare
            perché hai ammazzato uno che ti stava "solo"
            prendendo a pugni.Dipende dai lividi che hai addosso.E, comunque, se hai reso visibile la pistola all'aggressore, e quello ti aggredisce lo stesso, io considero le sue intenzioni omicide.Altrimenti, perché rischierebbe di aggredirmi lo stesso, se sono armato?
  • Anonimo scrive:
    Polizia nel campus
    Per me è già abbastanza assurdo che nei campus americani ci sia una stazione di polizia con una macchina sempre di ronda...L'ho visto sia alla UCSD (University of California, San Diego) che alla UGA (University of Georgia Athens).Quando ho chiesto la motivazione, mi hanno detto che i campus sono grandi, sono accessibili da tutti, gli studenti dormono dentro , etc...Però... I paesi non democratici vedono spesso le università come pericolose... Un "male" necessario per la vita economica, ma da tenere sotto controllo.Paolo
    • Anonimo scrive:
      Re: Polizia nel campus
      - Scritto da:
      Per me è già abbastanza assurdo che nei campus
      americani ci sia una stazione di polizia con una
      macchina sempre di
      ronda...
      L'ho visto sia alla UCSD (University of
      California, San Diego) che alla UGA (University
      of Georgia
      Athens).
      Quando ho chiesto la motivazione, mi hanno detto
      che i campus sono grandi, sono accessibili da
      tutti, gli studenti dormono dentro ,
      etc...
      Però...
      I paesi non democratici vedono spesso le
      università come pericolose... Un "male"
      necessario per la vita economica, ma da tenere
      sotto
      controllo.
      PaoloI campus sono enormi talvota, grandi come piccoli paesi. Poichè la mamma degli imbecilli esiste ovunque, i campus non fanno l'eccezione!
  • Anonimo scrive:
    Siamo sicuri...
    ... di voler prendere come modello l'America ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo sicuri...
      - Scritto da:
      ... di voler prendere come modello l'America ?e' il mio modello di cosa dobbiamo evitare; il salvabile dell'emerica si restringe sempre di piu' e se vai a studiare la storia forse non e' mai esistito, ce l osiamo inventato noi per invidia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo sicuri...
      - Scritto da:
      ... di voler prendere come modello l'America ?Perché noi siamo messi meglio di loro?
      • Anonimo scrive:
        Re: Siamo sicuri...
        Si. Non saremo messi bene, ma meglio di loro sicuramente.
      • danieleMM scrive:
        Re: Siamo sicuri...

        Perché noi siamo messi meglio di loro?e lo chiedi pure?tanto per cominciare: se non hai un'assicurazione (e quindi un bel po' di soldi) non ti curano negli ospedali..e già solo per questo lo ritengo un paese meno civile del nostroti risulta che qui in Italia ci sia la criminalità che c'è là in america?oh che ci sia un presidente che può arrestare qualcuno senza giusta causa solo perché ritenuto "contro la nazione" (valutazione prettamente soggettiva) e che questo non abbia il diritto di avere un processo?potrei andare avanti.. forse è ora che la smetti di immaginare un'america come quella che vedi nei film e vai a leggerti un po' cos'è questo paese...se noi non stiamo messi benissimo, là stanno molto peggio
  • pentolino scrive:
    La nostra informazione via web
    Farei notare che ne' su TgCom ne' su repubblica.it c'è alcun accenno alla vicenda, però quando si tratta di sparare a zero su Rule of Rose (o come cacchio si chiama quella ciofeca di gioco dove la bambina viene seppellita viva...) sono tutti in prima fila. Secondo me è molto più diseducativo questo episodio che non uno stupido videogioco (intendo quello che ho citato, io Civilization me lo tengo stretto!)...A me quello che sta succedendo negli ultimi anni mi ricorda qualcosa successa nel secolo scorso, sarà per il fatto che uno dei simboli degli Stati Uniti è un aquila?Preoccupante, davvero preoccupante...
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: La nostra informazione via web

      Farei notare che ne' su TgCom ne' su
      repubblica.it c'è alcun accenno alla vicenda
      [...]A me il mondo che appare leggendo PI e quello che traspare dai giornali e dai TG non sembrano nemmeno lontanamente lo stesso.
    • Anonimo scrive:
      Re: La nostra informazione via web
      Vi é mai passato per l'anticamera del cervello che, magari...... NON INTERESSA A NESSUNO?!
      • Anonimo scrive:
        Re: La nostra informazione via web
        - Scritto da:
        Vi é mai passato per l'anticamera del cervello
        che,
        magari...

        ... NON INTERESSA A NESSUNO?!A me interessa, e se non l'avessi letto qui avrei perso questa notizia
  • Anonimo scrive:
    ma scusate
    Dopo una scarica di taser per alcuni minuti è impossibile alzarsi in piedi; i 2 poliziotti invece glie lo chiedono continuamente, e gli danno altre scariche perchè non esegue l'ordine, peggiorando sempre di più la situazione.Sono i due polizziotti che non sanno quello che stanno facendo!
    • Anonimo scrive:
      Re: ma scusate
      - Scritto da:
      Dopo una scarica di taser per alcuni minuti è
      impossibile alzarsi in piedi; i 2 poliziotti
      invece glie lo chiedono continuamente, e gli
      danno altre scariche perchè non esegue l'ordine,
      peggiorando sempre di più la
      situazione.
      Sono i due polizziotti che non sanno quello che
      stanno facendo!Lo sanno lo sanno....
      • Anonimo scrive:
        Re: ma scusate
        Quoto. Purtroppo lo sanno e continuano a fare quello che più sembra divertirli.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma scusate
          - Scritto da:
          Quoto. Purtroppo lo sanno e continuano a fare
          quello che più sembra
          divertirli.Vi dirò, queste cose non mi impietosiscono affatto.Ci sono le cariche alla polizia e ci sono le bastonate ai singoli da parte della polizia.Io ci trovo tutto un nesso...
        • Anonimo scrive:
          Re: ma scusate
          sono come i nazisti
    • Anonimo scrive:
      Re: ma scusate
      - Scritto da:
      Dopo una scarica di taser per alcuni minuti è
      impossibile alzarsi in piedi; i 2 poliziotti
      invece glie lo chiedono continuamente, e gli
      danno altre scariche perchè non esegue l'ordine,
      peggiorando sempre di più la
      situazione.
      Sono i due polizziotti che non sanno quello che
      stanno
      facendo!I poliziotti con una z sanno del taser più di te: sanno che è un'arma estremamente "leggera", ma tutto va proporzionato all'intervento da effettuare, e la loro forma mentis abituata al crimine vero porta ad eccessi di violenza dove basterebbero le parole. La situazione del video appare decisamente un abuso, e il taser è inappropriato e sproporzionato, e hanno pure insistito.Per capirci, lui non si alzava perchè aveva ancora effetti dalle varie scariche, sì, ma anche per lo shock, la prostrazione psicologica, una condivisibile resistenza passiva. Al contrario, un criminale incallito, ben piazzato fisicamente, può saltarti al collo ed ucciderti nell'istante in cui smette la scarica! Prima del taser le "pistole immobilizzanti" (e in casi limiti il taser stesso) non fermavano e non fermano il delinquente nemmeno durante la scarica stessa!Per questo in genere i poliziotti, quando ottengono il taser in dotazione, lo provano su se stessi, facendo sfide a resistere e scherzandoci su. Per questo hanno sottovalutato l'effetto prevalentemente psicologico del taser usato per prevaricare uno che non aveva un documento. Altrimenti ben venga il taser, se usato correttamente.L'addestramento della polizia deve essere portato a distinguere meglio tra delinquenti e cittadini che si oppongono, ma questo non riguarda il taser. Preferite il vecchio manganello?
  • Anonimo scrive:
    Pienamente d'accordo
    La "sicurezza" serve per evitare che teste calde e stronzetti di varia natura possano nuocere ai frequentatori della scuola. Considerando il clima non proprio tranquillo che si vive negli States, tra attentati e scalmanati, è giustificato un intervento preventivo quando ne si palesa la necessità. Non farsi riconoscere e pretendere di accedere alle strutture di un campus è una scelta assai azzardata, perseverando se ne devono accettare le conseguenze. Se non proprio ottuso, lo studente in questione ha imparato una lezione importante forse non contemplata nel piano di studi: se è propria natura farlo, ha scelto il posto sbagliato per fare il "fesso".
    • Anonimo scrive:
      Re: Pienamente d'accordo
      - Scritto da:
      La "sicurezza" serve per evitare che teste calde
      e stronzetti di varia natura possano nuocere ai
      frequentatori della scuola. Considerando il clima
      non proprio tranquillo che si vive negli States,
      tra attentati e scalmanati, è giustificato un
      intervento preventivo quando ne si palesa la
      necessità. Non farsi riconoscere e pretendere di
      accedere alle strutture di un campus è una scelta
      assai azzardata, perseverando se ne devono
      accettare le conseguenze. Se non proprio ottuso,
      lo studente in questione ha imparato una lezione
      importante forse non contemplata nel piano di
      studi: se è propria natura farlo, ha scelto il
      posto sbagliato per fare il
      "fesso".Si ok, chi sbaglia paga ma ci sono modi e modi per farla pagare. Mi pieghi perchè pretendevano che si alzasse subito e visto che non lo faceva gli "sparavano" altre scariche?Se non lo hai capito, quella è pura tortura perchè una scarica di quelle pistole ti stordisce per qualche minuto! Pretendere che dopo qualche secondo tu sia abile di fare quello che ti dicono è pura follia.Se volevano fare il loro dovere e visto che erano in 3 o più lo prendevano di peso e lo portavano fuori dall'edificio. Ma si vede che si divertono ad usare i loro gingilli spara volt; vuoi mettere il gusto di torturare una persona e sentirla urlare per il dolore!!Dimenticavo, mi raccomando non fare "fesserie" anche te; si sà mai che anche a te dispensino volt "educativi".
    • Anonimo scrive:
      Re: Pienamente d'accordo
      Ma perpiacere, vorrei vedere se capitasse a te, quello studente non ha ferito nessuno e non ha messo le mani addosso a nessuno. Ti piacerebbe prendere una scarica da 50000 Volt solo perchè protesti?
      • Anonimo scrive:
        Re: Pienamente d'accordo
        A me non capita. Se qualcuno in divisa mi dice di girare i tacchi non sto a tergiversare. Così come non lancio sassi contro camionette dei carabinieri. Girare i tacchi e marsh. Si evitano un sacco di guai, di solito...
        • Anonimo scrive:
          Re: Pienamente d'accordo
          - Scritto da:
          A me non capita. Se qualcuno in divisa mi dice di
          girare i tacchi non sto a tergiversare. Così come
          non lancio sassi contro camionette dei
          carabinieri. Girare i tacchi e marsh. Si evitano
          un sacco di guai, di
          solito...guisto, e quando arriva la finanza passi la busta e taci...
        • Anonimo scrive:
          Re: Pienamente d'accordo
          - Scritto da:
          A me non capita. Se qualcuno in divisa mi dice di
          girare i tacchi non sto a tergiversare. Così come
          non lancio sassi contro camionette dei
          carabinieri. Girare i tacchi e marsh. Si evitano
          un sacco di guai, di
          solito...ma se sai di essere in ragione lo fai lo stesso?
          • Anonimo scrive:
            Re: Pienamente d'accordo
            Nel caso specifico la ragione me la da il documento di riconoscimento richiesto per accedere alla struttura. Non avendolo, anche se fossi il rettore della scuola girerei i tacchi e tornerei con quanto richiesto. Nel rispetto degli altri che come me per accedere hanno presentato il relativo "passi".
          • Anonimo scrive:
            Re: Pienamente d'accordo
            Spero che tuo figlio un gioco si dimentichi a casa la patente, piuttosto che la carta di identità, e quel giorno venga fermato e torturato da un gruppo di agenti della polizia perché la sua dimenticanza è abbastanza grave da farglielo meritare...secondo te.Vuoi i complimenti perché sei un grande uomo che rispetta sempre la legge? Non interessa a nessuno cosa avrebbe dovuto fare il ragazzo in questione, quello che interessa è che è stato ingiustamente aggredito e al posto di quella persona potrebbero esserci migliaia di altri studenti che si sarebbero comportati in modo simile. Dal dialogo nel video si capisce che il polizziotto ha intimato al ragazzo di alzarsi, lui gli ha detto di aspettare un momento (non si sa il motivo, se venissero da me in università vorrei almeno avere il tempo di raccogliere le mie cose no?), il polizziotto lo ha preso per un braccio per trascinarlo via e il ragazzo ha detto "non ha il diritto di toccarmi". In tutta risposta il polizziotto lo ha scaricato con una pistola elettrica...è un'aggressione gratuita nei confronti dello studente, che non ha reagito nè aggredito nessuno. Ci sono 1000 aspetti da analizzare in questa vicenda, ma nemmeno uno di questi dà ragione al comportamento del polizziotto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pienamente d'accordo
            - Scritto da:
            Spero che tuo figlio un gioco si dimentichi a
            casa la patente, piuttosto che la carta di
            identità, e quel giorno venga fermato e torturato
            da un gruppo di agenti della polizia perché la
            sua dimenticanza è abbastanza grave da farglielo
            meritare...secondo
            te.

            Vuoi i complimenti perché sei un grande uomo che
            rispetta sempre la legge? Non interessa a nessuno
            cosa avrebbe dovuto fare il ragazzo in questione,
            quello che interessa è che è stato ingiustamente
            aggredito e al posto di quella persona potrebbero
            esserci migliaia di altri studenti che si
            sarebbero comportati in modo simile.


            Dal dialogo nel video si capisce che il
            polizziotto ha intimato al ragazzo di alzarsi,
            lui gli ha detto di aspettare un momento (non si
            sa il motivo, se venissero da me in università
            vorrei almeno avere il tempo di raccogliere le
            mie cose no?), il polizziotto lo ha preso per un
            braccio per trascinarlo via e il ragazzo ha detto
            "non ha il diritto di toccarmi". In tutta
            risposta il polizziotto lo ha scaricato con una
            pistola elettrica...è un'aggressione gratuita nei
            confronti dello studente, che non ha reagito nè
            aggredito nessuno. Ci sono 1000 aspetti da
            analizzare in questa vicenda, ma nemmeno uno di
            questi dà ragione al comportamento del
            polizziotto.Tu hai le travveggole secondo me!E che mi dici quando caricano la polizia solo perché avevano chiesto i documenti a qualcuno di Scampia?
          • Anonimo scrive:
            Re: Pienamente d'accordo

            Tu hai le travveggole secondo me!
            E che mi dici quando caricano la polizia solo
            perché avevano chiesto i documenti a qualcuno di
            Scampia?Beh basta leggere il sito del giornale della UCLA che ho linkato qui:http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1766823&id=1764597i fatti ora li conosco e direi proprio che erano molto più simili a come li ho descritti io rispetto a come li immagini tu.
          • outkid scrive:
            Re: Pienamente d'accordo
            che la polizia sta facendo il lavoro, rischioso, per cui viene pagata, ne piu' ne meno di chi rischia la vita salendo sull'impalcatura di un cantiere.
            Tu hai le travveggole secondo me!
            E che mi dici quando caricano la polizia solo
            perché avevano chiesto i documenti a qualcuno di
            Scampia?
        • Anonimo scrive:
          Re: Pienamente d'accordo
          - Scritto da:
          A me non capita. Se qualcuno in divisa mi dice di
          girare i tacchi non sto a tergiversare.Ti devi solo vergognare allora: sei un servo. Vite come la tua non sono degne di essere vissute.
    • Angelone scrive:
      Re: Pienamente d'accordo
      Al posto di andare a cacciare i malviventi se la prendono con degli indifesi universitari.Quando inizieranno a menare agli asili perchè il tale ha rubato il leccalecca al compagno?(grave atto di terrorismo) ormai manca poco
      • Anonimo scrive:
        Re: Pienamente d'accordo
        - Scritto da: Angelone
        Al posto di andare a cacciare i malviventi se la
        prendono con degli indifesi
        universitari.

        Quando inizieranno a menare agli asili perchè il
        tale ha rubato il leccalecca al compagno?(grave
        atto di terrorismo) ormai manca
        pocoBisogna vedere se quello era un povero indifeso un bullo di quelli odiosi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pienamente d'accordo
      - Scritto da:
      La "sicurezza" serve per evitare che teste caldeLa sicurezza è entrare all'università senza dover lasciare le impronte digitali e rischiare ammanettamenti. La sicurezza è vivere la quotidianità in piena libertà. Queste reazioni sono il rigurgito di una nazione impazzita, che vive nel terrore e si avvicina pericolosamente ad una conduzione della cosa pubblica alla 1984.Olmo
      • danieleMM scrive:
        Re: Pienamente d'accordo

        La sicurezza è entrare all'università senza dover
        lasciare le impronte digitali e rischiare
        ammanettamenti. La sicurezza è vivere la
        quotidianità in piena libertà. Queste reazioni
        sono il rigurgito di una nazione impazzita, che
        vive nel terrore e si avvicina pericolosamente ad
        una conduzione della cosa pubblica alla
        1984.

        Olmolascia stare, questa è gente che pensa la sicurezza sia il possesso di un'arma da fuoco, e non capisce che se ce l'hanno tutti non si sta mai sicuri
  • Anonimo scrive:
    link al video?
    non mi parte il video embeddato qui :pqualcuno ha mica il link diretto a youtube?
  • Anonimo scrive:
    Fascisti
    Ecco cosa succederà anche in Italia se continueremo a sdoganare i fascisti (da Fini a Forza Nuova)... ricordiamoci Genova e ringraziamo Dio per aver mandato all'opposizione questi fanatici.Comunque bei vigliacchetti anche i colleghi studenti. E' un esperimento impossibile ma sarebbe interessante vedere quali reazioni potrebbero avere i nostri studenti se accadesse lo stesso episodio in una facoltà italiana. Il '77 è lontano ma mi rifiuto di credere che nessuno passerebbe alle vie di fatto per salvare un collega dalla tortura (è la parola giusta?).P.S. in California stanno fuori di testa... Crash l'Oscar si è ben meritato l'Oscar.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fascisti
      - Scritto da:
      Ecco cosa succederà anche in Italia se
      continueremo a sdoganare i fascisti (da Fini a
      Forza Nuova)... ricordiamoci Genova e ringraziamo
      Dio per aver mandato all'opposizione questi
      fanatici.In effetti come dubitare che sia meglio farsi pestare dagli autonomi.E ringraziamo Dio...
      P.S. in California stanno fuori di testa... Crash
      l'Oscar si è ben meritato l'Oscar.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fascisti
      eh già... voterò anche io mortadella il prossimo anno... visto che i soldi se li mangia tutti lui il prossimo anno organizzo la "spesa sociale" al supermercato...entro, metto nel carrello ed esco senza pagare, per protesta contro il sistema... se lo fa Caruso perchè non posso farlo io?ma va la, nasconditi
      • Anonimo scrive:
        Re: Fascisti
        - Scritto da:
        eh già... voterò anche io mortadella il prossimo
        anno... visto che i soldi se li mangia tutti lui
        il prossimo anno organizzo la "spesa sociale" al
        supermercato...

        entro, metto nel carrello ed esco senza pagare,
        per protesta contro il sistema... se lo fa Caruso
        perchè non posso farlo
        io?

        ma va la, nasconditiEcco un esempio del fascismo che impera anche nel nostro paese: argomenti confusi, fritto misto di cazzate che non c'entrano niente con la questione e per finire un invito ad andare a quel paese. Per fortuna che questi fasci sono cosi' intellettualmente e moralmente inferiori che si ammazzano tra di loro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fascisti

      Il '77 è lontano ma mi rifiuto di credere che
      nessuno passerebbe alle vie di fatto per salvare
      un collega dalla tortura (è la parola
      giusta?).In effetti ha lasciato perplesso anche me che questo si sia svolto sotto gli occhi di tutti con poche proteste;me lo sono spiegato pensando che essendo un caso del genere poco frequente gli altri studenti non abbiano afferrato subito la situazione e si siano trovati alquanto spiazzati, e quelli che volevano protestare erano pochi contro ad un gruppi di poliziotti; se cosi' e' questa vicenda avra' parecchi strascichi;dovesse accadere in italia e lo studente contestato e' una faccia comune conosciuta dagli altri studenti e' facile che in alcune iniversita' possa venire fuori un putiferio, ma fortunatamente le nostre forze dell'ordine non sono come quelle del filmato, quindi e' molto difficile che accada.Negli Usa con il clima creato da Bush ci dovremo abituare ai soprusi che diventeranno la normalita' "in nome della sicurezza" , l'arma che da sempre Bush sbandiera per per imporre il suo operato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fascisti
      - Scritto da:
      Ecco cosa succederà anche in Italia se
      continueremo a sdoganare i fascisti (da Fini a
      Forza Nuova)... antico
      ricordiamoci Genova per esempio? le persone che lanciano gli estintori contro le auto della polizia e poi si lamentano se le prendono? i black block che sfasciano le città stile: dove passa attila non cresce più l'erba?
      e ringraziamo
      Dio per aver mandato all'opposizione questi
      fanatici.tranqui, il mortatella sta facendo di tutto per non essere mai più rielettoil governo attuale sta dimostrando che non è assolutamente capace di governare, primo perchè pensano sempre e comunque agli interessi loro e dei loro collegati (perchè secondo te non fanno mai una legge sul conflitto di interessi? perchè ce l'hanno tutti gli interessi! e da qui non si esce), secondo perchè ci sono posizioni nettamente contrarie fra l'estrema sinistra stalinista (che vuola bolire la proprietà privata bhuauhauhauha) e i cattocomunisti al centro, passando per tutto l'arcobaleno dei partiti, terzo perchè la gente non è certo disposta a fasselo mettere nel sedere ancora dopo che è già sotterrata di tasse.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fascisti
        - Scritto da:
        terzo perchè la gente non è certo disposta a
        fasselo mettere nel sedere ancora dopo che è già
        sotterrata di
        tasse.le pagassero almeno, ste benedette tasse
      • Anonimo scrive:
        Re: Fascisti


        ricordiamoci Genova
        per esempio? le persone che lanciano gli
        estintori contro le auto della polizia e poi si
        lamentano se le prendono? Io a Genova ci sono stato e ti garantisco che gli sbirri hanno fatto di tutto per fare inferocire i manifestanti, anche più pacifisti, come io sono. Come? Semplice, caricandoci in continuazione, anche se non facevamo nulla.Semplicemente sfilavamo ed ecco che ci sguinzagliavano contro mastini inferociti armati di manganello. Ci hanno assaltato e malmenato nei nostri dormitori e quando ci hanno arrestato ci hanno usato violenza fisica e psicologica.
        i black block che sfasciano le città stile: dove passa attila non cresce più l'erba?Ma chi? I black block che sono stati visti entrare e uscire dalla questura?Ma vai a casa va là, che vuoi fare l'informato che non sai una mazza.Pollo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Fascisti
          - Scritto da:



          ricordiamoci Genova


          per esempio? le persone che lanciano gli

          estintori contro le auto della polizia e poi si

          lamentano se le prendono?

          Io a Genova ci sono stato e ti garantisco che gli
          sbirri hanno fatto di tutto per fare inferocire i
          manifestanti, anche più pacifisti, come io sono.
          Come? Semplice, caricandoci in continuazione,
          anche se non facevamo
          nulla.
          Semplicemente sfilavamo ed ecco che ci
          sguinzagliavano contro mastini inferociti armati
          di manganello. Ci hanno assaltato e malmenato nei
          nostri dormitori e quando ci hanno arrestato ci
          hanno usato violenza fisica e
          psicologica.Mah... chissà com'è che non ti credo...


          i black block che sfasciano le città stile:
          dove passa attila non cresce più
          l'erba?

          Ma chi? I black block che sono stati visti
          entrare e uscire dalla
          questura?Certo certo...
          Ma vai a casa va là, che vuoi fare l'informato
          che non sai una
          mazza.Tu dove ti informi? Al Centro Sociale Okkupato coi ciclostile?
          Pollo.Bel nome, piacere... Mario
          • Anonimo scrive:
            Re: Fascisti
            - Scritto da:

            - Scritto da:





            ricordiamoci Genova




            per esempio? le persone che lanciano gli


            estintori contro le auto della polizia e poi
            si


            lamentano se le prendono?



            Io a Genova ci sono stato e ti garantisco che
            gli

            sbirri hanno fatto di tutto per fare inferocire
            i

            manifestanti, anche più pacifisti, come io sono.

            Come? Semplice, caricandoci in continuazione,

            anche se non facevamo

            nulla.

            Semplicemente sfilavamo ed ecco che ci

            sguinzagliavano contro mastini inferociti armati

            di manganello. Ci hanno assaltato e malmenato
            nei

            nostri dormitori e quando ci hanno arrestato ci

            hanno usato violenza fisica e

            psicologica.


            Mah... chissà com'è che non ti credo...Ovvio. Tu credi solo a quello che ti dice Emilio Fede: sei lobotomizzato, sei come un cane addestrato a riconoscere solo il fischietto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fascisti
            Troppo poche ve ne hanno date (altrimenti non saresti qui a dir put*anate).Mano libera alle forze dell'ordine!
        • Anonimo scrive:
          Re: Fascisti
          - Scritto da:



          ricordiamoci Genova


          per esempio? le persone che lanciano gli

          estintori contro le auto della polizia e poi si

          lamentano se le prendono?

          Io a Genova ci sono stato e ti garantisco che gli
          sbirri hanno fatto di tutto per fare inferocire i
          manifestanti, anche più pacifisti, come io sono.
          Come? Semplice, caricandoci in continuazione,
          anche se non facevamo
          nulla.
          Semplicemente sfilavamo ed ecco che ci
          sguinzagliavano contro mastini inferociti armati
          di manganello. Ci hanno assaltato e malmenato nei
          nostri dormitori e quando ci hanno arrestato ci
          hanno usato violenza fisica e
          psicologica.


          i black block che sfasciano le città stile:
          dove passa attila non cresce più
          l'erba?

          Ma chi? I black block che sono stati visti
          entrare e uscire dalla
          questura?
          Ma vai a casa va là, che vuoi fare l'informato
          che non sai una
          mazza.
          Pollo.
          com'è che, visto che non stavate facendo nulla, avete sentito l'esigenza di coprivirvi il volto in modo da non farvi riconoscere????
    • Anonimo scrive:
      Re: Fascisti
      Hai postato alle 2:47 ... basta questo per capire che persona sei!Trovati un lavoro fesso!
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Fascisti

      Il '77 è lontano ma mi rifiuto di credere che
      nessuno passerebbe alle vie di fatto per salvare
      un collega dalla tortura (è la parola
      giusta?).Dalle risposte a questo post parrebbe che una parte applaudirebbe la polizia che fa il suo dovere contro un pericoloso anarco-insurrezionalista, mentre il resto commenta tra sé e sé "COOL...!" perché crede che sia uno spot.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fascisti
        - Scritto da: Gatto Selvaggio
        Dalle risposte a questo post parrebbe che una
        parte applaudirebbe la polizia che fa il suo
        dovere contro un pericoloso
        anarco-insurrezionalista, mentre il resto
        commenta tra sé e sé "COOL...!" perché crede che
        sia uno
        spot.E poi c'e' il sociologo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna!!!
      - Scritto da:
      Ecco cosa succederà anche in Italia se
      continueremo a sdoganare i fascisti (da Fini a
      Forza Nuova)... ricordiamoci Genova e ringraziamo
      Dio per aver mandato all'opposizione questi
      fanatici.
      Comunque bei vigliacchetti anche i colleghi
      studenti. E' un esperimento impossibile ma
      sarebbe interessante vedere quali reazioni
      potrebbero avere i nostri studenti se accadesse
      lo stesso episodio in una facoltà italiana.

      Il '77 è lontano ma mi rifiuto di credere che
      nessuno passerebbe alle vie di fatto per salvare
      un collega dalla tortura (è la parola
      giusta?).
      P.S. in California stanno fuori di testa... Crash
      l'Oscar si è ben meritato l'Oscar.
      Sono queste parole di democrazia? Ma come ti permetti di equiparare la realta' italiana con un fatto capitato in america? Se dio vuole questo stato si fonda sulla democrazia come principio fondamentale e non gia' sull'antifascismo che ha fornito l'alibi per gravissimi abusi di potere nel corso di 60 anni di repubblica.Se mi vuoi dare una sana lezione di democrazia e tolleranza comincia ad accettare chi non la pensa come te perche' il fascista come il comunista in democrazia hanno gli stessi diritti e doveri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fascisti
      Peccato che in Italia non venga usato contro gli amici "10-100-1000-Nassiryia": mi piacerebbe vederli saltare un po'... Cosi' imparerebbero cosa significhi educazione.
  • Anonimo scrive:
    privatizzare
    anche l'esercito gia che ci siamoda leggere con attenzione ***** (e la parolaccia quindi)hanno aggredito uno studente con il taser in dotazione dopoché questo aveva protestato per essere stato preso per un braccio mentre veniva scortato al di fuori dell'edificio. Non aveva infatti con sé l'ID che tutti gli studenti devono portarsi dietro ed era quindi stato invitato ad uscire dal campus, cosa che non ha fatto con la necessaria rapidità.i due poliziotti responsabili dell'evento minacciavano gli altri studenti che protestavano, suggerendo di non avvicinarsi troppo se non volevano prendersi una scossa anche loro.mi limito a dire cosa farei a certa gente e sufficiente ricordarsi pulp fictions
    • Anonimo scrive:
      Re: privatizzare

      mi limito a dire cosa farei a certa gente e
      sufficiente ricordarsi pulp
      fictionsVorresti aiutarli a disfarsi di cadaveri e a pulire dalle macchie di sangue?Sei generoso.
      • Anonimo scrive:
        Re: privatizzare
        - Scritto da:

        mi limito a dire cosa farei a certa gente e

        sufficiente ricordarsi pulp

        fictions

        Vorresti aiutarli a disfarsi di cadaveri e a
        pulire dalle macchie di
        sangue?
        Sei generoso.No si riferiva alla simpatica ritorsione di Macellus Wallace contro il tipo che lo ha inculato nello scantinato...
        • Anonimo scrive:
          Re: privatizzare
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          mi limito a dire cosa farei a certa gente e


          sufficiente ricordarsi pulp


          fictions



          Vorresti aiutarli a disfarsi di cadaveri e a

          pulire dalle macchie di

          sangue?

          Sei generoso.

          No si riferiva alla simpatica ritorsione di
          Macellus Wallace contro il tipo che lo ha
          inculato nello
          scantinato...no, si riferiva al rasoio
  • Anonimo scrive:
    I poliziotti hanno fatto il loro dovere!
    Con le leggi antiterrorismo e il Patriot Act quella era la procedura, colpa dello studente che ha fatto resistenza invece di abbandonare subito il campus.
    • mr_setter scrive:
      Re: I poliziotti hanno fatto il loro dov
      - Scritto da:
      Con le leggi antiterrorismo e il Patriot Act
      quella era la procedura, colpa dello studente che
      ha fatto resistenza invece di abbandonare subito
      il
      campus.[WARNING! Terrorist mode: ON]Beh certo hai ragione! Io lo avrei portato direttamente a Guantanamo non fosse mai che poi scoprano essere uno studente infiltrato in una biblioteca universitaria per preparare chissa' quale attentato....sti sporchi bastardi...[WARNING! Terrorist mode: OFF]LV&P O)
      • Anonimo scrive:
        Re: I poliziotti hanno fatto il loro dov
        Visto che siamo così moralisti dovremmo fare la stessa cosa con gli immigrati in Italia?Facciamo un bel muro sulle coste siciliane?Miniamo le coste di lampedusa?Spero di non mettere mai piede in uno stato barbaro come gli USA... (non che gli stati arabi siano meglio)De La Piazzetta Fans
        • Anonimo scrive:
          Re: I poliziotti hanno fatto il loro dov

          Facciamo un bel muro sulle coste siciliane?Ah be' quelli non mancano credimi!
        • Anonimo scrive:
          Re: I poliziotti hanno fatto il loro dov

          Visto che siamo così moralisti dovremmo fare la
          stessa cosa con gli immigrati in
          Italia?
          Facciamo un bel muro sulle coste siciliane?
          Miniamo le coste di lampedusa?
          Spero di non mettere mai piede in uno stato
          barbaro come gli USA... (non che gli stati arabi
          siano
          meglio)

          De La Piazzetta FansGli usa si sono "imbarbariti" proprio a causa dell'immigrazione, ok, si sono anche arricchiti sfruttandola.Presto anche in Italia sara' così, i poliziotti o carabinieri impauriti dalle reazioni violente ed inaspettate di qualcuno colpiranno "preventivamente" chiunque capiti a tiro. :|
          • Angelone scrive:
            Re: I poliziotti hanno fatto il loro dov

            inaspettate di qualcuno colpiranno
            "preventivamente" chiunque capiti a tiro.
            :|Già succede. Hai visto il filmato di 3 poliziotti che menano l'extracomunitario?Di recente li hanno anche assolti...che merda
          • Anonimo scrive:
            Re: I poliziotti hanno fatto il loro dov
            - Scritto da: Angelone


            inaspettate di qualcuno colpiranno

            "preventivamente" chiunque capiti a tiro.

            :|


            Già succede. Hai visto il filmato di 3 poliziotti
            che menano
            l'extracomunitario?

            Di recente li hanno anche assolti...

            che merdaAssolvono anche quella feccia di gioventù che vanno allo stadio e caricano la polizia.
          • Anonimo scrive:
            Re: I poliziotti hanno fatto il loro dov
            - Scritto da: Angelone


            inaspettate di qualcuno colpiranno

            "preventivamente" chiunque capiti a tiro.

            :|


            Già succede. Hai visto il filmato di 3 poliziotti
            che menano
            l'extracomunitario?

            Di recente li hanno anche assolti...

            che merdascusa se l'immagrato stava solo sfasciando delle vetrine dei negozi li vicino...
    • Anonimo scrive:
      Re: I poliziotti hanno fatto il loro dov
      non date corda ai troll..
    • Anonimo scrive:
      Re: I poliziotti hanno fatto il loro dov
      questo è un atteggiamento da schiavo.
    • federico scrive:
      Re: I poliziotti hanno fatto il loro dovere!
      ma tu sei un idiota di prima categoria...
  • Anonimo scrive:
    allucinante!
    .CDO.
    • Alucard scrive:
      Re: allucinante!
      - Scritto da:
      .CDO.Guarda il lato positivo, almeno non lo hanno pestato a sangue (rotfl)
      • sazemaster scrive:
        Re: allucinante!
        già.. solo perché assistevano 200 persone allibite/incazzate...possibile che sti poveretti non capiscono di essere PAGATI DAL POPOLO per difenderlo?lo dimenticano facilmente a quanto pare, e tazerano un poveretto che dimentica a casa il badge e magari frequentava quel posto da anni :@
        • Anonimo scrive:
          Re: allucinante!
          In USA la polizia NON è tenuta a difendere il popolo. Non ho voglia di cercare di nuovo l'articolo che ne parlava, ma era scritto chiaramente che un poliziotto era tenuto a far rispettare la legge, non a difendere il cittadino.In ogni caso credo che per una cosa del genere quei polizziotti averebbero dovuti essere linciati a morte.
          • Anonimo scrive:
            Re: allucinante!

            In USA la polizia NON è tenuta a difendere il
            popolo."To serve and protect" è infatti solo un trademark, uh?
          • Anonimo scrive:
            Re: allucinante!
            - Scritto da:


            In USA la polizia NON è tenuta a difendere il

            popolo.

            "To serve and protect" è infatti solo un
            trademark,
            uh?si, e' solo un trademark. Decisamente.Per servire e proteggere COSA?
      • mr_setter scrive:
        Re: allucinante!
        - Scritto da: Alucard

        - Scritto da:

        .CDO.
        Guarda il lato positivo, almeno non lo hanno
        pestato a sangue
        (rotfl)Lo sai vero come funzionano queste armi?http://www.earmi.it/armi/taser.htmSono 50.0000 volt a basso amperaggio ma sempre 50.000 volt! E' solo da sperare che quello che se lo becca non abbia mai avuto problemi cardiaci di nessun tipo...A me rimane solo l'angoscia su quale strada infernale si sia avviata la nostra societa' "civile"....LV&P O)
        • Alucard scrive:
          Re: allucinante!
          - Scritto da: mr_setter

          - Scritto da: Alucard



          - Scritto da:


          .CDO.

          Guarda il lato positivo, almeno non lo hanno

          pestato a sangue

          (rotfl)

          Lo sai vero come funzionano queste armi?

          http://www.earmi.it/armi/taser.htm

          Sono 50.0000 volt a basso amperaggio ma sempre
          50.000 volt! E' solo da sperare che quello che se
          lo becca non abbia mai avuto problemi cardiaci di
          nessun
          tipo...

          A me rimane solo l'angoscia su quale strada
          infernale si sia avviata la nostra societa'
          "civile"....

          LV&P O)Si li conosco infatti la mia era una battuta :D
        • Anonimo scrive:
          Re: allucinante!

          Una scarica di questo tipo riesce ad inabilitare una persona nel giro di due secondi. Può invece non essere efficace contro animali (è del tutto sconsigliabile di usarli per la caccia di frodo al cinghiale!). È considerata praticamente innocua dai 2 ai 70 anni di età. Come per ogni prodotto ne è sconsigliato l'uso su donne incinte.
          Le affermazioni sulla innocuità provengono però solo dal produttore.Ah beh allora a posto così, possiamo stare tutti tranquilli...i produttori di sigarette le hanno dichiarate innoque per decine e decine di anni...
Chiudi i commenti