News, la caduta dei paywall

News, la caduta dei paywall

Nel Regno Unito, gli abbonati ai siti d'informazione locali si contano sulle dita di una mano. Così come negli Stati Uniti, dove il quotidiano Newsday ha raggranellato 35 sottoscrizioni in tre mesi di pedaggio
Nel Regno Unito, gli abbonati ai siti d'informazione locali si contano sulle dita di una mano. Così come negli Stati Uniti, dove il quotidiano Newsday ha raggranellato 35 sottoscrizioni in tre mesi di pedaggio

Si tratta di risultati che potrebbero non piacere affatto a Rupert Murdoch, il tycoon di origini australiane da tempo impegnato nella lotta alla distribuzione gratuita dei contenuti della Rete. Non sembra infatti essere durato molto il paywall eretto da Johnston Press , editore britannico, che è dovuto tornare abbastanza rapidamente sui suoi passi, liberando nuovamente alcuni dei suoi siti web da oboli e pedaggi.

Lo scorso novembre Johnston Press aveva imposto ai suoi lettori online il pagamento di una cifra pari a 5 sterline (5,6 euro) per un periodo d’accesso illimitato di tre mesi. Obolo da versare per poter leggere gli articoli di vari siti appartenenti al gruppo editoriale, tra cui la Whitby Gazette e il Southern Reporter .

Negli intenti dei vertici editoriali, una semplice prova, per comprendere meglio le varie dinamiche che guidano gli utenti che si trovino di fronte a contenuti a pagamento. In questa fase di studio, l’editore britannico pare abbia addirittura obbligato i lettori online del Worksop Guardian a comprarsi direttamente il giornale cartaceo , facendo praticamente scomparire gli articoli online.

I risultati di queste strategie? Un disastro, almeno stando a fonti interne al gruppo editoriale che hanno parlato di abbonati da poter contare sulle dita di una mano . Qualche decina, in pratica, più o meno come quelle raccolte dal quotidiano statunitense Newsday , di proprietà della famiglia di James Dolan, già a capo di Cablevision .

Per newsday.com , un numero di abbonati pari a tre decine e cinque unità. Non certo un buon esempio per The Times – il cui accesso è stato protetto da un paywall di 1 o 2 sterline da NewsCorp – dal momento che si trattava del primo quotidiano non specializzato in economia e finanza ad essere regolato da un meccanismo di pedaggio online.

35 abbonati raggranellati in tre mesi da Newsday , dopo il pomposo rilancio da parte dei Dolan che era costato loro una cifra intorno ai 4 milioni di dollari. Dopo tre mesi, il valore garantito dai 35 volenterosi utenti si è assestato sui 9mila dollari . Decisamente meno dei 50mila euro incassati dal Corriere della Sera dalla vendita dell’applicazione per iPhone di Corriere.it . 50mila euro per un gruppo che ha attualmente qualche miliardo di debiti, come aveva ironizzato Ferruccio De Bortoli .

Forse i 35 abbonati di Newsday sono il risultato di un obolo troppo oneroso ( 5 dollari alla settimana ). Forse sono stati in molti ad usufruire dell’accesso gratuito perché già abbonati alla versione cartacea o già utenti di Cablevision , il provider gestito da James Dolan. O forse si è trattato di semplice disaffezione al giornale online, che gli ultimi aggiornamenti sul traffico potrebbero confermare: 700mila utenti in meno dallo scorso ottobre alle ultime festività natalizie.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 04 2010
Link copiato negli appunti