Neuros OSD, centro multimediale open source

L'alternativa ad iTV basata su standard open source sta per arrivare. Personalizzabile a piacere, si basa su firmware aperto: la comunità di sviluppo è alla ricerca di nuovi programmatori e promette premi in denaro a chi collaborerà
L'alternativa ad iTV basata su standard open source sta per arrivare. Personalizzabile a piacere, si basa su firmware aperto: la comunità di sviluppo è alla ricerca di nuovi programmatori e promette premi in denaro a chi collaborerà

La risposta della comunità open source ai set-top box multimediali in stile iTV si chiama Neuros OSD ed è un esperimento basato su Linux e firmware aperto : una piattaforma capace di riprodurre audiovisivi sullo schermo televisivo, connettersi ad Internet per scaricare contenuti multimediali e registrare in formato digitale qualsiasi tipo di input analogico proveniente da lettori DVD o decoder satellitari.

L’iniziativa è ormai giunta alla fase beta . Potrà sembrare insolito ma persino l’hardware è sperimentale e viene venduto in edizione limitata per sviluppatori. Con 230 dollari, gli utenti interessati potranno acquistare la beta di Neuros OSD dal negozio online ThinkGeek . Il dispositivo si basa su architettura ARM926 con CPU a 200MHz, in coppia con un chip DSP che opera a 120MHz. L’operatività è assicurata da un sistema Linux-on-chip che utilizza il kernel 2.6.

Il supporto allo standard MPEG4 è garantito da un apposito dispositivo integrato. Porta infrarossi, telecomando, hub USB, porta Ethernet, porte RGB, porta seriale e lettore di schede di memoria completano la dotazione hardware di Neuros OSD. Secondo gli sviluppatori del progetto, l’hardware in questione è strettamente provvisorio ed in futuro potranno essere apportate modifiche d’ogni tipo.

La comunità dietro Neuros OSD ha infatti indetto un concorso a premi per chi riuscirà a sviluppare nuovi strumenti da integrare dentro il promettente box, che Engadget ha già definito “la piattaforma più modificabile e versatile al mondo”. Al momento servono ben cinque componenti per procedere verso la versione definitiva di Neuros OSD: un browser integrato per visualizzare i video su YouTube e Google Video , un album per le foto di Flickr , un’interfaccia WiFi per PDA e PSP, una funzione in stile TiVo per la registrazione programmata di contenuti da satellite e, per finire, il supporto per i telefoni VoIP su porta USB.

Chi riuscirà a realizzare questi miglioramenti, si legge sul sito ufficiale del progetto, verrà ricompensato con somme di denaro comprese tra i 500 ed i 1000 dollari, a seconda della difficoltà di realizzazione. La versione definitiva di Neuros OSD dovrebbe vedere la luce entro la metà del prossimo ottobre. L’alternativa ai set-top box prodotti dalle grandi aziende come Apple e Microsoft continua così a crescere grazie agli sforzi degli utenti. Al fianco di Neuros OSD si trova anche LamaBox , un centro multimediale open source sviluppato da un piccolo produttore olandese, esplicitamente pensato per scaricare contenuti delle reti P2P.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 09 2006
Link copiato negli appunti