NASA: tutta la Luna in un software

L'agenzia spaziale statunitense tira fuori i muscoli: disponibile gratuitamente un tour lunare senza precedenti. Per convincere gli appassionati e giocare la carta del consenso popolare. Almeno di chi ha Windows


Washington (USA) – Mentre sul pianeta Terra ci si arrabatta per le localizzazioni satellitari, i sistemi di mapping commerciale e altre diavolerie, la NASA rilancia con la poesia lunare . Grazie ad una ulteriore implementazione del software World Wind , che già permette di ammirare il nostro pianeta attraverso fotografie satellitari ad alta risoluzione, è possibile finalmente avere accesso a 1,8 milioni di immagini catturate dalla sonda spaziale Clementine in orbita lunare per due mesi nella metà degli anni 90.

Ames Research Center , il centro ricerca della NASA, ha trasformato un sogno di tanti appassionati in realtà e reso il tutto completamente gratuito anche se solo per utenti Windows (XP e 2000 con.NET Framework installato) dotati di connessione broad band. Una volta scaricato World Wind (54 MB) l’utente è in grado di navigare sul pianeta lunare semplicemente utilizzando il mouse e la rotellina di scorrimento come zoom. Visualizzazione 3D e funzioni avanzate per acquisire ogni tipo di informazione selezionata negli anni di studi. Insomma, uno strumento avanzato che è in grado di trasmettere forti emozioni.

Chi si diletta con l’astronomia potrà accedere a modalità visive topografiche e radar . “World Wind” lascia agli utenti la piena libertà di esplorare la Terra e la Luna. Il Pianeta Blu dispone di una risoluzione massima di 15 metri, gli Stati Uniti di meno di un metro. “In pratica almeno 30 aree metropolitane statunitensi rendono possibile la visione di condomini e automobili”, ha dichiarato Patrick Hogan, responsabile del progetto presso Ames. “Per quanto riguarda la Luna abbiamo selezionato le migliori fotografie scattate dalla sonda Clementine. Abbiamo ottenuto una risoluzione massima di 20 metri, ma certamente si tratta solo dell’inizio”.

Dopo Google Earth e il prossimo Google Moon , dunque, la NASA rilancia i propri assi. Sebbene l’ente spaziale statunitense sia la più importante fonte fotografica nel settore aerospaziale, la scelta di spingere sull’acceleratore per la realizzazione di nuove implementazioni del suo collaudato “World Wind” è dettata dall’esigenza di catalizzare l’attenzione della comunità e rinnovare la propria immagine. L’amministrazione Bush, durante la campagna elettorale del 2004, aveva confermato ingenti investimenti per la ri-conquista della Luna . Miliardi di dollari che a una parte del Senato avevano fatto storcere il naso, al punto che molti di quei fondi non saranno mai assegnati all’Agenzia.

La NASA, comunque, non demorde e grazie alle visioni lunari sembra essere intenzionata a giocare la carta del consenso. Non sia mai che la Repubblica Cinese riesca nel progetto di allunaggio prima degli astronauti a stelle e strisce.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Notizia vecchia
    E' roba di un mese e mezzo fa. Un mio collega ce l'ha sul suo pc da più di un mese.
    • Anonimo scrive:
      Re: Notizia vecchia
      Un commento davvero interessante, complimenti!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Notizia vecchia
      - Scritto da: Anonimo
      E' roba di un mese e mezzo fa. Un mio collega ce
      l'ha sul suo pc da più di un mese.

      Bene.... lo diremo all'IBM che lo ha messo sul mercato da meno di un mese! :D
  • Anonimo scrive:
    Microsoft lo fa già con Infopath 2003
    Il form non sarà in XForms ma il documento è in XML standard.
  • Anonimo scrive:
    ma li forgia a gratis?
    visto che ibm è uno dei primi ad appoggiare l'open sux, non vorrei che, adesso, si metta a chiedere royalties per i suoi fuffa-formati!Vediamo come va a finire.Comunque IBM Buffona (come google)
    • Anonimo scrive:
      Re: ma li forgia a gratis?

      visto che ibm è uno dei primi ad appoggiare
      l'open sux, non vorrei che, adesso, si metta a
      chiedere royalties per i suoi fuffa-formati!
      Vediamo come va a finire.
      Comunque IBM Buffona (come google)L'ibm non è mica un ente di beneficenza.Gratis o non gratis, l'obiettivo è fare utili.Come è giusto che sia.
  • Anonimo scrive:
    xml e derivati vari
    Sentite io sono a digiuno di queste robe. Io tra ajax, Soap, Pear (spero c'entri), feed rss, atom feed, i vari formati di openoffice e ms office.....be' non ci sto più a capì nulla di 'sto xml.Uno che vuole iniziare da zero e riuscire ad avere un quadro chiaro cosa dovrebbe leggere?
    • Anonimo scrive:
      Re: xml e derivati vari
      - Scritto da: Anonimo
      Sentite io sono a digiuno di queste robe.
      Io tra ajax, Soap, Pear (spero c'entri), feed
      rss, atom feed, i vari formati di openoffice e ms
      office.....be' non ci sto più a capì nulla di
      'sto xml.
      Uno che vuole iniziare da zero e riuscire ad
      avere un quadro chiaro cosa dovrebbe leggere?dalla base: xmlhttp://www.simonstl.com/articles/interop/interop1.html
    • beka scrive:
      Re: xml e derivati vari
      - Scritto da: Anonimo
      Sentite io sono a digiuno di queste robe.
      Io tra ajax, Soap, Pear (spero c'entri), feed
      rss, atom feed, i vari formati di openoffice e ms
      office.....be' non ci sto più a capì nulla di
      'sto xml.
      Uno che vuole iniziare da zero e riuscire ad
      avere un quadro chiaro cosa dovrebbe leggere?http://www.w3.org/TR/tr-title#Xe ti leggi tutto quello sotto le voci xml: xmlxml schemaxml queryxqueryxslte così hai già una mezza idea...Per AJAXhttp://en.wikipedia.org/wiki/Ajax_%28programming%29Per SOAP...lascia perdere....Per PEAR:http://pear.php.net/Per feed rss:http://en.wikipedia.org/wiki/RssPer atom feed:Per i formati di open office e ms office nn so...non mi interessano, mi piacerebbe ma non ho tempo!ciao, spero ti servano questi suggerimenti
      • Anonimo scrive:
        Re: xml e derivati vari
        - Scritto da: beka
        e ti leggi tutto quello sotto le voci xml: Ok vediamo se ho individuato le voci giuste
        xmlè questo che devo leggere?:http://www.w3.org/TR/2005/WD-xmlschema11-1-20050224/
        xml schemaQuesto?:http://www.w3.org/TR/2005/WD-xmlschema11-1-20050224/http://www.w3.org/TR/2005/WD-xmlschema11-2-20050224/http://www.w3.org/TR/2004/REC-xmlschema-0-20041028/http://www.w3.org/TR/2004/REC-xmlschema-1-20041028/http://www.w3.org/TR/2004/REC-xmlschema-2-20041028/
        xml query
        xqueryMa c'è differenza tra i due? Ho trovato questo:http://www.w3.org/TR/2005/CR-xquery-20051103/
        xsltQuindi questo?:http://www.w3.org/TR/1999/REC-xslt-19991116
    • Anonimo scrive:
      Re: xml e derivati vari
      Non è detto che ti serva saperlo. Dopo tutto molti usano il TCP/IP senza sapere come funziona. Lo stesso vale per l'XML.
      • Anonimo scrive:
        Re: xml e derivati vari
        - Scritto da: Anonimo

        Non è detto che ti serva saperlo. Dopo tutto
        molti usano il TCP/IP senza sapere come funziona.
        Lo stesso vale per l'XML.
        Ma che razza di discorsi. Magari uno è interessato a imparare una cosa.Uno domani chiederà: scusate vorrei imparare il C++, mio consigliate un libro?E tu: "eh ma dopo tutto molti usano programmi in C++ senza sapere come funzionano..."
Chiudi i commenti