Netflix, titoli di coda in Russia (con sberleffo finale)

Netflix, titoli di coda in Russia (con sberleffo finale)

Netflix interrompe le attività in Russia, ma non prima di aver rilasciato un importante documentario che ricostruisce la storia recente dell'Ucraina.
Netflix interrompe le attività in Russia, ma non prima di aver rilasciato un importante documentario che ricostruisce la storia recente dell'Ucraina.

Netflix sospende le proprie operazioni in Russia. Un altro pezzo di Occidente che se ne va, un altro strumento di informazione che si spegne. Sebbene possa sembrare che Netflix sia soltanto uno strumento per l’intrattenimento, infatti, l’arrivederci arriva a 24 ore di distanza dal rilascio del fortissimo documentario “Winter on Fire“, disponibile gratuitamente anche su YouTube e relativo alla lunga battaglia per la democrazia nel Paese oggi sotto assedio.

Netflix lascia la Russia

Netflix lascia dunque la Russia con un ultimo forte sberleffo, ma con un saluto che sarebbe potuto costare caro se le attività non fossero state interrotte. Secondo quanto indicato da Bloomberg, nessun nuovo abbonato sarà accettato da questo momento in poi, ma non è chiaro cosa accadrà al milione di abbonati oggi affezionati agli streaming del servizio USA. Se dapprima il gruppo aveva fermato soltanto le nuove produzioni, ora la misura si estende al blocco degli abbonamenti e questo rende ben più incisivo il messaggio immediato nei confronti della popolazione.

Ancora una volta si tratta di un addio legato alla nuova legge contro la disinformazione in Russia, la stessa che ha allontanato tutti i media Occidentali e che nelle ultime ore ha anche persuaso Tik Tok all’addio forzato. Niente Facebook, niente Twitter, niente Tik Tok, niente Snapchat, nessun film di Hollywood e ora anche niente Netflix: il messaggio sta arrivando alla popolazione – almeno quella più giovane e informata – forte e chiaro.

I prodotti tech più venduti

Consulta tutte le ultime offerte di Punto Informatico.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Bloomberg
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 6 mar 2022
Link copiato negli appunti