Net neutrality, una vittoria di Pirro?

Le nuove regole USA sulla net neutrality devono fronteggiare l'assalto di telco e politica, e l'esito potrebbe essere nefasto. Nel mentre, in Europa e India si protesta contro pratiche e politiche ritenute discriminatorie

Roma – Dopo l’approvazione (a maggioranza) da parte della Federal Communications Commission (FCC), le nuove regole per la net neutrality USA sono ora ufficialmente entrate in vigore dopo la pubblicazione nel Federal Register. Come previsto, l’industria delle telecomunicazioni non ha perso tempo facendo immediatamente causa alla FCC.

Protagonista del primo assalto legale alla net neutrality è ancora una volta USTelecom, organizzazione degli ISP statunitensi grandi e piccoli che già aveva tentato di “invalidare” le nuove regole prima ancora della loro pubblicazione nel registro federale. Le regole entreranno in vigore a 60 giorni dalla pubblicazione, e USTelecom aveva 10 giorni di tempo per fare causa alla FCC.

USTelecom ha quindi sguinzagliato gli avvocati e prevedibilmente le accuse presentate al giudice sono le stesse della causa precedente: FCC ha abusato del proprio potere agendo in maniera arbitraria, dicono gli ISP, violando in un sol colpo Costituzione, il Communications Act del 1934 e tutto quanto.

La causa di USTelecom sarà materia per il sistema giudiziario americano, ma ci sono altri soggetti che sono è attivati contro la net neutrality e minacciano di ucciderla nella culla: i congressisti repubblicani hanno formulato una proposta di legge anti-neutralità sotto forma di “resolution of disapproval”, un modo per costringere il Senato a pronunciarsi sulla questione in tempi brevi.

Il partito repubblicano ha la maggioranza in entrambe le camere del Congresso, ed è quindi più che plausibile un voto contrario alle nuove regole imposte a maggioranza dalla FCC. I festeggiamenti per la tanto discussa “vittoria” della net neutrality USA potrebbero quindi durare molto poco, e a poco servirebbero gli appelli delle organizzazioni che si battono a favore dei diritti digitali per opporsi all’iniziativa.

E mentre il sogno della net neutrality USA rischia di svanire nello spazio di un mattino, in Europa e in India monta la protesta per una neutralità che al momento non c’è: se i cittadini europei reagiscono alle proposte delle autorità per un compromesso al ribasso in favore delle esigenze commerciali degli operatori USA, in India gli utenti hanno contestato (con oltre 150mila email) le app di messaggistica privilegiate fornite dal provider Airtel.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gibbuti scrive:
    OK, Goolge
    A me, l'unica cosa che non piace è dover dire "OK, Google" per sbloccare il cell. Perchè non posso dire "SBLOCCA" o "XXXXXXXXXX"?
  • BaBau scrive:
    vecchi loghi
    Il vecchio logo dimostra che aspettarsi "sicurezza" da qualcosa che è facilmente riproducibile non è una idea geniale. [img]http://www.beppegrillo.it/immagini/immagini/la_voce_del_padrone.jpg[/img]
  • AxAx scrive:
    Chiaramente tutto ciò...
    passando per i server di Big G che ha bisogno di rergistrare le impronte vocali di tutto il mondo.Il mio vecchio nokia 3310 rispondeva ai comandi locali senza bisogno di andare in rete :(
    • ... scrive:
      Re: Chiaramente tutto ciò...
      - Scritto da: AxAx
      passando per i server di Big G che ha bisogno di
      rergistrare le impronte vocali di tutto il
      mondo.quindi se sei all'estero e non hai il roaming non si sblocca più il telefono? (rotfl)(rotfl)(rotfl)Dai su, che google si prenda le nostre impronte vocali è praticamente certo, ma dubito siano così stupidi da fare un sistema di verifica sblocco online
  • fabio scrive:
    ma non esiste gia'?
    ma non esiste gia'? il mio moto X 2013 pare che abbia gia' questa funzione da tempo...
  • Bio Metro scrive:
    ahhhh! le gioe della biometria
    Quale è il bello della Biometria?Che è appunto "metria" cioè misura.E che la "misura" è tutto fuorchè "segreta" dato che te la porti dietro con il tuo proprio fisico.Tu misuri e dai in pasto la "misura" al tuo bravo device di (in)sicurezza.Et voilàRien ne va plus!
    • bradipao scrive:
      Re: ahhhh! le gioe della biometria
      - Scritto da: Bio Metro
      Quale è il bello della Biometria?
      Che è appunto "metria" cioè misura.
      E che la "misura" è tutto fuorchè "segreta" dato
      che te la porti dietro con il tuo proprio fisico.C'è anche il non trascurabile problema che non puoi "cambiare" la password biometrica. :DPerò usare la biometria in abbinamento ad una password (cioè in un two-factor authentication) non sarebbe male.
      • panda rossa scrive:
        Re: ahhhh! le gioe della biometria
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: Bio Metro

        Quale è il bello della Biometria?

        Che è appunto "metria" cioè misura.

        E che la "misura" è tutto fuorchè "segreta" dato

        che te la porti dietro con il tuo proprio
        fisico.

        C'è anche il non trascurabile problema che non
        puoi "cambiare" la password biometrica.
        :D

        Però usare la biometria in abbinamento ad una
        password (cioè in un two-factor authentication)
        non sarebbe
        male.Facciano tutto, purche' non sia obbligatorio implementarla.
      • ... scrive:
        Re: ahhhh! le gioe della biometria
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: Bio Metro

        Quale è il bello della Biometria?

        Che è appunto "metria" cioè misura.

        E che la "misura" è tutto fuorchè "segreta" dato

        che te la porti dietro con il tuo proprio
        fisico.

        C'è anche il non trascurabile problema che non
        puoi "cambiare" la password biometrica.
        :D

        Però usare la biometria in abbinamento ad una
        password (cioè in un two-factor authentication)
        non sarebbe
        male.Dipende. Per molte situazioni non è accettabile, se puoi accedere ad caveau di massima sicurezza in cui ci sono tutti i tuoi risparmi solo tramite autenticazione biometrica + password, hai un incidente e perdi l'identificativo biometrico e sei tagliato fuori per sempre dai tuoi risparmi? Non mi sembra certo una soluzione accettabile.
      • Bio Metro scrive:
        Re: ahhhh! le gioe della biometria
        - Scritto da: bradipao
        Però usare la biometria in abbinamento ad una
        password (cioè in un two-factor authentication)
        non sarebbe
        male.Si invece che "sarebbe male" supponi che la tua pwd sia il tuo dito indice e che finisca sotto una pressa poi me lo racconti come accedi?
Chiudi i commenti