NASA: ma di che cracker state parlando?

L'agenzia spaziale smentisce clamorosamente la BBC e tutti i media che avevano ripreso la notizia. Com'è ovvio i computer mission critical sono isolati dalle reti esterne


Web – Su queste pagine ci eravamo alquanto stupiti per il rapporto della BBC secondo cui un cracker, nel 1997, ha messo a rischio la vita di tre astronauti in missione. E ieri è arrivata puntuale la reazione della NASA che ha clamorosamente smentito le indiscrezioni pubblicate dal più autorevole network informativo britannico.

I media internazionali avevano ripreso l’articolo della BBC sostenendo che un cracker si era all’epoca introdotto nei sistemi NASA e, mandando in tilt i server di missione, aveva creato non pochi problemi nella comunicazione tra gli astronauti sullo shuttle Atlantis e la base NASA. Tutto falso, a sentire l’agenzia spaziale americana.

“In nessun momento, hanno spiegato ieri quelli della NASA, il controllo di missione ha perso contatto con gli astronauti. Non è mai accaduto. Né la NASA ha mai utilizzato la MIR come ponte di comunicazione con i suoi astronauti”.

La NASA ha confermato che un attacco c’è stato ma non ha intaccato i sistemi dell’agenzia: “Ci sono continui tentativi di attacco informatico, ma qualsiasi computer vitale per le missioni è isolato dalla rete di comunicazione”. Soltanto l’anno scorso, peraltro, 500mila attacchi cyber sono stati registrati dai sistemi esterni della NASA.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti